testata inforMARE
30. November 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
15:12 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXII - Anzahl 11/2004 - NOVEMBER 2004

Trasporto marittimo

Le autostrade del mare: una questione discussa

A luglio, la Commissione Europea ha pubblicato i risultati delle proprie analisi sul trasporto marittimo a corto raggio, rivelando che negli ultimi cinque anni esso ha prodotto linee di tendenza di crescita del trasporto merci comparabili a quelle della strada. La vice presidente Loyola de Palacio ha affermato che: "Il trasporto marittimo a corto raggio ha un ovvio ruolo da svolgere nell'azione di limitazione della crescita del trasporto stradale e nell'assicurazione di coesione, sostenibilità e sicurezza al trasporto europeo. Migliorare le sue condizioni strutturali e renderlo più semplice da utilizzare è una vera e propria necessità".

Il Libro Bianco della Commissione "La politica del trasporto europeo per il 2010" afferma che l'obiettivo della politica dell'Unione Europea è quella di "conseguire il dirottamento modale dalla strada al cabotaggio marittimo al fine di attenuare le linee di tendenza insostenibili nell'ambito del trasporto". La Commissione ha proposto lo sviluppo delle Autostrade del Mare quale "vera alternativa competitiva al trasporto terrestre". Il concetto mira all'introduzione di nuove catene logistiche intermodali basate su tratte marittime in Europa che saranno maggiormente sostenibili e dovrebbero essere più efficienti dal punto di vista commerciale rispetto a quelle solo stradali. Come tale, esso rappresenta una pietra miliare degli sforzi dell'Unione Europea per incoraggiare il dirottamento modale.

Nella sua ultima comunicazione, la Commissione afferma che sia il cabotaggio marittimo sia la strada sono cresciuti del 25% in termini di merci trasportate nel corso del periodo 1995-2002. Il cabotaggio marittimo realizza il 40% circa di tutte le tonnellate/km in Europa, mentre la quota del trasporto stradale è del 45%.

La comunicazione riassume gli sviluppi maggiormente significativi a livello comunitario e nazionale che hanno contribuito a questi risultati, tra cui:

  • i lavori in corso con gli stati membri per identificare ed eliminare gli ostacoli che intralciano lo sviluppo del cabotaggio marittimo;
  • l'adozione di una direttiva che introduce l'uso di forme di agevolazione standardizzate per le navi in arrivo ed in partenza dai porti comunitari;
  • i progressi in materia doganale, quali l'avanzamento delle dogane elettroniche e due documenti di lavoro esplicativi della Commissione sulle procedure doganali: la "Guida alle procedure doganali per il cabotaggio marittimo" e le "Procedure doganali semplificate nel cabotaggio marittimo: servizio regolare marittimo autorizzato";
  • il lancio del programma Marco Polo con il suo ambizioso obiettivo di dirottare ogni anno dalla strada 12 miliardi di tonnellate/km di merci trasportate;
  • la concentrazione sulle Autostrade del Mare nell'ambito delle rete transeuropea di trasporto.

Inoltre, basandosi sulle Linee-guida delle TEN-T (Reti TransEuropee di Trasporto) di recente adozione, la Commissione afferma di aver cominciato adesso ad implementare il proprio concetto di Autostrade del Mare. A partire dal 2005, sarà messo a disposizione il supporto finanziario per progetti concreti. Al fine di agevolare la preparazione e la presentazione di proposte inerenti al finanziamento TEN, la Commissione pubblicherà verso la fine di quest'anno una guida alle procedure di selezione per i proponenti. Tuttavia, prima di farlo, essa ha consultato tutte le parti interessate circa l'esecuzione dei progetti sulle Autostrade del Mare.

Ad aprile, il Dipartimento dei Trasporti del Regno Unito ha pubblicato le risposte pervenute in ordine alla richiesta di opinioni inviata alle associazioni di categoria interessate. Erano in gran parte di segno negativo e Martin Jones, capo della Divisione Logistica Trasporto Merci del Dipartimento dei Trasporti ha riassunto la situazione come segue.

"La principale problematica sollevata, in particolare in relazione al settore portuale, riguarda il rischio di distorsione della concorrenza, laddove viene introdotto un finanziamento in un regime nel quale concorrono reciprocamente operatori e porti privati.

Il governo condivide queste preoccupazioni e le ha espresse alla Commissione (Europea) mentre la proposta era ancora in fase di sviluppo. La proposta della Commissione ha cercato di venire incontro a tale obiezione consentendo la partecipazione alle gare da parte di consorzi di operatori marittimi e porti.

A dicembre il Consiglio dei Ministri ha preso in considerazione le proposte e ha concordato un approccio generale. Il governo ammette che non vi è alcun obbligo per il Regno Unito di implementare le autostrade del mare e nessun obbligo per i porti e gli operatori britannici di partecipare alle gare per i finanziamenti comunitari. Esso riconosce altresì che i potenziali vantaggi dell'approccio alle autostrade del mare sono probabilmente maggiori per gli altri stati membri che per il Regno Unito. Il governo supporta con forza l'obiettivo di fondo di incoraggiare il trasporto marittimo laddove esso costituisca una vera alternativa alla strada. Il governo lavorerà in modo costruttivo con la Commissione e con gli altri stati membri al fine di contribuire alla definizione del concetto ed alla sua implementazione, nella misura in cui esso sia coerente con il mantenimento della libera concorrenza tra i porti e gli operatori britannici.

Il governo riconosce che alcuni porti ed operatori potrebbero volere correlarsi con altri partners in altri stati membri per concertare assieme le proposte di richiesta di finanziamento. Il governo dovrà prendere in considerazione, caso per caso, se appoggiare o meno tali richieste. Occorre notare che è ancora necessario un bel po' di lavoro per arrivare a chiarire che cosa si intende esattamente per progetto di autostrada del mare e l'opinione del governo può evolvere man mano che i lavori progrediscono". Questa è, naturalmente, solo l'opinione di uno dei venticinque stati membri.

Anche Mike Garratt, che guida la società britannica di consulenza in materia di trasporti MDS Transmodal, ha una sua consolidata opinione su questo argomento che ha espresso nel documento presentato a Göteborg all'inizio di quest'anno in occasione della Conferenza Ro-Ro e che riassume nei seguenti termini.

"Il termine Autostrade del Mare presenta i seguenti vantaggi. E' più facile da dire rispetto a cabotaggio marittimo a corto raggio" scherza Garratt. "Esso esprime un concetto semplice per l'utenza, un approccio tipo andata e ritorno che è superficialmente attraente ma che naturalmente potrebbe non essere realistico o desiderabile. E, quel che forse è più importante, esso crea un immagine che anche il non specialista marittimo può comprendere. Uno dei maggiori ostacoli politici che questo settore si trova ad affrontare è che, a differenza della ferrovia, esso è in gran parte invisibile per il pubblico (quello che vota) e scarsamente compreso.

"Non c'è dubbio che i politici e le istituzioni politiche si siano appropriati dell'idea di incrementare il quantitativo delle merci movimentate per mare. Ma quell'idea può essere trasformata in una realtà basata sul mercato accettabile per le imprese commerciali che al momento già consegnano servizi? E' di cruciale importanza il reperimento di una formula che risulti accettabile sia all'industria, che già contribuisce enormemente alla mobilità delle merci e ci si aspetta che estenda quel ruolo, sia alle istituzioni politiche, che ci si aspetta che assicurino ulteriori finanziamenti atti alla messa in pratica dell'idea". E Garratt aggiunge che l'Unione Europea non ha ancora un'idea precisa di ciò che realmente significhi il concetto di Autostrade del Mare.

La ESPO (Organizzazione Scali Marittimi Europei) sostiene che le Autostrade del Mare non dovrebbero essere sviluppate "artificialmente" (e cioè senza tener conto della domanda del mercato), che gli investimenti in infrastrutture e navi non dovrebbero distorcere la concorrenza e che ciascun progetto dovrebbe essere considerato in base ai propri meriti.

E la ECSA (Associazione della Comunità Europea degli Armatori) supporta gli sforzi della Commissione in termini di semplificazione delle procedure amministrative nei porti e di istituzione di centri per la promozione del cabotaggio marittimo a corto raggio. Tuttavia, lo fa con le dovute avvertenze, nel senso che:

  • i provvedimenti a supporto non dovrebbero distorcere la concorrenza;
  • le informazioni su qualsiasi progetto dovrebbero apparire sulla Gazzetta Ufficiale, di modo che essi possano essere immediatamente fermati nel caso mostrassero di distorcere la concorrenza;
  • i servizi containerizzati ed alla rinfusa dovrebbero poter usufruire degli stessi benefici finanziari dei servizi ro-ro.

Prosegue inoltre la ECSA: "Il trasferimento delle Autostrade del Mare in un contesto di servizio pubblico è fortemente avversato dall'industria del settore. I servizi pubblici dovrebbero restare un'eccezione. Reintrodurre il concetto nell'ambito delle Autostrade del Mare comporterebbe gli stessi disastrosi effetti sperimentati nel trasporto ferroviario".

Inoltre Garratt è dell'opinione che in Francia, in ogni caso, i politici si stiano impadronendo dell'iniziativa per infoltire la propria agenda. "Ci sono politici a livello locale che stanno cercando di rendersi utili a certi interessi commerciali. Ciò cui assistiamo in Francia è solo una scusa per costruire nuove navi nei cantieri francesi. Non succederà nulla di tutto ciò" afferma, in riferimento ad alcune delle rotte di cabotaggio marittimo più bizzarre tra quelle in discussione. "E' solo un mezzo per accaparrarsi voti" in regioni in cui vi è in gioco l'occupazione presso i cantieri navali.

"D'altro canto" continua "è un po' deprimente pensare che il Dipartimento dei Trasporti stia per prendere una posizione del tipo "lo lascerò al mercato". Non vogliamo che il governo britannico pensi che sia più facile lavarsene le mani e pregare solo che il mercato decida".

Di modo che, afferma Garratt, ciò che abbiamo sono due estremi e ciò che ci serve è qualcuno che si metta a pensare a come i governi possano intervenire senza strangolare il mercato ma sempre con l'obiettivo di promuovere l'uso sensato del mare e dei porti.

Quando il mercato deve arrangiarsi da solo, emergono alcuni promettenti sviluppi, in particolar modo attorno alle coste britanniche, laddove i disagi occorsi nei porti e nelle reti stradali meridionali del paese hanno indotto i vettori ad aprire all'esterno le rotte di raccordo cabotiere e costiere. I porti sull'Humber, sul Tees, sul Tyne, sul Forth, sul Clyde, sul Mersey e sul Canale di Bristol sono ora tutti serviti da regolari servizi di raccordo in quelle che potrebbero essere meglio descritte come Libere Autostrade del Mare. Qui non ci sono finanziamenti.

Garratt, peraltro, si occupa anche dell'altro lato della vicenda ed indica un'allarmante possibilità: "Se si segue il principio generale della Commissione Europea per cui non bisogna distorcere la concorrenza, di conseguenza c'è il pericolo che vengano sviluppate le sole Autostrade del Mare dove non c'è nessun mercato. Così, ad esempio, l'idea di un servizio da Bilbao a Nantes ha poco senso, eppure è non è inconcepibile che un enorme ammontare di denaro pubblico francese vi venga scaraventato".

Egli inoltre, sottolinea il mancato successo dell'idea SAMS. Il consorzio armatoriale francese SAMS aveva tentato di lanciare un servizio ro-ro di autostrada del mare da Marsiglia Fos a Savona e viceversa. Il SAMS non era riuscito ad assicurarsi un pacchetto biennale di finanziamento pari a 9 milioni di euro per lanciare il servizio a causa di quella che esso aveva definito come "una carenza di visibilità sulle prospettive di traffico".

Il consorzio ha altresì affermato che gli autotrasportatori non avevano voluto impegnarsi nel servizio e ciò aveva fatto naufragare qualsiasi prospettiva di finanziamento pubblico, essenziale per la fase di avvio del progetto. Il servizio, che avrebbe dovuto essere lanciato in estate, era stato sviluppato nell'ambito del programma TENS. L'abbozzo del progetto prevedeva due navi ro-ro operative sulla rotta sei giorni alla settimana.

All'inizio di quest'anno, anche Nantes e Bilbao hanno dichiarato di candidarsi per il lancio di un servizio ro-ro di autostrade del mare tra i due porti. "Sospetto fermamente che anche l'idea della Nantes-Bilbao farà la stessa fine" riconosce Garratt. "Ciò comporterà che anche l'idea delle Autostrade del Mare finirà per estinguersi come idea e questo sarà una vera vergogna, dal momento che i politici ne trarranno la conseguenza che i servizi costieri sono una cattiva idea. Così, si getterà via il bambino assieme all'acqua sporca. Non è assolutamente il caso che il nostro settore si metta a supportare idee deboli, perché sono destinate a finire nel cestino, facendo sì che non accada nulla".
(da: PortStrategy, ottobre 2004)




AB DER ERSTE SEITE
L'attività produttiva nello stabilimento triestino della Wärtsilä proseguirà sino a settembre
Trieste
Sarà avviato un percorso di reindustrializzazione del sito con l'obiettivo di tutelare i posti di lavori sia dei dipendenti della Wartsila sia di quelli dell'indotto
Domani a Vienna la firma degli accordi per l'attivazione del primo e unico corridoio doganale internazionale europeo
Trieste
Collegherà il porto di Trieste con Fürnitz, in Carinzia
Il porto di Koper si avvia a chiudere il 2022 con un traffico record di oltre un milione di container
Koper
In decisa ripresa l'attività nel segmento delle auto
Uno studio dell'UIRR sollecita investimenti per realizzare una rete europea di trasporto intermodale efficiente
Bruxelles
Necessari 490 miliardi di euro per l'infrastruttura ferroviaria TEN-T e 47 miliardi di euro provenienti per l'ampliamento e il potenziamento delle risorse intermodali
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy