testata inforMARE

12 agosto 2022 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 07:07 GMT+2



2 agosto 2022

Nel trimestre aprile-giugno il traffico delle merci nel porto di Venezia è cresciuto del +6,5%

I crocieristi sono stati 74mila rispetto ai 556mila del corrispondente periodo del 2019

Nel secondo trimestre di quest'anno il traffico delle merci nel porto di Venezia è aumentato del +6,5% essendo ammontato a 6,53 milioni di tonnellate rispetto a 6,13 milioni nel periodo aprile-giugno del 2021. L'incremento, il quinto trimestrale consecutivo, è stato determinato sia dalla crescita - la quinta trimestrale consecutiva - delle merci allo sbarco che si sono attestate a 5,30 milioni di tonnellate (+5,8%) sia dal rialzo - il secondo trimestrale consecutivo - delle merci all'imbarco che hanno totalizzato 1,23 milioni di tonnellate (+9,7%).

Il dato totale del secondo trimestre del 2022, oltre all'aumento del +6,5% sullo stesso periodo dello scorso anno, rappresenta anche una progressione del +23,0% sul secondo trimestre del 2020, quando la pandemia di Covid-19 aveva un forte impatto sulla mobilità di merci e persone, che un incremento del +5,5% sul secondo trimestre dell'anno pre-pandemia del 2019.

In particolare, nel secondo trimestre di quest'anno sono state movimentate 2,51 milioni di tonnellate di merci varie, con crescite rispettivamente del +5,3% e del +23,0% sui corrispondenti periodi del 2021 e 2020 e con un calo del -1,0% sullo stesso periodo del 2019. Le sole merci in container sono risultate pari a 1,43 milioni di tonnellate (rispettivamente +12,3%, +21,4% e -2,8%) e sono state realizzate con una movimentazione di contenitori pari a 146mila teu (+11,0%, +17,7% e -8,9%). I carichi rotabili sono ammontati a 509mila tonnellate (+9,7%, +32,0% e +8,4%).

Più accentuata la crescita delle rinfuse solide che hanno totalizzato 2,06 milioni di tonnellate (+18,0%, +47,8% e +45,3%), di cui 579mila tonnellate di prodotti metallurgici (+15,5%, +12,4% e +47,5%), 477mila tonnellate di carbone (+207,5%, +389,0% e +28,7%),457mila tonnellate di mangimi, foraggi e semi oleosi (-13,6%, -7,3% e +43,4%), 385mila tonnellate di minerali (-5,1%, +512,5% e +419,8%), 78mila tonnellate di prodotti chimici (+77,9%, +169,6% e +115,5%), 53mila tonnellate di cereali (-33,8%, -11,6% e -49,5%) e 26mila tonnellate di altre rinfuse secche (-4,7%, -80,5% e -77,8%).

Nel comparto delle rinfuse liquide è stata registrata una lieve flessione del traffico che è sceso a 1,97 milioni di tonnellate (-2,0%, +4,6% e -12,4%), incluse 1,58 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi raffinati (-7,0%, +5,0% e -14,5%), 333mila tonnellate di prodotti chimici (+17,5%, +4,4% e -2,9%) e 57mila tonnellate di altri carichi liquidi (+95,3%, -3,4% e +0,8%).

Nel secondo trimestre di quest'anno il traffico delle crociere nel porto di Venezia è stato di 74mila passeggeri rispetto a quasi 9mila nel secondo trimestre del 2021, mentre nello stesso periodo del 2020 questa attività era ferma a causa della crisi sanitaria e nel secondo trimestre del 2019 era assai più consistente con un totale di 556mila crocieristi. Ricordiamo che in questo settore l'attività ha registrato anche una notevole contrazione a seguito del decreto-legge adottato a metà 2021 dal governo che ha comportato l'impossibilità di approdo alla Stazione Marittima di Venezia per le grandi navi passeggeri a cui è stato vietato il transito per il Bacino di San Marco, il Canale di San Marco e il Canale della Giudecca.

Nel primo semestre del 2022 il porto veneziano ha movimentato complessivamene 12,90 milioni di tonnellate di merci, con un aumento del +10,5% sulla prima metà dello scorso anno.





Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.




Indice Prima pagina Indice notizie

- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail