ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 juillet 2021 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 22:52 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNÉE XXVII - Numéro 10/2009 - OCTOBRE 2009

Trasporto ferroviario

Ferrovie francesi nel mirino degli utenti

Parlando alla conferenza annuale della Coastlink a Dunkerque alla fine del mese scorso, Wim Blomme, direttore intermodale della P&O Ferrymasters, ha aggiunto il suo nome a quelli che nella AUTF (associazione dei caricatori francesi) lamentano le carenze dei servizi ferroviari in Francia.

Blommer ha affermato che l'approccio commerciale con i principali operatori ha ancora bisogno di essere reso maggiormente utile, che i loro metodi di risolvere i problemi devono essere migliorati e che le linee di comunicazione pro-attive devono essere accelerate.

Proseguendo nel discorso, si è così espresso: “Anche le consultazioni con i clienti restano assai scarse.

Fino a quando tali cose non saranno state migliorate, noi continueremo ad instradare la maggiore quantità possibile di carichi attraverso paesi in cui transito sia più affidabile, come avviene per i nostri traffici fra il Nord Europa e l'Italia, nei quali possiamo usufruire di elevati livelli di servizio da parte dei fornitori di servizi/reti tedeschi e svizzeri”.

Commenti come questi aiutano a comprendere perché il governo francese abbia recentemente dichiarato di essere pronto a spendere 7 miliardi di euro in miglioramenti infrastrutturali.

Ciò, se significa quello che dice, comporterà un significativo trasferimento di traffici dalla strada al trasporto ferroviario, che è più sensibile all'ambiente, nel giro dei prossimi cinque anni.

Il settore merci della SNCF, l'organizzazione statale in perdita attraverso la quale passerà molto di questa iniziativa, ha allora annunciato un piano di salvataggio con il quale si impegna a spendere 1 miliardo di euro nella rimodulazione della propria attività di trasporto merci in modo tale da assicurare alla quota di mercato francese del trasporto merci ferroviario la scalata dal 14% al 25% entro il 2022.

Il piano appare impressionante, ma, poiché si tratta del suo sesto piano di salvataggio in 12 anni, i clienti hanno tutto il diritto di chiedersi se esso sarà pieno di promesse ancora più vuote.

Il supporto finanziario del governo suggerisce che le cose stiano altrimenti.

Per quanto attiene i traffici marittimi, la Fret SNCF ravvisa i seguenti sviluppi intermodali:

  • la creazione di un leader del mercato entro la fine dell'anno: a questo riguardo, è interessante notare come la Fret SNCF sia attualmente in procinto di riottenere il controllo di maggioranza della Novatrans, specialista in carichi infra-europei, che lavora a fianco della Naviland Cargo della SNCF, la cui attenzione è maggiormente concentrata sui traffici marittimi, ed è facile prevedere che le due società possano essere integrate;
  • un incremento del 50% del numero dei treni operativi fra Lilla e Perpignano, sino a 12 convogli alla settimana entro la fine del 2009;
  • un incremento delle sovvenzioni del 305, da 12 a 15,6 euro per unità, anche questo entro la fine dell'anno;
  • l'istituzione di treni lunghi 1.000 metri da Parigi a Marsiglia entro la fine del 2011.
Ulteriori aiuti potrebbero essere assicurati attraverso la costituzione di un operatore portuale più efficace a Le Havre ed a La Rochelle entro la fine di quest'anno.

Lo stesso varrebbe per altri porti l'anno prossimo.

L'anno venturo si assisterà altresì all'avvio dei lavori di realizzazione di una nuova area di smistamento multimodale a Le Havre, che dovrebbe essere completata entro il 2012.
(da: ci-online.co.uk, 08.10.2009)



PSA Genova Pra


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XXVII
Numéro 10/2009

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail