testata inforMARE
21. Mńrz 2023 - Jahr XXVII
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
02:50 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 NOVEMBRE 2019

TRASPORTI ED AMBIENTE

IL GLOBAL MARITIME ISSUES MONITOR 2019: LE QUESTIONI CORRELATE ALL'AMBIENTE ED AL CLIMA BALZANO IN CIMA ALL'AGENDA DEI RESPONSABILI DELLE DECISIONI

'La crisi economica globale' è stata giudicata come il fattore con il potenziale maggiore impatto sul settore marittimo in un orizzonte temporale decennale.

La 'nuova regolamentazione ambientale', 'la tensione geopolitica' e 'gli attacchi informatici ed il furto di dati' sono stati percepiti come i più probabili.

Il settore è stato giudicato meno preparato alle questioni globali ritenute di maggiore impatto, sebbene più sicuro in relazione ad alcune aree finanziarie.

Gli alti dirigenti prevedono che le questioni correlate all'ambiente ed al clima abbiano un importante impatto sul settore marittimo nel decennio a venire.

Questa è una conclusione importante del Global Maritime Issues Monitor 2019, pubblicato il 30 ottobre dal Global Maritime Forum, dalla Marsh JLT Specialty, una divisione del broker assicurativo e consulente per i rischi Marsh, e dalla International Union of Marine Insurance.

Coloro che hanno risposto all'indagine condotta in 46 diversi paesi di tutto il mondo evidenziano 'la decarbonizzazione del trasporto marittimo', 'la nuova regolamentazione ambientale', 'la domanda sociale di sostenibilità' e 'l'insuccesso nella mitigazione ed adozione del cambiamento climatico' come quattro delle prime 10 questioni in termini di potenziale impatto sul settore marittimo.

"Importanti iniziative ambientali sono in corso nell'ambito del settore marittimo e l'imminente regolamentazione dello zolfo nel 2020 sembra essere sul radar dei più importanti leader.

Essi ritengono che più probabilmente la nuova regolamentazione ambientale si manifesterà nei prossimi dieci anni e reputano che tale questione abbia il terzo impatto più elevato.

Ciò che più preoccupa è che essi percepiscono il settore marittimo come relativamente impreparato alla questione in prossimità della scadenza per l'entrata in vigore dei nuovi requisiti riguardo al carburante.

Quando si tratta della decarbonizzazione, il settore marittimo deve svolgere un ruolo ancora maggiore nell'occuparsi del cambiamento climatico ed il settore è un fondamentale portatore di interessi quando sono in gioco sia le cause che le soluzioni relative alla questione" afferma Peter Stokes, presidente del Global Maritime Forum.

Temi principali: il settore marittimo è alle prese con un'ampia gamma di problematiche

Le aree ambientali, economiche, geopolitiche e digitali attirano l'attenzione quando vengono messe a confronto con i temi principali in ordine alla probabilità, all'impatto ed alla preparazione.

Per il secondo anno consecutivo, si ha a che fare con una potenziale 'crisi economica globale' quale questione che avrà il maggiore impatto nei prossimi dieci anni.

Si tratta inoltre della questione a cui il settore è meno preparato, sebbene consideri l'evento come relativamente improbabile.

Analogamente, 'gli attacchi informatici ed il furto di dati' restano una delle principali preoccupazioni per il settore.

"Gli attacchi informatici sempre più complessi contro infrastrutture vitali - progettati per infliggere danni o perturbare le operazioni - sono al massimo storico.

Come dimostrano i recenti attacchi, hacker altamente qualificati hanno mostrato la capacità di penetrare facilmente nei sistemi utilizzati dal settore marittimo globale.

Coloro che hanno risposto alla ricerca di quest'anno sono anche giustamente preoccupati riguardo alla propria vulnerabilità alle crescenti tensioni geopolitiche in certe parti del mondo ed all'incremento dell'uso dell'automazione e delle avanzate tecnologie di analisi.

Per il settore è necessaria una maggiore collaborazione per valutare e modellare i rischi che circondano le nuove tecnologie e quelli in fase di evoluzione.

Abbiamo bisogno di apprendere dalle migliori pratiche in altri settori, se vogliamo riuscire ad adattarci e prosperare a dispetto di queste nuove minacce" afferma Marcus Baker, responsabile attività marittime e merci globali alla Marsh JLT Specialty.

Per contro, coloro che hanno risposto mostrano più fiducia nel 2019 in qualche area finanziaria.

È meno probabile che gli intervistati di quest'anno considerino 'l'insufficiente accesso alla finanza' come una questione significativa ed il suo punteggio relativo alla probabilità è sceso a 2,65, in ribasso rispetto a 3,01 nel 2018.

La preparazione resta una preoccupazione fondamentale

I principali leader percepiscono il settore marittimo come relativamente impreparato ad affrontare tutte e 18 le questioni sulle quali sono stati intervistati.

È più preoccupante il fatto che 7 questioni sulle 10 considerate come aventi il maggiore impatto siano fra quelle a proposito delle quali gli intervistati ritengono che il settore sia meno preparato.

"Il settore marittimo non è il solo a interrogarsi circa la propria preparazione riguardo a molte delle questioni contenute nell'indagine.

La maggior parte dei settori sono alle prese con le questioni inerenti al cambiamento climatico, agli attacchi informatici, alla rivoluzione tecnologica in corso ed alle preoccupazioni geopolitiche.

Noi speriamo che questa opinione sulla preparazione venga presa come una sfida.

La nostra ricerca qualitativa indica che il settore ha il potere di influenzare molte delle principali questioni a lungo termine individuate, nonché l'esperienza e le risorse per dedicarvi la propria attenzione" afferma Richard Turner, presidente della International Union of Marine Insurance.

Ricerca approfondita per arrivare a zero: la disponibilità di navi e carburanti a carbonio zero viene considerata come un'importante barriera alla decarbonizzazione del trasporto marittimo.

La ricerca approfondita per 'arrivare a zero' dello Issues Monitor - che guarda a sei barriere alla decarbonizzazione del trasporto marittimo - indica decisamente che la disponibilità di navi e carburanti a carbonio zero viene considerata come un'importante barriera alla decarbonizzazione del trasporto marittimo.

Anche se entrambe le questioni sono state classificate relativamente in alto quanto all'impatto percepito ed alla probabilità di verificarsi nel giro dei prossimi 10 anni, hanno però ricevuto i punteggi più bassi quanto alla preparazione nel contesto dell'intera indagine.

"Navi ad emissioni zero commercialmente fattibili alimentate da carburanti ad emissioni zero devono cominciare a fare ingresso nella flotta globale entro il 2030 ed occorre che il loro numero aumenti radicalmente nel corso degli anni '30 e '40 se si vuole che il trasporto marittimo internazionale rispetti l'obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 50% entro il 2050.

Ciò rappresenta una sfida senza precedenti, ma lo si può fare attraverso una stretta collaborazione ed una ponderata azione collettiva fra il settore marittimo, quello energetico, quello finanziario, i governi e le organizzazioni intergovernative" afferma Johannah Christensen, direttrice generale e responsabile dei progetti e dei programmi al Global Maritime Forum.

Lo Issues Monitor ha inoltre intrapreso una ricerca approfondita riguardo al tema della 'forza lavoro del futuro'.

Nel complesso, coloro che hanno risposto all'indagine non danno grande importanza alle questioni correlate alla forza lavoro quanto all'impatto, alla probabilità o alla preparazione come fanno per altre aree.

Gli intervistati affermano che l'incremento della automazione dei lavori e dei compiti molto probabilmente provocherà notevoli effetti sul settore nei prossimi 10 anni.

Essi considerano inoltre che ciò è quanto più probabilmente si verificherà, nonché una delle questioni alle quali il settore è meno preparato.

È possibile scaricare il Global Maritime Issues Monitor 2019 consultando il sito:
https://www.globalmaritimeforum.org/content/2019/10/Global-Maritime-Issues-Monitor-2019.pdf
(da: globalmaritimeforum.org, 30 ottobre 2019)



Rixi-Rexen über die Durchführung des Überschlupfens der Werft Fincantieri di Sestri Ponente auf See
Genua
Rixi-Rexen über die Durchführung des Überschlupfens der Werft Fincantieri di Sestri Ponente auf See
MIT wird die Diskussion mit dem Ferroviaria Italiana-Netz für die Verbringung der Eisenbahnstrecke beginnen.
Maersk Air Cargo hofft einen Flugdienst Europa-China
Kopenhagen
Maersk Air Cargo hofft einen Flugdienst Europa-China
Dies ist die erste Luftfrachtverbindung zwischen Dänemark und Asien.
Im Jahr 2022 wuchs der Schienenverkehr von und für den Hafen von Livorno um +35,8%.
Livorno
Calo von -35,4% bei Piombino-Anglöden
Im Februar verringer sich der Frachtverkehr in den Häfen von Algeciras und Barcelona
Algeciras/Barcelona
Einrückungen von -12,3% und -11,6%
PSA wird 2022 mit Finanzauftragsleistung abgelegt.
PSA wird 2022 mit Finanzauftragsleistung abgelegt.
Singapur
Erlöse um +71,2%
Seabourn verkaufte das braunes Kreuzfahrtschiff. Seabourn Odyssey MOL
Seattle
Es wurde von der Werft T. Mariotti gebaut.
Multa von 950.000 Dollar an Taiwanese Wan du Lines.
Washington
Transaktive Vereinbarung mit der US-amerikanischen Bundesbehörde FMC
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Im dritten Quartal des Jahres 2022 ist der Frachtverkehr in den griechischen H├â┬Ąfen um -3,1% gesunken.
Im dritten Quartal des Jahres 2022 ist der Frachtverkehr in den griechischen Häfen um -3,1% gesunken.
Piräus
Zuwachsende Passagiere von +19,2%
Antipiraterie im Golf von Guinea
Rom
Antipiraterie im Golf von Guinea
Er hat das Schiff "Kommandant Foscari" von der Marine und den "Grande Luanda" des Grimaldi involviert.
Eine euroskeptische Federagenten sieht nach Süden.
Rom
Einspruch gegen Industrie-, Logistik-und Handelsaktiva in den Ländern des MENA-Gebiets
AD Ports mit einem Absichtserkl├â┬Ąrung zur Einrichtung eines Multi-purpose-Terminals im Hafen von Pointe-Noire
AD Ports mit einem Absichtserklärung zur Einrichtung eines Multi-purpose-Terminals im Hafen von Pointe-Noire
Abu Dhabi
Die Vereinbarung hat die Dauer von einem Jahr
ONE bestellt weitere zehn neue Containerschiffe von 13.700 teuen
Singapur
Es wird im Jahr 2025 und 2026 abgenommen.
Tarlazzi (UilTransport): Abschreckung von Vertragserhöhungen zur Vermeidung von Spannungen in der Arbeitswelt
Rom
Die Regierung hat die Verantwortung für die Verhinderung der Blockade des Personen-und Güterverkehrs zu tragen.
Career Day in Genua zur Arbeit in den Seeschifffahrtsagenturen
Genua
Initiative der Assisten und der Abteilung Ausrichtung auf die Arbeit und Plazierung der Universität Genua
Die Häfen Ancona und Igoumenitsa zur Entwicklung der Meeresautobahnen der Iberischen Halbinsel und des östlichen Mittelmeers
Ancona
Im Februar verringerte sich der Güterverkehr in den russischen Häfen um -3%.
Sankt Petersburg
Im Februar verringerte sich der G├â┬╝terverkehr in den russischen H├â┬Ąfen um -3%.
Exporte, Importe und Ladungen im Transit. Erhöhung der Kabotage
GEODIS kauft die Transportgesellschaft Transports Devoluy.
GEODIS kauft die Transportgesellschaft Transports Devoluy.
Levallois-Perret
Er hat eine Flotte von etwa 60 Fahrzeugen.
In den nächsten Jahren wird die Werftgruppe Navantia über 1.500 Personen einstellen.
Barcelona
In den n├â┬Ąchsten Jahren wird die Werftgruppe Navantia ├â┬╝ber 1.500 Personen einstellen.
Der spanische Premier Pedro Sánchez hat dies angekündigt.
Gara der nationalen tunesischen Hafenbehörde für sechs neue Schlepper
Goulette
Erwerb, der hauptsächlich durch die Agence Française de Développement finanziert wird
Im Februar sanken die Einnahmen von Yang Ming und Wan in Lines um -66,0% und -69,1%.
Taipei
Im ersten Quartal 2023 waren die Bali -65,1% und -70,1%.
Am 18. April wird Assiterminal mit Politikern und Akteuren auf die Herausforderungen der Portalität abgeglichen werden.
Genua
Einschein in den Sitz der Föderation der Meeres in Rom
Im Hafen von Nola wurde ein Zentrum für die Lagerung und Verteilung von Pharvima Medicinal eröffnet.
Nola
In der Logistikplattform sind mehr als 47000 Zentimasenrahmen von Unternehmen, die sich mit der pharmazeutischen Verteilung befassen, zu sehen.
Automar erh├â┬Ąlt neue Gebiete im Hafen von Gioia Tauro
Automar erhält neue Gebiete im Hafen von Gioia Tauro
Verona
Voraussichtliche Einstellung von 50 Arbeitnehmern
Neuer Lagerraum für die Logistikdienste der PSA Italy im Hafen von Genua
Genua
Es hat eine Fläche von 1.200 Quadratmetern und einen Außenbereich von 5.000 Quadratmetern.
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Am 18. April wird Assiterminal mit Politikern und Akteuren auf die Herausforderungen der Portalität abgeglichen werden.
Genua
Einschein in den Sitz der Föderation der Meeres in Rom
Am 13. April in Ancona eine Konferenz über Sicherheit und Gesundheitsschutz am Arbeitsplatz im Hafensport
Ancona
Sie wird von Inail Marin organisiert, die in Zusammenarbeit mit dem AdMP der Zentralafrikanischen Adria in Zusammenarbeit steht.
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
Completion of terminal for cruise ships in Pionersly (Kaliningrad Region) postponed to late 2024
(IAA PortNews)
Belarus eager to build its own terminal or port in Russia's Murmansk Oblast
(BelTA)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy