testata inforMARE
6 février 2023 - Année XXVII
Journal indépendant d'économie et de politique des transports
13:07 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNÉE XXIII - Numéro 5/2005 - MAI 2005

Studi e ricerche

Refrigerati' bollenti

Il conteggio mondiale dei contenitori refrigerati integrali si è incrementato ancora una volta nell'annata che va fino alla metà del 2004, allorquando è stato aggiunto al totale altro equipaggiamento per 100.000 TEU, equivalente al 10% in più. Questi sono i risultati del Censimento mondiale contenitori 2005 di Containerisation International, che ha rivelato una crescita della flotta significativamente più alta di quella conseguita nell'annata precedente (alla metà del 2003), allorquando era stato aggiunto un più modesto 4,5%. Anche le scorte degli integrali sono cresciute ad un tasso inferiore (circa il 7%) nel corso dell'anno precedente, alla metà del 2002.

L'ultima espansione è stata alimentata principalmente dalla solidità dei traffici containerizzati refrigerati integrali, che continuano a crescere organicamente, così come ad attirare altra attività dagli operatori reefer palletizzati e convenzionali. Anche il prezzo dei reefer è stato allettante nel 2004, dal momento che i costi di produzione non sono aumentati allo stesso ritmo di quelli del settore delle unità per carichi secchi. Ciò ha incoraggiato alcuni acquirenti (in particolare, i vettori marittimi) ad investire in modo più attivo rispetto all'anno precedente. Inoltre, si è verificato un marcato calo del numero dei vecchi box integrali ritirati dalla flotta, nonché di quelli dismessi o venduti ai fini dell'uso di seconda mano.

Le dismissioni di refrigerati sono cresciute drasticamente nel 2002-03, dal momento che i proprietari hanno accelerato la liquidazione delle unità operanti con quadri di controllo analogici della vecchia generazione e con gas refrigeranti CFC/HCFC. Questi ultimi sono diventati sempre più obsoleti, dal momento che sono difficili dal lato della manutenzione ed impopolari dal punto di vista ambientale. Il settore del leasing da solo ha dismesso più di 30.000 TEU di vecchi contenitori nel 2003, mentre i vettori marittimi hanno rivenduto ulteriori 45.000 TEU, il che comporta una cifra complessiva di 75.000 TEU. In confronto, nella maggior parte degli anni precedenti, le dismissioni annuali dei refrigerati non hanno superato i 30.000 TEU in tutto il settore.

Tuttavia, i dati relativi alle dismissioni sono diminuiti nuovamente nel 2004 sino a meno di 60.000 TEU in totale, il che si spiega in parte con l'eccedenza di crescita della flotta lo scorso anno. Anche la struttura della flotta refrigerata integrale mondiale è più omogenea di quella degli anni passati, dato che quasi nessun equipaggiamento è ancora operativo con CFC12 (R12) e sempre meno unità presentano miscele refrigeranti a goccia od alternative più obsolete dello R12, quale lo HCFC22. Tutti questi gas sono destinati a seguire il destino dello R12 che è stato vietato a livello mondiale a causa del suo potenziale di impoverimento dell'ozono.

Invece, la flotta attuale è quasi interamente composta di unità caricate con il refrigerante HFC134a (R134a) approvato dall'industria, il quale ha un potenziale di impoverimento dell'ozono pari a zero (anche se contribuisce comunque al riscaldamento globale). Un piccolo numero di unità viaggia con un'alternativa R404a, anch'essa dotata di potenziale di impoverimento dell'ozono pari a zero. Gran parte dell'equipaggiamento attuale allo stesso modo opera con sistemi di controllo "micro", sviluppati originariamente alla metà degli anni '90.

La flotta integrale mondiale sta diventando sempre più snella, dal momento che i più vecchi contenitori da 20 e 40 piedi vengono progressivamente ritirati e rimpiazzati quasi esclusivamente da 40 piedi high-cube. Questi ultimi da molti anni stanno guadagnando stabilmente terreno nell'ambito della flotta integrale globale e, alla metà del 2004, costituivano quasi l'80% dei TEU. La loro quota era prossima al 75% un anno prima. Lo high-cube da 40 piedi adesso rappresenta oltre il 90% di tutti i TEU reefer costruiti annualmente. Il resto è costituito completamente da 20 piedi, dal momento che da diversi anni non si verifica alcuna produzione significativa di reefers da 40 piedi (8 piedi e 6 pollici in altezza). Quanto ai 20 piedi, nel 2004 ne sono stati costruiti poco più di 10.000 TEU, mentre almeno 70.000 unità erano delle dimensioni di 40 piedi high-cubes. Questa produzione complessiva di 150.000 piedi ha rappresentato un altro record anche per i fornitori di box e di motori.

La flotta di 20 piedi integrali è cresciuta molto poco negli ultimi anni, ma dove sta perdendo terreno è in termini di quota percentuale. Il 40 piedi (8 piedi e 6 pollici) sta calando in termini sia di dimensioni che di quota ed è probabile che scompaia completamente nel giro di altri cinque anni o giù di lì. C'è anche una flotta residua di diverse migliaia di refrigerati di lunghezza pari a 24 piedi (Matson), 43 piedi (Chiquita Brand) e 45 piedi, ma anche questi a lungo termine andranno a perdersi. L'attrattiva dell'equipaggiamento da 40 piedi high-cube è corroborata dal suo prezzo concorrenziale se confrontato con le minori dimensioni da 20 e 40 piedi, con la sua diffusa disponibilità e con la maggiore capacità in termini volumetrici. Dal momento che la maggior parte dei carichi refrigerati è del tipo imballato a basso peso, esso in genere viene stipato prima di raggiungere il peso massimo permesso.

Ciononostante, la domanda di contenitori integrali da 20 piedi è stata stimolata in parte dalla recente dismissione di equipaggiamento da 20 piedi isolato/oblò. Questa tendenza è stata confermata nell'annata sino alla metà del 2004, quando alcune altre migliaia di tali box sono stati rottamati e la flotta isolata complessiva è diminuita di un altro 15% sino a meno di 25.000 TEU. La flotta integrale aveva, in confronto, superato gli 1,1 milioni di TEU alla stessa data. L'equipaggiamento isolato perciò ha rappresentato poco più del 2% di tutte le scorte di box refrigerati alla metà del 2004, rispetto al 15% di dieci anni prima.

E' previsto che il conteggio mondiale dei reefers con oblò cali a zero nel giro di pochi altri anni, dal momento che a loro volta anche le residue navi Con-Air verranno messe in disarmo. Gran parte (ma non tutto) dell'attuale equipaggiamento isolato è in fase di sostituzione con 20 piedi integrali. La maggior parte dei vettori - tra cui P&O Nedlloyd, Hamburg Sud, CMA CGM e Maersk Sealand - stanno sostituendo alcuni contenitori isolati da 20 piedi con 40 piedi high-cube integrali, dal momento che le loro operazioni refrigerate sono diventate del tutto del tipo "a spina". Infatti, molti proprietari prevedono alla fine la stessa dismissione della flotta di 20 piedi cui si è già assistito per la componente da 40 piedi (8 piedi e 6 pollici). La conseguenza sarà che aumenteranno i guai di tipo logistico, dal momento che la disponibilità di tale equipaggiamento diverrà meno garantita, il che a sua volta condurrà verso l'alto i costi e scoraggerà ulteriormente gli spedizionieri dall'accettarlo.

Com'è stato detto, in precedenza, i vettori marittimi rappresenteranno la maggior parte degli inserimenti di reefers integrali effettuati nell'annata che va sino alla metà del 2004, sebbene il settore del leasing in realtà abbia conseguito una quota maggiore di incremento della flotta. Tuttavia, l'ammontare delle unità noleggiate resta di gran lunga minore di quello delle unità di proprietà ovvero finanziate dagli armatori. I vettori marittimi ancora controllano due terzi di tutti i TEU reefer integrali, vale a dire il doppio di quelli in leasing operativo. Circa 65.000 TEU si sono aggiunti alla flotta di proprietà dei vettori nell'annata che va alla metà del 2004, spingendola in alto di quasi il 9%, mentre 36.000 TEU (equivalenti al 12%) sono stati inseriti dalle società di leasing. I vettori marittimi per lungo tempo sono stati i proprietari dominanti di tutto l'equipaggiamento reefer e non vi è alcuna indicazione che ciò possa cambiare nell'immediato futuro.
(da: Containerisation International, aprile 2005, pag. 75)




DÈS LA PREMIÈRE PAGE
T&E, Londres perd près de deux milliards de livres par an, n'incluant pas 90% de la navigation au Royaume-Uni
Bruxelles
Actuellement, le gouvernement envisage de soumettre au SCEQE les seuls navires de plus de 5 000 tl effectuant des voyages internationaux.
En 2022, les terminaux du port DP World ont traité un trafic record de 79 millions de conteneurs (+ 1,4%)
Dubaï
Au quatrième trimestre, il y a eu une baisse de -0,4%.
Huit manifestations d'intérêt pour la privatisation du port grec de Volos
Huit manifestations d'intérêt pour la privatisation du port grec de Volos
Athènes
A la vente 67% du capital de l'Autorité Portugale
Il conclrait l'accord avec lequel le SMC entrerait dans la capitale de Boluda Towage
Milan
L'opération aurait une valeur de 1,5 milliard d'euros.
Lancé sur le chantier d'Ancône della Fincantieri le navire de croisière de luxe Seven Seas Grandeur
Ancône
Elle sera livrée en novembre prochain
En janvier, enregistrement de la valeur des droits de transit des navires dans le canal de Suez
Ismailia
En janvier, enregistrement de la valeur des droits de transit des navires dans le canal de Suez
La voie navigable égyptienne a été traversée par 2 155 navires (+ 21,5%)
Un appel d'offres pour la réalisation du nouveau terminal passagers du port de Bari
Bari
Sera terminé en moins de deux ans
Au quatrième trimestre de 2022, le trafic de marchandises dans le port de Brème a diminué de -12,7%
Race
Sur l'ensemble de l'année, la baisse était de -8,2%
Appel d'offres pour l'électrification des quais des ports de Messine, Reggio de Calabre et Milazzo
Messine
Le montant du travail est de 23,2 millions d'euros
Dans le port de Civitavecchia, un trafic illicite de déchets directs en Afrique a été arrêté
Cyvitavecchia
Saisie trois lots de marchandises pour un poids total de 32 tonnes
Gruber Logistics ouvre deux bureaux en Turquie
Gruber Logistics ouvre deux bureaux en Turquie
Heure
L'objectif est d'accroître le trafic vers et en provenance de l'Europe à travers le port de Trieste
L'année dernière, le trafic de marchandises dans les ports espagnols a augmenté de 3,5%.
Madrid
L'année dernière, le trafic de marchandises dans les ports espagnols è a augmenté de 3,5%
Réduction du trafic de transit conteneurisé. Au quatrième trimestre, il y a eu une baisse de -1,1%.
DP World a reçu la course pour faire un terminal de conteneurs dans le port de Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World-Aker Solutions pour moderniser les unités FPSO
Marfret augmente la fréquence des lignes directes Italie-Égypte
Gênes
Entrez un second navire
Cargotec et Konecranes enregistrent de nouveaux records de revenus annuels et trimestriels
Helsinki / Hyvinkää
En 2022, la valeur des nouvelles commandes acquises par les deux groupes a augmenté respectivement de 9,8% et 23,7%
LES DÉPARTS
Visual Sailing List
Départ
Destination:
- liste alphabétique
- liste des nations
- zones géographiques
En 2022, la valeur des nouvelles commandes acquises par ABB a augmenté de 6,7%
Zurich
Les résultats de l'activité commerciale ont enregistré un trimestre après trimestre
L'an dernier, le trafic maritime dans le détroit du Bosphore a diminué de -8,8%
Ankara
Le trafic maritime de l'an dernier dans le détroit de Bosphore è a diminué de -8,8%
Au dernier trimestre de 2022, la réduction était de -5,1%
Le SMC inclura le port de Livourne dans le service West Med-Middle East / India
Genève
Le lien a une fréquence hebdomadaire
UPS enregistre une baisse du chiffre d'affaires après 40 trimestres consécutifs de croissance
Atlanta
UPS enregistre une baisse du chiffre d'affaires après 40 trimestres consécutifs de croissance
En 2022, les revenus ont dépassé les 100 milliards pour la première fois.
En 2022, les revenus du Groupe Wärtsilä ont augmenté de 22%
Helsinki
La valeur des nouveaux engagements a augmenté de 6%
En 2023, plus de 400 millions de crucieristes étaient attendus en Sardiniens contre 221mila l'année dernière.
Cagliari
À ce jour, 191 aéroports sont prévus dans les ports de Cagliari, Olbia, Porto Torres, Gulf Aranci, Oristano et Arbatax.
Nouvel appel de Grimaldi Euromed contre le plan de préemption de Moby
Milan
Il a été approuvé par le Tribunal à Milan le 24 novembre dernier.
Intelligence artificielle et navigation autonome
Tokyo
Ce sont les domaines d'activité dans lesquels les Japonais NYK et Ghelia coopéreront
Le port roumain de Constance a traité un trafic annuel record
Constante
Le port roumain de Constance a traité un trafic annuel record
Les conteneurs étaient égaux à 772.046 teu (+ 22,2%)
PORTS
Ports Italiens:
Ancône Gênes Ravenne
Augusta Gioia Tauro Salerne
Bari La Spezia Savone
Brindisi Livourne Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palerme Trieste
Civitavecchia Piombino Venise
Interports Italiens: liste Ports du Monde: Carte
BANQUE DES DONNÉES
Armateurs Réparateurs et Constructeurs de Navires
Transitaires Fournisseurs de Navires
Agences Maritimes Transporteurs routiers
MEETINGS
En Livourne, trois jours d'Assoports pour approfondir les aspects de la transformation urbaine dans la ville portuaire
Livourne
Vous rencontrerez deux groupes techniques ...
Jeudi à Milan une conférence de Fedespedi sur "La digitalisation logistique et le PNRR"
Milan
Depuis 2020, la Fédération a contribué à la construction du Plan.
››› Archives
REVUE DE LA PRESSE
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Index Revue de la Presse
FORUM des opérateurs maritimes
et de la logistique
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archives
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Numéro de TVA: 03532950106
Presse engistrement: 33/96 Tribunal de Gênes
Direction: Bruno Bellio
Tous droits de reproduction, même partielle, sont réservés pour tous les pays
Cherche sur inforMARE Présentation
Feed RSS Places publicitaires

inforMARE en Pdf
Mobile