testata inforMARE
06 de diciembre de 2022 - Año XXVI
Periódico independiente sobre economía y política de transporte
12:22 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM de lo shipping y
de la logística

ANPAN

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROVVEDITORI APPALTATORI NAVALI

Assemblea Ordinaria
18-21 maggio 2006
Grand Hotel Bristol di Rapallo

Relazione del Presidente
Valentina Schiavi


Signore, Signori, illustri Ospiti, cari Associati,

vi do il benvenuto a Rapallo dove ho il piacere di dar inizio al Congresso annuale della nostra Associazione.

Questo nostro incontro ha purtroppo una nota di tristezza dovuta alla scomparsa del socio Salvatore Ciuoffo, uno dei pilastri della nostra associazione, Presidente Onorario dell'ANPAN e dell'ISSA, colui che molti definivano "l'uomo ISSA". Un uomo d'altri tempi, che personalmente non ho avuto modo di conoscere bene, ma di cui ho sempre sentito parlare per la sua poliedrica ed incisiva personalità e per l'entusiasmo con il quale svolgeva il suo lavoro. Un uomo a cui la nostra categoria deve molto, anzi moltissimo e che tutti ricorderemo.

Prima di passare agli aspetti specifici che riguardano la nostra categoria vorrei fare un breve excursus sull'economia in generale nell'anno trascorso ma soprattutto, cosa più importante, volgere lo sguardo al futuro.

Il 2005 era stato previsto come "annus orribilis" con prospettive ancora più pesanti per il 2006, ma fortunatamente è stato evitato il peggio poiché l'Europa allargata a 25 Paesi, come è stato scritto, "non è stata risucchiata nel gorgo delle sue crisi multiple".

L'anno trascorso è stato inoltre positivo per gli investimenti finanziari sia azionari, sia obbligazionari. Solo gli investimenti monetari non hanno contrastato l'inflazione.

Nella seconda metà dell'anno l'Esecutivo UE ha osservato che le fonti di crescita sono diventate più equilibrate: mentre l'export è continuato, la domanda interna si è rinforzata sull'onda di un rialzo degli investimenti.

Desta comunque una certa preoccupazione l'aumento del costo del petrolio che si è verificato in questi ultimi tempi, toccando limiti mai raggiunti.

Per il 2006 vari fattori sembrano indicare un temperato ottimismo. Le economie dei mercati europei (con l'Italia un po' più arretrata) hanno mostrato confortanti segnali sul fronte dell'export ma anche della domanda interna.

E' notizia di questi giorni: i primi segnali di ripresa economica ci giungono dai dati ISTAT, nel primo trimestre il PIL è aumentato rispetto a quello precedente dello 0,6% con un incremento annuo dell'1,5%. Il dato italiano sul PIL è in linea con quello europeo, anch'esso dello 0,6%.

I consumi non sono ancora brillanti, ma gli economisti comunitari sostengono che la domanda interna sembri orientarsi al rialzo grazie alla ripresa degli investimenti che registrano il progresso più forte dell'ultimo quinquennio.

Anche dalla produzione industriale arrivano risultati positivi, infatti in marzo l'indice ha segnato un aumento annuo del 4,2%, il più alto dall'agosto scorso.

Ci auguriamo, quindi, che tutti questi segnali ci possano portare a risultati di fine esercizio positivi.

Passo ora ad illustrare brevemente le attività che la nostra Associazione ha posto in essere.

Varie sono state le tematiche affrontate durante l'ultimo anno, alcune delle quali sono state risolte mentre altre sono tuttora in evoluzione.

In merito alla sanità marittima ed ai controlli doganali, molti Associati genovesi hanno segnalato alla nostra Segreteria le perplessità espresse recentemente da alcuni uffici e sezioni doganali della Circoscrizione di Genova in merito alla documentazione igienico sanitaria a cui tutti i prodotti alimentari di provenienza extra UE, oggetto di provviste di bordo, dovevano sottostare.

In particolare, nel caso di nave italiana che si approvvigiona in territorio italiano, l'Autorità doganale citata richiedeva, per l'esportazione/imbarco della merce in oggetto, un certificato sanitario rilasciato dalla Sanità Marittima.

E' stato grazie all'ausilio della nostra delegazione portuale che l'ANPAN è potuta intervenire sia presso il Direttore della Circoscrizione di Genova, sia presso il Direttore della Sanità Marittima della Liguria, al fine di evidenziare le problematiche legate a tali richieste. In effetti, l'esigenza di un nulla osta sanitario avrebbe avuto ripercussioni negative sull'operatività delle nostre aziende ed avrebbe penalizzato economicamente l'attività del provveditore di bordo.

A seguito di tali obiezioni, la Circoscrizione Genovese dell'Agenzia delle Dogane aveva interessato, per la soluzione del problema, l'Ufficio della Sanità Marittima di Genova ed aveva disposto una sospensione fino al 2 Maggio 2006 in attesa di pronuncia.

Con grande soddisfazione della nostra Associazione, il 27 Aprile scorso la Direzione della Circoscrizione Doganale ha stabilito che la rispondenza ai requisiti igienico-sanitari dei prodotti extra UE da imbarcarsi su navi italiane in porti nazionali viene accertata dall'Ufficio della Sanità Marittima nel corso delle sue periodiche verifiche. In tal modo viene evitata una duplicazione di verifiche da parte della Pubblica Amministrazione.

Nell'ambito delle restituzioni all'esportazione del settore caseario, la decisione adottata dal Regolamento CEE n'909/2005, statuendo l'eliminazione delle restituzioni previste per i prodotti in questione, ha avuto un effetto negativo a catena per la nostra categoria in quanto si tratta delle merci maggiormente utilizzate per le forniture di bordo.

Vengono imbarcate provviste su ogni tipo di nave, da quelle mercantili a quelle passeggeri di dimensioni sempre maggiori, sino a quattromila persone compreso l'equipaggio. Da ciò deriva che i prodotti lattiero caseari che vengono imbarcati in Europa rappresentano un ingente quantitativo. L'unico modo per riuscire ad ottenere la fornitura è offrire un prezzo competitivo possibile esclusivamente usufruendo di tali rimborsi.

In aggiunta, vengono stipulati contratti di catering "pluri-annuali" e le quote pro-capite, nella somministrazione dei pasti a bordo, vengono calcolate con margini al centesimo sul costo delle materie prime tenendo in considerazione i rimborsi del settore.

L'ANPAN è intervenuta sia a livello nazionale, sottoponendo un quesito al SAISA, che a livello comunitario, segnalando la situazione italiana all' OCEAN.

Il 28 Luglio 2005 l'OCEAN ha comunicato che la Commissione Europea ha deciso di revocare la decisione in merito ai rimborsi all'esportazione dei prodotti caseari, e le restituzioni oggi vengono nuovamente concesse ai provveditori con l'unica esclusione del latte e della panna.

Riteniamo questo un grosso risultato ottenuto dalla nostra categoria.

Le problematiche operative riscontrate dai nostri soci con la Dogana del Porto di Genova, hanno sensibilizzato la nostra Associazione che si è attivata per organizzare un incontro con il Direttore del Compartimento delle Dogane della Liguria, dott. Alberto Libeccio. Durante l'incontro, abbiamo concordato di preparare un documento riepilogativo con le procedure alternative alla prassi attuale per tutti i punti che presentavano aspetti critici.

Il documento che abbiamo redatto, con l'ausilio del delegato portuale Marco Gallizio è stato quindi presentato al dott. Alberto Libeccio, che lo ha sottoposto all'esame del gruppo di lavoro appositamente istituito. Siamo in attesa di comunicazioni in merito.

La nostra Associazione si è inoltre interessata delle problematiche legate alla figura dei Cuochi di Bordo, e per questo dobbiamo ringraziare Beppe Cavalleroni che, non solo ha iniziato l'approfondimento di tale tematica, ma in questi anni ha sempre seguito da vicino il problema.

La prima istanza presentata da Beppe Cavalleroni nel novembre 2003 al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, evidenziava come da quando gli Armatori Italiani di navi da carico non hanno più imbarcato garzoni di cucina, sia diventato sempre più difficile reperire Cuochi di Bordo muniti di abilitazioni, e i pochi rimasti siano sempre più vicini alla pensione.

L'obbligo di almeno due anni di navigazione con la qualifica di garzone di cucina per essere ammessi all'esame, è diventato praticamente impossibile da assolvere.

Le Aziende Appaltatrici a noi associate, che hanno il proprio referente nella persona del cuoco equipaggio, riscontrano difficoltà a gestire la propria attività.

La nostra associazione aveva pertanto presentato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un'istanza affinché si potesse trovare una soluzione al problema.

Il 14 dicembre 2004, l'Associazione aveva evidenziato alla Capitaneria di Porto di Genova la gravissima carenza di Cuochi di Bordo abilitati alla professione, che rappresenta, come già detto, un grande problema per molte aziende associate e, in generale, per la Marineria Italiana.

Durante il corso del 2005 si sono avuti costanti contatti ed interessamenti con le organizzazioni sindacali di categoria, nonché incontri con la Confitarma, per ottenere una modifica alla normativa e per la creazione di una scuola qualificata alla formazione che facilitasse l'abilitazione dei cuochi di bordo.

La sezione genovese di Confitarma ha chiesto alla nostra Associazione di valutare il numero di cuochi necessari agli appaltatori navali italiani per la realizzazione di un progetto patrocinato da Confitarma stessa che potrebbe godere di un finanziamento pubblico. A seguito di tale richiesta, abbiamo svolto un'indagine presso i nostri soci Appaltatori Navali ed è emersa la necessità di formare centocinquanta cuochi per navi mercantili nel prossimo biennio.

Abbiamo il piacere di avere qui con noi il dott. Claudio Barbieri, responsabile nazionale per la formazione professionale di Confitarma che ci relazionerà in merito.

La scorsa settimana ho avuto l'opportunità di presentare la nostra Associazione al dott. Di Roma, nuovo Direttore dell'Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti.

Dall'incontro è scaturita la possibilità, fondamentale per la nostra Associazione, di partecipare a tutti i tavoli di lavoro. Infatti troppo spesso la nostra categoria non è stata tenuta in considerazione in occasione della stesura di leggi e circolari.

Inoltre, abbiamo sottolineato l'importanza di arrivare ad una interpretazione univoca delle attuali leggi e circolari per tutto il territorio nazionale, evitando così disparità di trattamento tra i diversi porti e garantendo la tutela dell'affidabilità e la certezza del diritto. Abbiamo riscontrato un atteggiamento molto positivo ed aperto da parte dell'Agenzia delle Dogane .

A tal proposito sarà opportuno istituire una Commissione nell'ambito della nostra categoria per tenere i contatti con la Direzione sopra citata.

Come avrete avuto modo di notare da questo breve excursus sull'attività di quest'anno, lo spirito ed il valore della nostra Associazione consiste proprio nella forza che acquisiamo in quanto insieme di aziende espressione di una categoria.

Solo lavorando insieme e cooperando per il raggiungimento di obiettivi comuni, potremo beneficiare dei vantaggi dell'appartenenza ad una Associazione Nazionale.

Dobbiamo operare tutti insieme per migliorare le nostre condizioni di lavoro e per garantire la competitività delle nostre aziende a livello comunitario ed internazionale.

Solo in questo modo potremo porci su un piede di parità con le aziende europee.

E' un obiettivo che ci dobbiamo prefissare al fine di competere in un mercato globale, che, se fino a poco tempo addietro poteva sembrare utopia, oggi sempre più si fa sentire presente in ogni realtà.

A chiusura di questo mio intervento, vorrei chiedere un più assiduo impegno agli associati nell'interesse della categoria e questo in relazione ed alla luce dei risultati che abbiamo ottenuto e di quelli che abbiamo in programma di ottenere.

Vorrei rivolgere, infine, un caloroso ringraziamento ai Consiglieri ed alla Segreteria per l'attività svolta nello scorso esercizio.

Grazie a tutti.

›››Archivo
DESDE LA PRIMERA PÁGINA
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROXIMAS SALIDAS
Visual Sailing List
Salida
Destinación:
- orden alfabético
- nación
- aréa geogràfica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
PUERTOS
Puertos italianos:
Ancona Génova Rávena
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Liorna Taranto
Cagliari Nápoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venecia
Interpuertos Italianos: lista Puertos del mundo: Mapa
BANCO DE DATOS
Armadores Reparadores navales y astilleros
Expedicionarios Abastecedores de bordo
Agencias marítimas Transportistas
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivo
RESEÑA DE LA PRENSA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Reseña de la Prensa Archivo
FORUM de lo shipping y
de la logística
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivo
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Génova - ITALIA
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Director: Bruno Bellio
Prohibida la reproducción, total o parcial, sin el explicito consentimento del editor
Búsqueda en inforMARE Presentación
Feed RSS Espacios publicitarios

inforMARE en Pdf
Móvil