testata inforMARE
27 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
14:08 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 NOVEMBRE 2019

LEGISLAZIONE

L'IMO 2020 ESPONE I CANTIERI NAVALI A RICHIESTE DI RISARCIMENTO PER INADEMPIMENTO CONTRATTUALE?

A partire dall'adozione del limite massimo globale dello 0,50% m/m al contenuto di zolfo da parte dell'IMO ad ottobre del 2016 sono state fatte molte considerazioni in ordine alle problematiche pratiche e legali cui si trovano di fronte gli armatori nel rispettare il limite globale che sarà in vigore dal 1° gennaio 2020.

Tuttavia, c'è stata poca attenzione relativamente al potenziale impatto sui cantieri navali, specificamente riguardo alla loro potenziale esposizione all'inadempimento contrattuale.

La regola 14.1.3 dell'Allegato VI della Convenzione Marpol si applica direttamente agli armatori, riducendo il contenuto consentito di zolfo del carburante a bordo destinato all'uso quale bunker dal 2,5% allo 0,5% m/m (il 'massimale di zolfo'), al di là della Regola 14.4.3 che resta in vigore e si applica alle aree di controllo delle emissioni in cui il contenuto ammissibile di zolfo è dello 0,1% m/m.

La guida per l'attuazione della Regola 14.1.3 definisce i cantieri navali come parti interessate alle quali essa si applica.

Di conseguenza, ai cantieri navali possono essere inflitte sanzioni nelle circostanze dove, ad esempio, si effettuino prove in mare in cui il carburante consumato dovesse violare il massimale di zolfo.

Tuttavia, i cantieri navali potrebbero altresì essere esposti a richieste di risarcimento per inadempimento contrattuale in conseguenza dell'implementazione della Regola 14.1.3.

Un'area di potenziale preoccupazione è quella relativa agli obblighi dei cantieri navali riguardo alla classe e ad 'altre autorità di regolamentazione' successivamente al 1° gennaio 2020.

Non esiste, per il momento, nessuna guida o commentario pubblicati a questo riguardo, e di conseguenza, anche se non si sa se sarà più difficile ottenere l'approvazione della classe dal 1° gennaio 2020 per le navi che vengono costruite senza una tecnologia per l'abbattimento delle emissioni a bordo (e si può con tutta probabilità tranquillamente presumere che almeno all'inizio probabilmente non ci sarà) ci sono dei rischi.

La classe, ad esempio, formulerà raccomandazioni, limitazioni o qualifiche in relazione alle nuove costruzioni consegnate in un'area dove c'è una questione concernente la disponibilità di carburante conforme?

Ci saranno questioni inerenti all'idoneità alla navigazione se ci fossero dubbi circa la disponibilità di carburante conforme?

Alcune società di classificazione decideranno di approvare solo navi con scrubber a bordo?

Oppure, poiché altri porti vietano l'uso di scrubber a circuito aperto, una unità di nuova costruzione dotata di scrubber a circuito aperto faticherà ad ottenere l'approvazione della classe?

Potrebbero esserci condizioni o raccomandazioni in ordine al certificato di classe?

Tutto ciò potrebbe comportare richieste di risarcimento a catena.

L'approccio della classe e di altre autorità di regolamentazione a tale riguardo è importante (e potrebbe diventarlo sempre di più) poiché il cantiere navale di solito si impegna a consegnare una nave che sia conforme alle regole, ai regolamenti ed ai requisiti.

Ai sensi dell'Articolo I della 'SAJ Form' (forma contrattuale per la costruzione navale dell'Associazione Cantieri Navali del Giappone) il costruttore si impegna a consegnare una nave che sia conforme alle regole, ai regolamenti ed ai requisiti di classe e di altre autorità di regolamentazione in vigore alla data del contratto (al contrario, il Newbuildcon fissa questa obbligazione alla data della consegna).

Presumibilmente pertanto l'approccio della classe a questo riguardo toccherà solo quei contratti ai sensi della SAJ Form entrati in vigore successivamente al 1° gennaio 2020.

Ma l'Articolo V della SAJ Form prevede un meccanismo per modificare le specifiche delle navi in risposta a modifiche vincolanti e non vincolanti dei requisiti o delle regole relative alla classe nel corso della costruzione (rispettivamente Articoli V.2a e V.2b) di conseguenza potenzialmente rilevante per tutti i contratti stipulati ai sensi della SAJ Form in cui la consegna sia dovuta successivamente al 1° gennaio 2020.

Fino a quando non si chiarirà se ci saranno altre questioni in relazione al conseguimento della classe ed all'approvazione da parte delle autorità di regolamentazione, c'è un rischio di aumento dell'esposizione ai costi ed ai ritardi per il costruttore derivante da richieste di variazione delle specifiche, in particolare quelle non sono vincolanti.

Una ulteriore e forse più urgente questione sorge dalle caratteristiche del carburante a basso contenuto di zolfo.

L'esperienza fatta nelle aree di controllo delle emissioni suggerisce che il carburante a basso contenuto di zolfo presenta criteri di prestazione diversi da quelli del carburanete a elevato contenuto di zolfo (consumi più alti e velocità più basse) e che possono esserci questioni di accesnione e di compatibilità.

Nell'Articolo III della SAJ Form il costruttore garantisce (fra le altre cose) il consumo di carburante e la velocità facendo riferimento alla valutazione ed alla potenza d'uscita del motore, nonché alle specifiche minime concordate dei bunker e del pescaggio.

Esso inoltre prevede che il prezzo venga adeguato e che l'acquirente possa inoltrare richiesta di risarcimento per danni o, nel caso peggiore, rescindere il contratto per inadempimento.

Nei casi in cui la prestazione viene garantita senza riferimento alle caratteristiche del carburante a basso contenuto di zolfo (in particolare con la problematica aggiuntiva che non tutti i carburanti a basso contenuto di zolfo si comportano in modo uniforme) il costruttore potrebbe essere esposto a meno che non ci sia stato uno scrupoloso adeguamento dei parametri della prestazione contrattuale al fine di portarli in linea con le probabili caratteristiche del carburante a basso contenuto di zolfo, ovvero un emendamento alla garanzia per giustificare la prestazione diversa dovuta al carburante a basso contenuto di zolfo.

Poiché è altresì noto che il carburante a basso contenuto di zolfo può indurre problemi di accensione nonché questioni inerenti alla compatibilità, che potrebbero entrambe pregiudicare la regolare effettuazione delle prove in mare, il contratto di costruzione navale dovrebbe essere emendato per adeguarsi alle problematiche tecniche che potrebbero insorgere, come la mancata accensione, al fine di mantenere intatte le obbligazioni delle parti.

L'IMO 2020 e il massimale dello zolfo certamente indurranno un impatto sull'intero mercato del trasporto marittimo.

Le problematiche che i costruttori dovranno affrontare sono in gran parte di natura pratica, ma anche commerciale e legale. Si tratta di un'area che senza dubbio si svilupperà una volta entrata in vigore la nuova regolamentazione.
(da: hellenicshippingnews.com, 30 ottobre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Dollar crisis hits shipping sector as payment to MLOs face hurdles
(The Financial Express)
APSEZ forms JV with Gadot Chemical Terminals in Israel to buy Haifa Port
(Business Standard)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile