testata inforMARE

17 maggio 2022 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:58 GMT+2



27 aprile 2022

Con un +19,6% del traffico nel primo trimestre di quest'anno il porto di Trieste si riavvicina ai livelli pre-pandemia

Prosegue la flessione (in tonnellate) del traffico containerizzato

Nel primo trimestre di quest'anno il porto di Trieste ha movimentato 14,1 milioni di tonnellate di merci, volume che rappresenta una crescita del +19,6% sullo stesso periodo del 2021 nonché un calo del -1,1% sul primo trimestre del 2020 quando ancora l'impatto della pandemia di Covid-19 sulle attività economiche e sociali era ancora agli inizi e una flessione del -6,4% sul corrispondente periodo pre-pandemia del 2019.

Ad aver registrato un continuo trend di incremento in tutto questo arco temporale è stato il settore delle merci varie, ad eccezione dei container, grazie ai rialzi dei volumi crescenti di rotabili e merci convenzionali. In particolare, nel primo trimestre del 2022 i carichi ro-ro sono ammontati a 2,2 milioni di tonnellate, con un rialzo del +11,7% sul primo trimestre dello scorso anno nonché con aumenti rispettivamente del +27,7% e del +29,8% sui primi trimestri del 2020 e del 2019. Nei primi tre mesi di quest'anno le merci convenzionali sono state 365mila tonnellate, con incrementi del +115,5%, 63,7% e +5,7% sugli stessi periodi del 2021, 2020 e 2019. Negativo, invece, il trend delle merci varie con meno di 2,0 milioni di tonnellate movimentate nel primo trimestre del 2022 e flessioni rispettivamente del -10,2%, -4,0% e -6,8% sui corrispondenti periodi degli anni precedenti. Una tendenza alla diminuzione del traffico dei container che non è tale se questo flusso di carichi viene conteggiato in termini di contenitori da 20 piedi movimentati: nel primo trimestre di quest'anno, infatti, il totale è stato di 201mila teu, con aumenti - grazie al maggior numero di container vuoti movimentati - del +2,9%, +12,0% e +6,5% sui primi trimestri del 2021, 2020 e 2019. I 201mila teu del primo trimestre del 2022 rappresentano il miglior risultato per questo periodo dell'anno e il quarto in termini assoluti essendo inferiore solo agli oltre 204mila teu movimentati nell'ultimo trimestre del 2020 e ai volumi movimentati nel secondo (202mila teu) e quarto trimestre (202mila teu) del 2019.

Nei primi tre mesi del 2022 il traffico delle rinfuse liquide si è attestato a 9,4 milioni di tonnellate, con un aumento del +27,7% sul primo trimestre dello scorso anno e diminuzioni del -7,8% e -9,0% sugli stessi periodi degli anni precedenti. In particolare, il traffico di petrolio grezzo è stato di 9,2 milioni di tonnellate (+27,8%, -7,5% e -8,2%), quello di prodotti petroliferi raffinati di 175mila tonnellate (+23,3%, -22,8% e -39,3%) e il traffico di prodotti chimici liquidi di 22mila tonnellate (+21,9%, +31,6% e 72,4%).

Il volume complessivo delle rinfuse secche è stato di 210mila tonnellate (+62,3%, +89,0% e -66,7%), volume costituito principalmente da prodotti metallurgici (151mila tonnellate, +47,5%, +193,4% e -7,4%) e da cereali (28mila tonnellate, +43,2%, -19,1% e -40,5%).

Nei primi tre mesi di quest'anno il traffico dei passeggeri di linea nello scalo portuale giuliano è stato di meno di 3mila persone, con una ripresa del +64,3% sullo stesso periodo del 2021, mentre i crocieristi sono stati 2mila, traffico che lo scorso anno era assente a causa degli effetti della pandemia.

Nel primo trimestre del 2022 il porto di Monfalcone, anch'esso gestito dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, ha movimentato 820mila tonnellate di merci (+9,1%), di cui 649mila tonnellate di rinfuse solide (+24,8%), 136mila tonnellate di merci convenzionali (-31,4%) e 36mila tonnellate di rotabili (+4,2%).


Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.




Indice Prima pagina Indice notizie

- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail