testata inforMARE
Cerca
28. November 2023 - Jahr XXVII
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
13:02 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSJAHR XXI - Anzahl 2/2003 - FEBRUAR 2003

Industria

Riprende la domanda per l'industria della produzione di containers

L'industria mondiale produttrice di containers ha fatto registrare un significativo cambiamento delle proprie sorti nel corso del 2002, dato che la domanda ha tenuto molto bene a partire dal secondo trimestre. Ciò ha dato notevole impulso alla produzione delle attrezzature containerizzate marittime, e ci si aspetta che la produzione globale si sia ripresa almeno del 20% rispetto a quella del 2001 nel corso del 2002. L'annata precedente era stata molto dura per i costruttori di box, dato che la combinazione tra il prorompente eccesso di capacità e la recessione della crescita dei traffici mondiali aveva ridotto la richiesta di nuovi containers e costretto molti impianti a chiudere per periodi di notevole durata.

Al contrario, la maggior parte delle fabbriche di contenitori è stata relativamente indaffarata nel corso del 2002, anche se non sono state impegnate sino al limite. Era previsto che la produzione mondiale di containers di tutti i tipi raggiungesse gli 1,6 milioni di TEU per l'annata in questione, risultato che, se ottenuto, rappresenterebbe il suo secondo totale annuo di sempre. Tuttavia, la cifra finale potrebbe addirittura essere ancora maggiore, dato che molti produttori riferivano di notevoli ordinazioni nel corso del terzo e quarto trimestre.

Il settore delle unità marittime per carichi secchi è stato quello che si è ripreso maggiormente, sebbene anche la domanda di attrezzature refrigerate abbia tenuto bene. Tuttavia, le richieste di equipaggiamento maggiormente specializzato, tra cui i contenitori cisterna ed i box di tipo locale, sono state nel complesso più deboli, dato che la produzione di unità interne USA, swapbodies ed altri contenitori pallettizzati al momento è in leggero declino.

Com'era prevedibile, la Cina ha ulteriormente incrementato la propria posizione dominante, rappresentando oltre il 90% di tutta la produzione standard di TEU nel 2002. Essa farà fronte altresì all'80% (quota in aumento) della produzione mondiale di TEU reefer (quanto ai box), così come alla crescente quota di speciali per carichi secchi, nazionali nord-americani, e persino containers europei pallet-wide e swapbodies. In quasi tutte le altre zone del mondo, tutti i tipi di produzione containerizzata sono al momento in declino.

Nell'ambito della Cina stessa, gran parte della produzione viene dal sud (per lo più dalla provincia di Guangdong), seguito dal distretto centrale "Shanghai" e poi dalle città settentrionali, quali Tianjin, Qingdao e Dalian. Addirittura lo scorso anno si è aggiunta una nuova fabbrica a Lianyungang. Alle fabbriche del sud si deve quasi la metà di tutta produzione cinese di TEU, mentre la regione centrale ne rappresenta il 40%, il che in parte riflette l'aumento della domanda di containers in questa zona.

La corrispondente produzione globale del 2001 ammontava ad appena 1,28 milioni di TEU, cioè il più basso totale annuo dalla metà degli anni '90. Inoltre, si trattava di un calo di più di un terzo rispetto al record di 1,93 milioni di TEU consegnati nel 2000, quando la domanda aveva raggiunto il suo apice e le fabbriche di contenitori funzionavano quasi a piena capacità. In completo contrasto, sono stati pochissimi gli impianti che nel corso del 2001 hanno prodotto senza interruzioni, tanto che quell'anno la maggior parte di loro aveva lavorato per un periodo corrispondente a sette mesi.

Praticamente tutta la produzione containerizzata era cessata nel quarto trimestre del 2001, e la maggior parte dei produttori aveva deciso di rimanere chiusa sino a dopo il Capodanno cinese (metà febbraio 2002). Di conseguenza, non vi era stata quasi produzione nel corso del trimestre iniziale del 2002, mentre i prezzi dei box di nuova costruzione erano scivolati sino al punto più basso da 30 anni a questa parte. In quel momento veniva riferito che i containers standard erano offerti franco fabbrica in tutta la Cina a prezzi che erano scesi sino a 1.150 dollari, sebbene vi fossero comunque relativamente pochi acquirenti.

Ciononostante, i primi del 2002 hanno assistito al punto più basso del ciclo in discesa e la domanda subito dopo è risalita. I grandi quantitativi iniziali di scorte di equipaggiamento containerizzato nuovo (ed usato), che languivano preso i depositi ed i piazzali dei produttori di tutto il mondo, stavano già rapidamente scomparendo all'inizio del 2002, mentre di nuovo presso alcune località-chiave asiatiche si verificavano carenze di equipaggiamento. In particolare appariva una particolare scarsità di containers da noleggio, dal momento che gran parte delle società di leasing avevano sospeso i propri investimenti nel terzo trimestre del 2001 e, di conseguenza, avevano ricevuto nel 2001 meno box nuovi di quanto non fosse mai accaduto dagli inizi degli anni '90. In tal modo, i noleggiatori contavano solamente il 35% circa della diminuita produzione globale complessiva nel 2001. Il resto era dovuto ai vettori marittimi (57%) e ad altri operatori trasportistici terrestri (8%).

Tuttavia, il settore del noleggio ha rapidamente ripreso ad acquistare contenitori nuovi nel 2002, dato che da marzo in poi sono state effettuate ordinazioni alquanto notevoli. La Triton Container, la Capital Lease, la Florens Container Corp e la GESeaCo sono stati tra gli operatori che hanno effettuato le maggiori acquisizioni. Rispetto al 2001, le ditte di leasing ora certamente rappresentano il 50% almeno di tutte le nuove consegne di contenitori ricevute nel 2002, mentre la maggior parte dei vettori marittimi ha effettuato le ordinazioni di nuovo equipaggiamento per le proprie flotte solamente dopo l'inizio della seconda metà dell'anno.

Molti vettori hanno preso la decisione di noleggiare, piuttosto che investire direttamente, poiché essi avevano bisogno di ulteriore equipaggiamento containerizzato al fine di provvedere con urgenza al servizio sia del continuo afflusso del tonnellaggio cellulare di nuova costruzione, sia della inaspettata ripresa della crescita dei traffici di box su molte direttrici di traffico. Essi naturalmente hanno considerato che il settore del noleggio fosse più adatto a fornire risposte nel breve termine. Alcuni vettori erano anche preoccupati del fatto che i prezzi dei nuovi box potessero accingersi a salire notevolmente.

Era già chiaro ad aprile/maggio che l'annuale espansione dei traffici containerizzati globali nel 2002 sarebbe stata maggiore di quanto previsto all'inizio dell'anno, e quella cifra da allora è stata rivista più volte verso l'alto. Al momento le previsioni parlano di un aumento dell'8%. Inoltre, le più basse cifre di crescita dei traffici calcolate inizialmente per il 2001 sono state rivalutate allo stesso modo e si stima che adesso siano prossime al 5%.

Nel corso sia del 2001 che del 2002 sono stati introdotti oltre 600.000 TEU (al netto delle dismissioni) di nuovi spazi-containers su nave, il che equivale ad un ampliamento della flotta superiore all'8% per ciascun anno. Sebbene le consegne di spazi-containers su nave abbiano continuato a superare la crescita reale dei traffici, e perciò potrebbero essere viste come un surplus rispetto alle esigenze, è tale lo stato della concorrenza del mercato trasportistico marittimo che tutte le nuove navi vengono invariabilmente immesse in servizio alla svelta, di modo che diventa necessario equipaggiarle immediatamente con nuovi box.

Altri fattori hanno spinto verso l'alto le richieste mondiali di containers nel 2002 e persino retroattivamente in relazione al 2001. Malgrado la loro ridotta acquisizione di containers nel 2001, si sa che sia i vettori sia i noleggiatori adesso sono impegnati in un'operazione-record di sostituzione dei propri containers, che risulterà alla fine nella sostituzione di quasi 700.000 TEU. Un numero simile di unità dovrebbe essere dismesso dalla flotta principale di trasporto anche nel corso del 2002, rispetto ad una media di circa 500.000 TEU rimpiazzati annualmente nel corso degli anni precedenti.

Anche le recenti e prolungate vertenze sindacali sulla Costa Occidentale degli U.S.A. hanno influenzato la domanda nel 2002, dato che esse hanno incoraggiato gli esportatori, gli importatori e pure gli operatori a portare avanti alcune iniziative finalizzate ad attenuare il potenziale di tali interruzioni di servizio. I vettori, in particolare, hanno avuto bisogno di mantenere notevoli scorte di equipaggiamento in Asia.

Tutto ciò contribuisce a spiegare la rapida ripresa della domanda nel corso del 2002. Il migliorato tasso di sostituzione (equivalente a 700.000 TEU/anno) da solo ha costituito il 50% circa di tutta la produzione di nuovi box realizzati complessivamente nel corso del 2001-2002. L'introduzione di più di 1,2 milioni di TEU di capacità in più in termini di spazi-containers ha ingenerato maggiori esigenze (pari a 2,2 milioni di TEU) di altri contenitori nel corso dello stesso periodo, oltre alle esigenze di sostituzione. Come si ammette generalmente, alcuni di questi box in più sono stati dovuti al rinnovo del noleggio di equipaggiamento che in precedenza era già in leasing (il che ha comportato un notevole miglioramento dell'utilizzazione), così come all'assorbimento di cospicue "incombenze" di containers costruiti all'inizio del 2000. Tuttavia, si è verificata ancora una notevole e crescente richiesta di acquisizioni di nuove costruzioni da effettuare.

TABELLA 1: PRODUZIONE MONDIALE DI CONTENITORI
2001-2002 SUDDIVISA PER ZONA (IN MIGLIAIA DI TEU)
 200120021 CAPACITA'2
Cina1.0521.400 2.330
Altra Asia396 90185
Europa4107 90200
Altri525 2075
Totale1.280 1.6002.790
Note:    1 = previsti;
2 = attuale capacità annua strutturata su due turni;
3 = Indonesia, Malaysia, Sud Corea e India;
4 = comprende Turchia ed ex Blocco Orientale;
5 = Americhe, Africa e Australasia.
Fonte: "Analisi di mercato" di Containerisation International

Ciononostante, i produttori di containers sono stati lenti a reagire alla ripresa quando finalmente essa si è concretizzata. A causa della natura "blocca e riparti" della produzione nel 2001, molti sono rimasti scettici circa le probabilità di una reale ripresa, dal momento che ci vuol tempo prima di potersi attrezzare per andare oltre la lavorazione basata su turno singolo. Sono state invece le scorte di materie prime ad essere smaltite alla svelta all'inizio del 2002, il che ha rapidamente comportato fermi e carenze di produzione. Ciò richiede diversi mesi prima che si possa pervenire ad una soluzione, ed i peggiori effetti si sono visti in relazione all'acciaio Corten di produzione cinese ed alle pavimentazioni di legno compensato (dall'Indonesia). Inevitabilmente, il costo di tali prodotti è salito alle stelle, dato che il solo acciaio è balzato in alto di 85 dollari per tonnellata nel secondo trimestre. Allo stesso modo, la pavimentazione di legno è aumentata di 85 dollari al m2.

I più elevati costi delle materie prime si sono rapidamente tramutati in prezzi più alti per i box finiti, con il prezzo medio franco fabbrica per TEU che è aumentato di almeno il 15% nel corso del secondo trimestre 2002 sino a 1.350 dollari USA nella maggior parte delle fabbriche cinesi. Malgrado il rafforzamento delle condizioni del mercato, i prezzi da allora sono rimasti più o meno a questo livello ed addirittura si sono indeboliti leggermente nel corso del quarto trimestre, dato che i costi del materiale si sono nuovamente stabilizzati ed i produttori hanno ripristinato le lavorazioni su molteplici turni. I prezzi dei contenitori nuovi restano, in media, più bassi di quelli del 2001, mentre le maggiori spese sulle materie prime e su altre componenti hanno eroso ulteriormente i margini di profitto dei produttori.

Prevedibilmente, la sola opzione per tutti i costruttori di box è quella di ridurre i costi di gestione in altre zone, e la maggior parte di loro ha reagito migliorando le proprie economie di scala produttive. Questo processo favorisce naturalmente i maggiori gruppi produttivi, che già dominano il mercato e continuano ad incrementare la propria riserva di caccia. Le due ditte principali, cioè il gruppo CIMC e la Singamas Container Holdings, che sono entrambe di proprietà cinese e che già gestivano grandi reti strutturate su più fabbriche, hanno complessivamente acquisito il controllo di altri tre impianti rivali nel corso del 2002, incrementando nel contempo il proprio livello di capacità installata.

La CIMC è adesso in grado di costruire oltre 1 milione di TEU di unità per carichi secchi (nonché 70.000 refrigerati) all'anno, basandosi su lavorazioni strutturate su due turni. La Singamas gestisce 400.000 TEU, in seguito all'assorbimento di altre due fabbriche di box standard l'anno scorso. Si tratta di un impianto a Tianjin, che in origine era gestito dal gruppo anglo-tedesco Habatec-Tectrans, e di uno a Shanghai, che in precedenza faceva parte della rete controllata dalla sud-coreana Hyundai Mobis. La Singamas già gestisce fabbriche di unità per carichi secchi a Shanghai (due), nella Provincia di Guangdong, a Xiamen ed a Surabaya (Indonesia), oltre ad un impianto per unità refrigerate, anch'esso a Shanghai. Essa prevedeva un risultato combinato di oltre 300.000 TEU per il 2002 derivante da tutti i propri attuali siti.

La CIMC ha aggiunto un impianto singolo a Qingdao, anch'esso in origine appartenente alla Habatec-Tectrans, che da allora è stato riadattato per la produzione di trailers. Questo gruppo altrimenti gestisce due fabbriche di unità per carichi secchi a Guangdong, tre a Shanghai, ed una ciascuna a Tianjin, Qingdao e Dalian. Essa inoltre controlla un impianto per refrigerati a Shanghai ed a Qingdao. Ci si aspettava che la produzione complessiva di box per carichi secchi nel 2002 superasse i 650.000 TEU, tra cui oltre 25.000 TEU di speciali, ed oltre 50.000 TEU di refrigerati. Ciò si potrà paragonare ai risultati del 2000, allorquando la CIMC poté registrare i propri migliori risultati complessivi di sempre.

La CIMC e la Singamas sono perciò in lizza per la costruzione di circa 1 milione di TEU nel 2002, che equivarrebbero al 70% di tutta la produzione cinese (e ad oltre il 60% della produzione globale). Il resto della produzione cinese è dovuto ad una ventina di fabbriche circa, molte delle quali sono ancora indipendenti. Il maggior gruppo che li segue è rappresentato dalla sud-coreana Jindo Corp, che gestisce tre fabbriche in Cina (a Guangzhou, Shanghai e Dalian), il cui obiettivo per il 2002 era quello di costruire 100.000 TEU.

Il suo tradizionale rivale sud-coreano, la Hyundai Mobis, ora gestisce appena un impianto in Cina (a Guangdong), avendo venduto la propria infrastruttura di Shanghai alla Singamas. Si prevede che la Guangdong Hyundai possa costruire circa 70.000 TEU nel 2002. La Habatec-Tectrans, avendo trasferito a terzi le proprie partecipazioni detenute nei suoi due impianti di Qingdao e Tianjin, rispettivamente alla CIMC ed alla Singamas, ha abbandonato il proprio diretto coinvolgimento nell'attività di costruzione di box. Sino al recente 2000, il gruppo riusciva ad effettuare annualmente consegne superiori a 75.000 TEU.

TABELLA 2: PRODUZIONE MONDIALE DI CONTENITORI
2001-2002 SUDDIVISA PER CATEGORIA (IN MIGLIAIA DI TEU)
 200120021 CAPACITA'2
Standard per carichi secchi1.050 1.3702.375
Speciali per carichi secchi47 48115
Refrigerati integrali95 110145
Cisterne1010 18
Locali-Europa6046 77
Locali-Nord America18 1660
Totale1.280 1.6002.790
Note:    1 = previsti;
2 = attuale capacità annua strutturata su due turni.
Fonte: "Analisi di mercato" di Containerisation International

Altri importanti nomi nel settore sono il gruppo CXIC di proprietà cinese e la AIS (Associated Industries Shanghai), dietro alla quale c'è Taiwan, con sede a Shanghai, così come la Kwangchow Shipyard Container Factory e la joint-venture sino-italiana Dongguan Winco, nel sud. La CXIC è una delle imprese più grandi, data la sua capacità annua installata di 75.000 TEU. Essa si aspettava di costruire almeno 55.000 TEU nel 2002.

Un altro produttore di notevoli quantitativi è la Suzhou Asia Container International, che opera in prossimità di Shanghai, che era in predicato di consegnare 40.000 TEU nel 2002. Questa società ha recentemente aperto un impianto gemello a Lianyungang, gestito dagli stessi azionisti cinesi, i cui programmi prevedevano la costruzione di oltre 10.000 TEU prima della fine del 2002.
(da: Containerisation International, gennaio 2003)


AB DER ERSTE SEITE
Noch ein Quartal für den Rückgang der Waren in den Häfen der Europäischen Union
Kirchberg
In den ersten drei Monaten des 2023, mit Ausnahme von flüssigen Massengüern, sind alle Arten von Lasten abgenommen.
Meyer Turku hat die Imit of the Seas an der Royal Caribbean International geliefert.
Meyer Turku hat die Imit of the Seas Royal Caribbean International
Miami/Turku
Es hat eine Bruttoraumzahl von 250,800 Tonnen und kann bis zu 5.610 Passagiere aufnehmen.
Eine Delegation der Konftwaffe wurde von der Regierung empfangen.
Rom
Bitte geben Sie die Bedürfnisse und Erwartungen, die Sie zögern, und nicht, des armatischen Sektors.
Unbemannte Fähre ohne Besatzung in Sizilien
Rom
Aufgrund des Bruchs des Anhängers des Anhängers ist das Schiff "Lider Prestij" an den Wellen geblieben.
Die Gesellschafter der griechischen Mitglieder Attika und Anek haben die Fusion der Unternehmen genehmigt.
Kallithea/La Canea
Ich stimme fast einhellig zu.
Im dritten Quartal verringerte sich der Frachtverkehr im Hafen Palermo um 10,2%.
Palermo
Wachstumskräfte von +43,0% und Fähren der Fähren von +6,5%
Zwei Angebote für die Übernahme von 58% des Kapitals der südkoreanischen Gesellschaft HMM
Seoul
Sie wurden von Harim und Dongwon Industries vorgestellt, während LX International aufgegeben hat.
FEPORT weist auf die Gefahr eines Verlusts der Wettbewerbsfähigkeit der Häfen und der Terminals der EU mit der Anwendung des EU ETS zum Shipping hin.
Brüssel
Bonz: Es muss jetzt eine Studie über die Auswirkungen durchgeführt werden, und nicht in zwei Jahren.
Im dritten Quartal sanken die Waren in den Häfen von Neapel und Salerno um -4,0% und -1,7%.
Neapel
In den ersten neun Monaten des 2023 wurden die Verflitzungen mit -3,0% bzw. -4,4% abflagieren.
Hafen von Gioia Tauro, auch für 2023 auf die Höhe der Ankersteuer reduziert
Gioia Tauro
Für die Maßnahme wurden 1,5 Millionen Euro aus den laufenden Ausgaben des Ad-SP bereitgestellt.
Im dritten Quartal des 2023 neuen konjunkturellen Handelsrückgangs der Nationen der G20
Paris
Verlangsamung der Verlangsamung insbesondere in Ostasien und in Europa
Fortschritte bei der Schaffung eines einheitlichen Rechtsrahmens für den Schienengüterverkehr auf den Euroasiatischen Korridoren
Genf
Im Februar kann die Convention on the Contract for International Carriage of Goods von allen Staaten unterzeichnet werden, wenn der "Inland Transport Committee" der UN/ECE
Konteradmiral Antonio Ranieri wurde zum Sonderkommissar der AdTP der Straße ernannt.
Rom
Der Schiffsführer und Befehlshaber des Hafens von Catania
Die ECSA ist mit der Hälfte des in der EU-Standards für CO2-Standards für Lastkraftwagen zufrieden.
Brüssel
Raptis: Alle weiteren Anreize, die nicht notwendig sind, werden dazu führen, dass der Shipping keine sauberen Gewehre entzogen wird.
Der Gemeinderat von Confitarma stimmt einstimmig über den neuen designierten Präsidenten von Zanetti ab.
Maersk eine Absprache mit der chinesischen Goldwind-Vereinbarung für großangelegte Lieferung von Methanol in großem Umfang
Kopenhagen
Jährliche jährliche Menge von 500000 Tonnen ab 2026
Das Europäische Parlament ist mit dem Vorschlag zur Senkung der CO2-Emissionen von Lastkraftwagen in Zusammenhang.
Straßburg/Brüssel
T&E, warf der Erdölindustrie eine Rettungslücke, indem sie das Schlupfloch von Biokraftstoffen unterstützt.
ECSA, grünes Licht für den freien Weg des Europäischen Parlaments zum Entwurf der Net Zero Industry Act
Brüssel
Die Erkenntnis, dass nachhaltige Schiffskraftstoffe Technologien mit Nullwirkung sind-hat die Assoziierung unterstrichen-ist ein wichtiger Schritt nach vorn.
Die MSC-Gruppe hält am Ende der Opa-HHO-Gruppe rund 14% des Kapitals der terminalistischen Gesellschaft.
Hurg
Mit den Maßnahmen in der Verwaltung der Stadt-Hamburg-Staat steigt die Summe auf 84, 21%, unter der 90 %-Schwelle, die das Squeeze out anziellen würde.
Ancip, Assiterminal, Assologistisch, Assoporti und Uniport schlagen vor, die Arbeit an bestimmten Gruppen von Hafenarbeitern anzuerkennen.
Genua
Abkommen zwischen dem AdMP der Westligurien und der staatlichen Polizei für den Kontrast zu Cyberkriminalität
Genua
Ziel ist es, die IT-Sicherheit des Instituts und des Hafenauftrages zu verbessern und zu verbessern.
Das Kartellverbot des Vereinigten Königreichs empfiehlt sich, die Verlängerung der Gruppenfreistellung für Linienschifffahrtfahrer nicht zu empfehlen.
Das Kartellverbot des Vereinigten Königreichs empfiehlt sich, die Verlängerung der Gruppenfreistellung für Linienschifffahrtfahrer nicht zu empfehlen.
Erschließung des Öltankers Central Park
Tampa
Die Intervention der Combined Maritime Force TF 151 hat die Aggressoren, die zum Ertrag gezwungen waren, desessentreien lassen.
Ein Schiff, das im Golf von Aden beschlagnahmt wurde und von einer Drohne im Indischen Ozean getroffen wurde
Angriffe auf das "Central Park" -Öltankschiff und die Containerportals "CMA CGM Symi"
Gruber Logistics hat eine neue Tochtergesellschaft in Frankreich eröffnet.
Zeit
Er hat seinen Sitz in Lyon und wird sich auf die Bereitstellung vollständiger Logistikdienste konzentrieren.
Der "Propeller Club Ports of La Spezia and Marina di Carrara"
Carrara Marina
Die Zahl der Mitglieder, die aus dem Hafen stammen, nimmt die Zahl der Mitglieder aus dem Hafen an.
Überlieferungsübergang beim Gipfeltreffen der Behörde für das Hafenaufenttsystem
Messina
Mega erinnerte auf die Hindernisse, die ihr Mandat in ihrer gesamten Amtszeit haben.
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Abschluss des Genehmigungsverfahrens für den Bau der Kassetten des neuen zeitgenössischen Staudamms von Genua in Vado Ligure
Genua
Ursprünglich werden fünf von der Werft zur Verteidigung der Werft eingerichtet werden.
Okay, der Stadtrat zum Regolator-Plan für den Hafen von Marina Carrara.
Carrara Marina
Abordnung des Ad.SP für grünes Licht für das neue Planungsinstrument, das seit 1981 zu erwarten ist
Impala Terminals kauft die HES Hartel Tank Terminal Terminal Rotterdam
Genf
Die Errichtung des Terminals für flüssige Massengüter im niederländischen Hafen wird durch eine weitere Investition ergänzt.
Eine Durchführungsverordnung regelt die Verwaltung der Schifffahrtsgesellschaften für das EU ETS.
Brüssel
Es wurde heute im Amtsblatt der Europäischen Union veröffentlicht.
Hapag-Lloyd eröffnet ein neues Informatikzentrum in Chennai
Hurg
Es wird in Partnerschaft mit Indiana Solverminds durchgeführt.
Tunesier OMMP ordnete sechs Schlepperinnen an der türkischen Werft Med Marine an.
Istanbul/La Goulette
Es handelt sich um Mittel mit einer Zugkraft von 60 Tonnen.
Rhenus Overland Italia kauft Pausen Verkehr und Logistik
Lauzacco
Das Unternehmen hat eine Flotte von 25 Zugmaschinen und 50 zwischen Trailer und Semitrailer.
Zusammenarbeit von Fincantieri und IIT für Robotertechnik, die auf die Unterstützung und Sicherheit von Anwendern angewendet wird
Triest/Genua
Konferenz über Änderungen in der Hafenlogistik
Ravenna
Es wird der erste Dezember in Ravenna stattfinden.
Mit dem Hafenreformzylinder wird ein Unternehmen gegründet
Palermo
Eine zentrale Spa, die die Investitionen abwählen würde
Der neue Marebonus ist im "Amtsblatt".
Palermo
Rixi: Für den Zugang zu den Anreizen ist die Computerplattform ab dem 6. Dezember verfügbar.
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Konferenz über Änderungen in der Hafenlogistik
Ravenna
Es wird der erste Dezember in Ravenna stattfinden.
Konferenz über die Zukunft der italienischen Portale 'Uniport'
Rom
Sie findet am 5. Dezember in Rom statt.
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
Ports cyber hack reveals Australia's 'vulnerability' to attack
(The New Daily)
Economy Minister: Anaklia port project developing “according to plan”, “no delays” in deadlines
(Agenda.ge)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Mario Mattioli
Roma, 27 ottobre 2023
››› Archiv
Meyer Werft erhöht seine Präsenz im Offshore-Segment
Papenburg
Sie wird Stahlkonstruktionen für die Umstellungsplattformen in der Nordsee realisieren.
Vertrag von 700 Mio. EUR für die Fortsetzung der Arbeit des Dritten Valenos
Rom
Er wurde von "Ferroviaria Italiana" und "Webuild" unterzeichnet.
Der Hafen von Neapel schätzt die Schließung von 2023 mit einem Personenverkehr mit Passagieren.
Neapel
Ankündigung: In diesem Jahr werden die Kreuzfahrer in Höhe von 1,6 Millionen Euro pro 448-Hafen steigen.
Die Kanarischen Inseln wollen mehr Mitspracherang bei der Verwaltung der Häfen und der Flughäfen der Archipel haben.
Santa Cruz de Tenerife
Rückgang der Häfen von Barcelona und Algeciras im Oktober in Häfen
Barcelona/Algeciras
Letzten Monat gingen die von den beiden Trepeln umrührten "Teu" -Container um -0,4% und -3,0% zurück.
Im dritten Quartal stieg der Verkehr in den schweizerischen Häfen am Rhein um +22,3%.
Basel
In den ersten neun Monaten war der Anstieg um +20,0% gestiegen.
Die Zulassung von DIS zu den Verhandlungen über OTCQX ® Best Market in den USA
Luxemburg
Marktsegment für internationale Unternehmen
Auf dem Galata Museum des Genowischen Meeres wird ein Simulator zur Entdeckung der Hafenaktivitäten beitragen.
Genua
Ab Donnerstag wird die Installation der Öffentlichkeit zugänglich sein.
Im Hafen von Gioia Tauro wurde die größte Containerschporter von immer
Im Hafen von Gioia Tauro wurde die größte Containerschporter von immer
Gioia Tauro
Der Calabereskalkal beabsichtigt, 2023 mit einem Container auf Satzebene zu schließen.
Konferenz über die Zukunft der italienischen Portale 'Uniport'
Rom
Sie findet am 5. Dezember in Rom statt.
COSCO Shipping Lines teilt den Kunden die Beträge der Surcharge für das EU ETS mit.
Shanghai
Sie werden ab dem 1. Januar angewendet.
Letzten Monat erhöhte sich der Containerverkehr im Hafen von Los Angeles um +7,0%.
Los Angeles
In den ersten zehn Monaten des 2023 wurden 7,12 Mio. Teu (-16,6%) versiert.
Mario Zanetti (Costa Crocks) wird der nächste Präsident der Confitarma sein.
Mario Zanetti (Costa Crocks) wird der nächste Präsident der Confitarma sein.
Rom
Einhellige Angaben der Kommission zur Benennung
Die Ausschreibung für den Bau der neuen Seeschifffahrtsstation Ravenna ist kurz.
Ravenna
Das Projekt umfasst die Durchführung des Parks Dünen
ForkliftCenter stellt 59 Transportmittel für die Grimaldi-Gruppe zur Verfügung.
Amsterdam
Lieferung 47 Hubwagen und 12 Schubstapler
Letzten Monat erhöhte sich der Frachtverkehr im Hafen von Valencia um +7,3%.
Valencia
In den ersten zehn Monaten des 2023 wurde ein Rückgang von -6,1% festgestellt.
Im Hafen von Gioia Tauro wurde das Kai für Schlepperboote eröffnet.
Gioia Tauro
Agostinelli: seit 25 Jahren und wir haben die perfekte logistische Unterbringung gefunden.
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy