testata inforMARE
29 January 2023 - Year XXVII
Independent journal on economy and transport policy
03:03 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 APRILE 2019

INDUSTRIA

LA RICERCA BRITANNICA DI UN RUOLO NELL'INIZIATIVA "UNA CINTURA, UNA VIA" È UN VIAGGIO VERSO IL NULLA A CAUSA DEL DISTACCO DEL REGNO UNITO DALL'EUROPA

La Gran Bretagna è su una strada senza uscita, non solo a causa del suo disordinato tentativo di lasciare l'Unione Europea, ma anche a causa della sua posizione fisica rispetto alla BRI (Iniziativa Una Cintura, Una Via) cinese.

A differenza dell'Italia, che si appresta a diventare una stazione di passaggio nella marcia della BRI verso l'Europa continentale, tutte le strade dalla Gran Bretagna conducono al nulla.

Poiché il Regno Unito barcolla ed inciampa nella ricerca di una qualche specie di uscita dall'Unione Europea, come una persona ubriaca attraverso una porta girevole, alcuni propugnatori della Brexit puntano ad un accordo di libero scambio fra la Cina ed il Regno Unito come modalità per uscire dall'isolamento: Una Cintura ed Una Via al salvataggio, per così dire.

Ma questo perde di vista l'imperativo logistico: è con il cuore dell'Europa industriale che la Cina è intenzionata a connettersi, non con un'isola che minaccia di recidere il proprio cordone ombelicale con il continente.

La cosa migliore in cui la Gran Bretagna può sperare è quella di diventare un centro finanziario offshore per la BRI.

Kent Calder, un eminente esperto in materia di Asia Nord-Orientale, ne ha parlato in modo estremamente sintetico nel corso di una conversazione avuta con lui riguardo alla strategia cinese in Europa.

Il vero nucleo delle propsettive di successo della BRI, a suo dire, "è la realizzazione di infrastrutture che collegheranno l'Europa e la Cina, in particolare la Germania e l'Europa Orientale" ha affermato.

"Le filiere produttive tedesche dalla fine della guerra fredda si sono spostate nel gruppo di Visegrád (Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria e Slovacchia) ad est, mentre il centro di gravità economico cinese si è spostato ad ovest.

L'apertura delle frontiere ha rapidamente migliorato l'accesso al continente eurasiatico, tanto che le filiere produttive di tutto il continente stanno diventando sempre più economiche".

Può essere che i responsabili delle politiche del Regno Unito non lo abbiano previsto quando hanno cercato di recidere il collegamento della filiera distributiva fra il proprio paese e l'Europa continentale?

Sembrerebbe incredibile se così fosse, e peraltro tale pazzia collettiva sembra avere afferrato Westminster e Whitehall da ultimo, il che significa che tutto in effetti è possibile.

Com'è già stato pubblicato su questa rivista, sembra proprio che i responsabili politici da Donald Trump a Theresa May non abbiano colto il fatto che le relazioni commerciali ed economiche hanno bisogno di essere decise al giorno d'oggi nelle sale dei consigli di amministrazione tanto quanto nelle sacre stanze di Whitehall o della Casa Bianca.

Quando occorre proteggere filiere distributive essenziali, sarebbe folle pensare di poterle semplicemente ignorare.

La Gran Bretagna ha già azzoppato ditte giapponesi a questo riguardo ed ora sembra pensare che anche i cinesi abbiano il gusto di prenderle.

Quando il ministro del commercio britannico Liam Fox intavolò negoziati con il ministro del commercio cinese a Pechino lo scorso agosto, si era parlato di un accordo di libero scambio di prim'ordine fra i due paesi.

Ma questo accadeva quando il governo del Regno Unito ancora sperava nel migliore accordo commerciale possibile con l'Unione Europea.

In quel momento, sembrava ancora che avesse senso per la Cina investire in produzione del Regno Unito al fine di assicurarsi un accesso libero da dazi dalla Gran Bretagna all'enorme mercato europeo.

Dopo tutto, le relazioni Cina-Unione Europea sono ancora governate dall'Accordo di Cooperazione e di Scambio del 1985 ed alla Cina ancora manca un pieno accesso al mercato dell'Unione Europea.

Ma la Gran Bretagna ha messo seriamente a repentaglio - per usare un eufemismo - il proprio accesso all'unione doganale ed al Mercato Unico dell'Unione Europea.

Chi sa come probabilmente le relazioni Stati Uniti-Europa si svilupperanno da qui in avanti con la Gran Bretagna apparentemente divisa al suo interno ed incapace di decidere una chiara linea di condotta?

Visto il modo in cui alcune società giapponesi di rilievo hanno già portato via dal Regno Unito i propri investimenti o stanno rifiutando di effettuarne di nuovi, sembra probabile che le ditte cinesi adotteranno un atteggiamento assai prudente in ordine agli investimenti in Gran Bretagna, mentre Pechino è alla ricerca di legami diretti più stretti con l'Unione Europea.

È probabile che certe relazioni fra la Gran Bretagna e la Cina continuino a prosperare.

"Le relazioni finanziarie di Cina, Gran Bretagna e Hong Kong sono di importanza fondamentale" afferma Calder, direttore dell'Edwin O. Reischauer Centre for East Asian Studies presso la Johns Hopkins University.

Calder si riferisce al ruolo della City di Londra (e di Hong Kong) nelle pratiche inerenti all'emissione di obbligazioni in renminbi e di altre garanzie finanziarie per conto della AIIB (Asian Infrastructure Investment Bank) ed indirettamente per conto della BRI.

Gl'investimenti delle società cinesi nel Regno Unito, secondo un rapporto della BBC, avvengono per lo più nell'energia, nella finanza, nella tecnologia e nell'immobiliare.

Ci si aspetta che questi investimenti, si suggerisce nel rapporto, si espandano in altri settori come i beni di consumo, gli alimentari, il commercio, il turismo culturale e nei film, nella televisione e nei servizi multimediali.

Ma a meno che la Cina non decida di fare ingresso in aree strategiche fondamentali quale la proprietà portuale, come sta ora facendo in Italia, in Germania, nei Paesi Bassi ed in Grecia, è difficile vedere come Pechino possa ritenere il Regno Unito un anello forte ed essenziale nella catena dell'iniziativa "Una Cintura, Una Via" come lo era prima.
(da: hellenicshippingnews.com, 9 aprile 2019)



Confitweapon's satisfaction with the EU parliamentary committee's approval of the provisions on naval credit
Rome
For many years, it has been for many years to strive to ensure that, for bank regulatory purposes, the naval credit is gradually assimilated to infrastructure.
Investing in the Blue Economy to create jobs, raise income levels, and reduce emissions
Losanne
This suggests a scientific study published in "Frontiers in Marine Science"
Inaugurated in Arenzano the new School of High Training for Doctors of Bordo
Arenzano
Messina (Assshipowners) : It is a concrete response to the real and compelling need to ensure the health and safety of those navigating
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
Last year, freight traffic in South Korean ports decreased by -2.3%
Seoul
The containers were equal to 28.8 million teu (-4.1%)
Initiative to activate Livorno an ITS path dedicated to logistics and transport
Livorno
To Noghere a new productive cluster integrated at the port of Trieste
Trieste
The Port System Authority of the Eastern Adriatic Sea has purchased an area of 350,000 square meters
Monday in Rapallo will be held in the first edition of "Shipping, Transport & Intermodal Forum"
Genoa
The current situation and prospects of the maritime and logistics sector will be analyzed.
In Livorno a three days of Assoports to deepen the aspects of urban transformation in the port city
Livorno
Two of the association's technical groups will meet : the one specialized on the theme of port-city relations and that of urban planners.
Corsica Sardinia Ferries participates in Neoline's project to realize a ro-ro sailing ship
Corsica Sardinia Ferries participates in Neoline's project to realize a ro-ro sailing ship
Go Ligure
Will be employed on a transatlantic route
On Thursday in Milan a conference of Fedespedi on "The logistics digitalization and the PNRR"
Milan
Since 2020 the Federation has made its contribution to the construction of the Plan
RINA bought American Patrick Engineering
Genoa
It is an active engineering consulting firm primarily in the fields of infrastructure, transport and renewable energy
Last year the traffic in goods in the port of Ancona decreased by -2.3%
Ancona
Resumption of passengers
The ship inclinatasi in the port of Genoa has been subject to administrative detention.
Genoa
Ascertained over 20 deficiencies of which some particularly severe
Saipem awarded two offshore contracts for an amount of 900 million
Milan
Activities in the South Atlantic and the Sea of Norway
Changed Risso buys German Trident Special Risks
Genoa
In 2022, the Genovese company reached a premium volume of 440 million and net income of 57 million.
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
In Livorno a three days of Assoports to deepen the aspects of urban transformation in the port city
Livorno
You will meet two technical groups ...
On Thursday in Milan a conference of Fedespedi on "The logistics digitalization and the PNRR"
Milan
Since 2020 the Federation has made its contribution to the construction of the Plan
››› Meetings File
PRESS REVIEW
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› File
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile