testata inforMARE
Cerca
14 luglio 2024 - Anno XXVIII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
09:02 GMT+2
LinnkedInTwitterFacebook
C . I . S . Co . notiziario
PORTI

Novità nel settore portuale francese

Patrick Cornet, capo del settore comunicazioni del Porto di Le Havre, e Christian Paschetta, dirigente del terminal Fos presso il porto di Marsiglia, sono entrambi soddisfatti delle prestazioni dei propri rispettivi porti nel 1996. Il Porto di Le Havre ha movimentato 56,10 milioni di tonnellate di carichi nel 1996, con un aumento del 4,3% rispetto all'anno precedente, e ha ottenuto risultati particolarmente positivi nei settori dei carburanti e delle merci varie. Le cifre attese relative ai containers nel 1996 dovrebbero essere pari a 1.020.000 TEU, con un incremento del 5% rispetto al 1995. I risultati inerenti ai contenitori di Fos registrano un aumento del 16% circa.

Sia Cornet che Paschetta si sono dimostrati riluttanti a sfidare la sorte facendo previsioni definitive in ordine al 1997. Cornet ha dichiarato di sperare in un incremento costante annuo del 5% per quel che riguarda il traffico containerizzato. Paschetta è un po' più ottimista, spiegando che Fos sin dal momento della sua nascita ha fatto segnare in media una crescita dei risultati containeristici del 13%, fino a quando essa non è stata arrestata all'inizio degli anni '90 dalla "riorganizzazione" del terminal. Il traffico al terminal, tuttavia, sta ora tornando ai suoi livelli di un tempo. Tenendo conto del fatto che l'incremento percentuale del numero dei containers movimentati diminuirà di pari passo con lo sviluppo del porto, Paschetta ha dichiarato di sperare che nei prossimi due anni la crescita possa attestarsi ad un tasso annuo superiore al 10%, sebbene egli si sia rifiutato di fare promesse concrete riguardo al conseguimento di quella cifra. Ha aggiunto, poi, che il Porto di Marsiglia stava cominciando a riacquisire il traffico di trasbordo che aveva perduto nei primi anni '90.

In ripresa

Sia Paschetta che Cornet hanno affermato di ritenere che i propri porti abbiano un vantaggio intrinseco rispetto ai concorrenti a causa della propria localizzazione. Paschetta ha descritto la localizzazione di Marsiglia-Fos come "la migliore d'Europa", collegata com'è alla valle del Rodano (attraverso la rete idroviaria interna) ed all'Europa per ferrovia senza bisogno di attraversare le Alpi o i Pirenei. Tuttavia, sebbene egli fosse sicuro che Marsiglia-Fos continuerà a prosperare, ha dichiarato anche di pensare che le compagnie di navigazione di linea ritengano di fare meglio i propri interessi avendo a disposizione una gamma di porti da cui scegliere. Il suo parere, perciò, è che i vari porti mediterranei dovrebbero svilupparsi tutti quanti e che Marsiglia dovrebbe trarre vantaggi dal progresso dei propri rivali del Mediterraneo, ricevendo così l'impulso a competere più direttamente con i porti del Nord Europa. Cornet, invece, ritiene che Le Havre possa trarre vantaggio dal fatto di essere il primo porto di scalo per le navi transoceaniche. Egli pensa che ciò dovrebbe mettere in grado il suo porto - in particolare - di acquisire una maggiore quota di traffico di trasbordo.

Cornet ha supportato le proprie affermazioni sottolineando il fatto che le 19 maggiori linee di navigazione del mondo scalano tutte il porto di Le Havre. Nel 1996 la Hyundai ha iniziato ad effettuarvi scali diretti, così come ha fatto la Sinotrans. Cornet ritiene che ciò dovrebbe più che compensare le "due o tre piccole linee di navigazione" che lo scorso anno hanno deciso di trasferirsi altrove. Una ulteriore prova che Le Havre stia almeno conservando la propria popolarità nella comunità marittima è fornita dalla decisione della Delmas di spostare la propria direzione centrale a Le Havre. I nuovi locali, attualmente in costruzione, possono rappresentare solamente un segno di fiducia a lungo termine nel porto. Allo stesso modo, in seguito alla propria fusione con la CGM (il cui declino è stato descritto da Cornet come "triste"), la CMA ha confermato di voler utilizzare Le Havre come porto francese di base. Cornet, tuttavia, non desidera apparire trionfalistico o troppo compiaciuto e sottolinea che nel settore "nulla si consegue per sempre".

Investire saggiamente

A dispetto di questi segnali chiaramente positivi, occorre notare che, mentre Marsiglia-Fos continua ad investire in equipaggiamenti allo scopo di venire incontro nel modo migliore alla clientela che spera di attirare, a Le Havre attualmente si riscontra una sospensione degli investimenti dal momento che quest'ultimo porto attende il via libera per il suo piano Porto 2000. Cornet spera che il progetto venga approvato (corredato com'è da uno studio di impatto ambientale) e che i lavori possano iniziare nel 1998. Nel 1997 sono stati destinati complessivamente 183 milioni di franchi agli investimenti portuali, che - come ammette Cornet - non costituiscono una grossa somma. Il dirigente ripone molte speranze nei piani relativi al progetto Porto 2000, che, ha fatto sapere, "se non verrà realizzato a Le Havre verrà realizzato altrove".

Si spera che un primo molo, lungo 750 metri e tale da poter accogliere due ormeggi, possa venire alla luce entro il 2001; tale lunghezza potrebbe essere raddoppiata entro tre anni. Cornet ha spiegato che sarà lasciata agli operatori la decisione inerente al numero di gru da impiegare. Tutti i potenziali operatori sono tenuti informati dei progressi degli studi. Cornet ha fatto capire che alle linee di navigazione potrebbe essere lasciata l'ultima parola in ordine all'individuazione degli operatori terminalistici, ed in particolar modo in ordine alla possibilità di gestire terminali propri.

Paschetta ha dichiarato che il 1996 ha fatto registrare l'entrata in servizio a Fos di una nuova gru a cavaliere post-Panamax per containers della Reggiane, nel contesto del piano di continuo sviluppo terminalistico lanciato nel 1990. Un altro sarà consegnato nell'estate di quest'anno. René Baleydier, direttore tecnico del Porto di Marsiglia, ha spiegato che l'equipaggiamento delle Reggiane è stato scelto sulla base dei costi, tenuto pur conto dei costi di standardizzazione delle gru in questione con i modelli Kone che il porto aveva già acquistato in passato. Nel 1997 dovrebbero essere consegnati presso il terminal container una gru post-Panamax ed una RTG.

Il terminal di Fos persiste inoltre nel proprio programma di recupero di terreno, che prevede 10-15 ettari all'anno. Paschetta ha affermato di ritenere che sia importante, per Fos, mirare in alto nell'approntamento dei propri programmi di sviluppo, poiché in caso contrario potrebbe non riuscire a diventare un porto importante. Egli ritiene che sia essenziale per il porto tentare di predisporre parametri alti di produttività nonché di collaudare nuove tecnologie, piuttosto che seguire un sentiero già percorso più volte dai suoi concorrenti. A questo fine, il porto sta per rinnovare completamente la propria rete elettrica. Questo compito oneroso richiederà qualcosa come sette mesi di pianificazione e poi quattro o cinque anni per la concreta realizzazione. I lavori dovranno essere intrapresi per forza, tuttavia, dal momento che il porto ha bisogno di incrementare il voltaggio della propria energia elettrica e poiché l'attuale situazione rischia di comportare pericoli per l'attività di manutenzione, a detta di Baleydier. Egli ha aggiunto che Marsiglia-Fos dispone di una rete a fibre ottiche che "presenta i migliori parametri attuali". Le operazioni a Fos possono ora essere controllate da Marsiglia; qualche computer è anche in grado di svolgere funzioni di autodiagnostica.

E i portuali?

I porti francesi per molto tempo hanno avuto una reputazione secondo la quale il proprio personale non collaborava e tendeva a scendere in sciopero per un nonnulla. Una reputazione come questa non si acquista in una notte e, come dimostra il caso della Gran Bretagna negli anni '80, ci vuole tempo poi per perderla. A sorpresa, sia Paschetta che Cornet ritengono che i propri porti siano ad una svolta nelle relazioni industriali. Cornet afferma che il punto di vista secondo il quale i porti francesi sono più soggetti a scioperi delle loro controparti europee è "falso" ed ha detto di ritenere che la stampa debba assumersi la colpa per gran parte di tale reputazione. Le Havre è ora molto più affidabile di quanto sia stata in passato, secondo lui, ma è alle prese con una stampa che aveva preso l'abitudine di descrivere i porti francesi come lacerati da dispute industriali. Secondo Cornet, un esempio ne è stato la cronaca del blocco di Anversa a dicembre dello scorso anno: egli ritiene che la stampa avrebbe affrontato la questione in modo molto più ampio se la cosa avesse avuto luogo in Francia.

L'immagine è tutto

Cornet fa intendere che tutto ciò di cui la Francia soffre è una "questione di immagine". Egli ha sottolineato che gli effetti della deregolamentazione hanno iniziato a farsi sentire nel porto, dal momento che i costi di movimentazione sono calati del 10-20% negli ultimi due anni. La forza-lavoro, poi, è divenuta "più flessibile", ha spiegato, sebbene sembri sbalorditivo che relativamente fino a poco tempo fa il sistema delle squadre adoperato comportasse che i portuali che avevano finito di caricare o scaricare una nave non potessero essere spostati ad un'altra.

Paschetta è d'accordo sul fatto che l'immagine costituisse un problema. Egli pone la percezione pubblica dei porti francesi nel contesto della tendenza nazionale a vedere i problemi in bianco e nero: qualsiasi cosa o è stupenda o è disastrosa. Inoltre, continua Paschetta, in passato vi è stata la tendenza - fra le parti in contrasto - di addossarsi la colpa l'un l'altra. La situazione, a suo dire, è definitivamente migliorata. Egli non è a conoscenza, infatti, di scioperi portuali nel 1996 per "ragioni locali".

Paschetta attribuisce ciò allo sviluppo di un dialogo tra la dirigenza ed i sindacati dei lavoratori. Il porto ha fatto un grande sforzo al fine di identificare le zone di comprensione reciproca, ha aggiunto. Sono stati conseguiti progressi notevoli rispetto ai giorni bui della "guerra totale", ma qualcosa ancora doveva essere fatto ed occasionalmente saltava ancora fuori qualche problema. Tuttavia, afferma Paschetta, questi problemi si risolvono molto più facilmente nel prevalente clima di collaborazione.

La ricerca di collegamenti

Cornet è preoccupato dal numero di containers che attraversano l'hinterland di Le Havre via strada (circa il 70%, mentre il 25% viaggia per ferrovia e solo il 5% per idrovia). Egli si dichiara deluso in modo particolare per la quota delle ferrovie, che a suo dire "non basta".

Tuttavia, Cornet spera che la ferrovia possa trarre beneficio dai collegamenti di Le Havre con la rete ICF, che connette Le Havre con l'Italia nonché con l'Europa centro-orientale. E' stato dato altresì inizio ad un servizio bisettimanale containerizzato idroviario su chiatte alla volta del terminal di Gennevilliers, nei pressi di Parigi.

Paschetta ha ribadito di essere un fermo sostenitore del trasporto multimodale, ma afferma che gli investimenti devono essere effettuati con prudenza. Ha poi dichiarato che sia il trasporto ferroviario sia quello idroviario interno hanno dovuto subire l'influenza invadente della lobby camionistica.

Secondo Paschetta, Fos è un terminal assai multimodale: ad esempio, le prime linee idroviarie sono state inaugurate nel 1986; due linee sono in servizio sul Rodano ed esistono programmi per aggiungerne un'altra. Quanto alle ferrovie, Paschetta ha dichiarato che Fos sta cercando di organizzare in maniera più efficiente le operazioni di carico e scarico, ma ha anche detto che il porto non può fare molto di più allo scopo di incoraggiare i clienti a servirsi della ferrovia; c'è bisogno di un'iniziativa di tipo politico.
(da: Cargo Systems, marzo 1997)

ALS Customs Services ha acquisito l'italiana Battaglino Customs Services
Hilden
L'azienda di Milano ha 79 dipendenti
Approvato il bilancio 2023 di Interporto Campano
Nola
Confermati Alfredo Gaetani (presidente) e Claudio Ricci (amministratore delegato)
Il gruppo danese SGL compra la brasiliana Blu Logistics Brasil
Hvidovre
Accordo per acquisire l'intero capitale sociale
Saipem, commessa per attività offshore in Azerbaijan
Milano
In programma attività nelle acque azere del Mar Caspio
Sottoscritto il 99,2% dell'aumento di capitale da 400 milioni di Fincantieri
Roma
L'azionista di maggioranza CDP Equity ha sottoscritto nuove azioni per 285,8 milioni di euro
Il 17 luglio a Roma si terrà l'assemblea pubblica di Assiterminal
Roma
Messina (Assarmatori): con il rinnovo del Ccnl dell'industria armatoriale valide risposte alle esigenze dei lavoratori
Al La Spezia Container Terminal iniziano gli scali delle portacontenitori da 21.000 teu di OOCL
La Spezia
Inaugurato l'impianto di Onshore Power Supply del porto di La Valletta
Floriana/Ginevra
Ogni mercoledì “MSC World Europa” si collegherà alla rete elettrica dello scalo
PSA, le misure per mitigare la congestione nel porto di Singapore stanno avendo successo
Singapore
Nei mesi scorsi è aumentata, tra l'altro, la necessità di movimentare più volte i container
Presentato il XII Rapporto Nazionale sull'Economia del Mare
Roma
Il settore genera un valore aggiunto diretto pari a 64,6 miliardi di euro
Impostata nel cantiere di Ancona la costruzione della nave da crociera extralusso Four Seasons I
Trieste
Fincantieri la consegnerà entro la fine del 2025
Hapag-Lloyd annuncia i risultati preliminari del primo semestre
Amburgo
La compagnia ritiene che la seconda metà del 2024 sarà migliore rispetto alle attese precedenti
A maggio il traffico delle merci nel porto di Ravenna è diminuito del -3,0%
Ravenna
Atteso per il mese di giugno un calo del -3,3%
L'analisi economico-finanziaria di Fedespedi delle compagnie di navigazione containerizzate
Milano
Posa della chiglia del nuovo megayacht ultra-lusso destinato ad Aman at Sea
Genova
Cerimonia nel cantiere di San Giorgio di Nogaro della T. Mariotti
Danaos conferma l'ordine in Cina per cinque nuove portacontainer
Atene
Quattro avranno una capacità di 9.200 teu ed una di 8.258 teu
A Barcellona il primo container terminal del Mediterraneo con banchina elettrificata
Barcellona
Venerdì l'inaugurazione dell'impianto di Onshore Power Supply di Hutchison Ports BEST
Prosegue la crescita dei ricavi delle taiwanesi Evergreen e Yang Ming
Taipei/Keelung
YML ordina 9.100 nuovi container
Inaugurata a Gioia Tauro la banchina che ospiterà il polo di riparazioni navali
Gioia Tauro
Agostinelli: quest'anno il traffico dei container in porto sfiorerà i quattro milioni di teu
Il gruppo cinese Hengli costruirà un cantiere navale sull'isola di Changxing
Dalian
Investimento del valore di 1,3 miliardi di dollari
SFL Corporation rinnova con Maersk il noleggio di quattro portacontainer
Hamilton
La capacità delle navi sarà elevata da 8.700 a 9.500 teu
Prysmian, record di installazione di un cavo in acque ultra-profonde
Milano
Test per l'installazione a -2.150 metri
La tedesca Rhenus ha acquisito il 15% della francese C Chez Vous
Holzwickede
È specializzata nella consegna di merci di peso superiore a 30 chilogrammi
Astilleros Armon ha consegnato il traghetto dual-fuel Margarita Salas alla Baleària
Dénia
Può essere alimentato a gas naturale liquefatto
Fratelli Cosulich ordina due nuove chemical bunkering tankers
Genova
Saranno prese in consegna nel primo semestre del 2026
Lineage compra il fornitore abruzzese di magazzini frigoriferi Eurofrigor
Amsterdam
Gestisce una struttura a celle frigorifere di oltre 24.000 metri quadrati a Controguerra
Fincantieri vara ad Ancona la nave da crociera Viking Vesta
Los Angeles
A metà 2025 sarà consegnata all'americana Viking
Al via la fase costruttiva dell'antemurale del porto di Porto Torres
Cagliari
Affidata ad un Collegio Consultivo Tecnico la questione dei maggiori costi dell'opera
Avvenuta in Cina la posa della chiglia della nuova ro-pax GNV Virgo
Genova
Sarà la prima nave della flotta di GNV ad essere alimentata a gas naturale liquefatto
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
A Genova la Giornata mondiale degli ausili alla navigazione marittima
Genova
Il 22 agosto la IALA assumerà lo status legale di organizzazione intergovernativa
SFL Corporation ordina la costruzione di cinque portacontainer da 16.800 teu
Hamilton
Commessa del valore di un miliardo di dollari alla New Times Shipbuilding
Nel 2023 Fratelli Cosulich ha registrato performance finanziarie seconde solo a quelle record del 2022
Genova
OMT (Accelleron) acquisisce la OMC2
Rivoli
L'azienda produce iniettori di carburante ad alta precisione per motori marini, stazionari e ferroviari
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti olandesi è calato del -7,6%
L'Aia
Riduzione dei volumi in tutti i principali comparti merceologici
Chantier Naval de Marseille ammodernerà altre due navi da crociera di AIDA Cruises
Rostock
Fanno parte della classe “Sphinx”
La genovese De Wave ha acquisito la Inoxking
Genova
L'azienda produce mobili in acciaio e sistemi di refrigerazione per l'industria marittima
Continua la flessione del traffico dei container nel porto del Pireo
Hong Kong
Complessivamente in aumento i volumi movimentati dagli approdi del network di COSCO Shipping Ports
MSC ottiene il 97,71% del capitale della Gram Car Carriers
Oslo
Nei prossimi giorni l'acquisizione delle rimanenti azioni
Hapag-Lloyd ribattezza la propria divisione terminalista
Amburgo
A Hanseatic Global Terminals fanno capo 20 container terminal in 11 nazioni
ADNOC Logistics & Services ordina in Corea 8-10 nuove navi per gas naturale liquefatto
Abu Dhabi
Saranno costruite da Samsung Heavy Industries e Hanwha Ocean
Kombiverkehr è allarmata per la riduzione dei servizi di DB Cargo per il trasporto intermodale
Francoforte sul Meno
L'azienda è alla ricerca di partner alternativi
MSC pronta ad acquisire il 15% di ADR in Aeroporto di Genova
Genova
Il gruppo armatoriale ha presentato una proposta vincolante di acquisto
Fincantieri costruirà un quarto sottomarino NFS per la Marina Militare Italiana
Trieste
Commessa del valore di 500 milioni di euro
Quattro le principali aree critiche in vista dell'entrata in vigore del regolamento FuelEU Maritime
Roma
Workshop sul tema del Gruppo Giovani di Confitarma
Varo tecnico della seconda delle quattro navi ro-pax di GNV in costruzione in Cina
Genova
La “GNV Orion”, di 52.000 tonnellate tsl, verrà presa in consegna nell'estate del 2025
Assarmatori ha rafforzato la propria struttura
Roma
Inserimento nell'organico di Simone Parizzi, Mattia Canevari e Cesare Crocini
La giapponese MOL acquisisce il 25% della società logistica tanzaniana Alistair Group
Tokyo
Porto di Ravenna, oltre quattro milioni di euro destinati a nuovi mezzi a minor impatto ambientale
Ravenna
Bando per la sostituzione dei mezzi attualmente operanti in banchina
Rosetti Marino, nuova commessa per attività EPC offshore del valore di oltre 400 milioni di euro
Ravenna
Prevede la realizzazione della topside della piattaforma di produzione gas che verrà installata al largo delle coste libiche
Tornano a crescere i ricavi del corriere espresso FedEx
Memphis
Nei prossimi mesi è attesa una prosecuzione dell'attuale trend positivo
Assagenti analizza l'impatto sui traffici marittimi delle crisi geopolitiche in atto
Genova
Il 9 luglio Adria Ferries inaugurerà una nuova linea traghetto fra Italia e Montenegro
Ancona
Servizio bisettimanale tra i porti di Ancona e Bar
Ferrovie dello Stato ed Eni proseguono la collaborazione nel settore dei carburanti alternativi
Roma
Mitsui O.S.K. Lines avrà il 72% del capitale della Gearbulk
Tokyo
Acquisirà un ulteriore 23% detenuto da Halberton Holding (famiglia Jebsen)
Il Gruppo Giovani Armatori di Confitarma lancia il sito web ItalianSeafarers
Roma
Presentate le opportunità di formazione offerte dalle compagnie e dalle fondazioni ITS
Nel 2023 sono quasi raddoppiati i passeggeri ospitati sulle navi di MSC Crociere
Ginevra
Ad agosto è iniziata anche l'attività di Explora Journeys
Il fondo EQT Infrastructure VI compra la Constellation Cold Logistics
Stoccolma/Londra
Possiede e gestisce 26 depositi frigoriferi in Europa occidentale e Scandinavia
UPS vende la società logistica Coyote Logistics alla RXO per oltre un miliardo di dollari
Charlotte/Atlanta
Nel 2023 l'attività ceduta ha generato un fatturato di 3,2 miliardi di dollari
CMA CGM ristruttura servizi nel Mediterraneo
Marsiglia
Variazioni alle linee Euronaf e TMX 2 che scalano diversi porti italiani
L'unico retroporto del porto di La Spezia è quello di Santo Stefano Magra
La Spezia
Lo sottolineano spedizionieri, agenti marittimi e doganalisti spezzini che dicono no all'ipotesi di altri corridoi
Guerrieri (AdSP Livorno): il terminal TDT deve mantenere la propria vocazione merceologica
Livorno
Ci aspettiamo da Grimaldi - ha specificato - piani di sviluppo per favorire una reale crescita dei traffici containerizzati
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Il 17 luglio a Roma si terrà l'assemblea pubblica di Assiterminal
Roma
Messina (Assarmatori): con il rinnovo del Ccnl dell'industria armatoriale valide risposte alle esigenze dei lavoratori
Il 25 giugno a Genova si terrà l'assemblea di Assagenti
Genova
Evento dal titolo “Mari inquieti. Rotte e conflitti: l'incognita dei traffici”
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Samsung, HMM clash in US over shipping rates
(The Korea Times)
Houthis Mount Biggest Month of Attacks on Ships This Year
(Bloomberg)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Stefano Messina
Roma, 2 luglio 2024
››› Archivio
Emanuele Grimaldi è stato rieletto presidente dell'International Chamber of Shipping
Emanuele Grimaldi è stato rieletto presidente dell'International Chamber of Shipping
Montreal
Confermato per un altro mandato di due anni
Lorenzo Giacobbe è il nuovo presidente del Gruppo Giovani di Assagenti
Genova
Sarà affiancato dai vicepresidenti Pietro Abbona e Andrea Pompei
I porti di Trieste e Monfalcone si alleano con quelli di Cartagena, Riga e North Sea Port
Trieste
Rapporto sul lavoro nei porti liguri
Genova
È stato realizzato dalla Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile
Trasporto intermodale di prefabbricati in calcestruzzo dalla Toscana alla Sardegna
Arezzo
Collaborazione tra il gruppo Baraclit, il Polo Logistica del gruppo FS e il gruppo Grendi
Prosegue la crescita del traffico containerizzato di transhipment nei porti di Algeciras e Valencia
Algeciras/Valencia
A maggio nei due scali i contenitori in trasbordo sono aumentati del +8,4% e +12,0%
Kombiverkehr, nel 2025 raddoppieranno in Germania i costi per l'uso delle linee ferroviarie per il trasporto delle merci
Francoforte sul Meno
Krebs: nella peggiore delle ipotesi fermeremo i trasporti
Salgono a 88 le aziende associate ad Assiterminal
Genova
Adesione di sette nuove aziende
Fratelli Cosulich ha acquisito la genovese Schiavetti Enzo
Genova
Opera nel settore della produzione e vendita di prodotti hardware per l'industria navale e nautica
Probabile affondamento della rinfusiera Tutor attaccata dagli Houthi
Portsmouth
Segnalato l'avvistamento in mare di detriti e di chiazze di idrocarburi
Il Consiglio UE concorda la sua posizione sul nuovo regolamento sull'Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima
Bruxelles
Adottato anche l'approccio generale sul regolamento sull'uso della capacità dell'infrastruttura ferroviaria
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile