testata inforMARE
28. November 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
13:17 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSJAHR XXV - Anzahl 5/2007 - MAI 2007

Safety & security

Sicurezza dei contenitori in USA: prevarrà il buonsenso?

Il dibattito sull'opportunità di procedere all'esame del 100% dei containers diretti negli Stati Uniti si è intensificato dopo che i candidati democratici alla presidenza, Barak Obama e Hilary Clinton, hanno sottoscritto - tra gli altri - una lettera aperta al maggior caricatore del paese, la Wal-Mart.

Nella lettera, indirizzata al presidente e ceo della Wal-Mart, Lee Scott, si afferma: "Noi comprendiamo le preoccupazioni della Wal-Mart in ordine al fatto che la verifica generale obbligatoria dei carichi potrebbe interrompere l'importazione di certi prodotti ed ostacolare la capacità dei dettaglianti di riempire i propri scaffali. Tuttavia, noi ribattiamo che tali preoccupazioni sono infondate.

Com'è stato dimostrato dal programma pilota ICIS (Sistemi Informativi Integrati per i Containers), sono in corso di sviluppo progressi tecnologici che promettono la verifica del 100% dei carichi containerizzati senza interruzioni per i commerci. I progressi compiuti da questo programma dimostrano che le proposte di verifica come quelle contenute nello HR1 - che dovrebbero essere introdotte gradualmente nel giro di tre-cinque anni - sono fattibili e possono essere messe in pratica".

Il 5 marzo scorso, il Senato degli Stati Uniti ha difeso una proposta di modifica al disegno di legge sulla sicurezza nazionale ai sensi della quale ai porti stranieri sarebbe stato chiesto di procedere alla verifica del 100% dei contenitori diretti negli Stati Uniti in relazione ai materiali radioattivi per tre anni (nei porti grandi) e per cinque anni (nei porti minori). La questione potrebbe essere nuovamente sollevata, tuttavia, allorquando il disegno di legge approvato a gennaio dalla Camera dei Rappresentanti - che prevede anch'esso la verifica del 100% - dovrà essere integrato con la normativa approvata in Senato.

Si ritiene diffusamente, nei circoli politici, che la Rila (Associazione dei Leaders del Settore del Dettaglio), di cui la Wal-Mart è uno dei membri principali, abbia recentemente esercitato a Washington un'azione di lobbying contro la verifica al 100%, una proposta compresa nella legge sulla sicurezza portuale del governo statunitense.

In una recente dichiarazione, Al Thompson, vice presidente della politica globale della catena delle forniture alla Rila, è rimasto fermo sulla sua posizione secondo cui la tecnologia non è ancora al livello richiesto.

Ha infatti dichiarato: "Nella legge sulla sicurezza portuale era compreso un progetto pilota finalizzato all'esecuzione della verifica del 100% dei carichi diretti negli U.S.A. in partenza da alcuni porti. Quel test, che i membri della Rila condividono volontariamente con il DHS (Dipartimento per la Sicurezza Nazionale), è denominato Iniziativa Merce Sicura ed è finalizzato al collaudo della fattibilità della tecnologia radiologica e visiva nelle apparecchiature straniere.

"Il DHS ha dichiarato che la tecnologia inerente alla verifica al 100% con attrezzature radiologiche e visive non è ancora pronta all'impiego in tutti i porti stranieri. Sarebbe irresponsabile impiegare in tutto il mondo una tecnologia non collaudata prima di avere appreso tutto ciò che possiamo dal progetto pilota".

In privato, i dirigenti portuali di una delle infrastrutture che già dispongono di attrezzature per la verifica a raggi - che sono Southampton, Salalah, Singapore, Port qasim in Pakistan, Puerto Cortes in Honduras, nonché il terminal Gamman nel maggior porto coreano, Busan - hanno ammesso notevoli problemi di crescita e problematiche di inaffidabilità con le attrezzature.

Una ulteriore opposizione alla proposta è venuta dalle linee di navigazione.

Earl Agron, vicepresidente per la sicurezza della APL, nonché membro della Commissione Consultiva Doganale sulle Operazioni Commerciali, ha dichiarato ai caricatori in occasione della conferenza annuale dell'Associazione Americana Abbigliamento e Calzature che sia le attrezzature di verifica sia lo sviluppo dei sigilli elettronici si trovano a dover fronteggiare notevoli sfide.

Agron ha dichiarato agli astanti di essere diffidente in ordine alle proposte che richiedono sigilli elettronici od altri congegni di sicurezza sui containers. Esse non sarebbero efficaci nel rendere sicuri i containers e potrebbero indurre - a detta di Agron - una falsa sensazione di sicurezza, aggiungendo poi che un sigillo sicuro ed un congegno per la sicurezza del contenitore non equivalgono ad un contenitore sicuro.

Similmente, Agron ha affermato la propria opposizione alla verifica del 100% dei carichi containerizzati prima che essi facciano ingresso nei porti statunitensi: ha infatti dichiarato che non vi sono abbastanza fondi, forza-lavoro o tecnologia per rendere la proposta fattibile.

Tuttavia, in occasione di un discorso alla AAPA (Associazione Americana delle Autorità Portuali), Michael Chertoff, segretario del Dipartimento sulla Sicurezza Nazionale statunitense, ha segnalato come l'amministrazione potrebbe diventare più flessibile nelle proprie richieste.

"Noi dobbiamo servirci di un approccio che gestisca il rischio, che proceda per fasi e che apporti vantaggi dal punto di vista dei costi al fine di scegliere quegli elementi della catena delle forniture containerizzate che occorre tenere attentamente d'occhio, pur lasciando scorrere senza interruzioni la maggior parte dei flussi di traffico.

Un'altra area in cui vorremmo usare il buonsenso, ad esempio, è il suggerimento nel senso di procedere sempre a verifica da parte nostra per le radiazioni all'estero. Ma chi dice che dovremmo farlo ovunque, non tiene conto del fatto che avremmo bisogno di adeguarci alle esigenze anche normative dei nostri partners stranieri, così come del fatto che le architetture e le conformazioni dei porti non sono identiche.

I porti con parecchia attività di trasbordo presentano difficoltà molto maggiori per quanto riguarda la verifica rispetto a quei porti che dispongono di un'impronta più fisica, laddove ogni cosa entra da un portale centrale".

Chertoff ha altresì colto l'occasione per difendere l'investimento effettuato dal governo sulla sicurezza portuale, che in precedenza era stato criticato dalla AAPA.

Afferma infatti: "Spesso leggo sui giornali articoli in cui si dice: bene, spendiamo miliardi di dollari per l'aviazione, ma spendiamo solo milioni di dollari per i porti. Quei numeri sottovalutano il fatto che la nostra sicurezza portuale non dipende interamente dai finanziamenti, anche se questi ultimi sono senza dubbio importanti per essa. Una grossa quota dei nostri investimenti in sicurezza portuale avviene sotto forma di fondi destinati alla Guardia Costiera od alla Dogana.

Se si tiene conto di tutto ciò che abbiamo investito nella sicurezza portuale negli ultimi anni, può vedersi come abbiamo speso oltre 10 miliardi di dollari USA sulla sicurezza portuale. Il bilancio di previsione del Presidente per l'anno fiscale 2008 continua a prevedere questo robusto supporto. Stiamo chiedendo che il Congresso ci dia 210 milioni di dollari per la sicurezza portuale, con il che i finanziamenti distribuiti dall'11 settembre 2001 per la sicurezza portuale assommano a più di 800 milioni di dollari".
(da: Containerisation International, aprile 2007, pag. 27)




AB DER ERSTE SEITE
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy