testata inforMARE
8 febbraio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
13:39 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
L'Ocean Shipping Reform Act 2022 attende solo la firma del presidente americano Biden
Il World Shipping Council si è detto «sbalordito della continua errata rappresentazione del settore da parte dei rappresentanti del governo degli Stati Uniti»
14 giugno 2022
Ieri la Camera di rappresentanti del Congresso USA ha approvato l'Ocean Shipping Reform Act del 2022, disegno di legge già approvato dal Senato che, tra le varie disposizioni, aumenta i poteri dell'agenzia federale Federal Maritime Commission (FMC) e vieta alle compagnie di navigazione, ai terminal operator e agli intermediari del trasporto marittimo di rifiutare immotivatamente ai caricatori spazi di carico, se disponibili, e di ricorrere ad altre metodologie discriminatorie. Il presidente americano ha più volte affermato che il progetto legislativo avrà il potere di evitare un eccessivo rialzo del valore dei noli marittimi: «l'abbassamento dei prezzi per gli americani - ha affermato ieri Joe Biden commentando il via libera della Camera - rappresenta la mia massima priorità e mi congratulo con il Congresso per aver approvato l'Ocean Shipping Reform Act su base bipartisan, che contribuirà a ridurre i costi per i commercianti, gli agricoltori e i consumatori americani». «Nel mio discorso sullo Stato dell'Unione - ha ricordato Biden riferendosi alla sua relazione al Congresso tenutasi lo scorso primo marzo ( del 1° marzo 2022) - ho invitato il Congresso ad occuparsi delle tariffe elevate e delle pratiche sleali dei vettori marittimi dato che l'aumento dei costi delle spedizioni marittime rappresenta un fattore importante che contribuisce all'aumento dei costi per le famiglie americane. Durante la pandemia - ha denunciato Biden - le compagnie marittime hanno aumentato le loro tariffe sino al 1.000% e, troppo spesso, questi vettori marittimi si rifiutano di imbarcare le esportazioni americane verso l'Asia, partendo piuttosto con container vuoti. Ciò sta costando un sacco di soldi agli agricoltori, agli allevatori e alla nostra economia. Questo disegno di legge - ha affermato il presidente statunitense - consentirà passi avanti riducendo i costi per le famiglie e assicurando un trattamento equo per le imprese americane, inclusi gli agricoltori e gli allevatori. Non vedo l'ora - ha concluso Biden che a breve, con la sua firma, convertirà l'Ocean Shipping Reform Act in legge - di sottoscriverlo per trasformarlo in legge».

Il World Shipping Council (WSC), l'associazione che rappresenta le principali compagnie di navigazione mondiali che operano servizi di linea e che sono quindi lo specifico oggetto delle accuse di Biden - ha respinto al mittente, senza citarlo, le critiche del presidente americano. Specificando di non vedere l'ora di avviare un proficuo confronto con la Federal Maritime Commission sull'implementazione dell'Ocean Shipping Reform Act, l'associazione ha evidenziato che «nel corso della pandemia di Covid-19 le compagnie marittime hanno fatto di tutto per mantenere le merci in movimentato, schierando ogni nave e ogni container disponibili, aumentando le partenze e investendo per il futuro. Nel 2021 - ha ricordato il WSC - i vettori hanno ordinato un numero record di 555 navi per un valore di 42,5 miliardi di dollari e altre 208 navi per un valore di 18,4 miliardi di dollari sono state ordinate dall'inizio del 2022. Ma - ha rilevato l'associazione che ha sempre addebitato la causa dell'aumento dei costi alle disfunzioni della supply chain terrestre - sinché i porti, i terminal ferroviari e i magazzini americani continueranno ad essere congestionati e incapaci di far fronte all'aumento del livello degli scambi, le navi rimarranno bloccate fuori dai porti a scapito degli importatori e degli esportatori».

Quasi a non capacitarsi del perché l'amministrazione Biden continui ad accusare le compagnie di navigazione containerizzate di aver artatamente agito con lo scopo di rialzare notevolmente il valore dei noli marittimi, nonostante pochi giorni fa la stessa Federal Maritime Commission abbia constatato che il regime in cui operano i vettori marittimi è di assoluta concorrenza ( del 1° giugno 2022), il World Shipping Council si è detto «sbalordito della continua errata rappresentazione del settore da parte dei rappresentanti del governo degli Stati Uniti e preoccupato per la disconnessione fra i dati reali e la retorica incendiaria».

«Le 22, e non nove, compagnie internazionali che servono il popolo, l'industria e il governo americani nei traffici tra Asia e Stati Uniti - ha proseguito il WSC riferendosi al numero di nove compagnie raggruppate in tre consorzi citato da Biden che secondo il presidente, come ha ribadito venerdì scorso in occasione di una visita al porto di Los Angeles, sarebbero responsabili di aver innalzato le loro tariffe sino al +1.000% - fanno parte della supply chain mondiale che ha costruito questa nazione importando ed esportando generi alimentari, medicine, elettronica, prodotti chimici e tutto ciò da cui dipendiamo. L'aumento dei livelli delle tariffe a cui abbiamo assistito negli ultimi anni - ha ribadito l'associazione delle compagnie di navigazione - dipende da una domanda che ha largamente superato l'offerta e dalla congestione sulla terraferma, esacerbata dalle disfunzioni causate dalla pandemia. La recente indagine Fact Finding 29 condotta negli ultimi due anni dalla Federal Maritime Commission degli Stati Uniti - ha evidenziato il WSC riferendosi ai risultati dell'inchiesta resi noti il primo giugno scorso dalla FMC - è giunta alle stesse conclusioni: “i nostri mercati - ha specificato il WSC citando le risultanze dell'indagine - sono competitivi e le elevate tariffe di trasporto marittimo sono state determinate da una domanda senza precedenti dei consumatori, principalmente negli Stati Uniti, che ha soverchiato l'offerta di capacità delle navi. La congestione ha comportato una ulteriore contrazione della capacità disponibile”».

«Sin quando la congestione delle importazioni non sarà risolta - ha spiegato il World Shipping Council - la congestione delle esportazioni persisterà». «I vettori marittimi - ha concluso l'associazione - continuano a movimentare volumi record di merci ed hanno investito molto in nuova capacità. L'America deve assumersi lo stesso impegno e investire nelle sue infrastrutture logistiche a terra».

La National Retail Federation (NRF), la potente associazione del commercio statunitense, ha invece manifestato soddisfazione per il via libera del Congresso al disegno di legge: «l'adozione della legge federale Ocean Shipping Reform Act - ha sottolineato il vice presidente senior per le relazioni con il governo dell'associazione, David French - contribuisce ad affrontare gli annosi problemi sistemici della supply chain e delle disfunzioni dei porti che esistevano ben prima della pandemia, fornendo alla Federal Maritime Commission gli ulteriori poteri di cui ha bisogno. Inoltre offre essenziali aggiornamenti al sistema internazionale di trasporto marittimo che è stato gravemente colpito dal Covid-19».

«Questi miglioramenti - ha concluso French - arrivano in un momento in cui l'inflazione ha raggiunto il massimo da 40 anni. La NRF ha supportato lo sforzo per far passare l'Ocean Shipping Reform Act, come uno dei passaggi necessari per porre un freno all'inflazione ed alleviare la pressione sulle imprese sui lavoratori e sui consumatori americani».
›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
In Lombardia il primo accordo territoriale per il welfare nel settore logistica, trasporto merci, e spedizione
Wallenius Wilhelmsen chiude il 2022 con risultati record
Oslo
I ricavi sono cresciuti del +30%
Maersk registra performance finanziarie annuali record nonostante un quarto trimestre negativo
Maersk registra performance finanziarie annuali record nonostante un quarto trimestre negativo
Copenhagen
Nel 2022 i carichi trasportati dalle navi sono diminuiti del -8,9%
Nel quarto trimestre del 2022 l'attività operativa e i ricavi di Royal Caribbean sono tornati a livelli pre-pandemia
Nel quarto trimestre del 2022 l'attività operativa e i ricavi di Royal Caribbean sono tornati a livelli pre-pandemia
Miami
Giro d'affari record per questo periodo dell'anno
Nel 2021 nell'UE i servizi di short sea shipping hanno trasportato 1,78 miliardi di tonnellate di merci (+6,0%)
Bruxelles
In Italia il totale è stato di 314,5 milioni di tonnellate (+9,7%)
T&E denuncia che la Spagna impedisce un accordo in sede UE sulla decarbonizzazione dello shipping
Bruxelles
Madrid si opporrebbe alla sotto-quota del 2% di RFNBO proposta dal Parlamento europeo
ST Engineering compra un cantiere di riparazioni navali della Keppel Offshore & Marine
Singapore
È situato nell'area di Tuas, a Singapore
Lo scorso anno il traffico delle merci nel porto di Taranto è diminuito del -16,9%
Taranto
Il totale risulta in calo del -19,6% anche rispetto all'anno pre-pandemia del 2019
Il terremoto in Turchia ha danneggiato il porto di Iskenderun
Il terremoto in Turchia ha danneggiato il porto di Iskenderun
Ankara
La rinfusiera turca “TQ Ordu” si è arenata nei pressi di Istanbul
Le componenti positive del reddito generate da “certificati bianchi” possono essere assoggettate alla tonnage tax
Roma
Lo ha chiarito l'Agenzia delle Entrate rispondendo ad un'istanza del gruppo Grimaldi
Lo scorso anno il traffico dei container movimentato da HPH Trust è diminuito del -7,3%
Singapore
Lo scorso anno il traffico dei container movimentato da HPH Trust è diminuito del -7,3%
Il calo dell'attività si è verificato nella seconda metà del 2022
Aggiudicata la proposta di project financing per la nautica da diporto nel porto di Cagliari
Cagliari
I lavori verranno realizzati in tre anni
CMA CGM e Autorità Portuale di Barcellona sono state autorizzate ad acquisire la Puerto Seco Azuqueca
Madrid
Via libera dell'antitrust spagnola
Deserta anche la terza gara per i collegamenti marittimi con le isole minori sarde
Cagliari
I sindacati esortano a rivedere il bando di gara, in particolare sotto il profilo economico
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel porto di Civitavecchia è stato fermato un traffico illecito di rifiuti diretti in Africa
Civitavecchia
Sequestrate tre partite di merce per un peso complessivo di 32 tonnellate
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Ora
L'obiettivo è incrementare i traffici da e per l'Europa attraverso il porto di Trieste
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Madrid
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Riduzione del traffico containerizzato di transito. Nel solo quarto trimestre è stato registrato un calo del -1,1%
DP World si è aggiudicata la gara per realizzare un container terminal nel porto di Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World - Aker Solutions per ammodernare unità FPSO
Marfret incrementa la frequenza del servizio di linea diretto Italia-Egitto
Genova
Immessa una seconda nave
Cargotec e Konecranes registrano nuovi record di ricavi annuali e trimestrali
Helsinki/ Hyvinkää
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti dai due gruppi è aumentato rispettivamente del +9,8% e +23,7%
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti da ABB è cresciuto del +6,7%
Zurigo
I risultati dell'attività commerciale hanno registrato un'attenuazione trimestre dopo trimestre
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Ankara
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Nell'ultimo trimestre del 2022 la riduzione è stata del -5,1%
MSC includerà il porto di Livorno nel servizio West Med - Middle East/India
Ginevra
Il collegamento ha frequenza settimanale
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Atlanta
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Nel 2022 i ricavi hanno superato per la prima volta i 100 miliardi di dollari
Nel 2022 i ricavi del gruppo Wärtsilä sono aumentati del +22%
Helsinki
Il valore delle nuove commesse è cresciuto del +6%
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
L'Algérie investit 500 millions d'euros au Cameroun
(L'Expression)
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile