ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

26 septembre 2021 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 23:44 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNÉE XXVII - Numéro 11/2009 - NOVEMBRE 2009

Leasing

La COA chiede uno standard CIC unico

Secondo una nuova ricerca condotta dalla COA (Associazione dei Proprietari di Contenitori), gli operatori di container potrebbero ridurre significativamente i costi di fine noleggio dei contenitori.

Lo studio suggerisce che le linee di navigazione potrebbero risparmiare una media del 12,9% sul costo della riparazione dei contenitori alla fine di un contratto di leasing.

La COA adesso chiede che il settore della navigazione marittima di linea adotti uno standard unico per le ispezioni dei contenitori a fine noleggio.

La maggior parte delle linee di navigazione effettua operazioni con flotte di contenitori che comprendono una mescolanza di contenitori noleggiati e di proprietà.

Quando vengono restituiti alla fine di un contratto di leasing, il contenitore viene ispezionato e viene predisposto un preventivo per i lavori di riparazione che devono essere effettuati sul container al fine di far sì che esso soddisfi uno dei due criteri di interscambio accettati nel settore: i CIC (Criteri Comune di Interscambio) adottati dalla COA e lo IICL-5.

A marzo del 2009, la COA aveva stabilito che un gruppo di lavoro rappresentativo di vari operatori, comprendente linee di navigazione, società di leasing e depositi di riparazione, calcolasse la differenza fra i due criteri in ordine ai costi di riparazione stimati a fine noleggio.

Il progetto comportava le ispezioni a confronto per 600 container complessivi in tutto il mondo.

Sei depositi di tutto il mondo - due in Europa, due in Asia e due nelle Americhe - hanno ispezionato ciascuno 100 container (50 unità da 20 piedi per carichi secchi e 50 unità da 40 piedi high-cube).

Su tali contenitori sono state condotte ispezioni sulle stime di interscambio, alla luce dei criteri sia CIC che IICL-5.

Sulla base delle cifre inerenti all'indagine - compreso un indice con riferimento al peso al fine di riflettere i maggiori volumi di fine noleggio in Asia - i costi di riparazione stimati dei contenitori ispezionati ai sensi dei CIC sono stati minori del 12,9% rispetto a quelli delle unità ispezionate ai sensi dell'IICL-5.

La COA ha dichiarato che la differenza fra i due criteri è significativa e sostanziale e, per tale motivo, ha deciso di chiedere al settore del trasporto marittimo di contenitori l'adozione dei CIC quale standard unico del settore per le ispezioni di fine noleggio dei contenitori.

Per esaminare il rapporto completo e l'analisi comparativa dello studio fra CIC ed IICL-5, si può visitare il sito www.containerownerassociation.org.
(da: cargosystems.net, 24.11.2009)





Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XXVII
Numéro 11/2009

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail