testata inforMARE
9. Dezember 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
20:13 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXVI - Anzahl 1/2008 - JANUAR 2008

Porti

Helsinki alza la posta in gioco

Entro la fine del 2008, il porto finlandese di Helsinki diventerà il quarto scalo containerizzato della regione Scandinavia/Baltico in grado di movimentare le portacontainer panamax, dopo Gøteborg (Svezia), Århus (Danimarca) e Danzica (Polonia).

Resta la questione relativa a quando la regione assisterà all'arrivo del proprio primo servizio marittimo a lungo raggio, data l'inaugurazione del porto russo di Ust Luga, nei pressi di San Pietroburgo, l'anno successivo.

Tuttavia, sembra che questo sviluppo abbia ancora molta strada da fare.

Ci sono ancora troppi porti privi di servizi, a differenza del Mar Nero, dove i servizi diretti stanno adesso diventando la norma, la maggior parte dei quali dispongono di infrastrutture per la movimentazione dei containers e profondità di pescaggio assai limitate.

Nella sola Finlandia, ad esempio, esistono più di quattro porte d'accesso containerizzate a servizio dei traffici, come mostra la tabella sottostante.

TRAFFICI DEI PORTI FINLANDESI
NEL 2006 E NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2007
(DATI ESPRESSI IN TEU)

Porto

Primo semestre
2007

Cambiamento

2006

Cambiamento

Kotka

259.025

23,5%

452.401

23,5%

Helsinki

216.335

3,6%

416.667

-9,4%

Hamina

92.038

23,4%

168.192

8,2%

Rauma

84.510

3,9%

161.148

35,9%

Hanko

28.604

16,0%

54.256

-7,5%

Pori

20.173

-4,9%

42.137

-22,7%

Totale

700.685

12,9%

1.294.801

6,7%

Altri

46.899

-13,5%

98.889

14,0%

Totale complessivo

747.584

10,8%

1.393.690

7,2%

Fonte: Liner intelligence (www.ci-online.co.uk) / Seanews

Inoltre, gran parte della regione è coperta dal ghiaccio in inverno, il che obbliga all'uso di navi rompighiaccio.

Il progetto della baia ad acque profonde di Vuosaari a Helsinki rappresenta, tuttavia, un bel passo nella giusta direzione e, anche con la continuazione dei soli servizi feeder, cambierà in modo significativo lo scenario logistico degli importatori ed esportatori che desiderano servire il mercato finlandese ed il suo interland russo.

La porta d'accesso della capitale finnica è stata lontana dalla ribalta nel corso degli ultimi due anni, ma ciò è avvenuto solo a causa della congestione e dell'ammissione del fatto che la zona del suo terminal contenitori della Baia Occidentale sembrerebbe molto più bella se fosse un centro dedicato al tempo libero, e perciò limitato alle sole navi passeggeri.

Da allora, i traffici dalla Finlandia al mondo esterno sono stati pertanto incoraggiati ad utilizzare altri porti, il che ha comportato un calo di traffici da 500.000 TEU nel 2004 a 459.744 TEU nel 2005.

Come mostra la tabella, i suoi traffici containerizzati sono diminuiti di un ulteriore 9,4% nel 2006, sino a 416.527 TEU, rispetto ad una crescita media complessiva dei traffici portuali del paese del 7%, mentre è cresciuta del solo 3,6% nei primi mesi del 2007, rispetto ad crescita nazionale media del 10,8%.

Inntale contesto, le importazioni hanno subito più conseguenze delle esportazioni.

Resta da vedere se Helsinki recupererà tutta la sua gloria originaria, dal momento che Hamina e Kotka hanno colto tutte le opportunità che gli si sono presentate per espandersi, mentre la baia di Vuosaari, appena fuori Helsinki, era in fase di costruzione.

Inoltre, Hamina e Kotka sono molto più vicine al confine russo, di modo che sono situate in una posizione migliore per poter trarre vantaggio dalla cronica congestione di San Pietroburgo.

Queste porte d'accesso hanno inoltre tratto vantaggio dalla politica delle Ferrovie Russe che hanno smesso di favorire la direttrice Transiberiana dal porto di Vostochniy sul Pacifico a Buslovskaya (sul confine finlandese) a partire dall'inizio del 2006, a favore dello sviluppo di servizi più diretti da Vostochniy alle destinazioni russe interne, Mosca compresa.

Quasi tutte le attività sud-coreane che erano solite entrare nel mercato russo attraverso questa porta di servizio hanno dovuto, di conseguenza, essere invece movimentate via mare.

I traffici nei due sensi ammontavano a qualcosa come 130.000 TEU nel 2005, il che aiuta a spiegare in parte la conseguente crescita di Hamina e Kotka.

Al fine di attirare nuovamente i caricatori a Helsinki alla fine di quest'anno, la sua autorità portuale non ha badato a spese.

Per un costo di 313,7 milioni di euro, il nuovo porto offrirà due impressionanti banchina containerizzate di 750 metri, oltre a 15 ormeggi ro-ro in un'area portuale chiusa di 150 ettari.

La baia occidentale oggi offre solo un ormeggio per ro-ro/contenitori di 400 metri, con un pescaggio lungobanchina di 11 metri, ed un'altra banchina di 430 metri con un pescaggio lungobanchina di 8,9 metri, ma non ha altro spazio a fini di espansione.

La baia Nord, anch'essa chiusa ai carichi unitizzati, provvede per lo più ai servizi ro-ro.

D'altro canto, il canale d'approccio di Vuosaari è stato dragato sino ad una profondità minima di 12,5 metri, che sta a significare un pescaggio-nave in sicurezza di almeno 11 metri.

Il canale di approccio è lungo 32 km e largo 200 metri.

I traffici sono messi in condizione di scorrere in entrambe le direzioni, fatta eccezione per un tratto di 10 km, che dispone di un punto di ancoraggio ed incrocio a metà strada.

La Finnsteve continuerà a fornire servizi di stivaggio nella zona orientale della nuova baia e ha già ordinato quattro gru a cavaliere panamax alla Kalmar, in grado di estendersi su 18 file di contenitori allineati in banchina.

Le suddette gru dovrebbero essere consegnate a maggio.

La Multi-Link Terminals e la Steveco hanno intenzione di effettuare operazioni nella parte occidentale della baia, dove sono state previste anche operazioni containerizzate.

Il complesso disporrà nelle vicinanze di un parco delle attività da 25 ettari per facilitare le procedure commerciali ed operative.

Le imprese che vi apriranno dei locali non saranno direttamente collegate alle operazioni portuali, ma potranno trarre vantaggio dalla prossimità alla baia ed al suo canale di navigazione.

Metà dei diritti edilizi inerenti al parco da 91.000 m2 sono già stati prenotati.

Uno dei suoi primi inquilini sarà il gruppo Paulig, che ha cominciato a costruire una nuova torrefazione di caffè per sostituire l'altra realizzata a Vuosaari nel 1967.

Jan Kluever, amministratore delegato della Team Lines, un importante operatore feeder al servizio del mercato finlandese, ha dichiarato: “Diamo il benvenuto al nuovo porto ed a tutto ciò che ha da offrire, ma dobbiamo ancora sentire se le sue infrastrutture saranno aperte 24 ore su 24 e 7 ore su 7.

Per un po' di tempo abbiamo chiesto che ciò avvenisse nella Baia Occidentale.

Siamo anche preoccupati per l'eventualità che la realizzazione dei suoi capannoni per il riempimento e lo svuotamento dei contenitori possa avvenire dopo la scadenza fissata.

Un grosso vantaggio apportato dal nuovo scalo consisterà nei suoi collegamenti stradali e ferroviari, che porteranno fuori dal centro città i traffici pesanti”.

Queste connessioni stradali e ferroviarie, che comportano lo scavo di gallerie assai costose, sono già state completate.

La strada si collega direttamente alla tangenziale cittadina esterna III, che ha un diametro di poco più di 10 km.

Ciò consente il dirottamento del traffico pesante fuori dalle strette strade del centro cittadino.

La linea ferroviaria elettrificata a binario unico del porto è lunga 19 km e sarà utilizzata per il solo trasporto merci.

Essa si collega alla rete nazionale nei sobborghi della città.

Ci si aspetta che approssimativamente il 10% del traffico containerizzato del porto continui ad essere movimentato per ferrovia, inizialmente, mentre la quota residua lo sarà via strada, sebbene si preveda che la quota della ferrovia cresca sino al 20% grazie al miglioramento delle connessioni.

Lo scorso anno, Veli Takanen, direttore per lo sviluppo della Finnsteve, ha dichiarato: “Circa un quarto della popolazione finlandese vive nell'area metropolitana di Helsinki e quasi tutte le direttrici distributive per le importazioni partono dalla città, di modo che è naturale che, usando questo centro portuale, i clienti possano inoltrare alla svelta le loro importazioni ai consumatori.

Di conseguenza, il magazzinaggio dei prodotti ed il capitale ad essi vincolato risulteranno minimizzati.

“A causa dell'elevato livello delle importazioni che questi abitanti richiedono, tutti i vettori e le società di leasing debbono sempre avere un sacco di contenitori vuoti a disposizione per le esportazioni.

Pertanto, i grandi movimentatori di derrate, quali i prodotti forestali, possono essere immediatamente scaricati dai carri ferroviari o dai camion e caricati sui containers (invece di essere prima immagazzinati).

Questo non è solo più veloce e ed economico: sono stati sperimentati anche meno danni al carico”.

La disponibilità di un numero maggiore di partenze delle navi ogni giorno rispetto agli altri porti vicini rende questo processo di esportazione ancora più rapido.

A giudizio della Finnsteve, le operazioni navali a Vuosaari diventeranno ancora più veloci, dato che a navi sino a 1,5 volte più grandi delle normali dimensioni di una nave da raccordo sarà consentito l'attracco contemporaneamente alle normali navi di dimensioni feeder da 650 a 900 TEU di capacità.

Inoltre, poiché un numero maggiore di carichi dovrebbe essere accentrato a Helsinki, saranno necessari meno scali di raccordo.

La Finnsteve esprime maggiori riserve in ordine alle prospettive di Helsinki per il mercato russo, ma, essendo impegnata anche nello stivaggio a Kotka, ha dovuto ripartire le propria fedeltà tra i due scali.

Afferma Takanen: “Ci aspettiamo che i traffici russi crescano per molti anni.

Recentemente non abbiamo condotto iniziative di marketing per Helsinki a proposito di questi traffici a causa della limitata capacità della Baia Occidentale.

D'altro canto, i traffici nel nostro terminal di Kotka sono in crescita e noi dobbiamo affrontare altresì la realtà che presto anche la sua capacità avrà bisogno di essere incrementata.

Kotka e Hamina sono situate 250 km più vicino al valico di frontiera russo a Vaalimaa (nei pressi di Buslovskaya) rispetto a Helsinki (partendo dal presupposto di un viaggio di andata e ritorno).

Poiché la maggior parte dei traffici containerizzati russi viene ancora trasportata via strada, ciò significa che la distanza più breve rappresenta un notevole vantaggio per loro.

Tuttavia, quando Vuosaari sarà stato inaugurato, avremo la possibilità di istituire una tratta ferroviaria migliore da Helsinki a Mosca.

La situazione tornerebbe così ad essere quella che avevamo negli anni '90; nondimeno, anche a quei tempi i due terminali erano troppo piccoli.

Il piazzale ferroviario di Vuosaari risolverà questo problema in Finlandia ed ora noi abbiamo la necessità di cominciare a cercare la disponibilità di un operatore terminalistico efficiente e fidato a Mosca”.

Takanen è stato attento a chiarire che la funzione primaria di Vuosaari sarà ancora quella di servire il mercato finlandese.

Ha infatti dichiarato: “L'ideale, naturalmente, sarebbe se la Finnsteve potesse bilanciare il carico di lavoro con i traffici russi su giorni diversi; tuttavia, al momento, non si tratta di un piano realistico”.

Concludendo, è chiaro che tutti coloro che sono impegnati nella realizzazione di una filiera organizzativa con la Finlandia ed il suo hinterland russo avranno un sacco di cose a cui pensare, dal momento che ciò che era solito essere non lo sarà più, mentre ciò che solitamente era impossibile diventerà molto più abbordabile.

Sebbene l'introduzione del primo servizio diretto dall'Asia sembri ancora una remota possibilità, la baia di Vuosaari renderà tale eventualità assai più allettante.
(da: Containerisation International, gennaio 2008, pagg. 56-57)


AB DER ERSTE SEITE
Si accentua la precipitosa discesa dei ricavi delle taiwanesi Evergreen, Yang Ming e WHL
Taipei
Wan Hai Lines avvia dieci portacontainer alla demolizione negli stabilimenti indiani di Alang
PSA valuterebbe la cessione della sua partecipazione in Hutchison Port Holdings
Singapore
Il 20% del capitale della società terminalista è stato acquisito nel 2006
Wenzel (Yilport): le compagnie di navigazione containerizzate hanno acquisito strapotere mentre le autorità di regolamentazione dormivano
Bruxelles
L'UE - ha affermato il presidente di Feport, Bonz - non ha analizzato il settore marittimo a questo proposito potenzialmente perché gli interessi nazionali proteggevano alcune compagnie
Solinas chiede al governo di evitare che le nuove norme UE sulle emissioni abbiano un impatto negativo sui collegamenti con la Sardegna
Il prossimo anno Ocean Alliance manterrà invariati gli scali ai porti italiani
Pechino
Tre servizi toccheranno Genova. Una linea per ciascuno dei porti di La Spezia, Livorno e Trieste
Intercargo, per la decarbonizzazione dello shipping è indispensabile assicurare la disponibilità di combustibili verdi
Londra
L'associazione evidenzia la necessità di garantire anche la rete di infrastrutture per la fornitura di questi fuel
CMA CGM compra i container terminal nel porto di New York della GCT
New York
Alla società americana rimangono le attività terminalistiche nel porto canadese di Vancouver
In Germania è attesa una ripresa della crescita del trasporto marittimo e ferroviario solo nel 2024
Colonia
Nel 2023 è prevista una stagnazione dell'attività
UNIPORT sottopone alla politica le questioni ritenute essenziali per lo sviluppo della portualità
Roma
Tra i temi evidenziati, quelli del lavoro portuale e delle concessioni
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Trecentomila euro di multa a Chantier Naval de Marseille (San Giorgio del Porto) per violazioni ambientali
Marsiglia
Denuncia presentata da due associazioni ambientaliste
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
SEA Europe plaude all'accordo preliminare per destinare parte delle entrate dell'EU ETS a progetti marittimi
Bruxelles
Tytgat: contribuirà ad accelerare l'innovazione e a potenziare l'applicazione di carburanti e tecnologie più sostenibili
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Fincantieri ha consegnato la nuova nave da crociera Resilient Lady a Virgin Voyages
Trieste
È la terza di quattro unità ordinate dalla compagnia
Meyer Werft ritarderà la consegna della nave da crociera Carnival Jubilee
Miami
Entrerà a far parte della flotta di Carnival Cruise Line a dicembre 2023
La statunitense FMC chiede più poteri per bloccare eventuali pratiche anticoncorrenziali nel settore del trasporto marittimo containerizzato
Washington
Lettera dei commissari Bentzel e Vekich ai membri chiave del Congresso
Ventana Serra ha aperto due nuove filiali a New York e Atlanta
Basiano
Si aggiungono alle sedi americane di Miami e Los Angeles
DP World si impegna a potenziare il porto somalo di Bosaso
Dubai
Verrà costruita una nuova banchina
La Romania potenzia i porti di Braila e Galati
Bucarest
Firmati due contratti per lo stanziamento di circa 55 milioni di euro
Mercoledì a Ravenna il convegno “Piani regolatori e concessioni portuali. La nuova disciplina”
Ravenna
Verranno illustrate le novità apportate all'art. 5 della legge n. 84/1994 e le linee del Regolamento per il rilascio delle concessioni demaniali
Apprezzamento di ESPO per l'ampliamento dei criteri per individuare i porti inclusi nella rete globale TEN-T
Bruxelles
Il testo concordato dal Consiglio europeo tiene conto del contributo del porto alla diversificazione degli approvvigionamenti energetici dell'UE e all'accelerazione della diffusione delle energie rinnovabili
Ad ottobre il traffico delle merci nel porto di Ravenna è diminuito del -5,9%
Ravenna
Atteso un calo del -7,0% a novembre
MSC attiverà un nuovo servizio di linea diretto tra India e Mediterraneo occidentale
Ginevra
In Italia scalerà i porti di Genova, Salerno e Gioia Tauro
Alessandra Orsero è stata eletta presidente di Confetra Liguria
Genova
È vice presidente di Isomar e di Spediporto
Accademia Italiana della Marina Mercantile e Fincantieri avviano percorsi di formazione continua
Genova
Un programma è stato studiato specificamente per il personale tecnico del polo di Sestri Ponente
Progetto di Fedespedi e Accudire per sperimentare la digitalizzazione della CMR
Milano
Calamandrei: auspichiamo che il parlamento ratifichi, nel minor tempo possibile, il protocollo alla Convenzione CMR
Accordo tra Assologistica e Assiterminal per iniziative volte allo sviluppo del settore logistico
Milano
È incentrato su ntermodalità, modernizzazione dei contratti, digitalizzazione, formazione e sostenibilità
Cepsa investirà tre miliardi di euro per la produzione di idrogeno verde in Andalusia
Madrid
Verrà utilizzato anche per la decarbonizzazione dello shipping attraverso i porti di Algeciras e Huelva
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Mercoledì a Ravenna il convegno “Piani regolatori e concessioni portuali. La nuova disciplina”
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
Korean shipbuilders demand 20% price cut in steel plates from steelmakers
(Pulse by Maeil Business News Korea)
S. Korean shipyards rank 2nd in new global orders in Nov.
(YONHAP News Agency)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy