ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 gennaio 2022 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 00:58 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXIX - Numero 11/2011 - NOVEMBRE 2011

Safety & security

La ITF mette in guardia contro i “catastrofici effetti” delle esplosioni di reefer a bordo

Commentando il recente allarme circa le potenziali conseguenze fatali per gli operatori ed i portuali derivanti da un gruppo di contenitori reefer scadenti di origine vietnamita, la ITF (Federazione Internazionale dei Lavoratori dei Trasporti) ha segnalato il pericolo che i propri membri marittimi potrebbero dover affrontare nel caso di un'esplosione simile a bordo di una nave.

La ITF ha dichiarato di sperare - pur riconoscendo che la comunità marittima ha agito rapidamente mettendoli in quarantena ed avvisando circa la movimentazione di potenziali pericoli in porto - che il medesimo approccio e la stessa priorità vengano trasferiti ai responsabili della sicurezza a bordo.

Continua la ITF: “Anche se naturalmente anche l'esplosione di un container a riva è un evento tragico, pensiamo che una simile esplosione a bordo di una nave potrebbe comportare effetti potenzialmente catastrofici per i lavoratori, per le navi e per l'ambiente”.

Si sospetta che un certo numero - si pensa circa 900 - di box reefer che sono stati sottoposti a riparazioni all'impianto gas in Vietnam da marzo ad aprile di quest'anno sia stato ricaricato con gas refrigerante inadatto o contaminato che induce una reazione chimica ed una potenziale esplosione, tanto è vero che sinora ciò ha comportato la perdita di tre vite umane fra gli addetti alla manutenzione.

La Maersk Line ha segnalato il potenziale problema al “gruppo di lavoro sul trasporto sicuro di contenitori” del World Shipping Council il 18 ottobre scorso, e da allora la compagnia di navigazione di linea ed un certo numero dei vettori marittimi suoi associati - fra cui la CMA CGM e la Hapag-Lloyd - hanno intrapreso iniziative per identificare, staccare ed isolare l'equipaggiamento in questione.

Nel contempo, i P&I Clubs hanno fatto pressioni sui propri membri affinché implementassero “adeguate procedure di quarantena per i reefer” fino a quando non si potesse confermare che nessun servizio al sistema di refrigerazione era stato effettuato sui contenitori in Vietnam nel corso di quest'anno.

Il segretario della sezione trasporti terrestri della ITF, Mac Urata, commenta ulteriormente: “Non si tratta di una questione che riguarda solo marittimi e portuali, poiché tutti i lavoratori impegnati nella filiera delle forniture sono potenzialmente a rischio.

Adesso miriamo ad un'indagine celere ed accurata riguardo a come tali tragedie possano essere capitate e ad informazioni su cosa accadrà in seguito al fine di assicurare la sicurezza personale dei lavoratori”.

Sfortunatamente, questa “cattiva fama” ha comportato effetti negativi per le esportazioni di frutti di mare vietnamiti nel corso dell'alta stagione per gli esportatori nazionali che generano valuta estera.
(da: ci-online.co.uk, 11.11.2011)



PSA Genova Pra LineaMessina


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail