testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
16:04 GMT+2


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXII - Numero 30 APRILE 2014

PORTI

HONG KONG CHIEDE PIÙ SPAZIO

Gli operatori terminalistici di Hong Kong affermano che le navi più grandi stanno causando problemi di congestione e produttività.

La HKCTOA (Hong Kong Container Terminal Operators Association) ha chiesto al governo di Hong Kong di rendere disponibile altro terreno da destinare a spazi per piazzali e ad ormeggi aggiuntivi per chiatte.

La KCTP (Kwai Tsing Container Port) è sotto pressione da parte delle navi di maggiori dimensioni, ma non perché esse apportino più contenitori.

“I contenitori lavorati per ogni scalo di nave stanno aumentando in proporzione alla lunghezza di banchina aggiuntiva che viene occupata” ha dichiarato la HKCTOA.

Le navi di dimensioni maggiori stanno sostanzialmente impegnando più ormeggi per movimentare lo stesso numero di contenitori, comportando tempi di lavorazione più lunghi e minore produttività all'ormeggio per metro di banchina.

Meno ormeggio è disponibile per le operazioni con le chiatte, che sono cresciute del 30% nel corso dell'ultimo decennio.

Nei momenti di punta le chiatte devono aspettare fino a due giorni per ottenere un ormeggio.

La HKCTOA chiede al governo di rispondere rendendo disponibile altro terreno per infrastrutture aggiuntive da destinare alle chiatte.

“I lotti di terreno immediatamente adiacenti ai Terminal Container CT9 South, CT9 North e CT8 West, così come il sito lungomare prossimo al CT5, dovrebbero essere assegnati all'uso quali ormeggi dedicati alle chiatte con accesso diretto al porto”.

L'associazione vorrebbe altresì che i due attuali ormeggi per chiatte adiacenti al Terminal 9 South ed al Terminal 8 West, le cui operazioni avvengono in regime di affitto a breve termine, venissero venduti ad un operatore permanente che investirà in infrastrutture dedicate alla movimentazione di chiatte.

Gli attuali locatari, afferma la HKCTOA, “sono costretti ad utilizzare chiatte dotate di gru per movimentare i container fra le chiatte cariche e la costa.

Questa modalità operativa è molto meno efficiente, meno sicura, meno sensibile all'ambiente e non è compatibile con i requisiti operativi dei moderni terminal container”.

La congestione degli ormeggi sta inoltre facendo aumentare i tempi morti, mettendo maggiore pressione sui relativamente piccoli terminal di Kwai Tsing.

“Il porto è stato costruito con una media di 14 ettari di terreno per 400 metri di ormeggio rispetto all'attuale proporzione standard internazionale che prevede per prestazioni ottimali 25 ettari per ormeggio” ha dichiarato la HKCTOA.

Essa ha individuato oltre 100 ettari di terreno “per un utilizzo correlato ai container” nei pressi del porto che potrebbero essere meglio coordinati ai fini dell'uso portuale.

L'associazione raccomanda che 70 ettari siano riservati e riassegnati per supportare i terminal esistenti.

Infine, la HKCTOA sollecita il Ministero dei Trasporti cinese a non cedere alle pressioni esercitate da Shanghai, Qingdao e Ningbo ed a mitigare le regole sul cabotaggio per le navi straniere.

La HKCTOA afferma che la Zona Franca Pilota di Shanghai, che consente alle navi battenti bandiera non cinese di movimentare i box fra le aree di Shanghai ed altri porti cinesi, “avrà un impatto significativo sul mercato di trasbordo in Asia settentrionale, riducendo pertanto il vantaggio concorrenziale di Hong Kong di oltre il 30% rispetto ai suoi risultati attuali”.

L'associazione ha avvertito che la potenziale perdita di attività per Hong Kong “potrebbe essere più elevata dei volumi produttivi direttamente correlati alla normativa sul cabotaggio.

Ciò potrebbe minacciare la posizione del KTCP quale hub di trasbordo”.
(da: worldcargonews.com, 25 aprile 2014)



DALLA PRIMA PAGINA
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile