testata inforMARE
1. Dezember 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
13:31 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSJAHR XVII - Anzahl 12/99 - DEZEMBER 1999

Legislazione

Attenti agli Incoterms 2000!

I nuovi Incoterms entrano in vigore dal 1° gennaio 2000. Può anche darsi - come si sente dire - che vi siano solamente sei differenze minime rispetto ai termini del 1990 attualmente esistenti, ma sono differenze importanti e potrebbero risultare dannose per coloro che le ignorano. Agli acquirenti ed ai venditori, perciò, si consiglia di prendersi il tempo necessario per familiarizzarsi con tali cambiamenti allo scopo di prevenire conflitti non necessari.

Il primo sottile cambiamento rispetto agli Incoterms del 1990 concerne i termini di vendita FAS (Free Alongside Ship, ovvero franco lungo bordo… presso il porto di imbarco convenuto). Ai sensi degli Incoterms 2000, l'obbligo di sdoganamento e di conseguimento dell'autorizzazione all'esportazione (laddove necessaria) passa dall'acquirente/importatore estero (come avveniva nella versione del 1990) al venditore/esportatore.

La seconda modifica riguarda il nuovo termine DEQ (Delivered Ex Quay, ovvero reso banchina… presso il porto di destinazione convenuto). A partire dal 1° gennaio, l'obbligo di sdoganamento ed il pagamento degli oneri di importazione (laddove applicabili) passano dal venditore/esportatore (com'era nella versione del 1990) all'acquirente/importatore di destinazione.

Il terzo cambiamento afferisce il nuovo termine EXW (Ex Works, ovvero franco fabbrica); esso contiene due modifiche. In primo luogo, il venditore/esportatore non è più responsabile per il carico delle merci sul veicolo di raccolta presso i suoi locali, la cui responsabilità è ora divenuta obbligo dell'acquirente. Le regole del 1990 nulla dicevano in ordine a tale argomento. In secondo luogo, se nei locali commerciali del venditore sono più di uno i luoghi messi a disposizione per la consegna, il venditore ha la possibilità di scegliere uno di loro.

La quarta modifica si riferisce al nuovo termine FCA (Free Carrier, ovvero franco vettore), che ora contiene una distinzione tra due possibilità. La prima è la consegna al vettore presso i locali del venditore, quando quest'ultimo è obbligato a caricare le merci sul veicolo del vettore. La seconda è la consegna al vettore in qualsiasi altro punto (cioè, terminal, banchina, rampa ferroviaria ecc.), laddove il vettore (per conto dell'acquirente) è responsabile dello scarico della spedizione dal veicolo inviato dal venditore.

La quinta e la sesta modifica attengono i nuovi termini DDU (Delivery Duty Unpaid, ovvero reso non sdoganato) e DDP (Delivery Duty Paid, ovvero reso sdoganato), che presentano una distinzione simile. Nella prima, la consegna avviene presso i locali dell'acquirente, ancora caricata sul veicolo in arrivo, quando l'acquirente è obbligato a caricare la merce sul veicolo del vettore. Nel secondo, la consegna al vettore avviene in qualsiasi altro punto, allorquando la consegna stessa viene completata caricando la merce sul veicolo di raccolta (inviato dall'acquirente).

Tutte queste modifiche possono essere considerate in modi diversi. Da un certo punto di vista, qualsiasi modifica a standard che sono stati in vigore per 10 anni è probabile che dia luogo a problemi, in particolar modo nel corso dei primi mesi. I partners commerciali che hanno abitualmente dato corso a condizioni standard saranno quelli che maggiormente ne risentiranno le conseguenze. Invece di applicare automaticamente questi termini a memoria, essi si troveranno a dover esaminare di volta in volta le nuove definizioni allo scopo di chiarire i propri rispettivi compiti ed obblighi. Tutto ciò partendo dal presupposto, ovviamente, che i partners abbiano concordato di adottare i nuovi termini al fine di regolamentare determinati elementi del proprio contratto.

Questa supposizione può ben definirsi ottimistica, poiché a tutto il mese di novembre i nuovi Incoterms 2000 erano stati appena stampati e non erano ancora in vendita. Non era, perciò, realistico aspettarsi che entro la fine dell'anno il mondo imprenditoriale globale si familiarizzasse con i loro contenuti, adattando di conseguenza le proprie prassi commerciali. Persino oggi - ed è incredibile - molti imprenditori impegnati nei traffici internazionali non possiedono gli attuali Incoterms 1990 oppure li hanno archiviati in qualche posto recondito.

Allo scopo di prevenire i conflitti, gli operatori dovrebbero di conseguenza identificare con chiarezza quali Incoterms saranno applicabili nei propri contratti dal 1° gennaio 2000 (vale a dire, se quelli del 1990 o quelli del 2000). Dal momento che le abbreviazioni di tutti e 13 gli Incoterms resteranno invariate, esse - di per se stesse - non indicheranno qual è l'interpretazione che bisognerà dargli. Ciò vale in particolare per i termini modificati, dato che essi rovesciano le responsabilità delle parti che debbono pagare o sostenere certi costi di carico, scarico, ingresso in dogana e sdoganamento ed oneri di importazione.

Quindi, cosa significheranno in pratica questi cambiamenti? Chiaramente, anche nel caso che gli operatori abbiano concordato di applicare gli Incoterms 2000, devono essere consapevoli dei cambiamenti relativi ai termini FAS, DEQ, EXW, FCA, DDU e DDP, anche laddove le regole del 1990 nulla dicevano in ordine all'attribuzione di certi costi di movimentazione. Ciò vale in particolar modo nei casi in cui c'è bisogno di mutare le prassi del passato. Ad esempio - come già detto in precedenza - il termine EXW non diceva nulla circa la questione di chi dovesse essere responsabile del carico del veicolo di raccolta inviato dall'acquirente. In pratica, tuttavia, i venditori hanno spesso caricato i veicoli di raccolta e messo a disposizione le attrezzature a ciò necessarie (vale a dire, carrelli elevatori, gru ecc.). Il termine EXW 2000, al contrario, ora stabilisce che la consegna avverrà mettendo la merce a disposizione del compratore "non caricata su qualsiasi veicolo di raccolta".


I TREDICI INCOTERMS

EXWEX WORKSFRANCO FABBRICA
FCAFREE CARRIERFRANCO VETTORE
FAS 1FREE ALONGSIDE SHIPFRANCO LUNGO BORDO
FOB 1FREE ON BOARDFRANCO A BORDO
CFR 1 2COST AND FREIGHTCOSTO E NOLO
CIF 1COST, INSURANCE, FREIGHTCOSTO, ASSICURAZIONE E NOLO
CPTCARRIAGE PAID TOTRASPORTO PAGATO FINO A
CIPCARRIAGE AND INSURANCE PAID TOTRASPORTO E ASSICURAZIONE PAGATI FINO A
DAFDELIVERED AT FRONTIERRESO FRONTIERA
DES 1DELIVERED EX SHIPRESO EX SHIP
DEQ 1DELIVERED EX QUAYRESO BANCHINA
DDUDELIVERED DUTY UNPAIDRESO NON SDOGANATO
DDPDELIVERED DUTY PAIDRESO SDOGANATO
Note:    1 = Si tratta dei termini da utilizzare quando il trasporto marittimo rappresenta la modalità prescelta. Gli altri termini si applicano a tutte le altre modalità di trasporto, compresa quella intermodale; 2 = Tra i persistenti usi impropri degli Incoterms, il CFR è quello più prossimo a C&F e C+F. Quest'ultimo non è mai esistito, mentre il primo è stato sostituito con il CFR al momento della revisione delle regole del 1980. L'ancora ampiamente usato termine C&F può indurre un tribunale, in caso di procedimento giudiziario, a ritenere che le parti abbiano concordato di applicare il termine del 1980, i contenuti del quale ovviamente sono molto diversi rispetto all'attuale CFR degli Incoterms 1990 e 2000.

Naturalmente, non si ha nulla in contrario al fatto di continuare ad utilizzare le vecchie prassi; vi è bisogno che queste ultime, peraltro, ora vengano stipulate a tale proposito ai sensi di regole chiare, ad esempio riguardo al "caricato sul veicolo di raccolta". Meglio ancora sarebbe passare al nuovo termine FCA che - se applicato alla consegna presso i locali del venditore - comporta l'obbligo del venditore di caricare la merce sul veicolo di raccolta del compratore.

Allo stesso modo, gli operatori hanno bisogno di essere messi a conoscenza delle altre modifiche circa la responsabilità, quali l'imputazione del rischio o dell'assicurazione, che si applica parallelamente alla re-imputazione dei costi operativi. Una chiara consapevolezza dell'elemento del rischio dovrebbe indurre la parti a rivedere la propria politica di assicurazione dei trasporti, a meno che tutti i rischi che intercorrono da porta a porta non siano già coperti.

Sfortunatamente, da quando il mondo imprenditoriale si serve degli Incoterms, spesso sono stati prescelti per l'applicazione a contratti termini errati o persino inesistenti. Si sono visti molti esempi assurdi, come nel caso di una vecchia ed autorevole casa commerciale di Amsterdam che esportava "FOB camion a Teheran". Anche se facilmente ciò potrebbe essere interpretato come "caricato su camion diretto a Teheran", questo termine auto-inventato non ha nulla in comune con qualsiasi Incoterm riconosciuto.

Un altro recente esempio di uso improprio di Incoterms è avvenuto ad opera della UIC (Associazione Internazionale delle Società Ferroviarie), allorquando essa ha inserito un box nella nuova nota di consegna ferroviaria CIM (Convenzione sulla Merce Internazionale) chiedendo al venditore di compilarla indicando quale Incoterm era stato concordato con il suo cliente. Questi, com'è naturale, non aveva nulla a che fare con il vettore ferroviario. Alla luce di ciò, l'UIC ha annunciato che chiederà una revisione degli Incoterms affinché vengano previste certe speciali caratteristiche del trasporto ferroviario!

In realtà, come mostra la tabella riportata, dovrebbe essere sempre possibile trovare un termine - tra i 13 degli Incoterms 2000 - che possa soddisfare le intenzioni di entrambe le parti in causa. Certi termini sono stati chiaramente concepiti per l'applicazione al trasporto marittimo in particolare, dato che si riferiscono alla polizza di carico quale documento di accompagnamento delle merci, mentre tutti gli altri possono essere utilizzati senza preoccuparsi della modalità di trasporto, quello intermodale compreso.
(da: Containerisation International, novembre 1999)

AB DER ERSTE SEITE
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
L'attività produttiva nello stabilimento triestino della Wärtsilä proseguirà sino a settembre
Trieste
Sarà avviato un percorso di reindustrializzazione del sito con l'obiettivo di tutelare i posti di lavori sia dei dipendenti della Wartsila sia di quelli dell'indotto
Domani a Vienna la firma degli accordi per l'attivazione del primo e unico corridoio doganale internazionale europeo
Trieste
Collegherà il porto di Trieste con Fürnitz, in Carinzia
Il porto di Koper si avvia a chiudere il 2022 con un traffico record di oltre un milione di container
Koper
In decisa ripresa l'attività nel segmento delle auto
Uno studio dell'UIRR sollecita investimenti per realizzare una rete europea di trasporto intermodale efficiente
Bruxelles
Necessari 490 miliardi di euro per l'infrastruttura ferroviaria TEN-T e 47 miliardi di euro provenienti per l'ampliamento e il potenziamento delle risorse intermodali
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
Roma
La situazione è stata illustrata da Assiterminal ad esponenti del governo e del Parlamento
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy