testata inforMARE
9. Dezember 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
20:00 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXVI - Anzahl 2/2008 - FEBRUAR 2008

Trasporto ferroviario

Semaforo rosso per le ferrovie vecchio stile

Sempre più merci vengono trasportate sulle lunghe distanze e con maggiore frequenza rispetto a prima.

Di conseguenza, i volumi di merci trasportate stanno crescendo più rapidamente dell'economia europea vista nel suo complesso.

Tra il 1995 ed il 2005, le merci trasportate sono aumentate del 2,8% all'anno, surclassando la crescita del PIL nello stesso periodo.

Le tecnologie di trasporto, in termini di infrastrutture e veicoli, si sono evolute notevolmente, così come è accaduto alle richieste dei caricatori, che domandano sempre di più.

Questa crescita dei trasporti, peraltro, è stata in gran parte indotta dal crescente numero dei camion sulle autostrade europee.

La quota del trasporto stradale nei mercati del trasporto merci terrestre nell'ambito dei paesi della Zona Economica Europea, esclusa la Svizzera, è aumentata del 78% fino al 2005 a spese delle ferrovie e delle idrovie interne.

Queste ultime modalità sono state per lo più incapaci di attirare altri carichi, sebbene esse abbiano conservato i propri volumi in termini assoluti nell'ambito delle proprie rispettive nicchie.

In particolare, la quota di mercato delle ferrovie è stabilmente calata, livellandosi a circa il 10% nel 2005, la sua percentuale più bassa dal 1945.

Il trasporto merci ferroviario europeo, sebbene si stia assicurando volumi ragionevoli, soffre ancora la propria incapacità di riguadagnare quote di mercato nei confronti della strada.

La ragione principale, naturalmente, consiste nel fatto che il trasporto stradale è generalmente più rapido e più flessibile.

Inoltre, le reti stradali vengono sviluppate molto più rapidamente di quelle ferroviarie.

Le ferrovie inducono preoccupazioni note: affidabilità, capacità disponibili, gestione delle informazioni, velocità media e flessibilità.

L'apertura del trasporto merci ferroviario alla concorrenza ha in parte rivitalizzato il settore in alcuni stati dell'Unione Europea, ma ciò in gran parte è avvenuto più per le ragioni negative correlate all'autotrasporto - intasamento, prezzo alto del petrolio, problematiche ambientali - che per una conversione “sulla via di Damasco” alle virtù delle ferrovie.

Il trasporto containerizzato ed i viaggi a lungo raggio, segmenti in cui le ferrovie dispongono di autentici vantaggi, si stanno espandendo, ma ancora non si è verificato uno “sganciamento” dalla crescita del PIL e dell'autotrasporto merci.

All'inizio di quest'anno, l'operatore intermodale svizzero Hupac ha cantato le lodi della privatizzazione mostrando risultati attendibili nelle proprie prestazioni.

Avendo provveduto alla riorganizzazione dei propri contratti di trazione, la Hupac ora può scegliere uno dei suoi soci - DB Cargo, SBB Cargo, Trenitalia Cargo, Ferrovia Nord Cargo e rail4chem - per far viaggiare un treno-blocco dall'origine alla destinazione.

Anche così, peraltro, a detta della Hupac c'è ancora molto da fare.

“La transizione dal mercato influenzato a livello nazionale alla libera concorrenza nel trasporto merci ferroviario in tutta l'Europa è un processo che richiederà molti anni prima di poter essere completato” dichiara Hans-Jörg Bertschi, presidente della Hupac.

“Tuttavia, le prime esperienze pratiche con la concorrenza in ferrovia dimostrano che la via del successo è questa”.

La Commissione Europea nell'ultima quindicina d'anni ha tentato di rinnovare il settore ferroviario con un triplice approccio.

In primo luogo, è stato istituito un mercato del trasporto merci su scala europea per mezzo del primo e secondo pacchetto ferroviario.

La graduale apertura del mercato, completata a gennaio del 2007, è stata accompagnata dalla ristrutturazione degli operatori beneficiari.

I costi del trasporto merci ferroviario sono diminuiti del 2% all'anno rispetto al periodo 2001-2004, mentre le tariffe del trasporto ferroviario sono scese del 3% all'anno rispetto al medesimo periodo.

In secondo luogo, la Commissione ha incoraggiato lo sviluppo dell'interoperabilità tecnica e delle regole comuni sulla sicurezza, quale la “patente” di macchinista ferroviario europeo e la proposta della Commissione stessa sull'accettazione transfrontaliera del materiale rotabile.

In terzo luogo, essa ha stanziato finanziamenti per specifici progetti ferroviari nel contesto della rete transeuropea di trasporto (TEN-T).

La Commissione ha altresì lanciato ed incoraggiato lo sviluppo dell'ERTMS (sistema europeo per la gestione dei traffici ferroviari), un sistema comune di controlli, comandi e segnalazioni destinato a rimpiazzare i sistemi nazionali.

Queste iniziative, peraltro, debbono ancora produrre qualche risultato.

Gli stati membri hanno necessità di completare l'implementazione della normativa ferroviaria europea.

I progressi verso l'interoperabilità sono lenti e le difficoltà alle frontiere permangono.

Di conseguenza, persiste qualche problema di primaria importanza.

Ad esempio, secondo l'UIRR (che rappresenta gli operatori di trasporto combinato) solo il 53% dei treni intermodali ferro-stradali sono arrivati in tempo nel 2006.

L'ultima iniziativa della Commissione Europea consiste nel Piano d'Azione per la Logistica ed il Trasporto Merci, unitamente ad una Comunicazione su una rete ferroviaria finalizzata a dare priorità al trasporto merci, che promuove l'idea dei corridoi di trasporto merci ferroviario al fine di convogliare gli investimenti ed i provvedimenti sulla capacità verso le direttrici più importanti.

Tuttavia, anche se tali ambizioni possono sembrare ammirevoli, i numeri sono tali da mettere paura.

La CER (Comunità delle Ferrovie Europee) ha portato avanti studi su sei importanti corridoi e ha concluso che, al fine di creare abbastanza capacità da assorbire una crescita composta sino al 72% nel trasporto merci ferroviario da oggi al 2020, sarebbero necessari investimenti nell'ordine di 145 miliardi di euro nell'arco dei prossimi 14 anni.

E qui sta il problema.

L'Europa - Commissione o Parlamento che sia - non controlla in effetti grandi budget da destinare al trasporto, che restano saldamente nelle mani dei governi nazionali.

Questa frammentazione del mercato ferroviario europeo resta l'ostacolo maggiore per il cambiamento.

Il trasporto merci ferroviario resta ostinatamente una questione nazionale agli occhi di molti dei maggiori governi membri UE.

In particolare, spezzare il predominio delle società ferroviarie statali - e, sostengono alcuni, il favoritismo nei loro confronti - sembra ancora un sogno distante.

Nel corso degli ultimi 12 mesi, gli operatori ferroviari privati in cerca di un punto di appoggio in alcuni dei maggiori mercati europei hanno accusato i governi nazionali di rendergli la vita dura, a dir poco.

Il cliché nel settore della logistica è la frase “le merci non votano” e ciò suona dolorosamente vero per gli operatori del settore che mirano a paesi come la Francia, dove quasi tutti gli investimenti seri in infrastrutture ferroviarie vengono dedicati all'espansione dei preziosi servizi passeggeri TGV del paese.

Nel contempo, la branca delle merci, cioè la SNCF Fret, procede faticosamente tra gli interventi provvidenziali dei contribuenti.

Le ferrovie francesi sono state inoltre paralizzate dagli scioperi negli ultimi mesi, sulla scorta delle agitazioni sindacali contro i piani di riforma del neo-eletto presidente Sarkozy in ordine alle pensioni ed altri vantaggi degli impiegati pubblici, in particolare la pensione anticipata (a 50 anni) di cui i lavoratori delle ferrovie usufruiscono da decenni.

Molto dipende dalla determinazione di Sarkozy, che era stato eletto con un mandato di “rottura” rispetto alla storia recente del paese in materia di generosi sussidi sociali, che a suo - come di molti altri - giudizio risultano economicamente insostenibili.

Peraltro, molti tentativi di riforma attuati in precedenza erano stati abbandonati di fronte all'aggressività dei sindacati dei ferrovieri che rifiutano di ammettere qualsiasi modifica del loro status privilegiato.

La SNCF Fret sta subendo perdite e quote di mercato dal momento che i clienti si rivolgono alla strada ed al trasporto marittimo a corto raggio, prima di tutto per ragioni di affidabilità.

Troppo spesso i suoi servizi vengono cancellati per dirottare i macchinisti sui servizi passeggeri o perché semplicemente il personale non si presenta al lavoro.

Gli scioperi complicano ulteriormente il problema.

In ogni caso, sebbene la Francia venga considerata la bestia nera di un mercato ferroviario comune, non è per nulla la sola a trovarsi in questo stato.

In Italia, le autorità preposte alla concorrenza hanno dato il via ad una indagine sui supposti abusi della posizione dominante dell'operatore ferroviario statale FS e la sua consociata gestore della rete RFI.

I concorrenti affermano che la RFI ha effettivamente favorito la FS non concedendo alle società concorrenti uno sconto speciale per l'accesso a binari caratterizzati da una scarsa manutenzione che richiedono l'utilizzazione di due macchinisti.

La società di logistica con sede in Svizzera Kuehne & Nagel recentemente ha comunicato all'operatore nazionale tedesco Deutsche Bahn di essere intenzionata a ridurre le proprie attività con la consociata della DB Railion se saranno portati avanti i piani finalizzati ad effettuare operazioni della Railion con il marchio DB Schenker.

La K&N solleva obiezioni a che le proprie merci vengano trasportate sotto la denominazione del proprio principale concorrente.

Nel frattempo, in Belgio, il governo ha emanato un regio decreto che impone che tutti i macchinisti vengano addestrati dalla società ferroviaria statale SNCB.

“L'idea di chiedere ad un concorrente di addestrare il proprio personale è alquanto ridicola in un libero mercato” afferma al riguardo la britannica RFG (Rail Freight Group).

E così via… Le questioni dell'apertura del mercato, della concorrenza, della scelta degli operatori e della qualità del servizio sono tutte collegate tra loro, afferma il presidente della RFG Lord Tony Berkeley.

Il quale poi dichiara: “Negli ultimi anni, il numero degli operatori privati nel settore ferroviario intermodale è effettivamente diminuito, da 14 a 3, dal momento che gli operatori titolari hanno acquisito gli altri.

Si tratta di un fatto molto serio, se i clienti desiderano la possibilità di scegliere e la qualità del servizio”.

Una via da percorrere, suggerisce Lord Berkeley, è quella consistente nel seguire le recenti conclusioni della Commissione Europea avverso la struttura dell'industria energetica - che presenta molte somiglianze con le ferrovie - richiedendo il decentramento della rete e della produzione, nonché la creazione di un “regolatore” indipendente a livello europeo.

“L'argomentazione-chiave comporta significative conseguenze per i consumatori: confrontando il mercato del Regno Unito, che è completamente decentrato, con quello della Germania, che non lo è, la Commissione Europea ha scoperto che, sebbene i prezzi all'ingrosso tedeschi fossero più bassi del 31%, i loro consumatori hanno pagato il 25-31% in più rispetto al Regno Unito” sottolinea.

“Le stesse argomentazioni possono applicarsi al settore ferroviario.

Nel Regno Unito, il maggiore operatore di trasporto merci ha il 60% del mercato rispetto all'85% circa di quello che ha la maggiore quota in Germania.

Ciò che è più importante, è che non vi è alcun nesso giuridico tra qualsiasi operatore di treni ed il gestore dell'infrastruttura nel Regno Unito, mentre vi sono strette relazioni nel contesto del modello tipo holding in Germania.

Questo collegamento presente in Germania, in Francia ed in altri stati membri è ciò che la Commissione Europea sta cercando di cambiare”.

La RFG ha accolto favorevolmente le proposte della Commissione sul decentramento del mercato dell'energia e preme affinché si segua tale corso anche nel settore ferroviario.

“Mediante tali proposte, ci sarà una completa liberalizzazione dell'industria ferroviaria ed una rigorosa regolamentazione dei fornitori monopolisti quali i gestori delle infrastrutture, che dovranno essere del tutto separati dagli operatori di treni” afferma Berkeley.

Tuttavia, molti grandi stati membri - fatta eccezione per il Regno Unito e, forse, i Paesi Bassi - ancora considerano i propri operatori nazionali quasi come dei monopoli naturali.

Riuscire a convincerli che il trasporto merci ferroviario è solo una delle tante industrie di servizio sarà un'impresa improba.
(da: Cargo Systems, dicembre 2007, pagg. 46-47)


AB DER ERSTE SEITE
Si accentua la precipitosa discesa dei ricavi delle taiwanesi Evergreen, Yang Ming e WHL
Taipei
Wan Hai Lines avvia dieci portacontainer alla demolizione negli stabilimenti indiani di Alang
PSA valuterebbe la cessione della sua partecipazione in Hutchison Port Holdings
Singapore
Il 20% del capitale della società terminalista è stato acquisito nel 2006
Wenzel (Yilport): le compagnie di navigazione containerizzate hanno acquisito strapotere mentre le autorità di regolamentazione dormivano
Bruxelles
L'UE - ha affermato il presidente di Feport, Bonz - non ha analizzato il settore marittimo a questo proposito potenzialmente perché gli interessi nazionali proteggevano alcune compagnie
Solinas chiede al governo di evitare che le nuove norme UE sulle emissioni abbiano un impatto negativo sui collegamenti con la Sardegna
Il prossimo anno Ocean Alliance manterrà invariati gli scali ai porti italiani
Pechino
Tre servizi toccheranno Genova. Una linea per ciascuno dei porti di La Spezia, Livorno e Trieste
Intercargo, per la decarbonizzazione dello shipping è indispensabile assicurare la disponibilità di combustibili verdi
Londra
L'associazione evidenzia la necessità di garantire anche la rete di infrastrutture per la fornitura di questi fuel
CMA CGM compra i container terminal nel porto di New York della GCT
New York
Alla società americana rimangono le attività terminalistiche nel porto canadese di Vancouver
In Germania è attesa una ripresa della crescita del trasporto marittimo e ferroviario solo nel 2024
Colonia
Nel 2023 è prevista una stagnazione dell'attività
UNIPORT sottopone alla politica le questioni ritenute essenziali per lo sviluppo della portualità
Roma
Tra i temi evidenziati, quelli del lavoro portuale e delle concessioni
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Trecentomila euro di multa a Chantier Naval de Marseille (San Giorgio del Porto) per violazioni ambientali
Marsiglia
Denuncia presentata da due associazioni ambientaliste
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
SEA Europe plaude all'accordo preliminare per destinare parte delle entrate dell'EU ETS a progetti marittimi
Bruxelles
Tytgat: contribuirà ad accelerare l'innovazione e a potenziare l'applicazione di carburanti e tecnologie più sostenibili
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Fincantieri ha consegnato la nuova nave da crociera Resilient Lady a Virgin Voyages
Trieste
È la terza di quattro unità ordinate dalla compagnia
Meyer Werft ritarderà la consegna della nave da crociera Carnival Jubilee
Miami
Entrerà a far parte della flotta di Carnival Cruise Line a dicembre 2023
La statunitense FMC chiede più poteri per bloccare eventuali pratiche anticoncorrenziali nel settore del trasporto marittimo containerizzato
Washington
Lettera dei commissari Bentzel e Vekich ai membri chiave del Congresso
Ventana Serra ha aperto due nuove filiali a New York e Atlanta
Basiano
Si aggiungono alle sedi americane di Miami e Los Angeles
DP World si impegna a potenziare il porto somalo di Bosaso
Dubai
Verrà costruita una nuova banchina
La Romania potenzia i porti di Braila e Galati
Bucarest
Firmati due contratti per lo stanziamento di circa 55 milioni di euro
Mercoledì a Ravenna il convegno “Piani regolatori e concessioni portuali. La nuova disciplina”
Ravenna
Verranno illustrate le novità apportate all'art. 5 della legge n. 84/1994 e le linee del Regolamento per il rilascio delle concessioni demaniali
Apprezzamento di ESPO per l'ampliamento dei criteri per individuare i porti inclusi nella rete globale TEN-T
Bruxelles
Il testo concordato dal Consiglio europeo tiene conto del contributo del porto alla diversificazione degli approvvigionamenti energetici dell'UE e all'accelerazione della diffusione delle energie rinnovabili
Ad ottobre il traffico delle merci nel porto di Ravenna è diminuito del -5,9%
Ravenna
Atteso un calo del -7,0% a novembre
MSC attiverà un nuovo servizio di linea diretto tra India e Mediterraneo occidentale
Ginevra
In Italia scalerà i porti di Genova, Salerno e Gioia Tauro
Alessandra Orsero è stata eletta presidente di Confetra Liguria
Genova
È vice presidente di Isomar e di Spediporto
Accademia Italiana della Marina Mercantile e Fincantieri avviano percorsi di formazione continua
Genova
Un programma è stato studiato specificamente per il personale tecnico del polo di Sestri Ponente
Progetto di Fedespedi e Accudire per sperimentare la digitalizzazione della CMR
Milano
Calamandrei: auspichiamo che il parlamento ratifichi, nel minor tempo possibile, il protocollo alla Convenzione CMR
Accordo tra Assologistica e Assiterminal per iniziative volte allo sviluppo del settore logistico
Milano
È incentrato su ntermodalità, modernizzazione dei contratti, digitalizzazione, formazione e sostenibilità
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Mercoledì a Ravenna il convegno “Piani regolatori e concessioni portuali. La nuova disciplina”
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
Korean shipbuilders demand 20% price cut in steel plates from steelmakers
(Pulse by Maeil Business News Korea)
S. Korean shipyards rank 2nd in new global orders in Nov.
(YONHAP News Agency)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy