testata inforMARE
6 décembre 2022 - Année XXVI
Journal indépendant d'économie et de politique des transports
17:27 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSANNÉE XX - Numéro 9/2002 - SEPTEMBRE 2002

Progresso e tecnologia

Un sistema per containerizzare le rinfuse

Oggi ci sono così tanti containers in giro per il mondo, ed è tale la frequenza con la quale ci ritroviamo dietro di loro nelle strade, che si potrebbe pensare "tutto ciò che potrebbe essere containerizzabile, lo è già". Uno studio realizzato nel 2000 da un importante consulente trasportistico ha mostrato che il 40% dei carichi non trasportati in contenitori potrebbe essere in realtà containerizzato, ma anche che talvolta è necessario un piccolo aiuto per far sì che tale teoria si tramuti in realtà.

Un caso tipico è quello del trasporto di prodotti secchi alla rinfusa, siano essi palline o polveri, chimici o generi alimentari. I containers ISO non si potrebbero immediatamente associare al trasporto di questo tipo di carichi, se non fosse che esiste un'attiva e fiorente industria che fornisce a caricatori e trasportatori di derrate secche alla rinfusa i sacchi adatti a tali necessità, nonché le istruzioni inerenti alle modalità del loro impiego. E' proprio la disponibilità di questi sacchi che può trasformare un normale contenitore ISO in un vettore per rinfuse. I grossi sacchi da 20 tonnellate sono diventati sempre più popolari negli ultimi anni quale risultato di un progresso naturale dai sacchi da 25 kg, normalmente pallettizzati prima di essere containerizzati, al FIBC (contenitore flessibile intermedio per rinfuse) da 1 tonnellata. Il mercato dei FIBC al momento è più grande di quello dei sacchi da 20 tonnellate, ma vi è una chiara linea di tendenza a favore delle dimensioni relative al container completo. Il fatto che i destinatari debbano essere in grado di movimentare un carico da 20 tonnellate in una volta sola sta inevitabilmente comportando qualche resistenza in alcune zone ed il fatto che i caricatori ed i ricevitori del prodotto abbiano la necessità di modificare le proprie strutture rappresenta anch'esso una qual certa barriera, ma, affermano i difensori della "sacco più grande", il movimento è saldamente ed irrevocabilmente avviato nella loro direzione.

I containers per rinfuse, cioè quelli predisposti con boccaporti superiori per il carico e con scivoli di scarico sul pavimento, hanno rappresentato una caratteristica sullo scenario containerizzato negli ultimi 30 anni e più. Per le operazioni di trasporto marittimo a lungo raggio, la logistica di queste "bestie" speciali può costituire un incubo. Un container per rinfuse potrebbe essere teoricamente adatto a movimentare un prodotto - ad esempio - dall'Europa all'Asia, ma spesso là potrebbe non esserci un carico di ritorno adatto o almeno in grado di essere trasportato in tali contenitori, e l'avere un'attrezzatura costosa in uso soltanto al 50% del tempo per quello che ci si proponeva di fare di solito non è una situazione economica.

In Europa è presente una flotta di oltre 20.000 containers per rinfuse con carico dall'alto, in gran parte lunghi 30 piedi, che vengono utilizzati quasi esclusivamente nei traffici infra-europei. Anche se queste unità possono essere utilizzate senza doversi servire di alcun imballaggio, frequentemente ci si serve di un sacco per evitare che il prodotto possa essere contaminato da sporcizia, polvere o ruggine ovvero per evitare che il contenitore possa essere contaminato dal prodotto. Inoltre, quando si utilizza un sacco, l'uso del container ne risulta spesso migliorato perché il box non dev'essere pulito o decontaminato e può essere riutilizzato immediatamente per il viaggio di ritorno. I sacchi di cui ci si serve per questi contenitori con carico dall'alto presentano uno scivolo fissato in alto per consentire il carico tramite imbuti ed un boccaporto in basso per lo scarico.

I sacchi in questione sono prodotti in polietilene od in polipropilene e vengono realizzati nelle varietà a trama intrecciata o compatta. In genere la varietà intrecciata è usata per le palline o i granuli mentre l'altra si usa per le polveri. I sacchi intrecciati spesso presentano delle cuciture con la conseguente possibilità di contaminazione del prodotto, mentre le saldature dei sacchi a strati sono immuni da qualsiasi perdita, sia all'interno che all'esterno. I sacchi intrecciati consentono al prodotto di "respirare" e sono perciò adatti - ed in effetti vengono utilizzati su larga scala - per le derrate alimentari, quali caffè, cereali e alcuni tipi di frutta e verdura.

I produttori di sacchi da imballaggio con sede nel Regno Unito sono i maggiori fornitori di sacchi adatti all'uso con i containers cisterna. Un importante fornitore è la Linertech, dove David Dowson ha dichiarato a Cargo Systems che, anche se a livello mondiale il mercato della fornitura di sacchi per box ISO è molto più ampio, la Linertech è maggiormente impegnata nella fornitura di sacchi di containers cisterna con carico dall'alto da 30 piedi.

Dowson ritiene che la Linertech sia uno dei maggiori fornitori di sacchi da imballaggio in Europa. Rivela infatti che la Linertech ha recentemente concluso un contratto con un'importante società europea di logistica per la fornitura di "molte decine di migliaia" di sacchi da imballaggio per i prossimi quattro anni. Questo contratto, ha detto Dowson, costituisce un accordo relativo ad un approvvigionamento esclusivo tale da portare la Linertech ad un "diverso livello di operazioni mediante il quadruplicamento dei livelli produttivi", parificandola ai grossi produttori americani in termini di quantitativi prodotti. Attualmente, la Linertech ha una fabbrica estesa per 40.000 piedi quadrati ad Elland, nello Yorkshire, ma "sta cercando di ampliarsi al massimo per far fronte alla domanda" e si sta guardando attorno alla ricerca di alternative produttive al di fuori del Regno Unito.

La ZPP (Zephir Plastic Products) nel Nord Yorkshire, sempre nel Regno Unito, è stata costituita nel 1947 ed è altresì un importante fornitore di sacchi in polietilene per i contenitori cisterna con carico dall'alto. David Walker della ZPP ha dichiarato che il 60% del proprio mercato è nel Regno Unito, mentre il residuo 40% è attestato nell'Europa continentale ed in Asia. Walker afferma che molti clienti della ZPP preferiscono i propri accessori e sistemi di scarico e hanno le proprie piccole manie in materia di sacchi di cui chiedono la fornitura, di modo che la ZPP lavora con i propri clienti per sviluppare sacchi che rispondano a richieste specifiche.

La ZPP ha anche sviluppato - tanto che adesso lo applica a tutti i propri sacchi - un occhiello dalle caratteristiche uniche che agevola la manipolazione del sacco all'interno del contenitore. L'occhiello viene saldato al sacco nel corso del processo produttivo e presenta un congegno elastico che si aggancia all'anello di sicurezza all'interno del container. Tutti i sacchi della ZPP sono prodotti in polietilene ed anche l'occhiello è in materiale simile. La ZPP afferma che il 90% dei suoi imballaggi è fatto con materiale riciclabile, compresi i nuovi occhielli, mentre il residuo 10% è costituito da PVC utilizzato per il nastro sigillante.

La Tiger Bulk Systems di Bridlington è un terzo produttore britannico che si concentra per lo più sulla fornitura di dispositivi da imballaggio per i containers con carico dall'alto utilizzati da imprese produttive o di logistica in ambito europeo, sebbene il direttore generale aggiunto Mark Lewis abbia dichiarato che essa rifornisce anche il mercato dei containers ISO di sacchi destinati a box da 9 piedi e 6 pollici la cui domanda continua ad aumentare.

Una società con sede nel Regno Unito, il 50% della cui attività consiste nella fornitura di sacchi per carichi dall'alto mentre il residuo 50% è destinato ai containers ISO da 20 e 40 piedi, è la Philton Polythene Converters, che è attiva nel settore da 30 anni. Il direttore generale Andrew Tisi afferma che la ditta ha prodotto il primo sacco da imballaggio per containers in assoluto nei primi giorni della containerizzazione. Tisi dichiara che la Philton è specializzata in attrezzature da imballaggio per i prodotti più complessi e difficili, quali il biossido di titanio, che solitamente si presenta sotto forma di polveri ed è molto denso. Quando alcuni di questi prodotti, che talvolta vengono caricati caldi, vengono inclinati per lo scarico, spesso resistono sino ad un angolo di 30-40° e poi cadono giù in un colpo solo.

Tisi, come altri produttori di sacchi da imballaggio, ha qualche preoccupazione in ordine a ciò che concerne la concorrenza più a buon mercato apportata da ditte con sede in Asia, ma ritiene che i suoi clienti siano assai consapevoli dell'importanza della qualità. A causa della natura rischiosa di molte delle derrate trasportate negli imballaggi della Philton, le conseguenze derivanti dalla fuoriuscita di prodotto dall'imballaggio possono dar luogo a richieste di risarcimento dell'ordine di molte migliaia di dollari. Il convincimento diffuso sembra essere quello secondo cui anche se vi è una differenza di prezzi con gli imballaggi di produzione asiatica, questa non è poi così cospicua come avviene per altri tipi di prodotto, sebbene è probabile che essa sia più significativa nei sacchi a trama intrecciata, laddove gran parte delle cuciture devono essere rifinite a mano ed allora in quel caso i meno cari laboratori asiatici possono avere buon gioco.

Il produttore tedesco Schleswiger Tauwerkfabric Oellerking è da lungo tempo affermato nel settore della produzione di sacchi da imballaggio così come di tele incerate ed altri prodotti simili. La Oellerking dichiara di essere uno dei maggiori produttori mondiali di sacchi da imballaggio e, anche se la maggior parte della produzione riguarda sacchi per box ISO da 20 piedi, essi producono anche per i tipi da 30, 40, 45, high-cube e per ogni altra dimensione a richiesta del cliente. I sacchi della Oellerking sono realizzati in tessuto di polipropilene e sono completamente riciclabili.

La Oellerking ha sviluppato e brevettato la volta Sweatking, cui possono essere adattati tutti i suoi sacchi da imballaggio. Esso garantisce l'assorbimento della condensa sino a 3 litri per metro quadrato di superficie della volta ed è ampiamente utilizzato per il trasporto di caffè, cacao, semi, fertilizzanti e mangimi per il pesce.

Altri sviluppi realizzati dalla Oellerking sono un sacco da imballaggio che elimina la necessità di barre di ritenzione per le paratie, il che significa un notevole risparmio di peso, e - unitamente con la società compatriota Lab Cargo Tec, un sacco da imballaggio che è in grado di trasportare e scaricare automaticamente grossi quantitativi di rinfuse liquide.

A livello mondiale, il mercato maggiore nonché in crescita è quello dei sacchi da imballaggio utilizzati per i containers ISO. La loro utilizzazione fa sì che tutti i containers ISO - ed in giro ce ne sono qualcosa come 15 milioni - possano essere adoperati per il trasporto di granaglie, palline e polveri alla rinfusa.

Oltre ai produttori europei e britannici che suddividono il proprio mercato tra contenitori per rinfuse da 30 piedi ed unità ISO da 20 e 40 piedi, esistono alcuni grossi produttori di sacchi per imballaggio con sede negli Stati Uniti che forniscono molte migliaia di sacchi per box ISO a caricatori, linee di navigazione ed altri operatori della logistica negli Stati Uniti ed in tutto il mondo.

La Insta-Bulk ha sede nel cuore della regione petrolifera, a Houston nel Texas. Il direttore vendite Shelley Stopper ha dichiarato, in modo non sorprendente, che una parte importante dei clienti della Insta-Bulk è costituita da imprese petrolchimiche. La Intra-Bulk produce e commercializza imballaggi sia a trama compatta ed a pellicola, gli Enviro-Liner, sia unità a trama intrecciata, i Global-Liner, per contenitori da 20 e 40 piedi con modifiche ai portelli ed agli scivoli nella parte terminal dell'imballaggio a contatto col contenitore.

La Intra-Bulk, come molti altri produttori, fornisce vari tipi e configurazioni di paratie che possono essere adattati all'interno dei portelli del contenitore, ovvero gli imballaggi Insta-Bulk che vengono eventualmente prodotti con un sistema di rinforzo integrale che non richiede materiale aggiuntivo.

La Stopper ritiene che il punto forte della Insta-Bulk sia, unitamente alla sua società gemella Dacro con sede nei Paesi Bassi, la fornitura di servizi di supporto tecnico ad alta qualità in tutto il mondo.

Una variazione sul tema è fornita dalla Pro Tech Liner Systems di North Charleston, in Sud Carolina, che è specializzata in imballaggi ad alta resistenza per il trasporto di pelli di bestiame e di altri carichi altamente corrosivi. Chiunque si sia avvicinato ad un carico di pelli avrà percepito la puzza che emana ed avrà visto quanto corrosivo possa essere il liquido che fuoriesce dalle pelli. Se esso entra in contatto col pavimento di un container, con le gomme del veicolo o con qualsiasi altra cosa, la vita del componente contaminato si riduce drasticamente, tanto che alle volte è una questione di ore.

La Pro Tech Liner Systems produce il RhinoLiner, che è specificamente progettato per resistere ai pallet ed ai carichi con elevatori a forca. Louis D'Eugeno della Pro Tech Liner spesso chiede ai potenziali clienti di provare a strappare un RhinoLiner con le chiavi della macchina, sapendo bene che esso non si bucherà. I RhinoLiners sono confezionati con una lunghezza di 6 piedi in più rispetto al container e la parte che avanza viene ripiegata dopo il carico, il che consente all'imballaggio di contenere e ritenere diversi galloni di fluido.

La maggior parte delle pelli vengono stivate dagli Stati Uniti alla volta di Cina e Corea ed il contenitore naturale per questo traffico è il 20 piedi. Tuttavia, lo squilibrio di box ISO negli Stati Uniti crea la necessità di movimentare grossi quantitativi di 40 piedi di ritorno in Asia e per questa ragione il box da 40 piedi viene sempre più usato per il trasporto di pelli, il che ha comportato l'aumento della domanda di RhinoLiner per unità da 40 piedi.

La containerizzazione è un concetto semplice, ma quando si gratta la superficie si scopre che sotto vi è un grande fermento innovativo e creativo in corso per migliorare e promuovere il settore dei sacchi da imballaggio.
(da: Cargo Systems, agosto 2002)


DÈS LA PREMIÈRE PAGE
UNIPORT sottopone alla politica le questioni ritenute essenziali per lo sviluppo della portualità
Roma
Tra i temi evidenziati, quelli del lavoro portuale e delle concessioni
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Trecentomila euro di multa a Chantier Naval de Marseille (San Giorgio del Porto) per violazioni ambientali
Marsiglia
Denuncia presentata da due associazioni ambientaliste
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
MSC attiverà un nuovo servizio di linea diretto tra India e Mediterraneo occidentale
Ginevra
In Italia scalerà i porti di Genova, Salerno e Gioia Tauro
Alessandra Orsero è stata eletta presidente di Confetra Liguria
Genova
È vice presidente di Isomar e di Spediporto
Accademia Italiana della Marina Mercantile e Fincantieri avviano percorsi di formazione continua
Genova
Un programma è stato studiato specificamente per il personale tecnico del polo di Sestri Ponente
Progetto di Fedespedi e Accudire per sperimentare la digitalizzazione della CMR
Milano
Calamandrei: auspichiamo che il parlamento ratifichi, nel minor tempo possibile, il protocollo alla Convenzione CMR
Accordo tra Assologistica e Assiterminal per iniziative volte allo sviluppo del settore logistico
Milano
È incentrato su ntermodalità, modernizzazione dei contratti, digitalizzazione, formazione e sostenibilità
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
LES DÉPARTS
Visual Sailing List
Départ
Destination:
- liste alphabétique
- liste des nations
- zones géographiques
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
PORTS
Ports Italiens:
Ancône Gênes Ravenne
Augusta Gioia Tauro Salerne
Bari La Spezia Savone
Brindisi Livourne Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palerme Trieste
Civitavecchia Piombino Venise
Interports Italiens: liste Ports du Monde: Carte
BANQUE DES DONNÉES
Armateurs Réparateurs et Constructeurs de Navires
Transitaires Fournisseurs de Navires
Agences Maritimes Transporteurs routiers
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archives
REVUE DE LA PRESSE
S. Korean shipyards rank 2nd in new global orders in Nov.
(YONHAP News Agency)
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
››› Index Revue de la Presse
FORUM des opérateurs maritimes
et de la logistique
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archives
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Numéro de TVA: 03532950106
Presse engistrement: 33/96 Tribunal de Gênes
Direction: Bruno Bellio
Tous droits de reproduction, même partielle, sont réservés pour tous les pays
Cherche sur inforMARE Présentation
Feed RSS Places publicitaires

inforMARE en Pdf
Mobile