testata inforMARE
1 dicembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
14:04 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXII - Numero 15 APRILE 2014

PORTI

LA CRISI DELLA CRIMEA TOCCA I PORTI DEL MAR NERO

Gli esperti locali prevedono che la crisi della Crimea stia comportando conseguenze per i porti della penisola ed è probabile che abbia ripercussioni ulteriori in Ucraina, Russia e persino - in misura molto minore - in Turchia.

Il controllo di fatto dei porti della Crimea è recentemente passato dall'Ucraina alla Russia.

È probabile che i collegamenti intermodali che connettono la penisola con l'Ucraina continentale si interrompano, includendo ad esempio, a detta dei consulenti della Informall, le importazioni che giungevano attraverso il terminal ro-ro Evpatoriya.

Il futuro del terminal Avlita a Sebastopoli è incerto, poiché la maggior parte dei suoi volumi proveniva da fuori Crimea, afferma il responsabile di progetto Andrey Sokolov.

Quella infrastruttura fa affidamento soprattutto sulle esportazioni di metalli (circa 3,2 milioni di tonnellate nel 2013) da parte del gruppo ucraino SCM.

Il resto del traffico consiste di cereali esportati da commercianti internazionali quali Louis Dreyfus, Cargill ed Alfred Toepfer (1,4 milioni di tonnellate nel 2013).

Sokolov ritiene che il porto di Feodosiya possa perdere i propri volumi di petrolio a favore del porto russo di Taman.

La maggior parte di quel petrolio proviene dalla joint venture kazaka Tengizchevroil (appartenente al 50% alla Chevron) che dispone di un proprio terminal a Taman.

La Tengizchevroil ha già iniziato a ridurre i propri volumi a Feodosiya a favore di Taman e potrebbe dirottare tutti i propri traffici verso quel terminal nel prossimo futuro.

Il porto della Crimea potrebbe quindi trattenere solo piccoli volumi, come le 400.000 tonnellate di materiali edilizi che ha esportato l'anno scorso.

I volumi complessivi movimentati presso i porti della Crimea sono diminuiti di oltre il 27% dai 16 milioni di tonnellate del 2012 agli 11,6 milioni di tonnellate nel 2013 (4,8 milioni a Sebastopoli).

A gennaio e febbraio i volumi sono calati del 25% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il porto ad acque profonde che una società cinese voleva costruire a Sebastopoli probabilmente non verrà realizzato.

Per quel progetto, la BICIM (Beijing Interoceanic Canal Investment Management) si era associata alla società ucraina Kievgidroinvest.

La Informall pensa che il progetto non possa più essere portato avanti con una società ucraina.

La ditta di consulenze aggiunge che la Russia non ha interesse a sviluppare tale porto, dal momento che essa è soddisfatta delle infrastrutture già esistenti in Crimea e dal progetto portuale a Taman.

Sokolov nota che le tensioni politiche stanno avendo conseguenze per i porti ucraini.

Il tasso di cambio della hryvnja ucraina è crollato del 37,5% stimolando le esportazioni (come il legno) ma riducendo le importazioni.

Sokolov si aspetta che i risultati relativi ai container si riducano del 15-30% quest'anno.

Date le sanzioni economiche contro la Russia, il porto russo del Mar Nero di Novorossiysk potrebbe assistere ad una diminuzione dei suoi volumi di traffico.

Non ci si aspetta che ci siano conseguenze per altri paesi attorno al Mar Nero, fatta eccezione per la Turchia, ed anche per quella solo marginalmente.

La Turchia rappresenta circa il 10% dei traffici di importazione/esportazione ucraini (quasi 60.000 TEU), di modo che una diminuzione del 30% farebbe perdere alla Turchia solo 20.000 TEU.
(da: portfinanceinternational.com, 3 Aprile 2014)



Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
Roma
La situazione è stata illustrata da Assiterminal ad esponenti del governo e del Parlamento
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile