testata inforMARE
6. Februar 2023 - Jahr XXVII
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
16:42 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 APRILE 2019

INDUSTRIA

LA RICERCA BRITANNICA DI UN RUOLO NELL'INIZIATIVA "UNA CINTURA, UNA VIA" È UN VIAGGIO VERSO IL NULLA A CAUSA DEL DISTACCO DEL REGNO UNITO DALL'EUROPA

La Gran Bretagna è su una strada senza uscita, non solo a causa del suo disordinato tentativo di lasciare l'Unione Europea, ma anche a causa della sua posizione fisica rispetto alla BRI (Iniziativa Una Cintura, Una Via) cinese.

A differenza dell'Italia, che si appresta a diventare una stazione di passaggio nella marcia della BRI verso l'Europa continentale, tutte le strade dalla Gran Bretagna conducono al nulla.

Poiché il Regno Unito barcolla ed inciampa nella ricerca di una qualche specie di uscita dall'Unione Europea, come una persona ubriaca attraverso una porta girevole, alcuni propugnatori della Brexit puntano ad un accordo di libero scambio fra la Cina ed il Regno Unito come modalità per uscire dall'isolamento: Una Cintura ed Una Via al salvataggio, per così dire.

Ma questo perde di vista l'imperativo logistico: è con il cuore dell'Europa industriale che la Cina è intenzionata a connettersi, non con un'isola che minaccia di recidere il proprio cordone ombelicale con il continente.

La cosa migliore in cui la Gran Bretagna può sperare è quella di diventare un centro finanziario offshore per la BRI.

Kent Calder, un eminente esperto in materia di Asia Nord-Orientale, ne ha parlato in modo estremamente sintetico nel corso di una conversazione avuta con lui riguardo alla strategia cinese in Europa.

Il vero nucleo delle propsettive di successo della BRI, a suo dire, "è la realizzazione di infrastrutture che collegheranno l'Europa e la Cina, in particolare la Germania e l'Europa Orientale" ha affermato.

"Le filiere produttive tedesche dalla fine della guerra fredda si sono spostate nel gruppo di Visegrád (Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria e Slovacchia) ad est, mentre il centro di gravità economico cinese si è spostato ad ovest.

L'apertura delle frontiere ha rapidamente migliorato l'accesso al continente eurasiatico, tanto che le filiere produttive di tutto il continente stanno diventando sempre più economiche".

Può essere che i responsabili delle politiche del Regno Unito non lo abbiano previsto quando hanno cercato di recidere il collegamento della filiera distributiva fra il proprio paese e l'Europa continentale?

Sembrerebbe incredibile se così fosse, e peraltro tale pazzia collettiva sembra avere afferrato Westminster e Whitehall da ultimo, il che significa che tutto in effetti è possibile.

Com'è già stato pubblicato su questa rivista, sembra proprio che i responsabili politici da Donald Trump a Theresa May non abbiano colto il fatto che le relazioni commerciali ed economiche hanno bisogno di essere decise al giorno d'oggi nelle sale dei consigli di amministrazione tanto quanto nelle sacre stanze di Whitehall o della Casa Bianca.

Quando occorre proteggere filiere distributive essenziali, sarebbe folle pensare di poterle semplicemente ignorare.

La Gran Bretagna ha già azzoppato ditte giapponesi a questo riguardo ed ora sembra pensare che anche i cinesi abbiano il gusto di prenderle.

Quando il ministro del commercio britannico Liam Fox intavolò negoziati con il ministro del commercio cinese a Pechino lo scorso agosto, si era parlato di un accordo di libero scambio di prim'ordine fra i due paesi.

Ma questo accadeva quando il governo del Regno Unito ancora sperava nel migliore accordo commerciale possibile con l'Unione Europea.

In quel momento, sembrava ancora che avesse senso per la Cina investire in produzione del Regno Unito al fine di assicurarsi un accesso libero da dazi dalla Gran Bretagna all'enorme mercato europeo.

Dopo tutto, le relazioni Cina-Unione Europea sono ancora governate dall'Accordo di Cooperazione e di Scambio del 1985 ed alla Cina ancora manca un pieno accesso al mercato dell'Unione Europea.

Ma la Gran Bretagna ha messo seriamente a repentaglio - per usare un eufemismo - il proprio accesso all'unione doganale ed al Mercato Unico dell'Unione Europea.

Chi sa come probabilmente le relazioni Stati Uniti-Europa si svilupperanno da qui in avanti con la Gran Bretagna apparentemente divisa al suo interno ed incapace di decidere una chiara linea di condotta?

Visto il modo in cui alcune società giapponesi di rilievo hanno già portato via dal Regno Unito i propri investimenti o stanno rifiutando di effettuarne di nuovi, sembra probabile che le ditte cinesi adotteranno un atteggiamento assai prudente in ordine agli investimenti in Gran Bretagna, mentre Pechino è alla ricerca di legami diretti più stretti con l'Unione Europea.

È probabile che certe relazioni fra la Gran Bretagna e la Cina continuino a prosperare.

"Le relazioni finanziarie di Cina, Gran Bretagna e Hong Kong sono di importanza fondamentale" afferma Calder, direttore dell'Edwin O. Reischauer Centre for East Asian Studies presso la Johns Hopkins University.

Calder si riferisce al ruolo della City di Londra (e di Hong Kong) nelle pratiche inerenti all'emissione di obbligazioni in renminbi e di altre garanzie finanziarie per conto della AIIB (Asian Infrastructure Investment Bank) ed indirettamente per conto della BRI.

Gl'investimenti delle società cinesi nel Regno Unito, secondo un rapporto della BBC, avvengono per lo più nell'energia, nella finanza, nella tecnologia e nell'immobiliare.

Ci si aspetta che questi investimenti, si suggerisce nel rapporto, si espandano in altri settori come i beni di consumo, gli alimentari, il commercio, il turismo culturale e nei film, nella televisione e nei servizi multimediali.

Ma a meno che la Cina non decida di fare ingresso in aree strategiche fondamentali quale la proprietà portuale, come sta ora facendo in Italia, in Germania, nei Paesi Bassi ed in Grecia, è difficile vedere come Pechino possa ritenere il Regno Unito un anello forte ed essenziale nella catena dell'iniziativa "Una Cintura, Una Via" come lo era prima.
(da: hellenicshippingnews.com, 9 aprile 2019)



Auf dem Hafen von Civitavecchia wurde ein illegaler Handel mit direkten Abfällen in Afrika gestoppt.
Civitavecchia
3 Partien von Waren mit einem Gesamtgewicht von 32 Tonnen
Gruber Logistics eröffnet zwei Büros in der Türkei
Gruber Logistics eröffnet zwei Büros in der Türkei
Zeit
Ziel ist es, durch den Hafen von Triest den Handel mit und für Europa zu steigern.
Im letzten Jahr stieg der Frachtverkehr in den spanischen Häfen um +3,5%.
Madrid
Im letzten Jahr stieg der Frachtverkehr in den spanischen Häfen um +3,5%.
Verringerung des containergestützten Transitverkehrs. Im vierten Quartal war ein Rückgang um -1,1% zu verzeichnen.
DP World hat die Ausschreibung für den Betrieb eines Endcontainers im Hafen von Deendayal (Kandla) vergeben.
Gandhidham
Joint Venture Drydocks World-Aker Solutions zur Modernisierung von FPSO-Einheiten
Marfret erhöht die Frequenz des Direktionsdienstes Italien-Ägypten
Genua
Ein zweites Schiff
Cargotec und Konecranes zeichnen neue Datensätze für jährliche und vierteljährliche Erlöse auf.
Helsinki/Hyvinkää
Im Jahr 2022 erhöhte sich der Wert der neuen von den beiden Gruppen erworbenen Aufträge um +9,8% bzw. +23,7%.
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Im Jahr 2022 wuchs der Wert der neuen von ABB erworbenen Aufträge um +6,7%.
Zürich
Die Ergebnisse der Geschäftstätigkeit nahmen vierteljährlich nach Quartalsgeldern zu.
Letztes Jahr sank der Schiffsverkehr im Wald von Bosporus um 8,8%.
Ankara
Letztes Jahr verringerte sich der Schiffsverkehr im Wald von Bosporus um 8,8%.
Im letzten Quartal des Jahres 2022 betrug die Reduktion -5,1%.
MSC wird den Hafen von Livorno in den West Med-Middle-East-Indien-Dienst einbeziehen
Genf
Link hat wöchentliche Häufigkeit
USV registriert Umsatzrückgang nach 40 aufeinanderfolgenden Wachstumsquartalen
Atlanta
USV registriert Umsatzrückgang nach 40 aufeinanderfolgenden Wachstumsquartalen
2022 haben die Erlöse zum ersten Mal die 100 Milliarden Dollar überschritten.
Im Jahr 2022 erhöhten sich die Einnahmen der Gruppe "Ministertsilä" um +22%.
Helsinki
Der Wert der neuen Aufträge ist um +6% gestiegen.
Im Jahr 2023 sind in den Sarkos mehr als 400.000 Krokeristen im Vergleich zu den 221ern im letzten Jahr erwartet.
Cagliari
Bis heute sind 191 die Häfen von Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golf Aranci, Oristano und Arbatax erschütterten.
Neuer Einsatz von Euromed Grimale gegen die Vereinbarung in der Präventivebene der Moby
Mailand
Es wurde vom Gericht in Mailand am 24. November genehmigt.
Künstliche Intelligenz und autonome Navigation
Tokyo
Dies sind die Tätigkeitsfelder, in denen die Japaner NYK und Ghelia zusammenarbeiten werden.
Der rumänische Hafen von Costanza hat einen jährlichen Datenverkehr zum Jahresende
Konstanz
Der rumänische Hafen von Costanza hat einen jährlichen Datenverkehr zum Jahresende
Die Container wurden von 772.046 teu (+ 22,2%) beladen.
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Um die Aspekte der Stadtentwicklung in der Hafenstadt zu vertiefen, ist in Livorno ein Zeitraum von drei Tagen zu vertiefen.
Livorno
Sie treffen sich mit zwei technischen Gruppen ...
Am Donnerstag in Mailand eine Konferenz von Fedespedi über "Logistikdigitalisierung und PNRR"
Mailand
Die Föderation leistet seit dem Jahr 2020 ihren Beitrag zum Bau des Plans
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy