testata inforMARE
31 January 2023 - Year XXVII
Independent journal on economy and transport policy
21:05 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 DICEMBRE 2019

TRASPORTO FERROVIARIO

LE SOVVENZIONI SVIZZERE PER IL TRASPORTO MERCI FERROVIARIO RESTANO IN VIGORE FINO AL 2026

Il governo svizzero estenderà il proprio programma di sovvenzioni alle operazioni di trasporto merci ferroviario fino al 2026.

In precedenza, tali sovvenzioni avrebbero dovuto essere abolite nel 2023.

Inoltre, l'accesso ai binari per i treni merci in Svizzera sarà abbassato a partire dal 2021.

L'iniziativa è a supporto del passaggio dalla strada alla rotaia per il traffico transalpino, un'ambizione che fa parte integrante della politica nazionale sin dal 2000.

Il Consiglio Federale ha annunciato queste decisioni il 13 novembre scorso, dopo avere adottato il rapporto di ricollocazione 2019.

Questo rapporto esce ogni due anni al fine di valutare lo stato della politica di dirottamento modale ed analizzare i risultati attesi.

Il rapporto 2019, sebbene mostri come le attuali misure siano efficaci, rivela altresì che la riduzione messa nel mirino sino a 650.000 viaggi di camion all'anno non sia stata raggiunta.

Il Consiglio Federale ha pertanto proposto un pacchetto di misure per rafforzare ulteriormente lo spostamento modale.

Sovvenzioni fino al 2026

L'estensione del programma di sovvenzioni costituisce una parte importante del pacchetto.

Il Consiglio Federale ha richiesto al Parlamento di estendere il quadro dei pagamenti fino al 2026.

Nel periodo 2024-2026, ulteriori 90 milioni di franchi (pari a 82,2 milioni di euro) saranno messi a disposizione per compensare gli operatori di trasporto combinato non accompagnato.

Sebbene il mercato svizzero di trasporto merci ferroviario si sia preparato alla perdita delle sovvenzioni, diverse parti avevano espresso la propria preoccupazione che questo avrebbe danneggiato il mercato.

Secondo la Hupac, il maggiore operatore intermodale presente nel mercato, solo la metà delle odierne sovvenzioni operative, circa 110 milioni di franchi (0,88 milioni di euro) per l'intero trasporto combinato transalpino potrebbe essere compensata entro il 2024.

Addebiti più bassi per l'accesso ai binari

La diminuzione degli addebiti per l'accesso ai binari è stata sull'agenda per un po' di più, ma ora anch'essa è stata confermata nel pacchetto di misure.

Ciò è stato fatto mediante un emendamento alla Ordinanza di Accesso alla Rete adottata dal Consiglio Federale.

A partire dal 1° gennaio 2021, gli addebiti per l'uso della rete ferroviaria svizzera saranno abbattuti di circa 90 milioni di franchi (82,2 milioni di euro) ogni anno.

Inoltre, sta per essere introdotto uno speciale sconto per i treni merci lunghi, poiché essi possono fare un uso migliore della capacità delle infrastrutture.

Gli addebiti svizzeri attualmente sono relativamente bassi rispetto a quelli degli altri paesi dell'Unione Europea.

Tuttavia anche la Germania ed i Paesi Bassi hanno in programma misure simili che incrementano la pressione sulla Svizzera affinché essa resti competitiva con il proprio tariffario ferroviario.

Altre misure

Fra le altre misure comprese nel pacchetto c'è un adeguamento della classificazione degli addebiti correlati alla distanza per i veicoli pesanti adibiti al trasporto merci.

I camion delle classi di emissione EURO IV e V non dovrebbero più ricadere in una categoria più favorevole.

Questo dovrebbe incoraggiare un dirottamento dei veicoli pesanti alla ferrovia.

Dal 2001, i camion su tutte le strade svizzere pagano addebiti correlati alla distanza percorsa, al peso ed alle emissioni.

Due terzi dei ricavi vengono assegnati al RIF (Fondo Infrastrutture Ferroviarie).

Senza quest'ultimo adeguamento, la media ponderata calerebbe da 293 franchi (nel 2018) a 275 franchi nel 2024, spiega l'Ufficio Federale Svizzero dei Trasporti.

Una quarta misura è l'intensificazione delle ispezioni al traffico pesante, fra l'altro mediante la realizzazione del centro di controllo del traffico dei mezzi pesanti del Gottardo a sud di Giornico.

Anche questa misura è finalizzata ad incoraggiare il dirottamento dei mezzi pesanti sulla ferrovia.

I volumi

La politica svizzera di spostamento modale assicura che il numero dei viaggi da parte dei camion e dei semirimorchi nazionali ed esteri attraverso le Alpi svizzere debba essere abbattuto dagli 1,4 milioni nel 2000 ai 650.000 all'anno.

Nelle annate 2017 e 2018 sono stati conteggiati rispettivamente 954.000 e 941.000 viaggi transalpini di mezzi pesanti.

Quindi l'obiettivo non è stato conseguito.

In positivo, il numero dei viaggi di veicoli pesanti sulle strade svizzere è diminuito del 3,5% nel periodo 2016-2018.

Rispetto all'anno di riferimento 2000, il decremento è addirittura del 33%, il che significa che un terzo di tali veicoli sono stati tolti dalla strada dall'avvio della politica di spostamento modale.

D'altro canto, i numeri non sono positivi per il trasporto merci ferroviario.

Il trasporto merci ferroviario attraverso le Alpi ha assistito ad un calo del 2,6% nel periodo 2016-2018.

Alla fine del 2018, la quota della ferrovia nei traffici merci transalpini è stata del 70,5%, 0,5 punti percentuali in meno che nel 2016, si legge nel rapporto 2019.

Collegamento ferroviario attraverso le Alpi

I volumi di trasporto merci ferroviario dovrebbero salire in modo significativo con l'apertura del Tunnel di Base del Ceneri nel 2020.

Il NEAT (Nuovo Collegamento Ferroviario attraverso le Alpi), un corridoio di tunnel e binari, sarà allora completamente operativo.

L'intero asse nord-sud sarà quindi accessibile da parte dei treni alti 4 metri, cosa che dovrebbe essere effettiva nel 2021.

Sebbene il NEAT sia un elemento centrale per il supporto al passaggio alla ferrovia mediante la riduzione dei costi di produzione e l'incremento della capacità, da solo non basterà per conseguire le ambizioni di spostamento modale, come il mercato del trasporto merci ferroviario ha ripetutamente sostenuto.

Ciò è stato ora riconosciuto dal governo svizzero.

Il pacchetto di misure, in combinazione con il NEAT, dovrebbe comportare risultati più soddisfacenti.
(da: railfreight.com, 10 dicembre 2019)



MSC will include the Port of Livorno in the West Med-Middle East / India service
Geneva
The link has weekly frequency
UPS records a decline in turnover after 40 consecutive quarters of growth
Atlanta
UPS records a decline in turnover after 40 consecutive quarters of growth
In 2022, revenue surpassed 100 billion for the first time.
In 2022 the revenues of the Wärtsilä Group increased by 22%
Helsinki
The value of new commits has grown by 6%
In 2023, more than 400mila crucierists were expected in Sardinians compared to 221mila last year.
Cagliari
To date, 191 airports are planned at the ports of Cagliari, Olbia, Porto Torres, Gulf Aranci, Oristano and Arbatax.
New appeal of Grimaldi Euromed against the ok to the Moby's pre-emptive plan
Milan
It was approved by the General Court in Milan last November 24
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
Artificial intelligence and autonomous navigation
Tokyo
They are the fields of activity in which the Japanese NYK and Ghelia will cooperate
The Romanian port of Constance has handled a record annual traffic
Constancy
The Romanian port of Constance has handled a record annual traffic
The containers were equal to 772,046 teu (+ 22.2%)
Confitweapon's satisfaction with the EU parliamentary committee's approval of the provisions on naval credit
Rome
For many years, it has been for many years to strive to ensure that, for bank regulatory purposes, the naval credit is gradually assimilated to infrastructure.
Investing in the Blue Economy to create jobs, raise income levels, and reduce emissions
Losanne
This suggests a scientific study published in "Frontiers in Marine Science"
Inaugurated in Arenzano the new School of High Training for Doctors of Bordo
Arenzano
Messina (Assshipowners) : It is a concrete response to the real and compelling need to ensure the health and safety of those navigating
Last year, freight traffic in South Korean ports decreased by -2.3%
Seoul
The containers were equal to 28.8 million teu (-4.1%)
Initiative to activate Livorno an ITS path dedicated to logistics and transport
Livorno
To Noghere a new productive cluster integrated at the port of Trieste
Trieste
The Port System Authority of the Eastern Adriatic Sea has purchased an area of 350,000 square meters
Monday in Rapallo will be held in the first edition of "Shipping, Transport & Intermodal Forum"
Genoa
The current situation and prospects of the maritime and logistics sector will be analyzed.
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
In Livorno a three days of Assoports to deepen the aspects of urban transformation in the port city
Livorno
You will meet two technical groups ...
On Thursday in Milan a conference of Fedespedi on "The logistics digitalization and the PNRR"
Milan
Since 2020 the Federation has made its contribution to the construction of the Plan
››› Meetings File
PRESS REVIEW
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› File
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile