testata inforMARE
4. Dezember 2022 - Jahr XXVI
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
16:04 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSJAHR XVII - Anzahl 4/99 - APRIL 1999

Trasporto marittimo

La crisi dei traffici Asia/Europa

La gravità della crisi economica asiatica nel contesto dei traffici Europa/Asia/Europa si desume in modo molto chiaro dall'elenco dei fattori inerenti al mercato del 1998 che sono tratteggiati nella Tabella 1:

  • l'aumento dei volumi dei traffici in direzione ovest di più del 20% rispetto al 1997 e l'utilizzazione delle navi che ha oltrepassato il 98%;

  • quattro escursioni tariffarie in direzione ovest che hanno innalzato i prezzi dal 70 all'80% ma che non sono riuscite a compensare le perdite sui ricavi ed i costi aggiuntivi subiti dai vettori nella direzione opposta;

  • le tariffe di trasporto merci in direzione est attestate a livelli record in basso; dall'estate del 1998, le tariffe in media sono state di 300/400 dollari USA per TEU;

  • un calo di più del 17% nei livelli di traffico in direzione est che hanno ridotto i fattori di carico medi ad appena il 75%; ciò, rispetto al 91% del 1997;

  • uno squilibrio tra le rotte in direzione est ed ovest di più di un milione di TEU, che rappresenta il doppio rispetto al livello del 1997 ed un incremento superiore a cinque volte rispetto al 1994. L'impatto è reso peggiore dal fatto che i traffici in direzione est sono dominati da carichi ingenti movimentati in box da 20 piedi, mentre tra i flussi in direzione ovest vi sono carichi che necessitano per lo più di unità high-cube da 40-45 piedi.

TABELLA 1
IL CRESCENTE SQUILIBRIO EST/OVEST DEI TRAFFICI DELLA FEFC (IN TEU)
ConferenzaAnno
 199319941995199619971998
Accordo Tariffario
Direzione Ovest Asia
781.014848.9761.070.2351.357.5681.532.2131.923.294
Conferenza Trasporto merci
Giappone/Europa
298.449296.723304.677320.050349.531409.295
Totale Direzione Ovest1.079.4631.145.6991.374.9121.677.6181.881.7442.332.589
Accordo Gestione
Direzione Est
840.289952.8151.001.3861.340.5211.381.8841.323.433
Differenza Est/Ovest
(in termini reali)
239.174192.884373.526337.097499.8601.009.156
Differenza Est/Ovest
(in termini percentuali)
-22,20%-16,80%-27,20%-20,10%-26,60%-43,30%
Note:  I dati si riferiscono solamente ai vettori appartenenti alle conferenze. Le cifre inerenti alla crescita anno per anno non sono state elaborate a causa delle differenze circa la partecipazione alle conferenze a seconda degli anni; la FEFC controlla il 60% circa dei traffici complessivi ed i suoi membri sono: APL, Compagnie Maritime d'Affretement, DSR-Senator, Egyptian International Shipping Co, Egyptian Navigation Co, Hapag-Lloyd Container Line, Hyundai Merchant Marine; K Line, Maersk, MISC, Mitsui OSK Lines, National Shipping Co of Saudi Arabia, NYK Line, OOCL, P&O Nedlloyd, Sea-Land Service, Yangming.
Fonte: FEFC

L'effetto al netto, secondo Robert Woods, presidente della FEFC (Conferenza Trasporto merci Estremo Oriente), i cui membri rappresentano il 60% circa del traffico in questione, è stato un costo per i vettori della FEFC dell'ordine di 300 milioni di dollari USA nel periodo da ottobre 1997 a dicembre 1998.

"Tutto questo comporta un danno dell'ordine di 100 milioni di dollari in perdite sui ricavi - sulla base di un viaggio circolare - e di 200 milioni di dollari in spese aggiuntive per il riposizionamento di attrezzature vuote" ha dichiarato Wood.

Woods ha parlato di un notevole problema strutturale in questo traffico, cui si potrebbe porre riparo solamente per mezzo di significativi incrementi tariffari nel 1999. Spiega infatti: "Costa un miliardo di dollari lanciare un servizio settimanale (con 8/9 navi da 5.000 TEU) in tale traffico e questo senza contare il costo degli uffici locali e dei sistemi di supporto logistico. Poi, ci vogliono 250.000 dollari ogni volta che le grosse portacontainers dei nostri affiliati transitano dal Canale di Suez. Tutto ciò costa ai nostri affiliati 460 milioni di dollari all'anno ed è una spesa sulla quale non abbiamo alcun controllo".

Woods ha accennato allo studio effettuato dalla FEFC circa l'imposizione di una tassa di transito sul Canale di Suez, ma ha dichiarato che al riguardo nulla è stato ancora deciso. La FEFC non sarebbe la prima a trasferire questo costo sui clienti, dal momento che l'Accordo Tariffario Direzione Est Asia Nordamerica dal 1° maggio dello scorso anno applica un sovrapprezzo di 60 dollari/TEU e di 120 dollari/FEU.

Dal lato dei riposizionamenti, Bob Dowse, dirigente capo dell'AWRA (Accordo Tariffario Asia Direzione Ovest) ha chiarito che il costo tipico del riposizionamento di un box da 40 piedi dall'Asia in Europa - comprensivo dei sovrapprezzi THC e feeder - si aggira tra i 730 ed i 900 dollari USA; ciò, rispetto a tariffe di trasporto merci relative all'unità carica che raggiungono appena la metà del suddetto importo.

E, a dispetto di quattro iniziative finalizzate alla ripresa delle tariffe (per complessivi 625/725 dollari per TEU) promosse dall'AWRA nel 1998, i prezzi medi per TEU non sono ancora riusciti a raggiungere i livelli del 1994. Tuttavia, anche tenuto conto di questi incrementi, il costo di movimentazione delle merci è ancora eccezionalmente contenuto, secondo Woods, il quale ritiene che la containerizzazione abbia rappresentato un eccellente catalizzatore per la crescita dei traffici mondiali.

"Ad una nave, un paio di trainers costano appena 0,20 dollari, mentre costa 1,28 dollari movimentare un VCR da un porto asiatico a Manchester, nel Regno Unito" ha esemplificato Woods. "Ed un raddoppio delle tariffe, che comporterebbe un grosso effetto sulle prestazioni secondarie dei vettori, avrebbe invece un impatto trascurabile sui prezzi dei consumatori".

Date tali difficili condizioni dei traffici, i vettori si stanno concentrando sull'aumento dei propri ricavi e stanno continuando l'azione tesa alla razionalizzazione dei costi ed all'implementazione dei programmi di miglioramento dell'efficienza. Di conseguenza, sia l'AWRA che la Conferenza Trasporto merci Giappone Europa hanno introdotto riprese tariffarie dell'ordine di 200 dollari/TEU e 400 dollari/FEU a partire dal 1° gennaio. Inoltre, l'AWRA ha aumentato i prezzi di altri 150 dollari per i 20 piedi e di 300 dollari per i 40 piedi dal 1° aprile, mentre per la seconda metà dell'anno sono in programma ulteriori incrementi.

Dowse confida che questa strategia possa avere successo. "Anche se non ci si aspetta che la crescita sia robusta come nel 1998 " ha dichiarato "ci aspettiamo di essere in grado di far fronte a qualsiasi incremento in termini di capacità che potrebbe verificarsi specialmente nel corso del terzo trimestre".

Si tratta di un'opinione condivisa da Mark Tonge, direttore marketing e traffici della Sea-Land per i suoi servizi Asia/Medio-Oriente/Europa. "Ci aspettiamo una crescita dei volumi tra il 6 ed il 10%, mentre la capacità si incrementerà ad un ritmo più lento, tra il 2 ed il 3%" ha detto. "In direzione est, la Sea-Land prevede tra lo zero e l'uno per cento. Ci sono timidi segnali che le movimentazioni di carta straccia possano aumentare".

"In direzione est, la stabilità è all'ordine del giorno" ha ammesso Dowse. "Il nostro piano è quello di conservare almeno lo stato attuale della situazione e poi di mirare alla razionalizzazione delle tariffe quando sarà il caso". Dowse è sembrato fiducioso circa la possibilità di conseguire qualche progresso nel 1999. "Ci si aspetta che il mercato resti per lo più stabile, sebbene vi siano alcune indicazioni nel senso che le movimentazioni possano migliorare nel corso del secondo trimestre".

Quanto alle altre questioni, la FEFC ha confermato di stare ancora aspettando da parte dell'Unione Europea le linee-guida sui criteri operativi delle conferenze. "Siamo pronti a sederci attorno ad un tavolo ed a parlare con Bruxelles non appena avremo appreso i nuovi regolamenti" ha dichiarato Woods.

Rispetto alla Cina ed alle iniziative inerenti la registrazione delle tariffe, la FEFC chiede che vi sia coerenza normativa. "Noi vogliamo l'armonia" ha dichiarato C. L. Ting, direttore esecutivo della OOCL Europa. "Come operatori, è l'unico modo in base al quale possiamo formulare una strategia coerente".

Circa la realizzazione di un distinto accordo tariffario delle conferenze sul trasporto merci in ordine al traffico Cina/Europa/Cina, Woods ha confermato che sono state intavolate diverse trattative con terzi, tra cui la Borsa Marittima di Shanghai. "Sorvegliamo attentamente tali questioni" ha dichiarato Woods "ma in questo momento non vi è una volontà precisa".
(da: Containerisation International, marzo 1999)

AB DER ERSTE SEITE
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
L'attività produttiva nello stabilimento triestino della Wärtsilä proseguirà sino a settembre
Trieste
Sarà avviato un percorso di reindustrializzazione del sito con l'obiettivo di tutelare i posti di lavori sia dei dipendenti della Wartsila sia di quelli dell'indotto
Domani a Vienna la firma degli accordi per l'attivazione del primo e unico corridoio doganale internazionale europeo
Trieste
Collegherà il porto di Trieste con Fürnitz, in Carinzia
Il porto di Koper si avvia a chiudere il 2022 con un traffico record di oltre un milione di container
Koper
In decisa ripresa l'attività nel segmento delle auto
Uno studio dell'UIRR sollecita investimenti per realizzare una rete europea di trasporto intermodale efficiente
Bruxelles
Necessari 490 miliardi di euro per l'infrastruttura ferroviaria TEN-T e 47 miliardi di euro provenienti per l'ampliamento e il potenziamento delle risorse intermodali
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
Roma
La situazione è stata illustrata da Assiterminal ad esponenti del governo e del Parlamento
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy