testata inforMARE
3 febbraio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
22:02 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
Appello di SEA Europe e IndustriAll per la salvaguardia della competitività dell'industria navalmeccanica europea
Richieste misure per contrastare la concorrenza sleale, un approccio settoriale per salvaguardare il comparto, iniziative per stimolare la domanda interna e maggiori investimenti
4 luglio 2022
«L'industria europea delle tecnologie marittime sviluppa le navi e le tecnologie più avanzate sul mercato. Tuttavia, la pressione della concorrenza sleale e l'impatto del Covid-19 in alcuni dei mercati di nicchia più importanti d'Europa, stanno mettendo seriamente a rischio il settore in un momento di mutevoli tensioni geopolitiche che, se non vengono urgentemente intraprese azioni, potrebbero porre in pericolo l'autonomia strategica marittima dell'Europa». La preoccupazione è stata formulata da Christophe Tytgat, segretario generale di Sea Europe, l'associazione che rappresenta l'industria navalmeccanica europea, in occasione della presentazione di una posizione sulle prospettive dell'industria marittima europea redatta congiuntamente con IndustriAll European Trade Union, la federazione dei sindacati europei che rappresentano molteplici settori industriali ed economici.

«Con questa dichiarazione congiunta - ha spiegato Tytgat - l'industria e i lavoratori vogliono inviare un messaggio forte ai responsabili politici, ricordando loro che quello delle tecnologie marittime è un settore strategico e centrale rispetto all'autonomia e alla resilienza marittima dell'Europa». «Se oggi non assicuriamo un quadro adeguato per mantenere un settore delle tecnologie marittime forte e competitivo in Europa - ha avvertito il segretario generale di SEA Europe - il continente con la più grande area costiera e il più grande mercato interno del mondo diventerà interamente dipendente da Paesi terzi per lo sviluppo delle nostre navi, strutture offshore e tecnologie marittime, e perderemo un'industria che fornisce un milione di posti di lavoro con un enorme potenziale per aumentare la sua quota di mercato e per creare posti di lavoro nei prossimi anni grazie alla transizione verde e digitale».

Nel documento SEA Europe e IndustriAll ricordano che il valore aggregato della produzione dell'industria europea delle tecnologie marittime è di 128,6 miliardi di euro e che il settore è strategico per la difesa e l'indipendenza marittima dell'Europa e, in particolare, è vitale per molte regioni costiere di tutta Europa. Le due organizzazioni evidenziano che, pertanto, l'enorme calo dei nuovi ordini al settore, con una flessione che risulta pari a -90% in termini di tonnellate di stazza lorda compensata, e la grande dipendenza dell'Europa da alcuni mercati di nicchia di tipologie di navi ad elevata complessità, continuano ad essere una delle principali preoccupazioni per le parti sociali europee, come chiaramente evidenziatosi durante la crisi della pandemia di Covid-19. Inoltre, secondo SEA Europe e IndustriAll, dato che è improbabile che la domanda di navi da crociera, che è un settore cruciale per l'industria navalmeccanica europea, aumenti prima del 2030, al fine di assicurare l'attività dei cantieri navali e il posto di lavoro degli addetti del settore è urgentemente necessario programmare una diversificazione della produzione e investimenti in aree come il retrofitting, le tecnologie verdi e le energie rinnovabili offshore.

Nel documento SEA Europe e IndustriAll evidenziano inoltre che se l'industria navalmeccanica europea ha accusato notevolmente l'impatto della crisi, acuita dall'aggressione armata della Russia all'Ucraina, in altre primarie nazioni della navalmeccanica l'effetto negativo è stato assai più contenuto come ad esempio in Cina, dove i nuovi ordini in termini di tslc sono diminuiti del -16%, e in Corea del Sud, dove gli ordinativi sono calati del -19%, nazioni che, tra l'altro, hanno recuperato con notevole rapidità grazie anche a consistenti misure di stimolo sostenute dallo Stato. Le due organizzazioni europee sottolineano come questi pacchetti di stimolo, che si sono aggiunti agli aiuti di Stato già presenti in quelle nazioni, continuano a distorcere gravemente la concorrenza a danno della competitività dell'Europa e spiegano perché gli armatori, anche quelli europei, ordinano nuove navi, incluse quelle ecologiche, in Asia anziché in Europa.

Purtroppo - rilevano SEA Europe e IndustriAll - in Europa l'industria non ha ricevuto lo stesso sostegno e continua ad essere in una situazione di svantaggio competitivo, con ulteriori problematiche che gravano sui cantieri navali europei, che non beneficiano di strumenti di difesa commerciale come misure compensative e misure antidumping, dato che le navi non vengono importante nel territorio doganale dell'Unione Europea. Purtroppo - osservano le due organizzazioni - c'è anche l'evidente rischio che la proposta della Commissione sulle sovvenzioni estere che distorcono il mercato interno - specificano SEA Europe e IndustriAll riferendosi alla proposta adottata dalla Commissione Europea il 5 maggio 2021 - nonostante le buone intenzioni non offra soluzioni soddisfacenti o aiuti utili a ripristinare la competitività dell'Europa.

Per la salvaguardia dell'industria navalmeccanica europea, SEA Europe e IndustriAll chiedono un approccio settoriale per tutelare il comparto e salvare i suoi posti di lavoro attraverso un'azione dell'UE volta ad uniformare le condizioni di concorrenza a livello globale, ad assicurare equi aiuti di Stato e a fornire al settore strumenti di difesa commerciale europei.

Inoltre chiedono un'azione volta a stimolare la domanda interna e a salvaguardare i posti di lavoro in Europa, stimolo - precisano SEA Europe e IndustriAll - che è indispensabile per assicurare l'esistenza dei cantieri navali europei e il lavoro dei loro addetti altamente qualificati. Ciò, ad avviso delle due organizzazioni, potrebbe essere attuato con un programma dedicato di rinnovo delle flotte con l'introduzione di innovative navi a zero emissioni, di retrofitting delle navi già in servizio e di realizzazione di navi e tecnologie ecologiche, nonché attraverso la prosecuzione dello stimolo alla ricerca e allo sviluppo.

Per SEA Europe e IndustriAll, queste iniziative dovrebbero essere supportate da un aumento degli investimenti nel settore non solo nel campo della ricerca e dello sviluppo, ma anche per assicurare un maggior sostegno alla riqualificazione e al miglioramento delle competenze, in particolare quelle “verdi” e digitali, nonché da un aumento degli investimenti in infrastrutture per garantire che i cantieri navali si possano decarbonizzare e che l'energia verde sia resa disponibile alle navi. Inoltre, per le due organizzazioni, la transizione verde e digitale non deve lasciare indietro nessuno, nessun cantiere, nessuna regione e nessun lavoratore, e il dialogo sociale dovrà essere rispettato durante tutta questa fase.
›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
Otto manifestazioni d'interesse per la privatizzazione del porto greco di Volos
Otto manifestazioni d'interesse per la privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
In vendita il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
Sarebbe concluso l'accordo con cui MSC entrerebbe nel capitale di Boluda Towage
Sarebbe concluso l'accordo con cui MSC entrerebbe nel capitale di Boluda Towage
Milano
L'intesa avrebbe un valore di 1,5 miliardi di euro
Varata nel cantiere di Ancona della Fincantieri la nave da crociera di lusso Seven Seas Grandeur
Ancona
Verrà consegnata il prossimo novembre
A gennaio record del valore dei diritti di transito delle navi nel canale di Suez
Ismailia
A gennaio record del valore dei diritti di transito delle navi nel canale di Suez
La via d'acqua egiziana è stata attraversata da 2.155 navi (+21,5%)
Aggiudicata la gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri del porto di Bari
Bari
Verrà completato in meno di due anni
Nel quarto trimestre del 2022 il traffico delle merci nel porto di Brema è diminuito del -12,7%
Brema
Nell'intero anno il calo è stato del -8,2%
Pubblicato il bando di gara per l'elettrificazione delle banchine dei porti di Messina, Reggio Calabria e Milazzo
Messina
L'importo dei lavori è di 23,2 milioni di euro
USB annuncia una compagna nazionale sui porti
Nuova messe di record di traffico annuale per i porti cinesi
Nuova messe di record di traffico annuale per i porti cinesi
Pechino
Nel periodo ottobre-dicembre del 2022 è stato stabilito il nuovo record storico trimestrale
Il governo tedesco programma l'ampliamento della rete stradale per far fronte al previsto aumento del trasporto delle merci
Il porto di Palermo stabilisce un proprio nuovo record storico di traffico delle merci
Il porto di Palermo stabilisce un proprio nuovo record storico di traffico delle merci
Palermo
Interamente recuperata la quota di passeggeri persa a causa della pandemia
Trimestre di accentuata flessione dei risultati finanziari per ONE
Trimestre di accentuata flessione dei risultati finanziari per ONE
Singapore
Nel periodo ottobre-dicembre il volume d'affari è calato del -24,9%
DP World si è aggiudicata la gara per realizzare un container terminal nel porto di Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World - Aker Solutions per ammodernare unità FPSO
Marfret incrementa la frequenza del servizio di linea diretto Italia-Egitto
Genova
Immessa una seconda nave
Cargotec e Konecranes registrano nuovi record di ricavi annuali e trimestrali
Helsinki/ Hyvinkää
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti dai due gruppi è aumentato rispettivamente del +9,8% e +23,7%
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti da ABB è cresciuto del +6,7%
Zurigo
I risultati dell'attività commerciale hanno registrato un'attenuazione trimestre dopo trimestre
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Ankara
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Nell'ultimo trimestre del 2022 la riduzione è stata del -5,1%
MSC includerà il porto di Livorno nel servizio West Med - Middle East/India
Ginevra
Il collegamento ha frequenza settimanale
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Atlanta
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Nel 2022 i ricavi hanno superato per la prima volta i 100 miliardi di dollari
Nel 2022 i ricavi del gruppo Wärtsilä sono aumentati del +22%
Helsinki
Il valore delle nuove commesse è cresciuto del +6%
Nel 2023 nei porti sardi sono attesi oltre 400mila crocieristi rispetto ai 221mila dello scorso anno
Cagliari
Ad oggi sono programmati 191 scali ai porti di Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano e Arbatax
Nuovo ricorso di Grimaldi Euromed contro l'ok al piano di concordato preventivo della Moby
Milano
È stato omologato dal Tribunale di Milano lo scorso 24 novembre
Intelligenza artificiale e navigazione autonoma
Tokyo
Sono i campi d'attività in cui coopereranno le giapponesi NYK e Ghelia
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
Costanza
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
I container sono stati pari a 772.046 teu (+22,2%)
Soddisfazione di Confitarma per l'ok della commissione parlamentare UE alle disposizioni sul credito navale
Roma
Da molti anni - sottolinea la Confederazione - ci battiamo affinché, a fini regolamentari bancari, il credito navale venga gradualmente assimilato a quello infrastrutturale
Investire nella Blue Economy per creare posti di lavoro, aumentare i livelli di reddito e ridurre le emissioni
Losanna
Lo suggerisce uno studio scientifico pubblicato su “Frontiers in Marine Science”
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile