testata inforMARE
7. Dezember 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
01:06 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 GIUGNO 2019

TRASPORTO MARITTIMO

LA GUERRA COMMERCIALE USA-CINA POTREBBE COMPORTARE VANTAGGI PER IL TRASPORTO MARITTIMO

Seconda la ditta di analisi Drewry, l'intensificazione della guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina potrebbe rappresentare una brutta notizia per i traffici containerizzati transpacifici ma dovrebbe risultare in volumi maggiori di merci intermedie poiché le filiere distributive diventano più frammentate con il dirottamento della produzione in altri mercati.

In un sunto dell'imminente rapporto Container Forecaster della Drewry, la società ha notato che quando si tratta di traffici ogni disputa fra due paesi, ed in particolare quando avviene fra le due maggiori economie mondiali, comporta effetti a catena di portata ben più ampia.

Numerosi paesi e settori industriali sono coinvolti nell'ambito di alcune fasi della filiera distributiva per far sì che i prodotti finiti finiscano in un negozio di New York, anche se le dogane registrano l'ultimo punto di origine, evidenzia la Drewry.

"La frammentazione della produzione davvero decollata in questo secolo, grazie ai progressi della tecnologia ed all'ascesa della Cina, ha dato un enorme impulso al trasporto marittimo containerizzato.

La movimentazione degli articoli intermedi necessari alla realizzazione del prodotto finale rappresenta oltre la metà del traffico mondiale di merci secondo l'OCSE" rileva la Drewry.

"Più frammentazione significa più necessità di servizi di trasporto e viceversa".

I potenziali perdenti in questa guerra commerciale saranno quei paesi che forniscono le materie prime e le merci semifinite alla Cina che poi confluiscono nella riesportazione dei prodotti finali negli Stati Uniti, nota la Drewry, mentre gli stessi Stati Uniti potenzialmente subiscono il fatto che la Cina utilizzi alcune esportazioni statunitensi a fini di riesportazione.

Ma aggiunge la Drewry: "Il fatto è che la Cina ha sviluppato la propria capacità produttiva a tal punto che a malapena ha bisogno di spunti dal resto del mondo per supportare le proprie esportazioni, cosa che dovrebbe limitare i danni collaterali".

Continua la ditta di consulenze: "Utilizzando i dati del database della UNCTAD-Eora che misurano i traffici in valore aggiunto al fine di meglio ripartire il contributo dei singoli paesi ai traffici - qualcosa che va perduta nelle statistiche sui traffici bilaterali - la quota della Cina di valore aggiunto estero nelle esportazioni lorde (il quantitativo del valore aggiunto a monte nella filiera distributiva in precedenza da parte di altri paesi) si è contratta dall'inizio di questo decennio dal 19% del 200 al 13% dell'anno scorso.

La Germania, il maggiore esportatore mondiale in termini di valore aggiunto lordo, richiede di gran lunga più spunti dall'estero per supportare il proprio assai frammentato settore automobilistico, con una percentuale di valore aggiunto estero pari al 36%".

La Drewry afferma che il "monopolio produttivo" della Cina è stato in parte responsabile del rallentamento dei traffici mondiali cui si è assistito negli ultimi anni, e che "la sua sempre maggiore autosufficienza ci rende meno timorosi delle ripercussioni della guerra commerciale sui flussi containerizzati a livello globale.

Questo dovrebbe essere un caso alquanto isolato con il transpacifico a farne le spese, compensato in qualche modo dal dirottamento dei traffici".

Partendo dal presupposto che il summit del G20 in Giappone di fine giugno non ribalti improvvisamente la situazione e che gli Stati Uniti vadano avanti con i piani finalizzati ad assoggettare tutte le importazioni cinesi a dazi straordinari, il nuovo mondo protezionista "potrebbe apportare alcuni vantaggi alle linee di navigazione containerizzate" afferma la Drewry, aggiungendo: "Poiché l'approvvigionamento delle merci finali si sposta in paesi che attualmente non dispongono del medesimo ecosistema di produzione della Cina, esse richiederanno più spunti intermedi, il che vuol dire più frammentazione produttiva.

Dove si realizzeranno questi collegamenti determinerà quanto vantaggioso sia il processo per le linee di navigazione.

Un numero maggiore di traffici interasiatici spingerà la domanda di servizi di trasporto marittimo e accresceranno il fardello delle più piccole navi feeder, mentre i maggiori traffici regionali in Nord America ed Europa saranno meno vantaggiosi grazie alle opportunità terrestri".

Ma la Drewry afferma anche che questo non significa affatto la fine del dominio delle esportazioni cinesi, quanto meno a breve termine.

"Anche se noi in effetti prevediamo qualche erosione della loro quota di mercato nei flussi containerizzati in uscita alla volta degli Stati Uniti, la vastità della loro macchina esportatrice significa che non può essere rimpiazzata all'improvviso" aggiunge.

"Alla Cina è stato da attribuirsi circa un terzo di tutte le importazioni di merci finite statunitensi l'anno scorso, se misurate in traffici bilaterali, due volte tanto il resto dell'Asia orientale combinato".

Anche se il dirottamento dei traffici dalla Cina ad altri paesi che è già riscontrabile nelle statistiche doganali rappresenta "probabilmente un'operazione sotto falsa bandiera quanto alla presunta scomparsa della Cina", nota la Drewry, che aggiunge: "I dati bilaterali mostrano che il Vietnam è uno degli esportatori alla volta degli Stati Uniti dalla crescita più rapida, ma il governo del paese ha recentemente annunciato di avere preso provvedimenti riguardo alle merci cinesi che vengono rietichettate come "Prodotte in Vietnam".

L'ascesa delle esportazioni cinesi di merci intermedie alla volta del Sud-Est asiatico in effetti dà credito alle accuse di giochi d'azzardo sui dazi.

Se fosse vero, questa pratica illegale offre alle linee di navigazione qualche bene accetta illecita attività straordinaria, ma questo non suggerisce che posti come il Vietnam siano ovunque non disposti ad essere una destinazione di esportazione di rimpiazzo pronta all'uso".

Conclude la Drewry: "Ci sarà qualche perturbazione a breve termine per il mercato containerizzato dato lo sviluppo di nuovi collegamenti di traffico, ma la ulteriore frammentazione della produzione darà impulso all'esigenza di trasporto marittimo, partendo dal presupposto che il livello della domanda sia sostenuto.

Per il prossimo futuro, la Cina resterà l'hub delle esportazioni containerizzate mondiali, per quanto leggermente più piccolo".
(da: lloydsloadinglist.com, 25 giugno 2019)



MSC attiverà un nuovo servizio di linea diretto tra India e Mediterraneo occidentale
Ginevra
In Italia scalerà i porti di Genova, Salerno e Gioia Tauro
Alessandra Orsero è stata eletta presidente di Confetra Liguria
Genova
È vice presidente di Isomar e di Spediporto
Accademia Italiana della Marina Mercantile e Fincantieri avviano percorsi di formazione continua
Genova
Un programma è stato studiato specificamente per il personale tecnico del polo di Sestri Ponente
Progetto di Fedespedi e Accudire per sperimentare la digitalizzazione della CMR
Milano
Calamandrei: auspichiamo che il parlamento ratifichi, nel minor tempo possibile, il protocollo alla Convenzione CMR
Accordo tra Assologistica e Assiterminal per iniziative volte allo sviluppo del settore logistico
Milano
È incentrato su ntermodalità, modernizzazione dei contratti, digitalizzazione, formazione e sostenibilità
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
S. Korean shipyards rank 2nd in new global orders in Nov.
(YONHAP News Agency)
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy