testata inforMARE
27 novembre 2022 - Année XXVI
Journal indépendant d'économie et de politique des transports
16:29 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM des opérateurs maritimes
et de la logistique
Autorità Portuale di Genova
Piano Operativo Triennale 2008-2010
INDICE
Sviluppo dei traffici nel porto di Genova. Primi aggiornamenti


Il traffico containerizzato

Il quadro macroeconomico appena delineato introduce nuovi elementi di valutazione rispetto a quelli disponibili in sede di aggiornamento annuale del documento di programmazione nell'autunno scorso, rendendo opportuna una revisione delle stime di crescita della domanda almeno nel breve periodo, ispirandole ad un criterio di prudenzialità, in ragione della fase di incertezza che caratterizza l'economia mondiale.

Le nuove stime rivelano infatti tassi di crescita nel settore dei traffici containerizzati inferiori rispetto a quelli ipotizzati nel precedente documento di programmazione, con una conseguente riduzione della domanda ed il raggiungimento della saturazione della capacità dei terminal contenitori del porto di Genova prevista nel periodo 2014-2015.

Il quadro di bilanciamento tra domanda e offerta che ne deriva è sinteticamente rappresentato nel prospetto che segue.

Tabella 4 - Confronto fra domanda e offerta dei traffici containerizzati nel porto di Genova
(M.ni TEUs)

Periodo

Capacità max

Traffici attesi

Treni/giorno

2008

2.10

1.90

35

2012

3,75

2.90

65

2017

4.75

5,00

125

Nota: il programma prevede l'avvio del progetto Retroporto nella seconda metà del 2008 e la sua entrata
in funzione a fine 2009 con l'obiettivo di conseguire a regime una capacità di 500.000 TEUs.

Fonte: Elaborazioni Autorità Portuale di Genova

Nel periodo 2008 - 2012, che coincide con la realizzazione e la progressiva entrata a regime degli interventi previsti dal PRP, si assiste ad un crescita della domanda in ragione dello sviluppo economico e commerciale dell'Italia e dell'effetto di attrazione dei traffici generato dalla predisposizione dei nuovi spazi, con l'acquisizione di nuove quote di mercato.

La domanda addizionale potrà essere soddisfatta, innanzitutto, con l'entrata in esercizio del VI modulo di Voltri e, successivamente, con il completamento e l'entrata in servizio dei due nuovi poli container del bacino di Sampierdarena, Ronco - Canepa e Sanità - Bettolo. Inoltre, un ulteriore elemento volto ad aumentare l'offerta di capacità potrà essere individuato negli incrementi di produttività dei terminal, a seguito della predisposizione delle aree retroportuali e del relativo sistema logistico di collegamento.

Il periodo 2012 - 2017 si caratterizza invece con il completamento e l'entrata in servizio del Terzo Valico ferroviario e delle linee di valico alpine inserite nei corridoi transeuropei dei trasporti, attesi nella seconda metà degli anni '10. Lo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie favorirà una penetrazione commerciale nei bacini di traffico del centro - sud Europa, con un positivo effetto di riequilibrio delle quote di mercato nei confronti dei porti del Northern Range ed un previsto aumento del tasso di crescita della domanda.

L'attesa progressiva estensione del mercato di riferimento del porto di Genova ai mercati dell'Europa centro-meridionale dovrebbe condurre entro il 2020 a ulteriori crescita della domanda, stimabile in circa 6 milioni di TEU.

Premesso che il mercato delle merci containerizzate si caratterizza per una “overcapacity strutturale”, derivante dalla necessità di evitare fenomeni di congestione, mal sopportati da un settore nel quale la velocità di svolgimento delle operazioni portuali è uno degli elementi fondamentali del ciclo del servizio, dall'esame del bilanciamento domanda/offerta nel settore emergono due considerazioni principali.

In primo luogo, in attesa della realizzazione e dell'entrata a regime degli interventi previsti e ipotizzati, si rende indispensabile un aumento della velocità di inoltro delle merci sui mercati di destinazione e viceversa, con riduzioni significative del dwell time medio attuale. Tale obiettivo può essere raggiunto con l'utilizzo di aree retroportuali collegate senza soluzione di continuità tecnica e gestionale al porto attraverso un servizio di trasporto ferroviario caratterizzato da elementi di crescente efficienza, sull'esempio delle iniziative già intraprese con le strutture logistiche dello scalo di Alessandria e del Rivalta Terminai Europa, cosi da disporre di capacità addizionale già nel breve periodo e di un acceso ai mercati di Oltralpe attraverso i Corridoi Transeuropei (5 e 24). Inoltre, in questo contesto possono essere collocate e sottoposte a valutazione alcune iniziative progettuali, quale quella in particolare sviluppata da SITI. che ha fatto registrare una significativa evoluzione progettuale e che l'Autorità Portuale di Genova intende seguire con attenzione, di intesa con il Comune di Genova, nel contesto di un gruppo di lavoro di recente avviato, per i positivi effetti che possono essere indotti dalla concretizzazione di questa idea progettuale in termini di potenziamento dell'offerta, dovendosi preliminarmente acquisire la fattibilità economica del progetto volta a qualificare l'interesse del mercato, e prioritariamente delle principali compagnie produttrici di traffico. alla sua realizzazione e gestione.

La seconda considerazione riguarda la saturazione della capacità produttiva dello scalo genovese che, pur tenendo conto della maggiore produttività, verrebbe raggiunta nel periodo 2014- 2015.

Alla luce di quanto sopra ed in coerenza con la deliberazione assunta dal Comitato portuale nell'autunno scorso sulla nuova programmazione delle opere, si evidenzia la necessità di programmare un ulteriore potenziamento dell'offerta di servizi portuali dedicati al settore delle merci containerizzate, oltre alle opere già previste dal vigente Piano Regolatore, anche in linea con le linee programmatiche espresse dal Comune di Genova. I tempi di realizzazione delle nuove opere devono essere compatibili con il previsto andamento del mercato e devono quindi assicurarne l'entrata in servizio delle infrastrutture non oltre il 2015, anche in ragione del potenziamento del nodo ferroviario di Genova e all'entrata in funzione del Terzo Valico.

Appare dunque evidente come, nella fase attuale, caratterizzata ancora da un naturale trend di crescita dei mercati, pur con possibili momenti riflessivi dovuti alla rapida trasformazione delle economie del far-east, la strategia di investimento debba essere rivolta ad almeno quattro elementi: le opere portuali, le opere retroportuali, i sistemi di supporto, caratterizzati da un'elevata automazione ed innovazione tecnologica, ed i modelli di governance, al fine coniugare il miglioramento delle condizioni della vita socio-economica del Porto con gli obiettivi di sviluppo che sono postulati dalla pianificazione logistico-trasportistica nazionale in connessione con i grandi assi transeuropei.

Tale strategia, ovviamente, presuppone un attivo (e locale) condizionamento con i territori coinvolti a partire dal contesto urbano nel quale il Porto è collocato.

Da ciò consegue la necessità di operare la revisione o l'aggiornamento del Piano Regolatore Portuale, di sottoporre a riesame la Programmazione Operativa ed a garantire la migliore e più efficace definizione dei sistemi di supporto.



Gli altri settori merceologici

Con riferimento alle categorie merceologiche diverse dalla merce containerizzata movimentate nel porto di Genova viene presentato di seguito un prospetto sull'andamento dei traffici nel periodo 1997-2007.

Tabella 5 - Riepilogo dell'andamento delle diverse categorie di traffico del porto di Genova (anni 1997, 2002, 2007)


1997

2002

2007

Var %
1997-2007

MERCE VARIA

16.650.673

22.691.056

29.721.619

79%


di cui:






traffico containerizzato

10.707.747

14.151.641

18.772.228

75%


traffico convenzionale

5.942.926

8.539.415

10.949.391

84%

RINFUSE SOLIDE

1.986.394

2.378.782

1.777.765

-11%

OLI MINERALI

15.788.637*

19.203.608

20.463.668

30%*

ALTRE RINFUSE LIQUIDE

1.067.103

968.400

1.011.665

-5%


di cui:






oli vegetali, vino

397.157

359.674

443.336

12%


prodotti chimici

669.946

608.726

568.329

-15%

TRAFFICO COMMERCIALE TOTALE

35.492.807

45.241.846

52.974.717

49%






FUNZIONE INDUSTRIALE TOTALE

6.935.607

6.507.442

4.214.838

-39%


di cui:






rinfuse solide

3.154.375

2.612.650

473.894

-85%


traffico siderurgici

3.781.232

3.894.792

3.740.944

-1%






BUNKERS e PROVVISTE DI BORDO

875.651

1.099.013

1 .460.8 34

67%






TOTALE GENERALE

43.304.065

52.848.301

58.650.389

35%






MOVIMENTO PASSEGGERI TOTALE

2.433.263

3.207.356

3.223.196

32%


Traghetti

2.079.697

2.639.850

2.702.999

30%


Crociere

353.566

567.506 520.197

47%


Note: * Si consideri che nel quinquennio 1992 -1996 la movimentazione media di oli minerali è stata pari
a 25.300.000 tonnellate. Il drastico calo nel 1997 è dovuto alla chiusura dell'oleodotto per Ingolstadt

Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova



Forestali e cellulosa

L'andamento dei traffici del settore si è assestato, nel corso dell'ultimo triennio, su valori mediamente inferiori a quelli del periodo 1997 - 2004, come evidenziato nella tabella sottostante.

Tabella 6 - Andamento dei traffici di forestali e cellulosa nel porto di Genova (anni 1997-2007)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Forestali/cellulosa

201.878

170.585

208.830

190.501

207.347

179.942

188.096

172.871

137.309

174.265

155.743

-2.56%

Legname

340

55.995

16.614

70.787

77.010

55.892

49.204

44.264

18.773

17.215

0

-100,00%

Totale

202.218

226.580

225.444

261.288

284.357

235.834

237.300

217.135

156.082

191.480

158.749

-2.39%

% var annua

l2%

-1%

16%

9%

-17%

1%

-8%

-28%

23%

-17%



Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova





Ortofrutta

Con riguardo al comparto dell'ortofrutta, a fronte di un andamento complessivamente positivo del traffico nell'arco di tutto il periodo esaminato, l'anno 2007 ha fatto registrare dinamiche mensili piuttosto variabili.

Tabella 7 - Andamento dei traffici di orto frutta nel porto di Genova (anni 1997 - 2007)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Ortofrutta

69.611

89.143

121.419

119.935

132.827

170.229

160.557

158.796

153.712

147.186

172.727

9,51%

% var annua


28%

36%

-1%

11%

28%

-6%

-1%

-3%

-4%

17%


Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova





Prodotti siderurgici e impiantistica

I traffici di impiantistica rivelano un andamento caratterizzato complessivamente da elementi di variabilità, mentre una costante crescita (con un picco nell'ultimo anno) si registra nella movimentazione dei prodotti siderurgici e nei metalli ferrosi e non ferrosi.

Tabella 8 - Andamento dei traffici di prodotti siderurgici e impiantistica nel porto di Genova (anni 1997- 2007)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Prodotti siderurgici

146.787

197.211

527.827

449.645

394.900

441.235

472.468

477.500

484.064

483.775

645.418

15.96%

Impiantistica

103.645

-

-

66.356

135.293

140.113

119.200

97.932

97.474

99.807

87.763

-1.65%

Totale

250.432

197.211

527.827

516.001

530.193

581.348

591.668

575.432

581.538

583.582

733.181

1l,34%

% var


-21%

168%

-2%

3%

10%

2%

-3%

1%

0%

26%


Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova





Rinfuse solide

Nel periodo considerato, il traffico di rinfuse solide nel porto di Genova presenta un trend complessivamente positivo, seppur caratterizzato da una forte componente di variabilità.

Tabella 9 - Andamento dei traffici delle rinfuse solide nel porto di Genova (anni 1997 - 2007) (dati espressi in migliaia di tonnellate)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Nere

1.379

1.298

1.317

1.539

1.356

1.543

977

1.221

1.362

1.333

1.237

-1,08%

Bianche

437

555

612

838

875

820

1.032

1.165

1.175

1.119

540

2.14%

Totale

1.816

1.853

1.929

2.377

2.231

2.363

2.009

2.386

2.537

2.452

1.777

-0,22%

% var annua

2%

4%

23%

-6%

6%

-15%

19%

6%

-3%

-27%



Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova




Rotabili

Tra i diversi settori merceologici presi in considerazione, i rotabili presentano, nel periodo esaminato, il più elevato tasso di crescita, così da suggerire l'opportunità di effettuare degli approfondimenti sulla dinamicità del comparto in una prospettiva di medio-lungo termine.

Tabella 10 - Andamento dei traffici di rotabili nel porto di Genova (anni 1997 - 2007)
(dati espressi in migliaia di tonnellate)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Rotabili

5.214

5.367

6.073

6.905

7.203

7.474

8.339

8.559

8.486

8.967

9.734

6,44%

% var annua


3%

13%

14%

4%

4%

12%

3%

-1%

6%

9%


Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova





Rinfuse liquide

Se i traffici di greggio sono caratterizzati da una certa stabilità nell'ultimo quinquennio, si evidenzia come si registri nello stesso arco temporale una lenta ma costante crescita nella movimentazione dei prodotti raffinati.

In questo contesto, può essere interessante effettuare alcuni approfondimenti sul tema della movimentazione e dello stoccaggio dei biocombustibili, alla luce delle esperienze maturate nelle principali realtà portuali nordeuropee e degli attesi sviluppi nel settore, accelerati di recente dal continuo aumento del costo del petrolio.

Con riferimento invece al traffico di rinfuse liquide alimentari e di prodotti chimici si evidenzia una sostanziale stabilità delle prime e una lenta ma costante diminuzione delle tonnellate movimentate dei secondi, indicatori di un mercato sostanzialmente consolidato.

Tabella 11 - Andamento dei traffici di rin fuse liquide nel porto di Genova (anni 1997 - 2007)
(dati espressi in migliaia di tonnellate)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Greggio

11.721

12.801

13.163

14.120

14.108

14.890

15.350

15.513

15.607

15.529

15.017

2,51%

Raffinati

4.068

3.296

3.414

3.287

3.822

4.313

4.074

4.372

4.857

5.038

5.446

2,96%

Totale

15.789

16.097

16.577

17.407

17.930

19.203

19.424

19.885

20.461

20.567

20.463

2,63%

% var annua


2%

3%

5%

3%

7%

1%

2%

3%

1%

-1%


Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova




Tabella 12 - Andamento dei traffici di prodotti chimici e
rinfuse liquide alimentari nel porto di Genova (anni 1997 -2007)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Chimici

669.946

658.244

667.714

671.523

616.057

608.726

598.497

606.077

583.020

564.794

568.329

-1,63%

Rinfuse liq. alimentari

397.158

368.927

308.974

300.129

368.328

359.674

433.584

529.076

420.379

508.630

443.336

1,11%

Totale

1.067.104

1.027.171

976.688

971.652

984.385

968.400

1.032.081

1.135.153

1.003.399

1.073.424

1.011.665

-0,53%

% var annua


-4%

-5%

-1%

1%

-2%

7%

10%

-12%

7%

-6%


Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova





Il traffico passeggeri

Mentre la componente di traffico passeggeri legata al trasporto a mezzo traghetto registra una crescita lenta ma costante, il settore delle crociere si caratterizza nell'ultimo triennio per una ripresa piuttosto sostenuta.

Tabella 13 - Andamento dei traffici passeggeri da traghetti e da crociere nel porto di Genova (anni 1997 - 2007)


1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Var %
media
annua

Traghetti

2.079.697

1.846.122

2.118.219

2.368.152

2.410.102

2.639.850

2.734.281

2.727.502

2.642.182

2.638.314

2.702.999

2,5%

Crociere

353.566

364.647

569.124

397.516

471.245

567.506

615.800

287.863

395.797

475.134

520.197

9,5%

Totale

2.433.263

2.210.769

2.687.343

2.765.668

2.881.347

3.207.356

3.35.0.081

3.015.365

3.037.979

3.113.448

3.223.196

3,5%

% var annua


-9,1%

21,6%

2,9%

4,2%

11,3%

4,4%

-10,0%

0,7%

2,5%

3,5%


Fonte: Ufficio statistiche Autorità portuale di Genova





L'analisi dell'andamento storico dei traffici nello scalo genovese appena presentata nei suoi elementi essenziali ha lo scopo di fornire una serie di elementi di valutazione che, messi a sistema con i dati previsionali, ancora in fase di aggiornamento, per il prossimo triennio, concorreranno alla definizione di una metodologia a supporto degli indirizzi della politica portuale in tema di valorizzazione degli spazi portuali da dedicare alle diverse tipologie di merce da movimentare.


PIANO OPERATIVO TRIENNALE 2008 - 2010

INDICE



›››Archives
DÈS LA PREMIÈRE PAGE
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
LES DÉPARTS
Visual Sailing List
Départ
Destination:
- liste alphabétique
- liste des nations
- zones géographiques
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANQUE DES DONNÉES
Armateurs Réparateurs et Constructeurs de Navires
Transitaires Fournisseurs de Navires
Agences Maritimes Transporteurs routiers
PORTS
Ports Italiens:
Ancône Gênes Ravenne
Augusta Gioia Tauro Salerne
Bari La Spezia Savone
Brindisi Livourne Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palerme Trieste
Civitavecchia Piombino Venise
Interports Italiens: liste Ports du Monde: Carte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archives
REVUE DE LA PRESSE
Dollar crisis hits shipping sector as payment to MLOs face hurdles
(The Financial Express)
APSEZ forms JV with Gadot Chemical Terminals in Israel to buy Haifa Port
(Business Standard)
››› Index Revue de la Presse
FORUM des opérateurs maritimes
et de la logistique
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archives
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Numéro de TVA: 03532950106
Presse engistrement: 33/96 Tribunal de Gênes
Direction: Bruno Bellio
Tous droits de reproduction, même partielle, sont réservés pour tous les pays
Cherche sur inforMARE Présentation
Feed RSS Places publicitaires

inforMARE en Pdf
Mobile