testata inforMARE
06 de diciembre de 2022 - Año XXVI
Periódico independiente sobre economía y política de transporte
17:49 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM de lo shipping y
de la logística

«A.L.C.E.»
ASSOCIAZIONE LIGURE COMMERCIO ESTERO
GENOVA

Relazione del Consiglio
all'Assemblea dei Soci

Genova, 28 Maggio 1998




I NUMERI DEI PORTI LIGURI:

Genova

Per il porto di Genova il 1997 è stato un anno decisamente positivo. Per la prima volta il traffico dei container, con un tasso di crescita del 42,9%, ha ampiamente superato il milione di teu, raggiungendo, a fine dicembre, esattamente 1.179.955 teu. I tre terminal che hanno ottenuto risultati migliori sono Vte (con una movimentazione complessiva di 547.407 teu), Sech (243.280) e Messina (210.607).

Le merci varie hanno toccato i 16.746.241 tonnellate registrando un incremento del 30,2% rispetto al '96 (in cui le tonnellate erano state 12.860.678). Il traffico convenzionale ha toccato i 6 milioni di tonnellate (con un aumento del 10%). In calo, invece, gli oli minerali che da 23.773.835 tonnellate dell'anno precedente passano nel '97 a 15.763.736 (meno 33,75). La diminuzione è stata causata dalla definitiva chiusura dell'oleodotto Snam che collegava Genova con la Germania.

E' aumentato del 6% anche il numero delle navi arrivate in porto, che sono state quasi 8 mila. Ma sono diminuiti i crocieristi (che erano quasi 400 mila del '96 e sono scesi di circa 40 mila unità toccando un meno 11%). Il motivo della flessione va ricercato nel trasferimento presso il porto di Savona di alcune linee e nella scarsa capacità attrattiva di Genova quale città turistica. Si è mantenuto stabile, invece, il movimento al terminal traghetti con oltre 2 milioni di passeggeri. E' aumentato, infine, il traffico ferroviario: nel '97 sono stati movimentati 145.341 carri carichi contro gli 89.071 dell'anno precedente (più 63,17%).

La Spezia

In forte calo la movimentazione dei container nel porto di La Spezia. Nel '97 sono stati spostati 615.604 teu contro gli 871.100 dell'anno precedente (meno 29,3%). Lo scalo evidentemente risente ancora in modo deciso del trasferimento sulle banchine di Genova delle attività del gruppo Messina. Si registra, invece, un aumento degli oli minerali che passano da 681.912 tonnellate nel '96 a 701.944 (più 2,9%) che non basta, però, a rendere positivo il bilancio totale del traffico commerciale il quale scende dalle 11.280.978 tonnellate del '96 alle 10.737.501 tonnellate del '97 (meno 4,8%). Si evidenzia anche una flessione del 70,6% nel movimento passeggeri (che passa da 185.794 unità a 54.678) e nel numero degli arrivi delle navi: da 2.340 nel '96 si è passati a 2.018 nell'ultimo anno (meno 13,8%). Per fare fronte a questa situazione, La Spezia sta cercando di potenziare un settore significativo per lo scalo, quello, cioè, delle riparazioni navali e, in genere, della cantieristica ma guarda anche con interesse al traffico crocieristico.

Savona

Continua la crisi, nel '97, del porto di Savona. Nel 1996 i teu movimentati sono stati 20.081, contro i 13.465 dell'anno scorso (meno 32,9%). Anche il traffico totale delle merci, comunque, ha subito una flessione (meno 11,2%): nel '96 sono stati sbarcate e imbarcate 11.895.135 tonnellate di merci varie contro 10.558.110 del '97. Il calo ha toccato ovviamente anche gli oli minerali che da 7.278.254 tonnellate sono scesi a 6.185.803 (meno 15%). Le speranze di una ripresa delle attività portuali vengono riposte nella conversione di una parte delle scalo al turismo, attrezzando le banchine sia per i diportisti che per le navi da crociera. Dal punto di vista del lancio turistico potrà avere peso il recente trasferimento dei traghetti della "Corsica Ferries" da Genova a Savona. Anche il bacino di Vado Ligure, che ha un notevole potenziale sia per i collegamenti che per le strutture, non ha ancora espresso appieno le proprie potenzialità.

Imperia

Bilancio positivo, invece, per il porto commerciale di Imperia, nei bacini di Oneglia e Porto Maurizio. il movimento totale delle merci nel '97 è stato di 170.919 tonnellate, una discreta crescita (più 17,3%) rispetto all'anno precedente durante il quale le tonnellate erano state 141.287. Anche per quanto riguarda il numero delle navi arrivate e partite si registra un incremento. Nel '96 erano state 163, l'anno scorso 227 (più 28,2%). E' negativo invece il saldo delle giornate lavorate dai portuali della Compagnia Maresca e quindi retribuite, che erano state 1.820 nel '96 e hanno avuto nel '97 un calo di circa il 38%.

Livorno

Si sono voluti riunire qui alcuni dati riferiti al vicino porto toscano per avere una visione completa del "sistema alto Tirreno". Paragonando i risultati degli scali della Liguria con quelli di Livorno, ci si accorge che questo ha aumentato la movimentazione dei container. Mentre nel '96 erano stati spostati 416.622 teu, l'anno scorso i teu sono stati 501.146 (più 20,3%). Il traffico totale delle merci ha, tuttavia, subito un calo. Nel 1996, infatti, ne erano state sbarcate e imbarcate 21.853.912 tonnellate, scese nel '97 a 21.345.381 (meno 2,3%). Il porto di Livorno dunque è lontanissimo dal traffico container di Genova, ma anche, nonostante la flessione, da quello della Spezia.

Il "sistema" dei porti e le comunicazioni

Se si confrontano i dati degli ultimi due anni riguardanti l'andamento complessivo del traffico merci (compresi gli oli minerali) del sistema dei quattro scali della Liguria, ci si accorge che la movimentazione nel '97, pari a 64.736.619 tonnellate, ha subito una flessione superiore ai 5 milioni di tonnellate rispetto al '96 (quando il totale raggiungeva i 70.061.157).

In ogni caso, per i tre principali porti liguri, nell'ottobre '97, il ministero dei Lavori Pubblici e quello dei Trasporti hanno stipulato protocolli d'intesa con le Autorità portuali per una serie di interventi di grande infrastrutturazione "immediatamente cantierabili" con finanziamenti per oltre 136 miliardi e 600 milioni complessivi. Al porto di Genova andranno circa 60 miliardi, a quello di La Spezia 37 miliardi e a quello di Savona 40 miliardi. Questo, si spera contribuirà a migliorare in futuro l'efficienza degli scali.

Leggendo i dati sopra esposti, dunque, ci si accorge che esistono molti trasferimenti divisi tra i vari porti di quello che abbiamo chiamato il "sistema alto Tirreno" e che si può definire tale, però, solo sulla carta geografica. Non ha ancora saputo aggredire, infatti, i traffici che passano tra Gibilterra e Suez. La nascita di un vero sistema è improcrastinabile se si vuole offrire un efficiente servizio, via Mediterraneo, alle imprese e ai consumatori, presenti in una vasta zona del territorio europeo, che oggi affrontano costi non necessari uniti a tempi troppo lunghi. Il sistema alto Tirreno, inoltre, ha bisogno di infrastrutture terrestri al passo con i tempi e in linea con le aspettative degli utenti. A questo proposito, da anni l'Alce ripete che occorrono aree polifunzionali portuali per le merci; è assolutamente necessaria, inoltre, l'apertura del terzo valico (per meglio collegare Genova con la pianura padana e il Nord Europa). Bisogna procedere poi al raddoppio della pontremolese e della Genova-Ventimiglia; all'ammodernamento della Genova-Ovada-Alessandria e della Savona-S. Giuseppe di Cairo; alla realizzazione del raccordo-bretella tra la città e il Vte (attraverso ferrovia e autostrada) e della bretella Chiavari-Busalla. Queste sono opere indispensabili per il sistema dell'alto Tirreno che è l'unico con le potenzialità per competere con quello del Nord, formato da Anversa, Rotterdam, Amsterdam e Amburgo. Occorre, perciò, che si dia inizio ai lavori al più presto se non si vuole andare incontro, in tempi brevissimi, al blocco delle attività del porto.

Infine, al pari di quanto accade in diversi scali all'estero, sarebbe necessario che una parte consistente del prelievo che viene effettuato alla frontiera fiscale fosse lasciata alle città portuali.


AUTORITA' PORTUALE DI GENOVA - DIREZIONE SVILUPPO
MOVIMENTO DEL TRAFFICO DEL PORTO DI GENOVA

TONNELLATEDicembre
1997
Dicembre
1996
Var. %Progressivo
1997
Progressivo
1996
Var. %

MERCE VARIA
traffico containerizzato936.901784.12919,5%10.707.8377.333.46946,0%
traffico convenzionale445.318423.2175,2%5.942.7155.436.0879,3%
provviste a bordo7.0086.3849,8%95.68991.122-5,0%
totale1.389.2271.213.73014,5%16.746.24112.860.67830,2%
RINFUSE SOLIDE779.681892.911-12,7%8.913.0478.337.2826,9%
RINFUSE LIQUIDE
oli vegetali, vino29.29025.43615,2%397.157356.97811,3%
prodotti chimici65.66662.6344,8%669.946626.2287,0%
bunkers74.56657.54929,6%779.962788.756-1,1%
totale169.522145.61916,4%1.847.0651.771.9624,2%
TOTALE GENERALE2.338.4302.252.2603,8%27.506.35322.969.92219,7%
OLI MINERALI1.613.2241.856.817-13,1%15.763.73623.773.835-33,7%
UNITA'
TOTALE CONTAINERS TEUS102.16787.32517,0%1.179.955825.75242,9%
NAVI ARRIVATE5725337,3%7.9597.4796,4%
NAVI PARTITE5725327,5%7.9437.4656,4%
MOVIMENTO PASSEGGERIDicembre
1997
Dicembre
1996
Var. %Progressivo
1997
Progressivo
1996
Var. %
Traghetti80.23581.501-1,6%2.079.6972.067.7980,6%
Crociere9.5828.57511,7%353.566399.227-11,4%
TOTALE89.81790.076-0,3%2.433.2632.467.025-1,4%


CARRI CARICHI ARRIVATI/PARTITI DAL PORTO DI GENOVA

MESE 1996 1997 var.
96/97

porto
storico
porto
Voltri
totale porto
storico
porto
Voltri
totale%
Gennaio3.775 2.2996.074 7.1753.359 10.53473,43
Febbraio3.682 2.6606.342 7.4063.734 11.14075,65
Marzo4.111 2.8826.993 7.9473.772 11.71967,58
Aprile3.078 2.7735.851 8.1393.821 11.960104,41
Maggio3.770 2.9876.757 9.0324.098 13.13094,32
Giugno3.832 3.2377.069 8.2523.589 11.84167,51
Luglio4.287 4.7479.034 9.2564.984 14.24057,63
Agosto2.934 3.9266.860 7.0614.051 11.11261,98
Settembre3.069 3.4806.549 7.6694.178 11.84780,90
Ottobre3.692 4.0247.716 9.4234.839 14.26284,84
Novembre4.353 4.8589.211 8.4254.326 12.75138,43
Dicembre6.678 3.93710.615 7.3873.418 10.8051,79
TOTALE47.261 41.81089.071 97.17248.169 145.34163,17
MEDIA3.938 3.4847.423 8.0984.014 12.11267,37

(Fonte: Autorità Portuale di Genova)


PORTI LIGURI E PORTO LIVORNO
MOVIMENTAZIONI COMPLESSIVE DI TEUS - ANNI 1996 - 1997

1996 1997 VARIAZ.

PORTO PIENIVUOTI TOTALE PIENIVUOTI TOTALE %

GENOVA -- 825.752- -1.179.955 42,9
LA SPEZIA 637.945233.155 871.100461.059 154.545615.604 -29,3
SAVONA 14.0286.053 20.0819.141 4.32413.465 -32,9
LIVORNO 289.224127.398 416.622341.175 159.971501.146 20,3


PORTI LIGURI
MOVIMENTAZIONI COMPLESSIVE IN TONNELLATE (compresi oli minerali)
ANNI 1996 - 1997

PORTO1996 1997%

GENOVA46.743.757 43.270.089 -7,43
LA SPEZIA11.280.978 10.737.501 -4,8
SAVONA11.895.135 10.558.110 -11,2
IMPERIA141.287 170.91917,3




Indice
LA CONGIUNTURA ITALIANA
LA BILANCIA COMMERCIALE ITALIANA
IL COMMERCIO ESTERO IN LIGURIA
LA DISOCCUPAZIONE
I NUMERI DEI PORTI LIGURI
GENOVA E IL SUO PORTO
L'AEROPORTO
I FATTI DELL'ASSOCIAZIONE
CONCLUSIONI


›››Archivo
DESDE LA PRIMERA PÁGINA
UNIPORT sottopone alla politica le questioni ritenute essenziali per lo sviluppo della portualità
Roma
Tra i temi evidenziati, quelli del lavoro portuale e delle concessioni
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Trecentomila euro di multa a Chantier Naval de Marseille (San Giorgio del Porto) per violazioni ambientali
Marsiglia
Denuncia presentata da due associazioni ambientaliste
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
MSC attiverà un nuovo servizio di linea diretto tra India e Mediterraneo occidentale
Ginevra
In Italia scalerà i porti di Genova, Salerno e Gioia Tauro
Alessandra Orsero è stata eletta presidente di Confetra Liguria
Genova
È vice presidente di Isomar e di Spediporto
Accademia Italiana della Marina Mercantile e Fincantieri avviano percorsi di formazione continua
Genova
Un programma è stato studiato specificamente per il personale tecnico del polo di Sestri Ponente
Progetto di Fedespedi e Accudire per sperimentare la digitalizzazione della CMR
Milano
Calamandrei: auspichiamo che il parlamento ratifichi, nel minor tempo possibile, il protocollo alla Convenzione CMR
Accordo tra Assologistica e Assiterminal per iniziative volte allo sviluppo del settore logistico
Milano
È incentrato su ntermodalità, modernizzazione dei contratti, digitalizzazione, formazione e sostenibilità
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROXIMAS SALIDAS
Visual Sailing List
Salida
Destinación:
- orden alfabético
- nación
- aréa geogràfica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
PUERTOS
Puertos italianos:
Ancona Génova Rávena
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Liorna Taranto
Cagliari Nápoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venecia
Interpuertos Italianos: lista Puertos del mundo: Mapa
BANCO DE DATOS
Armadores Reparadores navales y astilleros
Expedicionarios Abastecedores de bordo
Agencias marítimas Transportistas
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivo
RESEÑA DE LA PRENSA
S. Korean shipyards rank 2nd in new global orders in Nov.
(YONHAP News Agency)
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
››› Reseña de la Prensa Archivo
FORUM de lo shipping y
de la logística
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivo
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Génova - ITALIA
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Director: Bruno Bellio
Prohibida la reproducción, total o parcial, sin el explicito consentimento del editor
Búsqueda en inforMARE Presentación
Feed RSS Espacios publicitarios

inforMARE en Pdf
Móvil