testata inforMARE
28. November 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
13:08 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXIV - Anzahl 4/2006 - APRIL 2006

Studi e ricerche

3PLs non al passo con i tempi

Uno studio condotto da Gwynne Weekes, direttore della Burman Associates, mette sotto accusa i fornitori di logistica per conto terzi (3PLs) per il fatto di non essere ancora abbastanza proattivi.

La conclusione che se ne trae è che, quando i clienti affidano la logistica ai 3PLs, tali agenti tendono ancora ad ingabbiare i propri clienti in soluzioni che non tengono conto delle nuove circostanze ed informazioni, ovvero dei modi di pensare più moderni.

Il rapporto di Weekes, Barriere all'innovazione ed alla proattività nella logistica per conto terzi, ha confrontato i risultati di un'indagine svolta dalla PE International nel 1996 con quelli della CILT (Chartered Institute of Logistics and Transport) nel 2005 (v. tabella 1).

TABELLA 1: CONFRONTO BURMAN ASSOCIATES/CILT

Anno

Del tutto reattivi

Per lo più
reattivi

Per lo più
proattivi

Molto proattivi

1996

2,0%

16,0%

54,0%

28,0%

2005

4,3%

38,3%

44,7%

12,8%

Gran parte (71%) di coloro che hanno risposto all'indagine continuano a ritenere che la maggioranza dei fornitori dei servizi di logistica siano solo in parte proattivi. Approssimativamente il 17% pensava ancora che essi non fossero per niente proattivi, mentre solo il 12% ha detto che essi sono del tutto proattivi.

Tuttavia, le ragioni che portano al non essere abbastanza proattivi sono cambiate, come dimostra la tabella 2.

Il fattore principale di tale cambiamento è "la resistenza del cliente al cambiamento", che adesso rappresenta la seconda ragione in ordine di importanza, rispetto all'ottava posizione che aveva in precedenza, il che induce alla domanda: perché i clienti si lamentano, visto che la soluzione dipende da loro?

TABELLA 2: RAGIONI DELLA CARENZA DI PROATTIVITA'

Prime 10 ragioni
del non essere proattivi

Classifica
nel 2005

Classifica
nel 1997

Concentrazione del tempo in questioni operative

1

2

Resistenza del cliente al cambiamento

2

8

Bassi margini/capacità di profitto

3

3

Qualità della gestione

4

1

Mancanza di fiducia

5

6

Carenza di informazioni

6

11

Mancanza di incentivi all'innovazione

7

5

Scarsa comunicazione

8

9

Lunghezza del contratto

9

4

I 3PLs sono restii a rischiare

10

7

Commenta Richards: "Non è facile rispondere a questa domanda, ma è vero, certamente, che a molti clienti piacerebbe che i propri 3PLs fossero più proattivi. Sebbene si pensasse che i 4PLs costituissero la risposta, ciò è meno vero oggi".

La risposta potrebbe avere qualcosa a che fare con la partecipazione al CILT, che si fonda sul fatto che chiunque lo voglia - sia clienti che 3PLs - possa aderire, rendendo perciò ambigue le procedure di voto.

In ogni caso, una delle conclusioni del rapporto è che il mercato dei 3PLs ha bisogno di diventare un sistema a doppio livello. Un livello dovrebbe essere rappresentato dai fornitori di merci, che hanno bisogno di dimostrare una svelta competenza operativa e costi più bassi possibile, mentre il secondo livello dovrebbe offrire un'orchestrazione strategica della catena dell'offerta che si occupi di quest'ultima dall'approvvigionamento al controllo delle scorte, alla consegna finale ed alle tariffe.

Afferma Richards: "E' possibile che gli agenti di dimensioni molto grandi possano essere in grado di offrire entrambi i livelli, ma si può discutere sul fatto che la loro base di costo possa essere strutturata di conseguenza. I margini di profitto del 3PL oggi non lasciano molto spazio agli errori".

Di tutto ciò si è parlato in occasione della conferenza "Outsorcing Logistics Europe 2006", svoltasi ad Amsterdam il 21 e 22 marzo.
(da: Containerisation International, marzo 2006, pag. 31)




AB DER ERSTE SEITE
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy