testata inforMARE
6 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
03:02 GMT+2
L'industria europea delle tecnologie e delle costruzioni navali sollecita l'inclusione nell'EU ETS di tutte navi di almeno 400 tsl
L'inclusione delle navi più piccole - si evidenzia - apporterà benefici sia alla salute umana che all'industria europea dello shipping
21 settembre 2022
L'esortazione è sottoscritta in primis da Transport & Environment (T&E), l'organizzazione non governativa europea che si batte per ridurre l'impatto ambientale del settore dei trasporti, ed è volta ad indurre l'Unione Europea ad includere una maggiore quota dell'industria dello shipping nel sistema per lo scambio delle quote di emissione (ETS) dell'UE abbassando la soglia minima oltre la quale le navi dovranno sottostarvi, proponendo di portarla dalle attuali 5.000 tonnellate di stazza lorda previste a 400 tonnellate di stazza lorda.

Che l'invito rivolto al Parlamento e al Consiglio, i colegislatori dell'UE, giunga da T&E non desta sorpresa, dato che l'associazione sostiene da tempo questo ampliamento della quota di flotte da assoggettare agli specifici provvedimenti legislativi. Una sollecitazione che tuttavia è stata sottoscritta anche da numerose aziende dell'industria marittima, in particolare da quelle che si occupano delle tecnologie per lo shipping, nonché da SEA Europe, l'associazione che rappresenta l'industria navalmeccanica europea che in un recente position paper aveva essa stessa evidenziato la necessità di ampliare l'ambito dell'EU ETS alle navi di almeno 400 tsl.

L'esortazione, con i sottoscrittori che si definiscono «rappresentanti progressisti del settore marittimo», è rivolta alla Commissione Europea e al Parlamento e al Consiglio dell'UE e chiede ai colegislatori europei - spiegano i firmatari - di «rimuovere le scappatoie alle loro proposte per lo shipping che riguardano le navi al di sotto delle 5.000 tonnellate di stazza lorda e alle navi offshore e di servizio che rischiano di compromettere la decarbonizzazione dello shipping». «In particolare - chiariscono i firmatari - chiediamo che la soglia di stazza lorda per il regolamento MVR in materia di controllo, comunicazione e verifica, per la direttiva ETS sullo scambio delle quote di emissione e per il regolamento FuelEU Maritime venga ridotta a 400 tonnellate di stazza lorda e che le navi offshore e di servizio siano incluse in queste norme».

Nella lettera alle istituzioni dell'Unione Europea, T&E, SEA Europe e gli altri firmatari illustrano i motivi per cui, a loro avviso, la gran parte dello shipping deve essere sottoposto a queste norme, a partire dal sottolineare che le tecnologie verdi per il settore del trasporto marittimo ormai sono pronte e che le aziende e le istituzioni finanziarie che investono nell'industria dello shipping hanno bisogno di prevedibilità per realizzare i loro investimenti a lungo termine.

Inoltre, secondo i firmatari, è necessario procedere ad assicurare una parità di condizioni ponendo fine al sovvenzionamento dei combustibili fossili. «Le navi ecologiche - spiegano - lotteranno per competere commercialmente fino a quando i costi esterni della combustione dei combustibili fossili non saranno internalizzati. In questo contesto - rilevano - le esenzioni per le navi più piccole, per i traghetti e per le navi offshore risultano essere di fatto un sovvenzionamento per i combustibili fossili e per continuare ad inquinare. Il mantenimento delle sovvenzioni per le navi a combustibili fossili falserà la concorrenza e potrebbe persino incentivare le compagnie di navigazione ad investire in navi a combustibili fossili per sottrarsi alla legislazione oppure a modificare la loro nave e riclassificarla sotto le 5.000 tsl».

Riferendosi poi alle critiche per l'appesantimento degli oneri amministrativi determinati da queste norme, i firmatari dell'esortazione osservano che «tutte le compagnie di navigazione controllano già i loro consumi di carburante per motivi commerciali e ciò significa che la comunicazione delle emissioni comporterà un onere amministrativo trascurabile. Inoltre - ricordano - il Parlamento ha affrontato le preoccupazioni relative agli oneri amministrativi nella proposta di ridurre i requisiti di controllo, relativamente al consumo di carburante e al tipo di carburante, per le navi di stazza lorda inferiore a 5.000 tonnellate».

Nel documento i firmatari sottolineano inoltre che esentare le navi più piccole dalle norme sulle emissioni, unità che producono 25,8 milioni di tonnellate di CO2, significa esentare navi che usualmente navigano più vicino alla costa. «Il che significa - rimarcano - che la decarbonizzazione di queste navi apporterà maggiori benefici per la salute umana rispetto ad altre navi».

Rilevando infine che le aziende europee costruiscono principalmente navi più piccole al di sotto e al di sopra di 5.000 tsl, mentre usualmente le navi più grandi vengono costruite in Asia orientale e che l'Europa è anche leader in termini di tecnologie verdi come batterie, idrogeno e le tecnologie wind-assist, i firmatari evidenziano che «la regolamentazione delle navi più piccole stimolerebbe quindi una crescita nel settore del trasporto marittimo ecologico europeo, non da ultimo per i cantieri navali europei e per il suo settore delle attrezzature marittime. Inoltre, data la massiccia e crescente domanda di navi offshore per sostenere la crescita dell'eolico offshore, la regolamentazione di queste navi può accelerare la produzione verde europea di quelle navi. L'inclusione di tutti questi tipi di navi nell'ETS condurrebbe ad un circolo virtuoso in cui l'UE reinveste i ricavi nel settore marittimo europeo ecologico».

Oltre che da Transport & Environment e da SEA Europe, la lettera è stata sottoscritta da ABB, Advanced Wing Systems, Amon Maritime, Amon Offshore, ARENA Ocean Hyway Cluster, Azane Fuel Solutions, Ballard Power Systems, Cape Horn Engineering, Dealfeng New Energy Technology, Drift Energy, EcoClipper, Finocean, Future Proof Shipping, Hexagon Purus, Hyseas Energy, Inkster Marine, Liquiline, Navtek, Neoline Développement, North Ammonia, Norwegian Hydrogen, Sailcargo, Samskip, Shift Clean Energy e Stadt Sjøtrans.

›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
L'AdSP dell'Adriatico Centrale ha presentato il proprio primo Bilancio di Sostenibilità
Ancona
Raccoglie quanto attuato nel 2021 coniugando sostenibilità economica, sociale e ambientale
Ruggerone (Assologistica): affrontare il tema dei costi della logistica per contenere l'onda inflattiva
Padova
Può essere fatto - ha specificato - solo congiuntamente con tutta la filiera, integrando anche la committenza
Patto di collaborazione per la promozione e lo sviluppo del Sistema Logistico Veneto
Padova
È stato sottoscritto dai rappresentanti dei porti di Venezia e Chioggia, degli interporti e degli aeroporti della regione
Il Cargo Integrity Group ha aggiornato la sua guida rapida sul CTU Code
Londra
La norma è volta alla sicurezza della movimentazione e del caricamento dei container
Partita la procedura per elettrificare le banchine del porto di La Spezia
La Spezia
Nei prossimi giorni il bando di gara relativo al primo lotto di interventi di realizzazione delle infrastrutture energetiche
Porto di Livorno, avviata la prima fase della riorganizzazione delle aree della sponda est della Darsena Toscana
Livorno
Pubblicato il primo Bilancio di Sostenibilità dell'AdSP
Il 26 ottobre a Lugano si terrà la quinta edizione di “Un mare di Svizzera”
Lugano
Grande spazio verrà dedicato al cronoprogramma delle nuove infrastrutture previste a sud della Svizzera
Nuovo servizio ferroviario tra il porto di Genova e l'Ungheria di InRail
Genova
È realizzato per conto di uno dei maggiori produttori mondiali di nerofumo
Nuovo servizio ferroviario tra il porto di Genova e l'Ungheria di InRail
Genova
È realizzato per conto di uno dei maggiori produttori mondiali di nerofumo
Maersk ordina a HHI sei portacontainer dual-fuel da 17.000 teu
Copenaghen
Potranno essere alimentate con metanolo verde e verranno prese in consegna nel 2025. Commessa del valore di 1,1 miliardi di dollari
La danese A.P. Møller-Mærsk ha ordinato alla società navalmeccanica sudcoreana Hyundai Heavy Industries
Parte da Genova un tour di Enel per parlare di elettrificazione dei porti e delle marine
Hapag-Lloyd comprerà i terminal portuali e le attività logistiche della cilena SAAM
Amburgo, Santiago
Accordo del valore di un miliardo di dollari
Interporto Padova inaugura il nuovo terminal di 35mila metri quadri dedicato ai semirimorchi
Padova
Pasqualetti: il prossimo traguardo sarà la totale automazione delle operazioni di movimentazione
Si fa più intenso il confronto tra carrier marittimi containerizzati e gli utenti dei loro servizi in vista della decisione sull'eventuale proroga del CBER
Bruxelles
I primi hanno inviato un documento alla Commissione UE motivando le ragioni del rinnovo del regolamento. I secondi hanno spedito una lettera alla commissaria Vestager in cui spiegano che l'attuale sistema premia solo i vettori marittimi
Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia
Chiasso
Collegherà Gliwice e Pordenone tre volte alla settimana
Nei prossimi giorni l'operatore intermodale elvetico Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia aperto a tutti gli operatori di trasporto che avrà una frequenza
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Il 26 ottobre a Lugano si terrà la quinta edizione di “Un mare di Svizzera”
Grande spazio verrà dedicato al cronoprogramma delle nuove infrastrutture previste a sud della Svizzera
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Furious Phil Goff on a future without Port-omation
(Newsroom)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile