testata inforMARE
06 de diciembre de 2022 - Año XXVI
Periódico independiente sobre economía y política de transporte
11:16 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM de lo shipping y
de la logística

LA GENERAZIONE DI MEZZO PER IL RILANCIO DI GENOVA

TESTO INTEGRALE DELLA RELAZIONE PRESENTATA DAL
GRUPPO DI LAVORO DEGLI IMPRENDITORI GENOVESI "UNDER 50"
SUL TEMA "ECONOMIA DEL MARE" NELLA RIUNIONE DEL 20 MARZO 1997 CHE SI E' SVOLTA ALLO STARHOTEL DI GENOVA

Nel corso della riunione che si è svolta il 20 marzo 1997 allo Starhotel di Genova con il titolo "La generazione di mezzo per il rilancio di Genova", gli appartenenti al gruppo degli "Under 50" hanno approfondito il tema "Economia del mare" nella seguente relazione letta da Gigi Gallo e firmata da Alfonso Clerici, Augusto Cosulich,, Riccardo Chiabra, Pierino Gai, Filippo Gallo, Gigi Gallo, Paolo Marsano, Pietro Moltini, Fabrizio Parodi e Fabio Pesto. (Hanno dato la loro disponibilità Franco Aprile, Cesare Castelbarco, Franco Gattorno, Alberto Carlo Merlo, La Monica):

Penso che siamo tutti d'accordo nel sostenere che un polo fondamentale dello sviluppo di Genova del 2000 sarà l'economia marittima, cioè quel complesso di attività che hanno come riferimento imprescindibile il rapporto con il mare: l'armamento e i servizi collegati, il sistema portuale, l'industria cantieristica e delle riparazioni navali, la nautica da diporto, la pesca. E la storia di questa città è sempre stata improntata sul rapporto con questa immensa pianura liquida e al tentativo, mai riuscito completamente, di dominarla.

Con periodi di forte sviluppo alternati a periodi di ripiegamento, la vocazione storica della città di Genova è sempre stata quella di una capitale del mare, città mercato, centro di informazioni in cui nel corso dei secoli si sono sviluppate le industrie dell'armamento e della cantieristica, sono nate le nuove professioni dei servizi a questa industria come i brokers assicurativi e dei trasporti, gli agenti marittimi e gli spedizionieri, i servizi tecnici, legali e assicurativi specializzati principalmente in questo campo, le creative forme di servizi finanziari per le nuove iniziative armatoriali che via via richiedevano capitali sempre più grandi, e tante altre microforme di indotto specializzato.

Genova come Oslo, Londra, Amburgo, Il Pireo in Europa. E lo sviluppo dell'economia marittima è andato di pari passo con lo svolgersi della storia della Repubblica di Genova: lo spiegamento della potenza marinara nel Mediterraneo nel tardo Medio Evo culminata nell'apogeo di Andrea Doria; la trasformazione in potenza marinara mercantile da metà del 500 fino a metà del 700 in cui l'attività industriale operativa è stata affiancata dalla più comoda rendita finanziaria, comunque derivata dalle scoperte di mondi nuovi e di nuovi traffici; le fasi di grande espansione nell'800 culminate nell'esercizio da parte degli armatori genovesi e liguri di 2000 velieri all'inizio del 900, prima della rivoluzione della navigazione a vapore; e ancora il periodo tra le due guerre mondiali e quello della ricostruzione in cui questa città ha ancora autorevolmente adempiuto al suo ruolo di capitale del mare del Sud Europa.

Ma non è solo questione di dna, l'economia marittima correttamente gestita è fonte di ritorni economici che creano sviluppo e occupazione: il recente studio del CENSIS dice che per quanto riguarda la produzione, ogni lira di domanda aggiuntiva in questo settore attiva nell'economia italiana, attraverso impulsi a monte e a valle del processo produttivo, una produzione complessiva di 2,627 lire (moltiplicatore della produzione), mentre per quanto concerne l'occupazione, ogni unità di lavoro aggiuntiva ne genera nel complesso 2,530 nel sistema economico nazionale (moltiplicatore dell'occupazione).

I comparti dell'economia marittima sono inoltre, anche se con tempi di reazione dei processi economici diversi, interdipendenti e quindi lo stato di buona salute dei principali si ripercuote su tutti gli altri. E viceversa.

A R M A M E N T O

L'armamento italiano e quindi anche quello genovese si trova in un serio dilemma: se vuole sopravvivere deve delocalizzarsi per operare in condizioni di maggior competitività.

Vediamo in questo trend un grande pericolo: la delocalizzazione porta fatalmente a spostare i cenrti decisionali delle imprese di navigazione fuori Genova; questo provoca un impoverimento del sistema economico marittimo della città. Rapporti, contatti, relazioni che si tramandano alcune volte da generazioni, si isteriliscono; mancano gli stimoli a crearne nuovi; la circolazione di informazioni che aiuta a costruire nuovi business diventa asfittica.

Dobbiamo sensibilizzare tutti su questo pericolo: una tradizione di sette secoli può svanire molto più velocemente di quanto si pensi e questa sarebbe una responsabilità storica che nessuna classe dirigente vorrebbe che le fosse addebitata.

Con l'inizio del terzo millennio è previsto il rinnovo del parco navi costruito all'inizio degli anni 70: insisto, se non si ricreeranno al più presto le condizioni per poter fare impresa armatoriale in modo competitivo in questo paese saremo tagliati fuori da questo processo con danni molto gravi all'economia della città e all'economia nazionale.

Le forze politiche conoscono questi problemi: le esortiamo a fare presto; è troppo comodo poi dire che non ci sono più imprenditori che sappiano fare il loro mestiere.

C A N T I E R I S T I C A

Un forte armamento costituisce una base solida di riferimento per la cantieristica pubblica e privata. In Liguria e a Genova abbiamo ancora una cantieristica importante di costruzione, di trasformazione, di riparazione. Per questo comparto le prospettive commerciali sono buone: la domanda dovrebbe facilmente coniugarsi con l'attuale capacità produttiva. I cantieri specializzati nei grandi lavori di trasformazione continueranno a raccogliere le sfide delle soluzioni tecnologiche innovative, inserendosi in nicchie di mercato trascurate dalle grandi produzioni di serie.

Un'attenta politica europea dovrà garantire che queste realtà produttive non siano fagocitate dalla cantieristica del Giappone, della Corea del Sud, della Cina.

I L ' S I S T E M A ' P O R T U A L E

Nell'arco di pochi anni, dal 1990 al 1995, il porto è mutato in modo profondo, grazie al processo di privatizzazione. Anche a livello europeo il porto di Genova è considerato un 'case history': da sistema assistito, inefficiente, non competitivo, intriso di cultura protezionistica, è diventato un sistema aperto, concorrenziale, tecnologizzato, presente sul mercato internazionale.

Due veloci dati sulla privatizzazione portuale (dati '96): un fatturato diretto di 800 miliardi, di cui 300 miliardi il fatturato targato autorità portuale e 500 miliardi quello dei terminalisti.Nel porto commerciale operano oggi 2400 unità, comprese tra compagnia portuale, autorità portuale e terminalisti. Altre 2500 unità operano nel ramo industriale.

Quindici anni fa' 9000 persone erano impiegate per produrre un traffico di 14 milioni di tonnellate, esclusi i traffici petroliferi. Oggi 2400 persone sono impiegate per gestire un traffico di 23 milioni di tonnellate, esclusi i traffici petroliferi. E' evidente il recupero di efficienza e il salto di produttività. Ma il sistema portuale genovese ha solo iniziato il nuovo percorso che lo dovrebbe portare a un più avanzato sviluppo e tale percorso è ancora lungo e pieno di difficoltà. Basta pensare al consolidamento dei nuovi soggetti imprenditoriali ancora alle prese con un difficile equilibrio economico. Basta pensare all'ulteriore necessaria razionalizzazione delle aree già in concessione e alla sistemazione delle aree da dismettere per garantire spazio vitale ai programmi di espansione degli imprenditori portuali. E' necessario accompagnare la crescita dei volumi del porto, ammodernando le infrastrutture esistenti con particolare attenzione alla viabilità e ai servizi accessori al ciclo portuale.

Bisogna ancora ricercare lo sviluppo degli altri segmenti della logistica: lo sdoganamento, lo stoccaggio, il reimballaggio, la distribuzione delle merci.

Bisogna, attivati i necessari investimenti, ricercare le alleanze giuste con tutti i soggetti del trasporto intermodale e creare una leadership nella gestione dei traffici che, proponendo le soluzioni più economiche alla merce, ci avvicini maggiormente alle grandi aree produttive del paese come punto di riferimento per il sistema trasportistico.

Si sente l'esigenza di un'autorità portuale che diventi finalmente regista del nuovo disegno di sviluppo, nella trasparenza, garantendo chi rischia, investe e crea ricchezza. Si abbandoni una volta per tutte il modello dell'emergenza, della riunione estemporanea sul problema sorto il giorno prima, con l'organo di gestione del porto, il Comitato Portuale, finalmente proteso alla progettazione del "sistema porto di Genova", e non bloccato dalla conservazione di mere rendite di posizione.

R I P A R A Z I O N I ' N A V A L I

Nel porto di Genova deve continuare ad avere un ruolo importante il comparto delle riparazioni navali. Trattasi di un ramo industriale in potenza molto ricco, perché costringe le navi a soste apprezzabili, molto più lunghe di una nave che carica o scarica, con evidenti benefici per tutto il sistema. Inoltre esiste un mercato vasto, almeno finché non sarà completamente sostituita e quindi mediamente ringiovanita la flotta mondiale, come accennavamo sopra.

Nel porto si deve trovare posto ai nuovi business: un tema dibattuto è il terminal per l'alta velocità. Nessun imprenditore potrà mai pensare di ideare una linea in questo nuovo comparto, senza una infrastruttura che consenta un parcheggio e un imbarco in spazi razionali collocata in un'area che non penalizzi in partenza il concetto stesso di trasporto ad alta velocità. Ci pensi che è incaricato di redigere il piano regolatore.

N A U T I C A

Ricalcando una tendenza impostasi recentemente un po' in tutto il mondo, anche a Genova si è fatta strada l'idea di recuperare aree del porto commerciale e attrezzarle per destinarle alla nautica da diporto.

Va ricordato che a Genova sono oggi presenti quattro aree un tempo destinate al porto commerciale e oggi riconvertite:

  1. Marina Fiera di Genova - circa 450 posti barca
  2. Porticciolo Duca degli Abruzzi - circa 400 posti barca
  3. Area porto storico - circa 400 posti barca
  4. marina di Sestri Ponente - circa 900 posti barca.

E' necessario coordinare queste realtà in modo da stemperare le tensioni di convivenza tra le esigenze del diportista nautico e quelle legate al traffico commerciale.

Inoltre è auspicabile in questo sforzo di maggior coordinamento prevedere l'assegnazione nel porto di Genova di maggiori spazi per le imbarcazioni di grandi dimensioni. Genova sarebbe la base ideale per queste imbarcazioni:

- dotata di strutture portuali complete
- presenza di tutta la gamma di servizi
- posizione geografica centrale per il turismo d'altura
- l'aeroporto vicino alla città

La presenza di yacht di grandi dimensioni aumenterebbe:

- il lavoro di manutenzione e di riparazione specializzato di costo elevato
- la presenza di artigianato di altissima qualità
- possibilità di impiego di equipaggi altamente qualificati
- possibilità di crescita del mercato del noleggio molto in voga per queste imbarcazioni.

Parlando di nautica, credo non si possa prescindere dall'importanza che riveste per la nostra città il Salone Nautico Internazionale. La necessità di mantenere e incrementare tale manifestazione è strettamente correlata con l'organizzazione e la struttura dell'area nella quale si svolge (ed entro la quale potrebbero aver luogo ulteriori manifestazioni di eguale importanza che oggi si tengono in altre città).

Cambiare la struttura dell'area fieristica significa sostenzialmente rispondere a due necessità primarie:

  1. avere una fiera funzionale e moderna
  2. pensarla in modo tale da costituire un fattore di arricchimento piuttosto che un elemento di ostacolo nella vita della città

Il confronto con altre aree fieristiche europee come Amsterdam, Düsseldorf, il nuovo progetto di Monaco di Baviera, per citarne alcune, rende evidente che i padiglioni esistenti sono ormai largamente obsoleti.

Un progetto che aspiri a risolvere il problema durevolmente dovrebbe prevedere interventi radicali tesi alla ricostruzione di edifici dotati di tutti quei servizi attivi intorno a un'area fieristica operativa tutto l'anno.

C o n c l u s i o n i

A conclusione di questa panoramica, lanciamo queste idee forti:

  • piantiamola, citando l'intervento di ieri del nostro Arcivescovo, di "pensare in vecchio", ma consideriamoci parte di un complesso sistema da aggregare ed integrare sempre meglio con forti potenzialità di sviluppo;
  • battiamoci affinché le condizioni per fare impresa marittima siano ricreare per competere nell'economia globale, con il contributo di una politica e un sindacato sensibili ai problemi della competizione internazionale;
  • partecipiamo con più determinazione alle politiche delle associazioni di categoria; indichiamo e supportiamo gli uomini espressione dei nostri interessi stimolandoli a produrre progetti per uno scenario di lungo periodo sul territorio;
  • chiediamo, producendo cultura del mare a tutti i livelli, che la città conosca meglio questa galassia di attività e le senta come un grande patrimonio cittadino;
  • rilanciamo il ruolo di Genova capitale del mare, città mercato, centro di attrazione di chiunque in Italia e, perché no, anche fuori, voglia trovare le professionalità giuste per creare nuovi business nel campo marittimo e dei trasporti; perché le opportunità che abbiamo avuto noi, siano offerte ai nostri figli.

E allora saremo più legittimati a pretendere:

  • a Genova, la sede del Registro internazionale
  • a Genova, la sede dell'Authority sui trasporti
  • a Genova, la sede del polo pubblico del cabotaggio merci
  • a Genova, il polo del cabotaggio dell'ENI
  • a Genova, il polo della logistica nazionale
  • a Genova, la candidatura come centro servizi rivolto alla grande distribuzione europea, creando un distretto specializzato formato da zone espositive, piccoli magazzini (eventualmente in area franca) per attrarre traders e produttori internazionali.

E ci scusiamo se ci siamo dimenticati qualcosa.

Cari amici, passione ed entusiasmo sono due molle straordinarie dello spirito umano e allora abbiamo scelto per chiudere di dare la parola a Giorgio Doria, il grande conoscitore della storia dell'economia marittima genovese, che così descrive il fascino del nostro mestiere:

"Chi lavora e crea il suo business sul mare opera in un contesto ostile e pericoloso, e non solo a causa delle tempeste. Per affermarsi e avere successo occorrono grandi doti: notevole coraggio, spirito di iniziativa, amore per l'avventura, collaudata professionalità, conoscenza della tecnologia, capacità di essere innovativi. Se è difficile ottenere questo mix, è ancora più arduo conservarlo nel tempo. Basta un piccolo cedimento per essere rapidamente emarginati, perché non c'è forse ambiente nel quale da sempre la competizione sia stata così diffusa, vivace e imprevedibile. E' una sfida all'intelligenza umana che i discendenti dei grandi navigatori devono raccogliere con la grinta dei loro avi" (La marineria genovese - IP 1989).

Noi vogliamo ricreare le condizioni per fare la nostra parte nella nostra città.

Gigi Gallo, Alfonso Clerici, Augusto Cosulich, Riccardo Chiabra, Fabrizio Parodi, Filippo Gallo, Fabio Pesto, Paolo Marsano, Pietro Moltini, Pierino Gai.

Hanno anche dato la loro disponibilità: Franco Gattorno, Cesare Castelbarco, Alberto Carlo Merlo, Franco Aprile, dott. La Monica.

›››Archivo
DESDE LA PRIMERA PÁGINA
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROXIMAS SALIDAS
Visual Sailing List
Salida
Destinación:
- orden alfabético
- nación
- aréa geogràfica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
PUERTOS
Puertos italianos:
Ancona Génova Rávena
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Liorna Taranto
Cagliari Nápoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venecia
Interpuertos Italianos: lista Puertos del mundo: Mapa
BANCO DE DATOS
Armadores Reparadores navales y astilleros
Expedicionarios Abastecedores de bordo
Agencias marítimas Transportistas
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivo
RESEÑA DE LA PRENSA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Reseña de la Prensa Archivo
FORUM de lo shipping y
de la logística
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivo
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Génova - ITALIA
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Director: Bruno Bellio
Prohibida la reproducción, total o parcial, sin el explicito consentimento del editor
Búsqueda en inforMARE Presentación
Feed RSS Espacios publicitarios

inforMARE en Pdf
Móvil