testata inforMARE
7 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
20:33 GMT+2
LinnkedInTwitterFacebook
Nessuna offerta per la realizzazione della nuova diga foranea del porto di Genova
Andata deserta la gara
30 giugno 2022
Un fiasco strabiliante. Immane perché l'opera in questione sarà di dimensioni colossali. A partire dal costo che, secondo stime ormai superate limitandosi a prendere in considerazione solo l'evidente recente aumento dei costi dei materiali, dovrebbe essere pari a 1,3 miliardi di dollari sulla base della soluzione progettuale scelta dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale. Ma anche per dimensioni: la nuova diga foranea del porto di Genova dovrebbe avere una lunghezza complessiva di 6,2 chilometri e verrebbe imbasata su fondali che raggiungono e superano la profondità di -50 metri, un vero record mondiale per un frangiflutti, seppur gigantesco. E pure anche in ambito nazionale la nuova diga genovese occupa un posto primario tra i progetti nel quadro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Un flop perché, dopo l'approvazione del progetto di fattibilità tecnico-economica, la gara d'appalto per la realizzazione della prima corposa fase del progetto, del valore di ben 950 milioni di euro, somma finanziata con 500 milioni dal Piano nazionale per gli investimenti complementari al PNRR, è andata deserta. Oggi alle ore 12, termine ultimo per la presentazione delle offerte, non è giunto alcun plico a Palazzo San Giorgio, sede dell'AdSP.

Un fallimento perché alta era la fiduciosa attesa dei vertici dell'ente portuale, ma anche di quelli del Comune di Genova e della Regione Liguria, con il sindaco Marco Bucci e il governatore Giovanni Toti a manifestare ripetutamente fede nel buon esito della procedura.

Un insuccesso perché le uniche due cordate interessate all'esecuzione dei lavori, la prima composta da WeBuild, Fincantieri, Fincosit e Sidra e la seconda da Eteria (Gavio-Caltagirone), RCM e Acciona, hanno ritenuto di rinunciare a partecipare alla gara. La motivazione, comunicata all'ente portuale poco prima della scadenza, sarebbe quella di una crescita dei costi dei materiali che non consentirebbe di rispettare i termini di gara. Tra le criticità, segnalati anche il tempo limitato per l'esecuzione delle opere e i rischi non quantificabili per le imprese incaricate di realizzare i lavori.

Una disfatta per il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, che il 16 aprile 2021, in considerazione dell'elevato grado di complessità progettuale, della particolare difficoltà esecutiva e della complicatezza delle procedure tecnico-amministrative, era stato nominato commissario straordinario con il mandato di realizzare la nuova diga foranea, incarico per il quale non avrebbe ricevuto alcun compenso.

Un disastro annunciato, invece, secondo Ance, l'associazione di categoria che rappresenta le imprese di costruzioni edilizie. «Lo avevamo detto», è il lapidario e caustico commento, appena scaduto il termine della procedura di evidenza pubblica, del presidente nazionale Ance, Federica Brancaccio, e del presidente della rappresentanza genovese, Giulio Musso, che hanno ricordato come, in occasione della recente assemblea dell'associazione degli agenti marittimi genovesi, avevano formalmente e pubblicamente invitato l'Autorità di Sistema Portuale a fermarsi prima che fosse troppo tardi e a valutare con attenzione il progetto della diga, a rischio tecnicamente, finanziariamente e operativamente.

«La rinuncia delle due cordate di imprese che avrebbero dovuto partecipare alla gara per realizzare la più grande opera pubblica degli ultimi trent'anni, per un valore di oltre un miliardo - è la durissima denuncia del presidente di Ance Liguria, Emanuele Ferraloro - al di là dell'effetto devastante sulla credibilità anche internazionale di Genova e del suo porto, allunga ombre sulla fattibilità di gran parte delle opere inserite nel PNRR e sulla capacità dei soggetti pubblici di mettere a punto progetti tecnici credibili e affidabili. Non ci fa certo piacere aver lanciato per tempo tutti gli alert possibili, aver dovuto registrare le rituali e un po' infastidite rassicurazioni dell'Autorità di Sistema Portuale, nonché le esultanze della politica per l'avvio della gara, ma il caso diga rischia di provocare un'onda d'urto devastante, con effetti drammatici sulla credibilità del sistema Italia».

È severo il biasimo espresso dal presidente di Ance Liguria: «è possibile - si è chiesto e ha chiesto Ferraloro - che solo la nostra associazione si sia esposta pubblicamente per denunciare questo pericolo? È possibile che un'opera da oltre un miliardo venga gestita così, ci si è mai posti il problema dell'adeguatezza delle strutture tecniche alle dimensioni e all'impegno di una sfida di questa magnitudo? Quando passerà la sbornia da PNRR e si cercheranno, con pragmatismo, soluzioni ai reali problemi del sistema pubblico italiano? Quando si prenderà coscienza dell'unico vero problema italiano: la traduzione in fatti dei proclami, la trasformazione delle carte in opere?».

I “social”, così indefessamente utilizzati dai protagonisti quando vogliono comunicare notizie positive e così silenti quando per loro l'esito è negativo, per ora tacciono. A parte le piazze virtuali in cui tutti discutono di tutto, rimane il fatto che ora appare inevitabile una profonda ma rapida rivisitazione dell'opera - intervenendo sul progetto, sul bando di gara o su entrambi - se non si vogliono perdere i finanziamenti indispensabili per realizzare lavori che dovrebbero essere inderogabilmente completati entro il 2026.

›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
Attenuazione dei ricavi trimestrali della OOCL
Hong Kong
Nel terzo trimestre i volumi di container trasportati dalla flotta sono calati del -3,4%
Nel terzo trimestre di quest'anno si è ulteriormente attenuato il trend di crescita dei ricavi della compagnia di navigazione containerizzata Orient Overseas Container Line (OOCL) del gruppo cinese COSCO Shipping, tendenza che relativamente ai soli ...
Se a settembre i ricavi della Evergren sono lievemente cresciuti, quelli delle connazionali Yang Ming e WHL hanno imboccato un trend negativo
Portacontainer a fuoco nel Mar Rosso
Jizan
I 25 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo
Inaugurato un nuovo gate automatizzate al Terminal San Giorgio del porto di Genova
Genova
Occupa un'area di circa 10.000 metri quadri ed è stato realizzato con un investimento di tre milioni di euro
Il gruppo Grimaldi selezionato per l'acquisizione del 67% dell'Autorità Portuale di Igoumenitsa
Atene
Ha presentato un'offerta del valore di 84,17 milioni di euro
L'Autorità di Regolazione dei Trasporti avvia la procedura di revisione delle norme sulle concessioni portuali
Nel 2023 è previsto un incremento del +27% del traffico crocieristico nei porti dell'Adriatico
Holland Shipyards costruirà quattro traghetti interamente elettrici ed autonomi
Hardinxveld-Giessendam
Sono stati ordinati dall'agenzia svedese Trafikverket
Lunedì a Milano si terrà l'assemblea pubblica di Alsea
Milano
Si discuterà di “Crisi della globalizzazione e reshoring: i nuovi equilibri del commercio internazionale”
Cepsa è pronta a fornire biocarburanti di seconda generazione per le navi
Madrid
Concluso con successo un test su una tanker
Adottato il nuovo pacchetto di sanzioni UE contro la Russia che mira a fermare le esportazioni marittime di petrolio russo
Bruxelles
Previsto il divieto di fornire trasporto marittimo verso Paesi terzi e servizi connessi di greggio o di prodotti petroliferi
Interporto Padova inaugura il nuovo terminal di 35mila metri quadri dedicato ai semirimorchi
Padova
Pasqualetti: il prossimo traguardo sarà la totale automazione delle operazioni di movimentazione
Si fa più intenso il confronto tra carrier marittimi containerizzati e gli utenti dei loro servizi in vista della decisione sull'eventuale proroga del CBER
Bruxelles
I primi hanno inviato un documento alla Commissione UE motivando le ragioni del rinnovo del regolamento. I secondi hanno spedito una lettera alla commissaria Vestager in cui spiegano che l'attuale sistema premia solo i vettori marittimi
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Prossimo avvio della privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
Gara per l'acquisizione di almeno il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Il 26 ottobre a Lugano si terrà la quinta edizione di “Un mare di Svizzera”
Grande spazio verrà dedicato al cronoprogramma delle nuove infrastrutture previste a sud della Svizzera
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Greece, Albania fail to agree on maritime border issue in Prague
(EURACTIV)
Russia keen on investing in Iranian ports: Iran dep. min.
(MehrNews.com)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile