testata inforMARE
28. November 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
23:03 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXIII - Anzahl 4/2005 - APRIL 2005

Studi e ricerche

I porti mondiali: la Cina al top

Ancora una volta, Hong Kong è risultato il maggior porto containerizzato del mondo nel 2004, avendo movimentato 21.932.000 TEU stimati. La persistenza della sua condizione di primo in classifica deve molto al fiorire del Delta del Fiume delle Perle ed al flusso di esportazioni che fuoriesce dalle migliaia di fabbriche di quella regione.

Tuttavia, il suo rivale più prossimo Shenzen - che comprende Chiwan, Shekou e Yantian - continua a crescere ad un ritmo molto più veloce, avendo aggiunto oltre 3 milioni di TEU lo scorso anno. Per un numero sempre maggiore di caricatori della Cina meridionale, queste porte d'accesso sono adesso l'opzione preferita, non ultimo per il fatto che esse spesso funzionano in modo più economico rispetto a Hong Kong.

PRIMI 30 PORTI CONTAINERIZZATI NEL 2004 (RISULTATI IN TEU)

Class.
2004

Class.
20031

Porto

TEU totali
2004

TEU totali
2003

Camb.
%

Camb.
TEU

1

1

Hong Kong

21.932.0002

20.449.000

7,3

1.483.000

2

2

Singapore

20.600.000

18.100.000

13,8

2.500.000

3

3

Shanghai

14.557.200

11.283.000

29,0

3.274.200

4

4

Shenzen4

13.650.000

10.614.900

28,6

3.035.100

5

5

Busan

11.430.000

10.407.809

9,8

1.022.191

6

6

Kaohsiung

9.710.000

8.840.000

9,8

870.000

7

8

Rotterdam

8.300.000

7.106.779

16,8

1.193.221

8

7

Los Angeles

7.321.440

7.178.940

2,0

142.500

9

9

Amburgo

7.003.479

6.138.000

14,1

865.479

10

11

Dubai

6.428.883

5.151.958

24,8

1.276.925

11

10

Anversa

6.063.746

5.445.436

11,4

618.310

12

13

Long Beach

5.779.852

4.658.124

24,1

1.121.728

13

12

Port Klang

5.243.593

4.840.000

8,3

403.593

14

14

Qingdao

5.139.700

4.239.000

21,2

900.700

15

15

New York/New Jersey

4.400.0003

4.067.812

8,2

332.188

16

16

Tanjung Pelepas

4.020.421

3.487.320

15,3

533.101

17

22

Ningbo

4.005.500

2.772.000

44,5

1.233.500

18

21

Tianjin

3.814.000

3.015.000

26,5

799.000

19

19

Laem Chabang

3.624.000

3.181.050

13,9

442.950

20

17

Tokyo

3.580.000

3.313.647

8,0

266.353

21

18

Brema/Bremerhaven

3.469.104

3.189.853

8,8

279.251

22

23

Guangzhou

3.308.200

2.761.700

19,8

546.500

23

24

Tanjung Priok

3.248.149

2.757.513

17,8

490.636

24

20

Gioia Tauro

3.191.581

3.148.662

1,4

42.919

25

26

Algesiras

2.937.381

2.515.908

16,8

421.473

26

29

Xiamen

2.871.700

2.331.000

23,2

540.700

27

28

Felixtowe

2.700.0003

2.500.0003

8,0

200.000

28

25

Manila

2.629.3423

2.552.187

3,0

77.155

29

27

Yokohama

2.576.5223

2.504.628

2,9

71.894

30

39

Jeddah

2.425.930

1.777.165

36,5

648.765

Note: 1 = classifica 2003 basata sulla rubrica Traffici Containerizzati di ci-online;
2 = stime del porto;
3 = stime di Containerisation International;
4 = comprende Chiwan, Shekou e Yantian.

Fonti: Porti, CI Yearbook e ci-online

Generalmente, come mostra la tabella, ci sono stati pochi spostamenti verso l'alto o verso il basso nella classifica di primi 30 porti, sebbene sia da rimarcare che Dubai ha fatto il proprio ingresso nei primi 10 scalzando Anversa, con una crescita del 24,8% sino a 6.428.883 TEU, mentre Jeddah è entrato per la prima volta in classifica tra i primi 30. Singapore è risultato secondo e molto vicino a Hong Kong, per quanto lo scalo vicino di Tanjung Pelepas abbia in realtà fatto segnare un guadagno percentuale più alto.

Il maggior incremento singolo nei traffici in termini di TEU lo scorso anno è stato quello di Shanghai, dove nel 2004 è stato registrato un aumento di circa 3,3 milioni di TEU. L'apparentemente inesorabile salita di Shanghai non mostra segni di cedimento, malgrado il fatto che i suoi crescenti volumi potrebbero addurre notevoli pressioni sulle infrastrutture esistenti. Dal momento che la prima fase dell'ambizioso sviluppo di Yangshan dovrebbe essere ultimata nel 2006, vi saranno poche limitazioni alla crescita di Shanghai ed appare ragionevole presumere che nel giro di pochi anni esso possa diventare il maggior porto containerizzato del mondo.

Chi si è distinto per avere conseguito la maggiore percentuale di crescita nel 2004 è stato un altro porto cinese, Ningbo, laddove il traffico in termini di TEU è aumentato di uno sbalorditivo 44,5%, il che ne ha comportato l'avanzamento dalla 22a alla 17a posizione. Ningbo, che è a solo circa 200 km da Shanghai, è in continua evoluzione, dal momento che due importanti compagnie di navigazione, la OOCL e la Lloyd Triestino, consociata della Evergreen Group, hanno effettuato investimenti nello sviluppo di ormeggi presso il porto di Beilun.

Shanghai, Shenzen e Ningbo non sono stati i soli porti cinesi ad avere fatto registrare importanti incrementi lo scorso anno. Qingdao, Tianjin, Ghangzhou e Xiamen hanno tutti fatto registrare una notevole crescita, mentre Dalian sembra destinato ad aggregarsi alla classifica dei primi 30 nel corso del 2005. Secondo i dati di ci-online, i volumi di TEU presso questo porto cinese settentrionale sono aumentati di un impressionante 32,4% nel 2004 sino a 2.211.200 TEU, facendo sì che Dalian salisse dal 44' al 34' posto nella classifica dei traffici containerizzati di ci-online.

Tra gli altri porti che stanno bussando alla porta dei primi 30 vi sono Jawaharlal Nehru (con 2.360.000 TEU stimati), Nagoya (con 2.280.000 TEU ed un aumento del 9,9%), Salalah (2.228.546 TEU ed aumento dell'11,45%) e Colombo (2.220.573 TEU con aumento del 13,3%). E' significativo come nessuno dei porti collocati nella classifica 2004 dei traffici containerizzati di ci-online abbia fatto registrare un calo dei risultati, sebbene alcuni, come Gioia Tauro, abbiano fatto registrare modesti incrementi.

Ciò che forse sorprende è che sembra che la maggior parte dei porti cinesi abbiano conseguito una crescita fenomenale senza avere sperimentato nessuno dei notevoli problemi di intasamento che hanno afflitto la maggior parte dei porti nel 2004, segnatamente alcuni sulla Costa Occidentale degli Stati Uniti, in Europa settentrionale e meridionale ed in infrastrutture quali Jawaharlal Nehru in India.

Potrebbe darsi che, quali porti specialisti in esportazioni (almeno, per quanto riguarda i contenitori), i terminal cinesi non debbano sopportare i problemi dei porti di importazione che ricevono e depositano i carichi in contenitori nei propri piazzali sino a quando gli importatori od i loro clienti non sono pronti a raccoglierli?

Questo è stato sicuramente un fattore che ha contribuito alla cronica congestione lo scorso anno nelle porte d'accesso californiane meridionali di Los Angeles e Long Beach e presso molte infrastrutture in Europa e che deve ancora essere risolto. Chiaramente, questa situazione dovrà essere affrontata, dal momento che le considerazioni di natura programmatoria ed ambientale rendono sempre più difficile per i terminals in Europa e Nordamerica lo sviluppo di nuove infrastrutture per tenere il ritmo con la crescita a doppia cifra cui molti hanno assistito lo scorso anno e che probabilmente conseguiranno anche in futuro.
(da: Containerisation International, marzo 2004)




AB DER ERSTE SEITE
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy