testata inforMARE
3 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
10:37 GMT+2
Le misure di prevenzione sono essenziali per contrastare il pericolo di incendi nel trasporto marittimo di batterie al litio
Alla mitigazione dei rischi devono contribuire tutti gli attori della supply chain
31 agosto 2022
Il trasporto di batterie agli ioni di litio, con i connessi rischi di incendio, rappresenta una sfida per tutte le modalità di trasporto, e in particolare per il trasporto marittimo come dimostrano i numerosi incendi verificatisi su navi ro-ro e portacontenitori. Rischio che, date le difficoltà di spegnimento degli incendi di batterie a bordo delle navi soprattutto nel corso della navigazione - evidenzia il rapporto “Lithium-ion batteries: fire risks and loss prevention measures in shipping” della compagnia assicuratrice Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS) - può essere scongiurato adottando specifiche misure di prevenzione, sia che le batterie vengano trasportate all'interno di veicoli elettrici che come carico a sé stante.

Tra le raccomandazioni per mitigare il rischio di incendio che può derivare dalle batterie agli ioni di litio durante il trasporto di veicoli elettrici su navi car carrier e all'interno di container viene indicata la necessità di garantire che il personale sia addestrato a seguire le corrette procedure di imballaggio e movimentazione e che i lavoratori marittimi abbiano ricevuto una formazione antincendio sulle batterie agli ioni di litio; la verifica che lo stato di carica (SOC) della batteria sia al livello ottimale per il trasporto, ove possibile; la garanzia che i veicoli elettrici con una bassa altezza da terra siano adeguatamente etichettati in quanto possono presentare problemi di carico/scarico; la verifica che tutti i veicoli elettrici siano correttamente fissati per evitare qualsiasi spostamento durante il trasporto. Durante la navigazione, tutto ciò che può contribuire al tempestivo rilevamento degli incendi è fondamentale, compresi i turni di guardia e l'utilizzo di scanner termici, rilevatori di gas, rilevatori di calore/fumo e telecamere a circuito chiuso.

Il report di AGCS sottolinea quattro minacce principali: incendio (le batterie agli ioni di litio contengono elettroliti, infiammabili); esplosione (derivante dal rilascio di vapori/gas infiammabili in uno spazio ristretto); “thermal runaway” (un rapido incendio auto-riscaldante che può causare un'esplosione) e i gas tossici che tali eventi possono produrre. Questi incidenti sono principalmente la conseguenza di una produzione di batterie/dispositivi al di sotto degli standard, di un'eccessiva carica delle batterie, di un surriscaldamento dovuto a cortocircuiti e del danneggiamento delle batterie o di dispositivi che, tra le altre cause, può derivare da un imballaggio e una movimentazione inadeguati o dallo spostamento del carico se non adeguatamente fissato.

Il rapporto evidenzia anche una serie di misure che possono contribuire a garantire uno stoccaggio sicuro delle batterie agli ioni di litio nei magazzini, osservando che le batterie di grande formato, come quelle utilizzate nei veicoli elettrici, prendono fuoco più rapidamente rispetto alle più piccole utilizzate negli smartphone e nei computer portatili. Inoltre le raccomandazioni includono la formazione del personale sulle corrette procedure di imballaggio e manipolazione; l'istituzione di un piano di risposta alle emergenze per trattare le batterie danneggiate o surriscaldate e di un piano di controllo dei rischi per gestire la ricezione, lo stoccaggio, la spedizione e la supervisione delle batterie agli ioni di litio imballate; la prevenzione dell'esposizione delle stesse alle alte temperature e la separazione da altri materiali combustibili; la rimozione tempestiva delle batterie danneggiate o difettose.

Il report elenca infine i recenti incidenti marittimi in cui l'incendio di una batteria è stato citato come possibile causa o fattore scatenante, a partire dall'incendio e dal successivo affondamento della ro-ro Felicity Ace nel marzo 2022. Nello stesso mese, la Guardia Costiera statunitense aveva emesso un avviso di sicurezza sul rischio rappresentato dalle batterie agli ioni di litio a seguito di due diversi incendi di navi portacontainer. Nel giugno 2020 un incendio sulla car carrier Höegh Xiamen in Florida si era verificato perché le batterie dei veicoli non erano state scollegate e fissate seguendo le procedure corrette Nel gennaio 2020, un incendio sulla portacontainer COSCO Pacific era stato attribuito alla combustione di un carico di batterie agli ioni di litio non dichiarato correttamente.

«Le batterie - ha spiegato Rahul Khanna, responsabile Marine Risk Consulting di AGCS - non sono solo una potenziale causa di incendio durante il trasporto via mare, se danneggiate, sovraccaricate o sottoposte a temperature elevate, ma possono anche amplificare incendi in atto e sono difficili da spegnere perché possono riaccendersi a distanza di giorni o addirittura di settimane. Nella maggior parte degli incidenti a bordo delle navi, un evento di instabilità termica (thermal runaway) può essere un rischio concreto a meno che l'equipaggio non intraprenda un'azione immediata con la soppressione dell'incendio attraverso l'utilizzo di abbondanti quantità di acqua per un lungo periodo di tempo. Questa tempestiva ma necessaria reazione può tuttavia essere estremamente difficile per diverse ragioni quali la difficoltà di rilevamento precoce, la carenza di membri dell'equipaggio a bordo e l'inadeguatezza delle risorse antincendio disponibili sulle navi». «Le compagnie - ha rilevato Khanna - dovrebbero fare tutto il possibile per introdurre, sviluppare e seguire solide misure di prevenzione, dato che la crescente popolarità dei veicoli elettrici significa che in futuro saranno trasportati via mare molti più veicoli con batterie agli ioni di litio».

Il comandante Randall Lund, senior marine risk consultant di AGCS, autore del rapporto assieme ai colleghi Miguel Herrera e Justin Kersey, consulenti AGCS in materia di rischi marittimi, ha evidenziato che alla mitigazione dei rischi delle spedizioni di batterie al litio devono contribuire tutti gli attori della supply chain, e non solo gli operatori del trasporto marittimo: «se l'industria marittima vuole ridurre il numero di incidenti legati al trasporto di batterie agli ioni di litio - ha chiarito - tutte le parti coinvolte devono comprendere i pericoli connessi, le cause più comuni e i problemi associati al trasporto commerciale. I regolamenti e le linee guida per trattare queste batterie sono molto specifici ed aiutano a prevenire la maggior parte degli incidenti, ma possono essere efficaci solo se vengono comunicati e fatti rispettare. Solo attraverso uno sforzo concertato da parte delle parti interessate nella supply chain possiamo sperare di ridurre il tasso di incidenti».

›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
Terminate oggi le due settimane di sciopero nel porto di Liverpool, Unite ne minaccia un'altra
Londra
Gerrard : MDHC può permettersi di presentare un'offerta salariale che i nostri associati possono e dovranno accettare
MIMS, ulteriori 10 milioni alle Autorità di Sistema Portuale per lo sviluppo dei porti
Roma
Si aggiungono ai 30 milioni già previsti con precedenti provvedimenti
Venerdì il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili
Prosegue il trend di crescita dei risultati del gruppo crocieristico Carnival
Miami
Weinstein: con le prenotazioni ora siamo molto più avanti rispetto ai rilevanti livelli del 2019
È proseguito nel periodo giugno-agosto di quest'anno, trimestre che è il terzo dell'esercizio fiscale del gruppo Carnival Corporation, il rialzo dei risultati finanziari registrati dal gruppo crocieristico statunitense dopo lo “tsunami” provocato dall'impatto sull'azienda della crisi sanitaria
Il forte aumento dei costi ha determinato un netto peggioramento dei risultati finanziari semestrali della Anek
Chania
La compagnia greca ha reso noto che le spese sono cresciute a causa del rincaro del fuel
A Napoli il Forum delle Funzioni di Guardia Costiera del Mediterraneo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Inaugurato il nuovo impianto per il caffè verde di Pacorini Silocaf nell'area retroportuale di Vado Ligure
Vado Ligure
Con una capacità di stoccaggio di 27.000 tonnellate, è il più grande al mondo per questa tipologia di merce
Nel secondo trimestre il traffico dei container nei terminal portuali di Contship Italia è diminuito del -4,5%
Amburgo
Complessivamente i terminal della capogruppo Eurokai hanno movimentato tre milioni di teu (-4,0%)
Porto della Spezia, avviata la seconda fase della gara per il nuovo molo crociere a Calata Paita
La Spezia
L'offerta tecnica ed economica dovrà essere presentata entro il 7 novembre
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
SBB adotta un piano per incrementare del +60% il volume delle merci trasportate su rotaia in Svizzera entro il 2050
Entro il 2040 sono previsti investimenti per 1,5 miliardi di franchi svizzeri
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Giovedì a Roma sarà celebrato il venticinquennale della Federazione del Mare
Verranno presentati il VI Rapporto sull'economia del mare e il volume “Cinquant'anni di economia marittima in Italia: evoluzione e prospettive tra XX e XXI secolo”
Dal 23 al 27 giugno alla Spezia si terrà la settima edizione di Seafuture
La manifestazione internazionale è dedicata alla Blue Economy e alle innovazioni nel settore navale e marittimo
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
MTCIT invites bids to develop Dhalkut Port in Dhofar
(Muscat Daily)
Muscat - The Ministry of Transport, Communications ...
South Sudan acquires Djibouti port land for imports, exports
(Sudan Tribune)
September 20, 2022 (JUBA) - South Sudan has acquired three acres of land at the ...
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile