testata inforMARE
29 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
15:55 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXIII - Numero 31 DECEMBRE 2015

STUDI E RICERCHE

AUMENTA LA FLOTTA CONTAINERIZZATA INATTIVA

I vettori stanno intensificando la propria attività di ritiro della capacità ed a novembre si è assistito ad un grosso aumento del numero di portacontainer inattive.

Le dimensioni della flotta inattiva si sono gonfiate del 52% da ottobre a novembre fino a raggiungere i 900.000 TEU, il maggiore totale mensile dall'inizio del 2010 in seguito al crollo del mercato del 2009.

Il tonnellaggio inattivo adesso rappresenta il 4,6% della flotta mondiale, che è ancora in qualche modo lontano dall'apice dell'11% circa visto alla fine del 2009.

Per chiarire, la Drewry classifica una nave come inattiva quando è stata ferma per un minimo di 14 giorni.

I cosiddetti viaggi mancati non contano perché queste navi continuano a salpare senza fare scalo nei porti, di modo che esse possono essere facilmente reinserite negli orari.

L'ultima impennata mensile è stata indotta dal numero maggiore di navi delle classi più grandi messe in disarmo.

La Drewry ha conteggiato complessivamente 31 navi inattive da 8.000 TEU ed oltre alla data del 16 novembre, compreso un gigante da 18.000 TEU.

L'inattività di beni patrimoniali così grandi non viene decisa alla leggera, ma le crescenti dimensioni di questo settore dimostrano come i vettori abbiano capito che la navigazione a bassa velocità e le partenze mancate siano insufficienti di per se stesse a far fronte al problema dell'eccesso di capacità nei traffici est-ovest.

Le ragioni che sottostanno all'ultimo ingrandimento dimensionale della flotta inattiva sono di conoscenza comune: domanda fiacca, eccesso di capacità e tariffe di nolo ultra basse.

Ciò che è più difficile da giudicare è quante altre navi dovranno essere parcheggiate al fine di ribaltare la situazione.

Come menzionato in precedenza, la flotta inattiva aveva raggiunto il suo apice nel 2009 quando qualcosa come 1,4 milioni di TEU di capacità navale, che allora rappresentavano l'11% della flotta mondiale, era stata messa in disarmo.

Tuttavia, anche se l'attuale situazione presenta qualche somiglianza con il 2009, ci sono differenze più fondamentali.

L'inattività su larga scala del 2009 era stata la risposta ad un crollo della domanda causato dalla crisi finanziaria globale, mentre i problemi odierni sono più autoindotti.

I traffici containerizzati attualmente sono perlomeno ancora in crescita, per quanto in modo anemico, ma il vero problema oggi è costituito dalle enormi aggiunte alla flotta containerizzata che hanno fatto sì che l'offerta superasse la domanda in ognuno degli ultimi quattro anni.

Tornando al 2009, i vettori erano stati troppo lenti a reagire alla recessione o non erano andati abbastanza a fondo con i tagli alla loro capacità per evitare che il settore registrasse perdite operative annue nell'ordine di 17-18 miliardi di dollari USA.

Essi peraltro erano stati abbastanza furbi da agevolare gradualmente la reimmissione di navi nelle operazioni quando la domanda inaspettatamente era tornata ad oltranza l'anno successivo, comportando profitti da record per il settore pari a circa 20 miliardi di dollari USA.

I problemi dei vettori oggi derivano in misura maggiore dal lato dell'offerta più che da quello della domanda.

Data l'ordinazione di più navi grandi, la Drewry al momento prevede che il settore dovrà sopportare almeno tre anni di eccesso di capacità e, poiché ci si aspetta che la domanda risalga solamente in modo modesto nel corso del periodo in questione, i vettori avranno a che fare con l'inattività più a lungo al fine di rimettere a posto le cose.

La domanda successiva è: quando si andrà a fondo con i tagli relativi all'inattività?

Le tariffe di nolo sono attualmente molto vicine al punto basso in cui erano al minimo del 2009, cosa che potrebbe suggerire che le linee di navigazione agirebbero con saggezza se apportassero riduzioni simili alla capacità del sistema, se non ci fosse la considerazione che il quantitativo rimosso si era dimostrato insufficiente ad arginare il flusso di bilanci in rosso.

Riportare indietro la flotta inattiva all'11% della flotta complessiva richiederebbe il fermo di almeno un altro milione di TEU in aggiunta ai 900.000 TEU attualmente all'ancora.

Ciò è probabilmente eccessivo.

L'obbligo di tagliare la capacità era maggiore nel 2009 dal momento che i vettori stavano subendo una emorragia di liquidità così veloce da portare molti di loro vicini al fallimento, mentre ora la maggior parte è stata in grado di ricavare un profitto persino fino al terzo trimestre, sebbene probabilmente la situazione cambierà quando arriveranno i risultati del quarto trimestre.
(da: hellenicshippingnews.com, 11 dicembre 2015)



DALLA PRIMA PAGINA
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile