testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
16:25 GMT+2


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 FEBBRAIO 2019

TRASPORTO STRADALE

IL REGNO UNITO ELABORA UNA NORMATIVA PER CONSENTIRE L'ACCESSO AGLI AUTOTRASPORTATORI DELL'UNIONE EUROPEA IN CASO DI BREXIT SENZA ACCORDO

Il governo del Regno Unito ha elaborato un disegno di legge per consentire l'accesso al Regno Unito agli autotrasportatori dell'Unione Europea nel caso di una Brexit senza accordo.

L'iniziativa fa seguito ad una proposta dello scorso dicembre da parte della Commissione Europea, la quale proponeva una normativa che consentisse agli autotrasportatori del Regno Unito i diritti fondamentali per condurre le operazioni da, per ed attraverso l'Unione Europea per un periodo limitato di 9 mesi dopo l'uscita, nel caso non vi fosse un accordo, a condizione che il Regno Unito approvasse il reciproco accesso per gli autotrasportatori dell'Unione Europea.

Di conseguenza, "è stato presentato in Parlamento uno strumento legislativo per il trasporto su strada che è finalizzato a far sì che la normativa del Regno Unito funzioni effettivamente se il Regno Unito dovesse lasciare l'Unione Europea senza un accordo" ha dichiarato il governo del Regno Unito.

Il parlamentare Jesse Norman, ministro di stato per il dipartimento dei trasporti, commenta: "Il governo sta facendo preparativi per consentire agli autotrasportatori ed alle altre aziende di continuare a trasportare le merci fra il Regno Unito e l'Unione Europea, una volta che il Regno Unito se ne sarà andato.

Fra i preparativi ci sono quelli per l'abbandono dell'Unione Europea senza un accordo in ordine al ritiro.

Pertanto, oggi sto presentando un disegno di legge sull'autotrasporto finalizzato a far sì che la normativa del Regno Unito continui a funzionare efficacemente in quest'area se il Regno Unito dovesse lasciare l'Unione Europea in assenza di un accordo.

Il governo continuerà ad autorizzare gli autotrasportatori del Regno Unito con gli stessi standard di elevata sicurezza personale, ambientali ed operativi come quelli attuali e richiederà agli autotrasportatori esteri che operano in questo paese di fare lo stesso.

La normativa assicura altresì la continuazione dell'accesso al mercato del Regno Unito, dopo l'uscita, in relazione agli autotrasportatori dei 27 stati membri dell'Unione Europea.

Oltre l'80% del trasporto su strada fra il Regno Unito e l'Europa continentale viene effettuato da autotrasportatori dell'Unione Europea ed è importante far sì che le filiere distributive del Regno Unito vengano protette".

Norman sostiene che il Regno Unito ha bisogno di essere sicuro che i prodotti esteri possano essere importati e quelli del Regno Unito essere esportati come al solito, aggiungendo: "Il nostro approccio consistente nell'offrire l'accesso in questa fase punta sia a fornire la riassicurazione occorrente a far sì che i flussi internazionali di trasporto merci continuino, sia a contribuire ad assicurare accordi reciproci per gli autotrasportatori del Regno Unito.

Da parte sua, la Commissione Europea ha proposto una normativa che consentirebbe agli autotrasportatori del Regno Unito i diritti fondamentali per condurre le operazioni da, per ed attraverso l'Unione Europea per un periodo limitato di 9 mesi dopo l'uscita, nel caso non vi fosse un accordo.

La proposta della Commissione dovrà essere approvata dal Consiglio e dal Parlamento europei ed è in corso di valutazione con urgenza presso entrambe le istituzioni.

Questa proposta si basa sull'ipotesi che il Regno Unito garantisca un accesso equivalente agli autotrasportatori dell'Unione Europea nel Regno Unito e la normativa presentata oggi alla Camera assicura quell'accesso.

In effetti, si tratta di un'offerta più liberale e noi stiamo discutendo con la Commissione se vi siano gli spazi perché essa estenda l'offerta dell'Unione Europea in modo da eguagliare la nostra.

A seconda dell'esito di tali discussioni, noi revisioneremo l'offerta del Regno Unito agli autotrasportatori dell'Unione Europea.

La nostra normativa contiene la disposizione di sospendere i diritti degli autotrasportatori dell'Unione Europea ad intraprendere operazioni di cabotaggio nel Regno Unito.

Stiamo mettendo a punto provvedimenti per introdurre tale sospensione che potrebbe entrare in vigore immediatamente dopo il giorno dell'uscita se necessario.

La nostra aspettativa, tuttavia, è che tale sospensione possa non essere necessaria".

In parallelo con queste misure, Norman afferma che il Regno Unito ha valutato provvedimenti bilaterali ed unilaterali con gli stati membri dell'Unione Europea, notando: "La Francia sta andando avanti separatamente con una misura unilaterale per fornire un accesso più ampio agli autotrasportatori del Regno Unito in caso di mancato accordo.

Ci sono anche 22 accordi bilaterali storici che potrebbero tornare in vigore se il Regno Unito dovesse lasciare l'Unione Europea senza un accordo.

Inoltre, una quota multilaterale di autorizzazioni al trasporto era stata introdotta dalla ECMT (Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti) nel 1974 per liberalizzare il trasporto merci su strada fra gli stati membri di quell'organismo.

Le autorizzazioni, note come permessi ECMT, consentono l'accesso fra i 43 stati membri (che includono tutti gli stati membri dell'Unione Europea ad eccezione di Cipro)".

Norman sottolinea che al Regno Unito sono stati assegnati 984 permessi ECMT annuali e 2.832 permessi ECMT a breve termine (validi 30 giorni) per il 2019, aggiungendo: "Questi livello erano stati concordati mediante un approccio secondo una formula consolidata prima che si sapesse che il Regno Unito stava per lasciare l'Unione Europea.

L'aspettativa del governo è che agli autotrasportatori non dovrebbe servire un permesso ECMT per continuare ad effettuare una gamma di attività in tutta o in gran parte dell'Unione Europea, persino nel caso di assenza di accordo.

Ma è importante continuare a prepararsi per tutti gli scenari possibili e se dovesse dimostrarsi necessario utilizzare alcuni di tali permessi per gli autotrasportatori del Regno Unito che operano nei paesi dell'Unione Europea il governo ha attuato un programma per assegnare tali permessi, come riportato in dettaglio nella Legge per i Permessi di Trasporto e la Registrazione dei Rimorchi del 2018.

Gli autotrasportatori del Regno Unito hanno richiesto i permessi ECMT ed il governo si aspetta di informare i richiedenti in ordine all'esito delle loro richieste alla fine di questa settimana.

Dato che ci aspettiamo che gli autotrasportatori del Regno Unito potranno disporre di altri mezzi per conseguire l'accesso al mercato dell'Unione Europea, informeremo gli autotrasportatori del Regno Unito degli esiti allo scopo di assicurare la certezza, ma ci vorrà un certo periodo di tempo prima che essi possano essere formalmente concessi ed inoltrati agli autotrasportatori che ci siano riusciti".

Norman afferma che questo approccio è stato concordato con i portatori d'interesse dell'autotrasporto, aggiungendo: "La legge del 2018 assicura accordi appropriati per la distribuzione di nuovi permessi nel caso venga richiesto ai sensi di qualsiasi futuro accordo bilaterale, quando fosse necessario.

Nel complesso, continuiamo a credere che un reciproco accesso al mercato possa essere assicurato per gli autotrasportatori del Regno Unito.

Anche se continuiamo a fare programmi per tutte le eventualità, riteniamo altresì che sia giusto sottolineare il fatto che il Regno Unito sta assumendo un approccio positivo e pragmatico".
(da: lloydsloadinglist.com, 5 febbraio 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile