testata inforMARE

26 maggio 2022 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 15:46 GMT+2



20 aprile 2022

Terza flessione trimestrale consecutiva del traffico dei container nel porto di Anversa

Nei primi tre mesi del 2022 il totale dei carichi movimentati ha registrato un calo del -1,5%

Nel primo trimestre di quest'anno il traffico complessivo delle merci movimentato dal porto di Anversa ha segnato una lieve diminuzione del -1,5% determinata dal terzo calo trimestrale consecutivo dei carichi containerizzati, che costituiscono oltre la metà del traffico totale che passa attraverso lo scalo portuale belga. Il dato globale dei primi tre mesi del 2022 è stato di 58,3 milioni di tonnellate rispetto a 59,1 milioni nel corrispondente periodo dello scorso anno.

Nel solo settore dei container il traffico è ammontato a 31,3 milioni di tonnellate, con una riduzione del -13,3% sul primo trimestre del 2021, traffico che è stato realizzato con una movimentazione di contenitori pari ad oltre 2,7 milioni di teu (-11,6%). L'Autorità Portuale di Anversa ha spiegato che se nel 2021 il traffico dei container è rimasto stabile, nei primi tre mesi del 2022 si è risentito l'effetto delle disfunzioni dei traffici marittimi containerizzati, degli elevati volumi di container in importazione che stanno imponendo notevoli sfide operative rendendo più difficile l'attività dei container terminal. A ciò si aggiungono gli impatti del conflitto in Ucraina e delle conseguenti sanzioni imposte alla Russia.

In crescita, invece, le altre merci varie con i rotabili aumentati del +2,4% a 1,3 milioni di tonnellate e le merci convenzionali che, come in molti altri porti mondiali, hanno segnato un rialzo assai più accentuato essendosi attestate a quasi 3,0 milioni di tonnellate (+49,1%). L'ente portuale belga ha precisato che il traffico di acciaio, che rappresenta la quota preponderante di quest'ultima tipologia di merci, continua ad essere sostenuto dal lato delle esportazioni, mentre le sanzioni che da metà marzo vietano l'importazione di acciaio dalla Russia e dalla Bielorussia hanno solo un effetto limitato sul volume di traffico anche perché questi flussi vengono sostituiti da importazioni da altre nazioni.

In aumento anche le rinfuse liquide con 18,9 milioni di tonnellate (+15,3%) così come le rinfuse secche con 3,8 milioni di tonnellate (+11,0%).




ADSP Tirreno Centrale PSA Genova Pra

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.




Indice Prima pagina Indice notizie

- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail