testata inforMARE
6 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
02:29 GMT+2
Per rispettare gli obiettivi sul clima per l'autotrasporto l'UE dovrebbe imporre lo stop alla vendita di camion inquinanti entro il 2035
Lo evidenzia uno studio di Transport & Environment
16 settembre 2022
Nell'Unione Europea per azzerare le emissioni dell'autotrasporto entro il 2050 si dovrebbe cessare entro il 2035 la vendita dei camion e autobus alimentati con combustibili fossili. Lo evidenzia uno studio dell'organizzazione non governativa europea Transport & Environment (T&E), che spiega che in assenza di un intervento dell'UE il crescente impatto dei mezzi pesanti inquinanti è destinato ad annullare il calo delle emissioni ottenuto nel decennio in corso con l'elettrificazione delle auto e dei furgoni.

Lo studio specifica che se camion e autobus rappresentano solo il 2% degli autoveicoli in circolazione, tuttavia sono responsabili del 28% delle emissioni totali di gas serra del trasporto su strada in Europa. Inoltre il documento precisa che la crescita della circolazione dei mezzi pesanti, le cui emissioni sono aumentate di oltre un quarto dal 1990 al 2019, non appare destinata ad arrestarsi, e, secondo le previsioni della Commissione Europea, tra il 2020 e il 2050 l'attività dei camion dovrebbe registrare un ulteriore aumento del +44%, mentre nello stesso periodo quella degli autobus dovrebbe addirittura segnare un +72%. Lo studio sottolinea anche come i veicoli pesanti brucino enormi quantità di petrolio, con camion e autobus che attualmente consumano il 42% del gasolio utilizzato dal trasporto stradale nell'UE.

Secondo T&E, fermare già nel 2030 le vendite di nuovi mezzi pesanti alimentati con combustibili fossili rappresenterebbe l'opzione più sicura per il clima, ma - specifica il documento - la portata delle trasformazioni richieste potrebbe determinare impatti industriali troppo severi. Pertanto, in base al modello elaborato da T&E, lo stop alle vendite di questa tipologia di veicoli pesanti nel 2035 rappresenta l'opzione più sostenibile e praticabile affinché l'Unione Europea, coerentemente con i suoi obiettivi, possa ottenere l'azzeramento delle emissioni prodotte dal trasporto merci su strada nel 2050. Se dal 2035 tutti i mezzi pesanti venduti fossero a zero emissioni - spiega T&E - a restare in attività dopo il 2050 sarebbe solo un numero ridotto di veicoli diesel, peraltro mediamente più vecchi del ciclo medio di vita di questi mezzi che in Europa è di 18 anni, quindi destinati di lì a breve a uscire comunque dal mercato.

T&E sottolinea che posticipare tale scadenza significherebbe agire troppo tardi, mentre fissare la fine della commercializzazione di nuovi veicoli inquinanti al 2040 comporterebbe l'emissione aggiuntiva di 644 milioni di tonnellate di CO2 in atmosfera rispetto allo scenario del 2035. Un surplus di emissioni, rimarca il rapporto, che sarebbe pari al 4% del rimanente bilancio globale del carbonio della UE, equivalente alla somma delle emissioni annuali da trasporto su strada di Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Spagna e Polonia. Inoltre uno stop dei nuovi mezzi pesanti alimentati a combustibili fossili al 2040 avrebbe come risultato, dieci anni più tardi, una flotta circolante composta ancora per un quinto da mezzi diesel e ciò - rileva T&E - metterebbe i legislatori nella condizione di dover adottare misure drastiche e costose proprio per eliminare quel residuo 20% inquinante della flotta.

Lo studio, inoltre, osserva che obiettivi ambiziosi dell'UE per la riduzione delle emissioni di CO2 già al 2030 sarebbero più in linea con gli impegni verso l'elettrificazione che i costruttori di autoveicoli hanno già assunto e che in questo modo si sosterrebbe e incentiverebbe il miglioramento tecnologico dell'industria dei mezzi pesanti. Il documento rileva che nello scenario al 2035 i camion a zero emissioni in circolazione nel 2030 sulle strade europee sarebbero 659.000, un numero coerente con gli annunci dei principali player industriali del settore. In questo modo verrebbe inoltre conseguito, entro la fine del decennio, un risparmio di gasolio pari al 9% dei consumi del settore.

Infine, l'analisi di T&E rileva che gli standard attualmente in vigore per il 2025 e il 2030 sono troppo poco ambiziosi e non permettono il conseguimento di una riduzione sufficiente delle emissioni, che alla fine del decennio supererebbero del 32% i livelli del 1990. I camion a zero emissioni in circolazione sulle strade della UE e del Regno Unito sarebbero nel 2030 appena 161.000, ovvero il 74% in meno rispetto a quanto già oggi previsto dai costruttori.
›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
L'AdSP dell'Adriatico Centrale ha presentato il proprio primo Bilancio di Sostenibilità
Ancona
Raccoglie quanto attuato nel 2021 coniugando sostenibilità economica, sociale e ambientale
Ruggerone (Assologistica): affrontare il tema dei costi della logistica per contenere l'onda inflattiva
Padova
Può essere fatto - ha specificato - solo congiuntamente con tutta la filiera, integrando anche la committenza
Patto di collaborazione per la promozione e lo sviluppo del Sistema Logistico Veneto
Padova
È stato sottoscritto dai rappresentanti dei porti di Venezia e Chioggia, degli interporti e degli aeroporti della regione
Il Cargo Integrity Group ha aggiornato la sua guida rapida sul CTU Code
Londra
La norma è volta alla sicurezza della movimentazione e del caricamento dei container
Partita la procedura per elettrificare le banchine del porto di La Spezia
La Spezia
Nei prossimi giorni il bando di gara relativo al primo lotto di interventi di realizzazione delle infrastrutture energetiche
Porto di Livorno, avviata la prima fase della riorganizzazione delle aree della sponda est della Darsena Toscana
Livorno
Pubblicato il primo Bilancio di Sostenibilità dell'AdSP
Il 26 ottobre a Lugano si terrà la quinta edizione di “Un mare di Svizzera”
Lugano
Grande spazio verrà dedicato al cronoprogramma delle nuove infrastrutture previste a sud della Svizzera
Nuovo servizio ferroviario tra il porto di Genova e l'Ungheria di InRail
Genova
È realizzato per conto di uno dei maggiori produttori mondiali di nerofumo
Nuovo servizio ferroviario tra il porto di Genova e l'Ungheria di InRail
Genova
È realizzato per conto di uno dei maggiori produttori mondiali di nerofumo
Maersk ordina a HHI sei portacontainer dual-fuel da 17.000 teu
Copenaghen
Potranno essere alimentate con metanolo verde e verranno prese in consegna nel 2025. Commessa del valore di 1,1 miliardi di dollari
La danese A.P. Møller-Mærsk ha ordinato alla società navalmeccanica sudcoreana Hyundai Heavy Industries
Parte da Genova un tour di Enel per parlare di elettrificazione dei porti e delle marine
Hapag-Lloyd comprerà i terminal portuali e le attività logistiche della cilena SAAM
Amburgo, Santiago
Accordo del valore di un miliardo di dollari
Interporto Padova inaugura il nuovo terminal di 35mila metri quadri dedicato ai semirimorchi
Padova
Pasqualetti: il prossimo traguardo sarà la totale automazione delle operazioni di movimentazione
Si fa più intenso il confronto tra carrier marittimi containerizzati e gli utenti dei loro servizi in vista della decisione sull'eventuale proroga del CBER
Bruxelles
I primi hanno inviato un documento alla Commissione UE motivando le ragioni del rinnovo del regolamento. I secondi hanno spedito una lettera alla commissaria Vestager in cui spiegano che l'attuale sistema premia solo i vettori marittimi
Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia
Chiasso
Collegherà Gliwice e Pordenone tre volte alla settimana
Nei prossimi giorni l'operatore intermodale elvetico Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia aperto a tutti gli operatori di trasporto che avrà una frequenza
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Il 26 ottobre a Lugano si terrà la quinta edizione di “Un mare di Svizzera”
Grande spazio verrà dedicato al cronoprogramma delle nuove infrastrutture previste a sud della Svizzera
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Furious Phil Goff on a future without Port-omation
(Newsroom)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile