testata inforMARE
3 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
22:24 GMT+2


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXII - Numero 15 DICEMBRE 2014

PORTI

NUOVI RECORD PER ROTTERDAM, AMBURGO ED ANVERSA CON L'ARRIVO DELLE GRANDI NAVI

I principali hub containerizzati del Nord Europa si accingono a raggiungere risultati produttivi da record nel 2014 poiché si stanno preparando ad accogliere un numero maggiore di ULCV (navi portacontainer ultra grandi).

Nonostante la congestione nei porti, dopo che le importazioni containerizzate Asia-Nord Europa sono cresciute dell'8% da un anno all'altro, i principali hub containerizzati nord-europei di Rotterdam, Amburgo ed Anversa hanno tutti quanti riportato una solida espansione nei primi nove mesi del 2014.

La crescita è giunta in conseguenza del fatto che essi si sono attrezzati per la ristrutturazione degli orari in seguito alla creazione di quattro alleanze est-ovest, nonché allo scopo di far fronte al numero in aumento di ULCV.

Rotterdam ha assistito ad un incremento dei propri risultati del 4,2% rispetto al periodo di nove mesi dell'anno precedente sino a 9,2 milioni di TEU, mentre il vicino porto del Benelux di Anversa ha fatto registrare una crescita del 5% sino a 6,7 milioni di TEU.

Tuttavia, l'incremento maggiore è stato fatto registrare da Amburgo, con 7,4 milioni di TEU lavorati nel periodo in questione, che equivalgono ad una crescita anno per anno del 6,4%.

I suoi collegamenti con l'Asia si sono impennati di quasi il 13% avendo il porto movimentato 2,3 milioni di TEU di importazioni ed esportazioni cinesi nel corso del periodo.

Considerando gli eventi di congestione del porto e dell'entroterra che hanno afflitto tutti e tre gli scali nel corso dell'anno, in conseguenza della combinazione della rapida immissione in servizio di più ULCV, l'affidabilità in diminuzione degli orari delle linee di navigazione e ed i volumi più ingenti di quanto ci si aspettasse, gli hub si sono comportati piuttosto bene nel far fronte ai momenti di punta e nell'evitare di rimanere del tutto bloccati.

Nondimeno, la crescita non è stata conseguita senza sofferenze: i terminal containerizzati a Rotterdam ed Amburgo in particolare sono stati portati fino al loro limite e le linee di navigazione hanno dirottato diversi scali alla volta dei vicini concorrenti di Anversa e Bremerhaven.

Tuttavia, da quei problemi sono derivate idee innovative per alleviare temporaneamente le criticità ed incrementare le motivazioni a spingere ulteriormente le movimentazioni verso il trasporto fluviale su chiatte e verso quello ferroviario.

Per esempio, ad Amburgo è stato realizzato un certo numero di parcheggi per camion attorno alla città allo scopo di accogliere i container in esportazione quando le navi subiscono un ritardo di rilievo e gli ormeggi sono pieni di contenitori in attesa di essere caricati.

Le importazioni ed esportazioni tedesche sono molto più equilibrate di quelle delle altre economie occidentali e le consegne in esportazione che arrivano puntuali via strada presso i terminal container vanno ad aggiungersi alla congestione.

A Rotterdam, dove la congestione ha riguardato soprattutto lo Home Terminal della ECT, i soggetti interessati hanno preso una serie di provvedimenti che hanno coinvolto l'uso di terminal minori sottoutilizzati e hanno inoltre introdotto il raggruppamento in massa degli impilaggi in importazione in queste infrastrutture allo scopo di liberare spazio in banchina.

L'Autorità Portuale di Rotterdam ha fornito un'interessante descrizione delle ULCV: “Una portacontainer molto grande è in grado di caricare e scaricare approssimativamente 10.000 contenitori nel corso di ciascuno scalo portuale; In media, questi container vengono trasportati da e per il porto da 1.560 camion, 32 battelli fluviali, 10 navi di raccordo e 19 treni”.

In effetti, la complessità in aumento della movimentazione delle ULCV è stata l'argomento di un approfondito dibattito nel corso della JOC Port Conference svoltasi a Londra la settimana scorsa.

Neil Davidson, esperto di porti e terminal della Drewry, ha messo in evidenza l'impatto del dirottamento dai cavalli di battaglia da 10.000 TEU alle attese “nuove normali” navi da 18.000 TEU.

L'analista ha spiegato che mentre le prime prevedono uno scambio di 2.500 contenitori, la nuova generazione di ULCV potrebbe arrivare ad un piano di scarico e carico di 4.500-5.000 contenitori, ponendo una notevole pressione sulle capacità di lavorazione del terminal.
(da: theloadstar.co.uk, 27 Novembre 2014)



DALLA PRIMA PAGINA
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
A Napoli il Forum delle Funzioni di Guardia Costiera del Mediterraneo
Grimaldi: negli ultimi 12 mesi abbiamo registrato le migliori performance di sempre
Napoli
Il gruppo armatoriale e logistico partenopeo ha acquisito il 90% della siciliana Brucato De.T.A.
Nuova gru portuale mobile per il Terminal del Golfo della Spezia
La Spezia
Verrà consegnata nel primo trimestre del 2023
Il gruppo italiano Tarros ha ordinato alla finlandese Konecranes la fornitura di una
Il forte aumento dei costi ha determinato un netto peggioramento dei risultati finanziari semestrali della Anek
Chania
La compagnia greca ha reso noto che le spese sono cresciute a causa del rincaro del fuel
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
Assarmatori chiede al prossimo governo di tutelare i collegamenti insulari e le Autostrade del Mare in sede UE e IMO
Roma
Estendere a questi servizi l'esenzione dall'ETS e cambiare la metrica di definizione del Carbon Intensity Indicator
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
MTCIT invites bids to develop Dhalkut Port in Dhofar
(Muscat Daily)
Muscat - The Ministry of Transport, Communications ...
Adani, Vedanta co send in bids for Karaikal port
(The Economic Times)
By Mohit Bhalla, ET Bureau - Adani Ports and Special Economic Zone and ...
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile