ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 septembre 2021 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 01:10 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNÉE XXVII - Numéro 11/2009 - NOVEMBRE 2009

Safety & security

Avviato un progetto sugli standard per la sicurezza

È stato elaborato un progetto congiunto al fine di stabilire specifiche comuni minime per la sicurezza concordate che possano costituire lo standard per tutte le gru per container da banchina.

Il TT Club, la Pema (Port Equipment Manufacturers Association) e la ICHCA International hanno messo assieme le forze per lanciare l'iniziativa in questione, finalizzata ad aiutare il porto ed il settore terminalistico a minimizzare il costo delle lesioni e degli incidenti nel corso della vita delle gru.

Il primo lavoro comporterà la concertazione della lista delle caratteristiche della sicurezza personale che dovrebbe essere standard.

I partner, successivamente, cercheranno di impegnare tutti i fornitori di gru per container da banchina sulle specifiche di base degli standard in relazione alla sicurezza che verrà utilizzata negli appalti.

“Ci sono molte caratteristiche disponibili per la progettazione delle gru per container da banchina che possono migliorare moltissimo la sicurezza, riducendo l'esposizione ai costi relativi a lesioni, danni e guasti” afferma Laurence Jones, direttore valutazione rischi globali del TT Club.

“Il nostro gruppo desidera far sì che tali caratteristiche vengano incluse quali standard o non come facoltative nelle specifiche appaltate dai produttori di equipaggiamenti”.

La ditta di mutue assicurazioni ha una reputazione di lunga durata nella promozione dei progressi tecnologici che comportino il miglioramento della sicurezza personale e delle prestazioni negli ambienti portuali ed aveva in precedenza raccomandato l'installazione di sensori anticollisione sul baglio delle gru.

Ottonel Popesco, presidente della Pema, ha dichiarato: “La problematica che il progetto cerca di affrontare è quella dello sviluppo di una specifica sugli standard minimi di sicurezza per le gru containerizzate da banchina che costituisca un punto di riferimento.

Ciò può riguardare questioni quali i sensori anticollisione sul baglio, un'appropriata chiusura fra la cabina ed il baglio, inclinazione dei gradini ed altezza del corrimano sicure, sistemi di guida del cavaliere e di frenaggio, freni di ancoraggio, spinotti di ancoraggio e fissaggi a corda.

Proprio come accade per le cinture di sicurezza nelle automobili, le caratteristiche di sicurezza critiche dovrebbero essere standard e non facoltative.

Nel contesto della missione della Pema finalizzata a supportare e contribuire all'implementazione di iniziative in ordine alle migliori prassi, noi speriamo che questo progetto possa dare un valido contributo al nostro settore ed ai nostri clienti mediante la definizione di linee-guida comuni per le caratteristiche relative alla sicurezza personale sulle gru da banchina”.

John Strang, presidente della ICHCA International, ha aggiunto il proprio sostegno al progetto:
“Inevitabilmente, l'approvvigionamento in fatto di gru è un'attività sensibile ai prezzi e richiede un budget significativo.

Tuttavia, gli acquirenti non sempre hanno familiarità con le tecnologie più efficienti in materia di sicurezza.

“Inoltre, il processo relativo alle specifiche da richiedere è complesso; ogni risposta dev'essere attentamente valutata confrontandola con l'invito a fare proposte e le richieste di modifica successive possono rivelarsi costose.

Per tutte queste ragioni, in tutte le assegnazioni d'appalto dovrebbe esserci una linea di base standard sulla sicurezza al fine di far sì che il settore abbia le gru più sicure possibili.

La questione non è limitata alle gru per contenitori da banchina.

Essa è allo stesso modo rilevante per le altre gru e gli altri equipaggiamenti terminalistici.

La nostra mira a lungo termine è quella di istituire standard di base sulla sicurezza internazionali e nazionali per tutti gli equipaggiamenti terminalistici”.
(da: cargosystems.net, 12.11.2009)



PSA Genova Pra


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XXVII
Numéro 11/2009

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail