testata inforMARE
06 de diciembre de 2022 - Año XXVI
Periódico independiente sobre economía y política de transporte
12:18 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM de lo shipping y
de la logística
TRAFFICI MARITTIMI E UNIONE EUROPEA: L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA ITALIA

Giovedì 19 Giugno 1997 ore 10,45
Centro Congressi Magazzini del Cotone di Genova

Intervento di Sebastiano Gattorno
Vicepresidente di Confetra
Presidente del Gruppo SGF
Sebastiano Gattorno

Ringrazio per avermi dato la possibilità di esprimere "il pensiero Confetra" in questo importante incontro internazionale che mette a confronto, se così si può dire, il "sistema Italia" con il modello europeo. Ho detto "se così si può dire" perché il fatto presuppone dare per scontato che ad oggi il "sistema Italia" funzioni e che il modello europeo preveda nel suo disegno globale l'importanza, le esigenze e gli interessi che l'Italia rappresenta in Europa.

La Confetra come associazione ha da tempo indicato nel suo Libro Bianco quali siano le questioni da affrontare ed i nodi da sciogliere per costruire insieme, in Italia, un sistema efficiente, coerente e rispettoso degli orientamenti, delle disposizioni e dei regolamenti europei.

La stessa Confindustria ha presentato al Governo una memoria camerale dove sono indicate le criticità e le possibili soluzioni, ivi compresa la disponibilità da parte dell'impresa ad offrire la propria collaborazione nel rispetto delle primarie prerogative del Governo e per converso da parte di questo di indicare il quadro programmatico progettuale e legislativo sulla base del quale il cosiddetto privato possa operare. Si tratta in sintesi di definire le precondizioni per lo sviluppo.

Anche oggi vengono sottoposti alla nostra attenzione alcune importanti questioni: armamento, cabotaggio, registro Internazionale, cantieristica, porti, legge 84/94.

Da parte mia, ritengo doveroso ribadire alcune considerazioni e proposte che rimangono attuali, per la semplice ragione che sino ad oggi non sono state date le risposte necessarie per costruire in Italia una cultura logistica, sostenuta da una politica di Governo che abbia come base un nuovo Piano Generale del sistema dei Trasporti.

Come Confetra siamo partiti per tutte le proposte dal medesimo motivo ispiratore, che è la liberalizzazione del mercato da attuare senza deregolamentazioni selvagge e repentine ma avendo bene presente che l'Unione Europea ha di fatto innescato il processo di abbattimento delle barriere fisiche, tecniche e regolamentari che si oppongono alla fluida circolazione delle merci sui mercati sovranazionali e che danno origine ad aggravi di costi per la mobilità delle cose.

L'obiettivo è quello di passare dai diversi sistemi di trasporto al sistema della logistica, definendo un modello che rappresenti un'opportunità ed un contributo allo sviluppo economico ed occupazionale per l'Italia e per tutti i Paesi dell'Unione, oltre che una base sulla quale avviare le necessarie innovazioni in termini di mentalità, organizzazione del lavoro, tecniche e regolamentazione del rapporto.

Dalla crescita senza modello, che ancora caratterizza il sistema nazionale, occorre quindi compiere un balzo verso il futuro superando la confusione attuale, della quale esiste finalmente una diffusa consapevolezza, per arrivare alla definizione di un quadro di sviluppo che si integri con quello europeo in piena corrispondenza con i principali trend ed esigenze del mercato che, come ho già avuto di affermare in questi giorni al riguardo, si sintetizzano nei punti seguenti:

  • globalizzazione commerciale e produttiva del comparto industriale, il quale sta sempre più concentrandosi sul proprio "core business";

  • definizione di partnership commerciali e strategiche (jointventure) fra industria ed operatori logistici;

  • creazione degli strumenti finanziari adeguati a sostenere l'avvio e lo sviluppo di nuove iniziative (family banking).

Confetra ha elaborato alcune proposte fra cui quelle relative ai nodi della rete infrastrutturale, ai terminal interni, ai porti ed agli aeroporti su cui devono concentrarsi gli interventi di razionalizzazione e di rinnovamento gestionale, operati secondo criteri di ottimizzazione logistica che identifichino una rete dedicata alle merci, razionalmente articolata in hub e punti decentrati di raccolta e distribuzione.

E' questa la base operativa a cui dovranno affiancarsi interventi di omogeneizzazione della regolamentazione di settore, per favorire la creazione di un'organizzazione del lavoro improntata alla flessibilità ed alla mobilità delle risorse, che non significa sfruttamento ma adeguamento e valorizzazione delle competenze all'interno di un contesto produttivo fortemente dinamico ed in continua diversificazione territoriale.

In tale processo il settore pubblico e l'imprenditoria privata devono avvicinarsi, superando alcuni gap iniziali ed operando un'inversione di rotta che trova il punto di convergenza nei processi di privatizzazione delle infrastrutture.

I gap sono relativi al recupero delle funzioni tipiche del pubblico e del privato, da perseguire recuperando da un lato i ritardi e le inadeguatezze di un passato sbilanciato sul versante della gestione e dall'altro mettendo a disposizione le proprie capacità manageriali e l'impegno di progettazione tecnica e finanziaria.

L'inversione di rotta passa anche attraverso la costituzione di quella proposta di comitato che, presentata qui a Genova nel gennaio 1995 al convegno di Confindustria, è stata recentemente ripresa dal Governo e che prevede la creazione di un soggetto pubblico e privato che garantisca la continuità degli indirizzi politici e la certezza dei relativi investimenti e quindi:

  • accompagni gli organi statali nelle scelte inerenti lo sviluppo di una politica del trasporto a livello nazionale e comunitario;

  • proponga valutazioni e progetti in merito allo stato delle infrastrutture nel nostro Paese, attuando con urgenza gli interventi mirati alla ristrutturazione competitiva del comparto logistico, allo sviluppo delle reti di comunicazione ed all'analoga diffusione di tecnologie dedicate;

  • incentivi la formazione dei giovani per agevolarne l'inserimento occupazionale, fornendo gli strumenti necessari a svilupparne le doti di imprenditorialità individuale; stimoli l'aggiornamento di chi è già inserito in azienda e deve rapportarsi con uno scenario mondiale caratterizzato da crescenti esigenze di mobilità e flessibilità; favorisca il ricambio generazionale;

  • armonizzi il quadro di riferimento da un punto di vista normativo e tecnologico.

Sotto quest'ultimo aspetto bisogna intervenire con estrema urgenza, perché la dinamica competitiva del settore logistico è tale da creare una forte discrasia fra i bisogni espressi dal mercato ed i tempi richiesti dall'Unione e dai singoli Stati membri per adempiere ai rispettivi iter decisionali. E' questo un aspetto fondamentale, che desidero sottolineare, in quanto a tutt'oggi manca una tipizzazione del contratto di trasporto multimodale ed ancora risulta del tutto estraneo alla normativa il concetto di un contratto di logistica, che regoli in modo trasparente i rapporti fra l'operatore e la propria utenza.

In tale contesto il mix costituito dalla lentezza decisionale delle Istituzioni e dalla polverizzazione dei soggetti imprenditoriali ha contribuito a collocare il nostro Paese in una posizione di forte passività logistica rispetto agli altri Paesi dell'Unione, condizionando in modo pesante il nostro inserimento in una logica di sistema globale, all'interno del quale lo sviluppo politico, economico e sociale venga uniformemente veicolato in modo sostenibile e duraturo.

Occorre dunque lavorare insieme per affrontare e risolvere tutti i punti sopra delineati, anche allargando il ruolo del comitato da un'ottica prevalentemente nazionale ad un'ottica pienamente europea, per incentivare non solo il dialogo e la collaborazione fra organi statali e comunitari ma per favorire anche l'interscambio e le sinergie fra operatori europei e guardare ad un'Europa che non sia unita soltanto sulla base di indici finanziari ma si poggi sulle più solide fondamenta del lavoro e del benessere diffuso.

In tale ipotesi esprimo la mia disponibilità, in quanto Vicepresidente di Confetra ed imprenditore, a collaborare con chi voglia impegnarsi concretamente su tale progetto.

›››Archivo
DESDE LA PRIMERA PÁGINA
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROXIMAS SALIDAS
Visual Sailing List
Salida
Destinación:
- orden alfabético
- nación
- aréa geogràfica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
PUERTOS
Puertos italianos:
Ancona Génova Rávena
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Liorna Taranto
Cagliari Nápoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venecia
Interpuertos Italianos: lista Puertos del mundo: Mapa
BANCO DE DATOS
Armadores Reparadores navales y astilleros
Expedicionarios Abastecedores de bordo
Agencias marítimas Transportistas
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivo
RESEÑA DE LA PRENSA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Reseña de la Prensa Archivo
FORUM de lo shipping y
de la logística
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivo
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Génova - ITALIA
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Director: Bruno Bellio
Prohibida la reproducción, total o parcial, sin el explicito consentimento del editor
Búsqueda en inforMARE Presentación
Feed RSS Espacios publicitarios

inforMARE en Pdf
Móvil