testata inforMARE
1. Dezember 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
14:11 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXII - Anzahl 11/2004 - NOVEMBER 2004

Porti

Le Havre: rimedi alla congestione finalmente in vista

Era quasi inevitabile che il principale porto containerizzato della costa atlantica francese, Le Havre, dovesse soffrire di cronica congestione quest'estate. I risultati dello scorso anno, ad esempio, hanno fatto registrare un preoccupante aumento del 15,3% sino a 1,98 milioni di TEU, portando le già limitate risorse dello scalo al tetto assoluto. I traffici nel 2004 continuano la propria apparentemente inarrestabile crescita, essendo aumentati dell'8% nei soli primi sei mesi. La presenza di un numero minore di portuali nel corso dei mesi chiave di luglio ed agosto, le gru in difficoltà ed anche una maggiore quantità di volumi da movimentare rispetto all'estate precedente: tutto ciò ha comportato che il porto ha dovuto comprensibilmente lottare per farvi fronte. Ciononostante, l'autorità portuale è stata irremovibile circa il fatto che le cose tornassero normali a settembre.

Tuttavia, il dirigente anziano di un'agenzia marittima locale nonché società di servizi marittimi ha dichiarato che esiste ancora spazio per spremere ulteriormente le attrezzature esistenti: "La produttività media di 20-22 movimentazioni per gru/ora" sostiene "è minore di quella che c'era quando ho cominciato a lavorare in porto, qualcosa come 30 anni fa, malgrado il fatto che adesso disponiamo di attrezzature moderne assistite dall'informatica".

Il problema, che non è peculiare solo della Francia, sta nel fatto che mentre i terminals sono gestiti da stivatori del settore privato, le loro attrezzature vengono adoperate da dipendenti dell'autorità portuale. Dal momento che la maggiore produttività potrebbe significare meno posti di lavoro, l'efficienza sulle banchine resta fiacca.

A rendere le cose peggiori, si aggiunga che le attrezzature da carico/scarico a Le Havre sono state perseguitate da problemi meccanici, sia di poco conto che, talvolta, seri. Le nuove gru a cavaliere da banchina allo stato dell'arte acquistate dalla ZPMC, ad esempio, hanno incontrato problemi di crescita, tanto che si sono dovuti importare pezzi di ricambio dalla Cina. Più seri sono stati i problemi che hanno afflitto le prestazioni delle gru Caillard di produzione locale. Queste ultime sono state acquistate agli inizi degli anni '90, ma sono chiaramente sorpassate dal punto di vista tecnico per i moderni compiti di banchina e soggette a brutte figure quando vengono spinte al limite della propria capacità progettuale. L'autorità portuale, ciononostante, insiste sul loro salvataggio. Infatti, i recenti interventi meccanici hanno messo in grado almeno quattro delle cinque unità di restare più o meno in servizio nel corso dell'estate; peraltro, un periodo di fermo più lungo sarà necessario perché esse abbiano un futuro più sicuro.

Una nota positiva consiste nel fatto che le unità della ZPMC sono state equipaggiate con due spreaders (uno manuale, l'altro automatico), che dovrebbero alla fine comportare una maggiore produttività in banchina anche al cospetto di dipendenti recalcitranti.

Sfortunatamente, il tanto reclamizzato programma di implementazione Port 2000 continua a slittare: ci si aspetta, adesso, che i primi quattro ormeggi non diventino pienamente operativi prima della fine del prossimo anno, cioè almeno sei mesi più tardi rispetto ai tempi programmati. La Maersk Sealand e la CMA CGM si sono impegnate a trasferire le attività nella nuova banchina lunga 1.400 metri. Altri due ormeggi saranno aggiunti in seguito; in progetto ce ne sono fino a 12, se i traffici forniranno adeguate garanzie.

Lo spazio in più consentirà al porto di movimentare altro traffico di trasbordo. I box instradati via mare in entrata ed uscita dal porto sono già in aumento: il 26,4% dei risultati nel 2002 proveniva da box trasbordati, e lo scorso anno sono aumentati sino al 30,4%.

Secondo la comunità portuale locale, una volta che saranno divenuti disponibili i nuovi ormeggi del Porto 2000, ci si aspetta che la MSC, che già trasborda una parte del proprio traffico inerente all'Europa Occidentale a Le Havre, trasferirà nel porto altri box che attualmente trasborda a Felixtowe. Ciò significherebbe che le attività del porto potrebbero raddoppiare nei prossimi anni.

E' perciò improbabile che le attuali infrastrutture di movimentazione diventino ridondanti, e l'autorità portuale contribuirà ad implementare un piano di miglioramento al fine di incrementare il numero delle gru da banchina disponibili. Otto nuove gru a cavaliere post-Panamax sono già state immesse nelle operazioni quest'anno, portandone il numero complessivo a 27; esso sarà aumentato sino a 35 all'inizio del 2006. Delle nuove gru, tre acquisite dalla ZPMC e due dalla Fantuzzi-Reggiane sono state consegnate alla SETO, mentre altre due del produttore italiano sono adesso in servizio presso il Terminal Europa-Atlantico ed una terza presso la CNMP.

Rouen, 80 km a monte sulla Senna, sta lottando per trattenere scali diretti da parte delle linee di navigazione a lungo raggio, malgrado sia il quarto porto containerizzato della Francia. Anche prima che la congestione diventasse un problema serio per Le Havre, un certo numero di linee di navigazione avevano riportato i propri servizi da Rouen a Le Havre, preferendo lo scalo diretto al trasporto via chiatta da e per il porto fluviale, risparmiando così, in effetti, due giorni di viaggio. I risultati riferiti, perciò, si sono inabissati del 12,3% nel 2003 per 144.177 TEU, sebbene i containers su chiatta, che di solito non vengono inclusi nelle cifre ufficiali, siano cresciuti da 8.712 TEU a 28.172 TEU. Questa linea di tendenza verso una maggiore utilizzazione delle chiatte per i containers continua nel 2004.

Dato il dominio di Le Havre sulla costa atlantica e la presenza di Zeebrugge ed Anversa nel vicino Belgio, Dunkirk è stato costretto a diventare un grande innovatore solo per riuscire a restare nella compagnia. Il NFTI (North France International Container Terminal) ha visto il coinvolgimento dell'autorità portuale e della belga IFB in un'iniziativa finalizzata alla creazione di un operatore integrato. Il successo dell'associazione si riflette nella fenomenale crescita del traffico di box che ne è risultata. Dal punto più basso di circa 30.000 TEU, il NFTI ha accresciuto notevolmente la propria attività negli ultimi anni, raggiungendo i 162.000 TEU nel 2003. In relazione all'anno in corso, i risultati continuano a crescere, con un aumento del 16% circa a metà dell'anno, e Daniel Deschodt, direttore vendite e marketing, prevede fiduciosamente che il terminal potrà chiudere l'anno avendo movimentato 200.000 TEU.

"Per noi, sono successe grandi cose a partire da giugno. Il 15 giugno abbiamo inaugurato l'estensione di 600 metri della banchina, che dispone di un pescaggio longitudinale per navi fino a 17,5 metri. Poi, il 18 giugno, la Maersk Sealand ha dirottato il proprio servizio AE2 da Le Havre a Dunkirk al fine di evitare la congestione stagionale. Nello stesso tempo, la compagnia di navigazione ha annunciato che avrebbe cominciato ad effettuare un numero indeterminato di scali il 19 agosto con navi da 6.000 TEU sul suo allacciamento AE7" sottolinea Deschodt con notevole orgoglio.

Tuttavia, il porto è consapevole del fatto che, con Marsiglia e Le Havre saldamente appostati in cima alla classifica dei porti containerizzati francesi, Dunkirk, in terza posizione, è ancora un bel po' indietro in termini di risultati, sebbene stia mirando a traffici dell'ordine di 500.000-600.000 TEU nei prossimi cinque anni.

Nel contesto di tale espansione dei traffici, parte di essi dovranno provenire da ulteriori servizi marittimi a lungo raggio. Si dice che le compagnie di navigazione con cui il NFTI è attualmente in trattative vedano Dunkirk come un potenziale terminal contenitori britannico al largo, dato che dista soltanto i 40 km del Tunnel della Manica. Tenendo conto di ciò, è in corso la realizzazione di nuove infrastrutture logistiche (come i magazzini) all'interno e nei dintorni del porto, mentre un terminal dedicato al cabotaggio marittimo nelle adiacenze dell'infrastruttura NFTI già attira servizi alla volta di Dartford e Dover, così come un raccordo settimanale con Felixtowe.

Anche il traffico parigino costituisce un obiettivo. Esso è attualmente monopolizzato da Le Havre che geograficamente è solo un po' più vicino. Ciononostante, dal momento che Dunkirk garantisce tempi di lavorazione dei camion non superiori all'ora (rispetto alle diverse ore di attesa che gli autotrasportatori devono affrontare sia a Le Havre che ad Anversa), l'autorità portuale ritiene che i tempi di viaggio attuali dal porto all'utente finale possano davvero essere più competitivi via Dunkirk.

"Il problema è ora quello di convincere le imprese di autotrasporto ad istituire i servizi necessari" sottolinea Deschodt, il quale fa notare come fare ciò significhi porre fine ad un pregiudizio secondo il quale nella Francia settentrionale Le Havre costituisce l'opzione naturale per i trasporti marittimi a lungo raggio alla volta della regione.

I maggiori livelli di produttività a Dunkirk sono ciononostante allettanti. Gli attuali contratti specificano un impegno di massima da parte del porto dell'ordine di 20-25 movimentazioni all'ora a seconda del servizio, sebbene Deschodt sottolinei che si stanno conseguendo limiti molto più alti. Se i traffici, perciò, dovessero fungere da garanzia, verrebbero installate anche tre o quattro gru a cavaliere in più, a rinforzo dell'attuale batteria di cinque, due delle quali sono Panamax, due post-Panamax ed una super-post-Panamax. Questa ulteriore capacità di movimentazione stroncherebbe sul nascere qualsiasi potenziale congestione sulle banchine e consentirebbe a Dunkirk di continuare a vendersi come uno dei pochi porti della fascia settentrionale in cui al momento le navi hanno pochi - se non addirittura nessuno - problemi di ormeggio.

Il predominio di Le Havre significa altresì che i porti come Brest, Bordeaux e Nantes-Saint Nazaire hanno dovuto sviluppare attività di nicchia al fine di attirare traffico containerizzato. "Non si può confrontare Nantes-Saint Nazaire con Le Havre" sostiene il direttore operazioni di Nantes, Thierry Fournier. "Al momento, noi non siamo in grado di accogliere qualsiasi nave oltrepassi i 3.800 TEU, il che rende difficile competere sui traffici est-ovest fatta eccezione per quelli via feeder; le dimensioni delle navi di linea destinate a tali traffici sono della fascia da 6.000 a 8.000 TEU. Ciononostante, noi consideriamo il traffico containerizzato come un mercato significativo per il nostro porto e stiamo lavorando per aggiungervi altre linee".

Il MCT (Montoir Container Terminal) del porto sta malgrado ciò avendo qualche successo nel dare impulso ai propri traffici, che nel 2003 sono aumentati dell'8% fino a raggiungere 119.385 TEU. Il dirigente del settore linee, Gérard Jahoo, sottolinea come gran parte di questo incremento sia avvenuto sotto forma di ulteriori box trasportati da usuali clienti impegnati nelle attività di raccordo o a lungo raggio. Ad oggi, le previsioni di fine anno per il 2004 suggeriscono che i risultati raggiungeranno almeno i 125.000 TEU, ma anche che, con un po' di fortuna, potrebbero superare il segno dei 130.000 TEU.

Al momento, la CMA CGM, la Maersk Sealand e la Marfret collegano Nantes con le Indie Occidentali francesi. La Delmas scala i porti dell'Africa Occidentale, mentre la CMA CGM, la Delmas e la DAL offrono un servizio combinato alla volta dell'Oceano Indiano. Più vicino a casa, un servizio ro-ro assicura a Nantes quattro scali alla settimana a Vigo, mentre raccordi settimanali vengono effettuati dalla Maersk Sealand (alla volta di Rotterdam), dalla MSC (alla volta di Le Havre) e la CMA CGM (alla volta sia di Anversa che di Le Havre).

Date le limitazioni di pescaggio, Jahoo ritiene, perciò, che Nantes-Saint Nazaire potrebbe diventare un operatore più importante nei traffici di nicchia nord-sud, in particolare verso gli USA ed il Sudamerica, in cui le dimensioni delle navi sono minori. Il porto ha assistito ad una forte crescita anche nel trasporto del legno, così come ha svolto un ruolo significativo nella movimentazione dei containers refrigerati, grazie al fatto che Nantes è diventato un importante hub terrestre per la distribuzione nei supermercati. Infatti, l'area dietro lo MCT è in procinto di essere sviluppata quale zona logistica al fine di attirare più traffici di questo tipo. Esistono altresì programmi per collegare Nantes con Bilbao nell'ambito del progetto Autostrade del Mare.

"In genere" afferma Jahoo "la decisione da parte delle catene di supermercati di servirsi di un porto piuttosto che di un altro dipende dai prezzi e dalla qualità del servizio offerto. Esse perciò fanno pressione sugli intermediari, usandola come mezzo per abbassare i prezzi. Se si servono delle nostre infrastrutture containerizzate o no, dipende perciò in gran parte dal numero delle linee di navigazione che fanno scalo qui e da quanto costa movimentare i containers in porto. Quindi, anche se siamo relativamente liberi dalla congestione e possiamo offrire tempi di lavorazione di 20 minuti per camion, oltre ad essere notevolmente più flessibili degli altri porti di questa regione, l'approvvigionamento globale significa che un numero sempre maggiore di contenitori è in arrivo dall'Estremo Oriente, anche se i nostri limiti di pescaggio ci impediscono di cercare di catturare una quota maggiore di quel mercato, sebbene si possa disporre di connessioni di raccordo ragionevoli".

Ciononostante, quando deve promuovere Nantes presso le linee di navigazione, Jahoo peraltro dispone di un asso nella manica sotto forma di un'impressionante produttività conseguita dallo MCT, che effettua in media 28 movimentazioni gru/ora, un numero notevolmente più alto di quello dei rivali regionali, malgrado la pletora di imprese di stivaggio concorrenti che si servono di quella infrastruttura, la cui presenza, a detta di Jahoo, contribuisce a mantenere i prezzi assai competitivi.

In termini infrastrutturali, l'attuale banchina lunga 750 metri nel terminal contenitori è in fase di ampliamento di ulteriori 250 metri, che consentiranno l'ormeggio simultaneo sino a quattro navi, mentre la realizzazione di una rampa permette un migliore servizio alle navi ro-ro o ro-lo. L'imminente acquisizione di una quarta gru a cavaliere post-Panamax contribuirà altresì a spingere l'immagine di Nantes-Saint Nazaire come un porto alla grintosa ricerca di nuovi traffici.

Anche altri due porti movimentano box sulla costa atlantica francese: tuttavia, né Bordeaux, né Brest possono effettivamente competere con Le Havre al fine di acquisire importanti volumi. Lo scorso anno, i due terminal contenitori di Bordeaux hanno ingenerato risultati combinati di 46.385 TEU, con un calo del 2,5% rispetto al 2002, sebbene il traffico stia risalendo quest'anno. Nel contempo, il terminal multipurpose di Brest ha movimentato appena 20.000 TEU nel 2003, malgrado un aumento del 50% rispetto al 2002.
(da: PortStrategy, ottobre 2004)




AB DER ERSTE SEITE
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
L'attività produttiva nello stabilimento triestino della Wärtsilä proseguirà sino a settembre
Trieste
Sarà avviato un percorso di reindustrializzazione del sito con l'obiettivo di tutelare i posti di lavori sia dei dipendenti della Wartsila sia di quelli dell'indotto
Domani a Vienna la firma degli accordi per l'attivazione del primo e unico corridoio doganale internazionale europeo
Trieste
Collegherà il porto di Trieste con Fürnitz, in Carinzia
Il porto di Koper si avvia a chiudere il 2022 con un traffico record di oltre un milione di container
Koper
In decisa ripresa l'attività nel segmento delle auto
Uno studio dell'UIRR sollecita investimenti per realizzare una rete europea di trasporto intermodale efficiente
Bruxelles
Necessari 490 miliardi di euro per l'infrastruttura ferroviaria TEN-T e 47 miliardi di euro provenienti per l'ampliamento e il potenziamento delle risorse intermodali
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
Roma
La situazione è stata illustrata da Assiterminal ad esponenti del governo e del Parlamento
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy