testata inforMARE
28. November 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
10:22 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXIII - Anzahl 5/2005 - MAI 2005

Studi e ricerche

Refrigerati' bollenti

Il conteggio mondiale dei contenitori refrigerati integrali si è incrementato ancora una volta nell'annata che va fino alla metà del 2004, allorquando è stato aggiunto al totale altro equipaggiamento per 100.000 TEU, equivalente al 10% in più. Questi sono i risultati del Censimento mondiale contenitori 2005 di Containerisation International, che ha rivelato una crescita della flotta significativamente più alta di quella conseguita nell'annata precedente (alla metà del 2003), allorquando era stato aggiunto un più modesto 4,5%. Anche le scorte degli integrali sono cresciute ad un tasso inferiore (circa il 7%) nel corso dell'anno precedente, alla metà del 2002.

L'ultima espansione è stata alimentata principalmente dalla solidità dei traffici containerizzati refrigerati integrali, che continuano a crescere organicamente, così come ad attirare altra attività dagli operatori reefer palletizzati e convenzionali. Anche il prezzo dei reefer è stato allettante nel 2004, dal momento che i costi di produzione non sono aumentati allo stesso ritmo di quelli del settore delle unità per carichi secchi. Ciò ha incoraggiato alcuni acquirenti (in particolare, i vettori marittimi) ad investire in modo più attivo rispetto all'anno precedente. Inoltre, si è verificato un marcato calo del numero dei vecchi box integrali ritirati dalla flotta, nonché di quelli dismessi o venduti ai fini dell'uso di seconda mano.

Le dismissioni di refrigerati sono cresciute drasticamente nel 2002-03, dal momento che i proprietari hanno accelerato la liquidazione delle unità operanti con quadri di controllo analogici della vecchia generazione e con gas refrigeranti CFC/HCFC. Questi ultimi sono diventati sempre più obsoleti, dal momento che sono difficili dal lato della manutenzione ed impopolari dal punto di vista ambientale. Il settore del leasing da solo ha dismesso più di 30.000 TEU di vecchi contenitori nel 2003, mentre i vettori marittimi hanno rivenduto ulteriori 45.000 TEU, il che comporta una cifra complessiva di 75.000 TEU. In confronto, nella maggior parte degli anni precedenti, le dismissioni annuali dei refrigerati non hanno superato i 30.000 TEU in tutto il settore.

Tuttavia, i dati relativi alle dismissioni sono diminuiti nuovamente nel 2004 sino a meno di 60.000 TEU in totale, il che si spiega in parte con l'eccedenza di crescita della flotta lo scorso anno. Anche la struttura della flotta refrigerata integrale mondiale è più omogenea di quella degli anni passati, dato che quasi nessun equipaggiamento è ancora operativo con CFC12 (R12) e sempre meno unità presentano miscele refrigeranti a goccia od alternative più obsolete dello R12, quale lo HCFC22. Tutti questi gas sono destinati a seguire il destino dello R12 che è stato vietato a livello mondiale a causa del suo potenziale di impoverimento dell'ozono.

Invece, la flotta attuale è quasi interamente composta di unità caricate con il refrigerante HFC134a (R134a) approvato dall'industria, il quale ha un potenziale di impoverimento dell'ozono pari a zero (anche se contribuisce comunque al riscaldamento globale). Un piccolo numero di unità viaggia con un'alternativa R404a, anch'essa dotata di potenziale di impoverimento dell'ozono pari a zero. Gran parte dell'equipaggiamento attuale allo stesso modo opera con sistemi di controllo "micro", sviluppati originariamente alla metà degli anni '90.

La flotta integrale mondiale sta diventando sempre più snella, dal momento che i più vecchi contenitori da 20 e 40 piedi vengono progressivamente ritirati e rimpiazzati quasi esclusivamente da 40 piedi high-cube. Questi ultimi da molti anni stanno guadagnando stabilmente terreno nell'ambito della flotta integrale globale e, alla metà del 2004, costituivano quasi l'80% dei TEU. La loro quota era prossima al 75% un anno prima. Lo high-cube da 40 piedi adesso rappresenta oltre il 90% di tutti i TEU reefer costruiti annualmente. Il resto è costituito completamente da 20 piedi, dal momento che da diversi anni non si verifica alcuna produzione significativa di reefers da 40 piedi (8 piedi e 6 pollici in altezza). Quanto ai 20 piedi, nel 2004 ne sono stati costruiti poco più di 10.000 TEU, mentre almeno 70.000 unità erano delle dimensioni di 40 piedi high-cubes. Questa produzione complessiva di 150.000 piedi ha rappresentato un altro record anche per i fornitori di box e di motori.

La flotta di 20 piedi integrali è cresciuta molto poco negli ultimi anni, ma dove sta perdendo terreno è in termini di quota percentuale. Il 40 piedi (8 piedi e 6 pollici) sta calando in termini sia di dimensioni che di quota ed è probabile che scompaia completamente nel giro di altri cinque anni o giù di lì. C'è anche una flotta residua di diverse migliaia di refrigerati di lunghezza pari a 24 piedi (Matson), 43 piedi (Chiquita Brand) e 45 piedi, ma anche questi a lungo termine andranno a perdersi. L'attrattiva dell'equipaggiamento da 40 piedi high-cube è corroborata dal suo prezzo concorrenziale se confrontato con le minori dimensioni da 20 e 40 piedi, con la sua diffusa disponibilità e con la maggiore capacità in termini volumetrici. Dal momento che la maggior parte dei carichi refrigerati è del tipo imballato a basso peso, esso in genere viene stipato prima di raggiungere il peso massimo permesso.

Ciononostante, la domanda di contenitori integrali da 20 piedi è stata stimolata in parte dalla recente dismissione di equipaggiamento da 20 piedi isolato/oblò. Questa tendenza è stata confermata nell'annata sino alla metà del 2004, quando alcune altre migliaia di tali box sono stati rottamati e la flotta isolata complessiva è diminuita di un altro 15% sino a meno di 25.000 TEU. La flotta integrale aveva, in confronto, superato gli 1,1 milioni di TEU alla stessa data. L'equipaggiamento isolato perciò ha rappresentato poco più del 2% di tutte le scorte di box refrigerati alla metà del 2004, rispetto al 15% di dieci anni prima.

E' previsto che il conteggio mondiale dei reefers con oblò cali a zero nel giro di pochi altri anni, dal momento che a loro volta anche le residue navi Con-Air verranno messe in disarmo. Gran parte (ma non tutto) dell'attuale equipaggiamento isolato è in fase di sostituzione con 20 piedi integrali. La maggior parte dei vettori - tra cui P&O Nedlloyd, Hamburg Sud, CMA CGM e Maersk Sealand - stanno sostituendo alcuni contenitori isolati da 20 piedi con 40 piedi high-cube integrali, dal momento che le loro operazioni refrigerate sono diventate del tutto del tipo "a spina". Infatti, molti proprietari prevedono alla fine la stessa dismissione della flotta di 20 piedi cui si è già assistito per la componente da 40 piedi (8 piedi e 6 pollici). La conseguenza sarà che aumenteranno i guai di tipo logistico, dal momento che la disponibilità di tale equipaggiamento diverrà meno garantita, il che a sua volta condurrà verso l'alto i costi e scoraggerà ulteriormente gli spedizionieri dall'accettarlo.

Com'è stato detto, in precedenza, i vettori marittimi rappresenteranno la maggior parte degli inserimenti di reefers integrali effettuati nell'annata che va sino alla metà del 2004, sebbene il settore del leasing in realtà abbia conseguito una quota maggiore di incremento della flotta. Tuttavia, l'ammontare delle unità noleggiate resta di gran lunga minore di quello delle unità di proprietà ovvero finanziate dagli armatori. I vettori marittimi ancora controllano due terzi di tutti i TEU reefer integrali, vale a dire il doppio di quelli in leasing operativo. Circa 65.000 TEU si sono aggiunti alla flotta di proprietà dei vettori nell'annata che va alla metà del 2004, spingendola in alto di quasi il 9%, mentre 36.000 TEU (equivalenti al 12%) sono stati inseriti dalle società di leasing. I vettori marittimi per lungo tempo sono stati i proprietari dominanti di tutto l'equipaggiamento reefer e non vi è alcuna indicazione che ciò possa cambiare nell'immediato futuro.
(da: Containerisation International, aprile 2005, pag. 75)




AB DER ERSTE SEITE
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
Dollar crisis hits shipping sector as payment to MLOs face hurdles
(The Financial Express)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy