testata inforMARE
27 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
13:37 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 APRILE 2019

LOGISTICA

NUOVA VIA DELLA SETA: OPPORTUNITÀ PER LA LOGISTICA EUROPEA?

Il megaprogetto cinese della Nuova Via della Seta ha scosso il mondo logistico con un volume di investimenti di approssimativamente un trilione di euro.

Sebbene vi siano incertezze in ordine a come le imprese europee possano contribuire all'iniziativa OBOR (One Belt, One Road) e trarne vantaggio, esistono opportunità per partecipare allo sviluppo con la giusta strategia.

La Cina punta a far rivivere l'antica Via della Seta con il megaprogetto "One Belt, One Road" (una cintura, una via).

L'iniziativa è finalizzata a contribuire al trasporto di merci per strada, ferrovia e nave fra l'Asia, l'Africa e l'Europa, promovendo perciò la cooperazione economica fra i paesi europei e migliorando i traffici internazionali e le reti infrastrutturali.

Inoltre, il Regno di Mezzo ha in programma la conclusione di accordi di libero scambio, l'istituzione di zone economiche speciali e la messa in atto di procedure di sdoganamento semplificate.

I settori della logistica e dei trasporti in Europa in particolare potrebbero trarre notevoli vantaggi da questo.

Più flussi di merci, più logistica

Ad esempio, la Deutsche Bahn si aspetta di incrementare in modo significativo il proprio trasporto di merci terrestre.

La società ha stimato che nel 2018 sono avvenute approssimativamente 90.000 movimentazioni containerizzate distribuite su oltre 3.600 treni fra la Cina e l'Europa.

Essa stima che questa cifra sarà nell'ordine di 100.000 contenitori nel 2020.

Il fornitore di servizi logistici Rhenus assicura il trasporto da porta a porta sia in Asia che in Europa attraverso una rete internazionale.

"Abbiamo risposto alla domanda in aumento di tratte alternative con progetti per il trasporto stradale e ferroviario con l'ausilio di nostri siti.

Le competenze in loco sono essenziali per il trasporto sicuro, veloce ed efficiente delle merci" dichiara Tobias Bartz, amministratore delegato della Rhenus.

Una cosa è chiara: la Nuova Via della Seta incrementerà notevolmente il numero delle merci trasportate fra Cina ed Europa.

"Allo stesso tempo, essa presenta notevoli problematiche per le imprese, specialmente a causa delle differenze geografiche, culturali ed economiche.

La logistica dei trasporti assicura una piattaforma per scambiare e mettere in rete a livello internazionale" spiega Gerhard Gerritzen, consigliere di amministrazione della Messe München GmbH.

Dove ci sono opportunità, ci sono anche rischi

Il governo cinese sostiene che la sua iniziativa ha a che fare con la pace, l'integrazione e la sicurezza.

Allo stesso tempo, la Cina vuole rafforzare la propria influenza politica e aprire nuovi mercati di vendita.

In pratica, è difficile per le imprese estere avere a che fare con la concorrenza cinese o rendersi conto delle gare d'appalto in tempo utile.

La maggior parte dei progetti vengono assegnati ad imprese cinesi.

Secondo un'indagine condotta dalla Camera di Commercio Tedesca nel 2017, due terzi delle imprese tedesche interpellate in Cina dubitano se i loro investimenti nella Nuova Via della Seta avranno mai un impatto positivo sulle proprie attività.

Tuttavia, grosso modo il 30% delle imprese tedesche operative in Cina sono coinvolte nell'OBOR o almeno stanno prendendo in considerazione la possibilità di parteciparvi.

Si tratta decisamente del passo giusto da compiere per stabilire presto contatti aziendali adeguati in Cina e nei mercati terzi.

Il Pakistan come caso esemplare

Con la dovuta cautela, la Via della Seta sta già mostrando effetti positivi.

Andreas Breinbauer, vice cancelliere dell'Università di Scienze Applicate dell'Istituto per la Promozione Professionale BFI di Vienna e capo dipartimento degli studi superiori per la gestione della logistica e dei trasporti, ha segnalato il Pakistan: sinora, vi sono stati investiti 60 miliardi di dollari USA e la maggior parte dei progetti sono stati completati.

Di conseguenza, la crescita del PIL pakistano si è incrementata dal 3,5% al 6% fra il 2013 ed il 2017 secondo dati cinesi.

Tuttavia, è anche chiaro che la Cina sta perseguendo interessi geopolitici nella regione ed in particolare in relazione all'India.

D'altro canto, il 70% dei paesi della Via della Seta hanno un reddito pro capite del PIL al di sotto della media mondiale secondo Breinbauer.

C'è una grande domanda di investimenti in infrastrutture fra Europa e Cina che non può essere soddisfatta senza la Cina.

Un'infrastruttura che funziona è a sua volta la base per l'industrializzazione ed una ulteriore ripresa economica.

"Di conseguenza, i responsabili della politica cinesi ravvisano l'opportunità di realizzare in questa regione filiere di valore locali che apportino vantaggi a tutti i paesi partecipanti" ha spiegato Breinbauer.

Gli investimenti cinesi in paesi in crisi potrebbero altresì stabilizzare la regione, cioè "generare una sorta di ritorno alla pace".

"Gli investimenti multilaterali e soprattutto cinesi in infrastrutture e logistica dovrebbero inoltre apportare vantaggi alle imprese europee".
(da: bulk-distributor.com, 19 marzo 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Dollar crisis hits shipping sector as payment to MLOs face hurdles
(The Financial Express)
APSEZ forms JV with Gadot Chemical Terminals in Israel to buy Haifa Port
(Business Standard)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile