testata inforMARE
Cerca
22 February 2024 - Year XXVIII
Independent journal on economy and transport policy
12:34 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSYEAR XXII - Number 2/2004 - FEBRUARY 2004

Industria

Si riprende l'industria di costruzione di contenitori

L'industria globale dedita alla costruzione di contenitori ha appena portato a termine una delle sue annate maggiormente produttive, dato che la fabbricazione di box ha raggiunto una cifra record nel corso del 2003. Ci si aspettava, al riguardo, che la produzione complessiva raggiungesse i 2,2 milioni di TEU di tutti i tipi di contenitori, battendo il record precedente di 1,93 milioni di TEU ottenuti nel 2000, con un aumento superiore al 10%. Essa è stata inoltre superiore del 30% rispetto agli 1,7 milioni di TEU costruiti nel 2002 e del 70% rispetto agli 1,28 milioni di TEU fabbricati nel 2001. La domanda ha tenuto molto bene nel corso di gran parte dell'anno trascorso, anche durante il quarto trimestre che è tradizionalmente debole, il che ha indotto alcuni produttori ad aggiungere ulteriore capacità. Di conseguenza, nel corso del 2003 è iniziata la costruzione di più impianti per containers di tutti quelli realizzati nel corso dei cinque anni precedenti.

L'ultima produzione a livello globale comprende due milioni di TEU di equipaggiamento consistente in box marittimi per carichi secchi, dei quali praticamente tutti sono costituiti da unità standard di dimensioni equivalenti a 20 piedi, 40 piedi o 40 piedi high-cube. Altri 123.000 TEU sono stati realizzati quali refrigerati marittimi (integrali), 12.000 TEU di cisterne e 70.000 TEU di prodotti "locali", compresi sia i pallet-wide/swapbody europei che i contenitori interni statunitensi. Tutti questi tipi dimensionali nel 2003 sono stati costruiti in misura maggiore rispetto al 2002.

A puntellare il notevole incremento della produzione di nuovi box ha concorso l'ultima ripresa della crescita dei traffici containerizzati a livello mondiale, che era prevista in aumento del 10% per il 2003. Questa rinascita era già in atto alla fine del 2002, ed era stata supportata dalla consegna di oltre 600.000 TEU di spazi-containers su nave nel corso del 2003, che aveva indotto una richiesta di almeno 1,2 milioni di TEU di contenitori in più, con ordinazioni record di tonnellaggio aggiuntivo fino al 2005. Anche il numero dei box acquistati a fini di sostituzione si è incrementato significativamente nel corso del 2003, sino ad una cifra stimata in 850.000 TEU. Inoltre, anche l'utilizzazione dei box è rimasta alta su tutti i principali traffici, lasciando a disposizione poco equipaggiamento residuo presso i depositi di tutto il mondo.

Come nel 2002, una grossa fetta di tutta la produzione containerizzata del 2003 è andata al settore del leasing, che ha conseguito un aumento di un milione di TEU nel corso dello scorso anno. La cifra è paragonabile ai 900.000 TEU consegnati nel 2002, ed è oltre due volte il numero di unità ricevuto dai noleggiatori nel 2001, quando il mercato era al suo punto più basso precedente. Tra le società di leasing che nel 2003 si sono dimostrate gli acquirenti più decisi si sono segnalate la Triton Container, la Textainer Group, la GESeaCo e la Florens Group, ognuna delle quali ha acquistato oltre 100.000 TEU. Tuttavia, si è altresì verificato un aumento delle acquisizioni di equipaggiamento da parte dei vettori marittimi, per le loro flotte di proprietà/finanziate, in particolar modo nel corso della seconda metà del 2003. Le più attive di loro comprendono MSC (Mediterranean Shipping Company), P&O Nedlloyd, China Shipping Group e CMA CGM.

L'industria cinese di costruzione di box ha guadagnato ancora altro terreno nel corso del 2003, e questo paese adesso rappresenta oltre il 90% di tutta la produzione globale di TEU. I produttori cinesi hanno complessivamente costruito oltre due milioni di TEU per la prima volta nel 2003. Oltre a realizzare la grande maggioranza dell'equipaggiamento di unità ISO per carichi secchi e refrigerate, esse hanno anche aumentato la propria produzione di altri speciali, tra cui cisterne e box locali. Almeno tre nuove fabbriche cinesi di contenitori cisterna hanno dato il via alla produzione durante lo scorso anno.

Inoltre, sono stati costruiti cinque nuovi impianti destinati alla fabbricazione di box per carichi secchi, quattro dei quali sono situati in Cina, in luoghi in cui attualmente non vi sono altre infrastrutture per la costruzione di containers. Due hanno sede a Ningbo, una a Yantian ed una a Zhangzhou. La quinta fabbrica è situata all'interno di Qingdao, nei pressi della nuova area portuale di Huangdo, che è già servita da diversi impianti in funzione. L'apertura di queste nuove fabbriche ha introdotto altri 500.000 TEU di capacità annua di costruzione di contenitori, mentre i miglioramenti degli attuali impianti hanno aggiunto altri 600.000 TEU/anno al totale mondiale. Quest'ultimo adesso è attestato a più di 3,5 milioni di TEU; tale capacità è stata stimata partendo dal presupposto di lavorazioni a ciclo continuo su più turni. In precedenza, tale cifra aveva richiesto diversi anni per crescere dai circa due milioni di TEU/anno alla fine degli anni 'E0 agli oltre 2,5 milioni di TEU del 2002.

La capacità costruttiva di box a livello mondiale, perciò, resta ben al di là della domanda assoluta, sebbene tale sovrappiù debba essere visto nel contesto. Dal momento che l'industria globale di contenitori si è espansa, si è spostata in Cina, ed è sempre più ricaduta sotto il controllo di pochi grossi gruppi produttivi, l'esigenza di un margine di capacità considerevole è divenuta più necessaria. Ce n'Eegrave; bisogno per far fronte ad improvvisi picchi della domanda di nuovi contenitori al fine di evitare l'accumularsi di seri arretrati di produzione. Questi infatti tendono a "distorcere" il mercato ed in passato si sono dimostrati molto dannosi per l'industria.

Uno di questi arretrati si è verificato nel 2000, allorquando la produzione di box alla fine era arrivata ad un picco e molte fabbriche si erano ritrovate in serie difficoltà per far fronte alla conseguente frenetica attività. In quella occasione, la maggioranza degli acquirenti aveva smesso di effettuare l'eccesso di ordinazioni nel 2001, e ciò aveva peggiorato il successivo calo del mercato della costruzione di box verificatosi alla fine di quell'anno. Alcuni produttori sono stati sotto pressione allo stesso modo nel 2002, quando la domanda di contenitori è ancora una volta rifiorita improvvisamente, dopo essere stata depressa per quasi un anno.

Com'era di vitale importanza, l'eccesso di infrastrutture per la produzione di box a livello mondiale è stato relativamente limitato nel 2000, allorquando la capacità installata ha superato la produzione reale di meno del 20%. Numerosi impianti avevano in precedenza ridotto il proprio impegno al fine di risparmiare sui costi, mentre altri hanno chiuso o si sono fusi in reti più grandi. Di conseguenza, quasi due milioni di TEU sono stati costruiti nel corso del 2000 da infrastrutture complessivamente destinate a realizzare grosso modo 2,2 milioni di TEU/anno, il che ha costretto molti impianti ad adottare insostenibili operazioni su più turni.

Al contrario, l'introduzione di capacità in più nel 2003 ha mantenuto un robusto sovrappiù , equivalente al 50% nell'ultima parte dell'anno, e così ha messo molte fabbriche in grado di continuare a lavorare su uno o due turni. Malgrado le attive condizioni del mercato, ci sono state alcune richieste di rinvio della produzione ed i produttori hanno avuto ampio spazio per effettuare manutenzioni ordinarie e miglioramenti aggiuntivi. Inoltre, poiché l'industria cinese di costruzione dei box negli ultimi anni è stata sottoposta ad un notevole consolidamento, oggi in attività ci sono molti meno produttori singoli rispetto al passato, quando l'eccesso di produzione nelle fabbriche e l'eccesso di impegni erano molto più comuni. Anche se vi sono ancora circa 40 fabbriche che costruiscono attivamente containers in Cina, più del 50% sono adesso controllate da tre grandi gruppi.

TABELLA 1
PRODUZIONE MONDIALE CONTAINERS 1998-2003
(IN MIGLIAIA DI TEU)

Anno

Produzione

1998

1.480

1999

1.540

2000

1.930

2001

1.280

2002

1.690

2003 (stimati)

2.200

Fonte: Analisi di mercato di Containerisation International

Il profilo produttivo più sostenibile dell'anno passato ha apportato ulteriori benefici ai produttori ed ai loro clienti sotto forma di una migliore stabilità dei prezzi. In confronto agli anni scorsi, quando i prezzi tendevano ad oscillare bruscamente a seconda dei cambiamenti della domanda, essi sono stati piuttosto stabili in tutto il 2003, essendo leggermente aumentati sulla scorta dei maggiori costi dei materiali a partire dal secondo trimestre. Il prezzo medio di un contenitore standard da 20 piedi (franco fabbrica in Cina) è rimasto tra i 1.350 ed i 1.450 dollari per tutto lo scorso anno, raggiungendo il massimo livello nel corso dei mesi estivi del 2003. In seguito il prezzo è tornato sui 1.400 dollari, in linea con la tendenza stagionale. Il corrispondente prezzo per unità standard è ancora di circa 1,6 volte quello di un 20 piedi, mentre quello di un 40 piedi high-cube è di 1,68 volte più alto.

Malgrado un qual certo aumento del costo delle materie prime all'inizio del 2003, la maggior parte dei produttori è stata in grado di conservare i propri margini di profitto per tutto l'anno in misura migliore rispetto al 2002 ed al 2001. Nel terzo trimestre del 2003, l'acciaio Corten aveva ancora un prezzo di circa 350 dollari/tonnellata, e, malgrado la persistente robustezza della domanda, da allora è rimasto in buone condizioni di offerta. Per di più, la mancanza di qualsivoglia consistente consolidamento delle ordinazioni ha contribuito a mantenere la continuità della fornitura delle materie prime e ha evitato carenze derivanti da improvvisi balzi in alto dei costi di approvvigionamento.

La maggior parte dei principali produttori di box ha già riferito di miglioramenti dei propri profitti nel 2003, anche se i prezzi dei finiti restano ad un punto basso rispetto al contesto precedente. La CIMC (China International Marine Containers) che adesso capeggia di gran lunga l'industria globale della costruzione di box, ha fatto segnare un incremento del 50% dei propri profitti netti nel corso della prima metà del 2003 (rispetto allo stesso periodo del 2002), raddoppiando quasi il proprio fatturato. Si prevede che quest'ultimo raggiunga gli 1,25 miliardi di dollari per tutto l'anno, mentre i profitti netti del gruppo sono arrivati a 40 milioni di dollari nel corso del primo semestre dell'anno. La Singamas Container Holdings, ora affermatasi quale secondo maggior fornitore mondiale di box, si aspetta allo stesso modo che i ricavi ed i profitti al lordo delle imposte prodotti dalle proprie attività primarie di costruzione di box raggiungano un livello superiore al doppio di quello conseguito nel 2002.

La CIMC da sola si aspettava di fornire il 45% dei TEU globali nel 2003, tra cui circa 950.000 TEU di unità per carichi secchi ed oltre 50.000 TEU di refrigerati. Sono stati costruiti oltre 560.000 TEU (di tutti i tipi) nel corso della prima metà del 2003. In confronto, essa ha fornito quasi 700.000 TEU di unità per carichi secchi e 55.000 TEU di refrigerati nel 2002, il che indica che la produzione totale di TEU della CIMC crescerà di almeno un terzo nel 2003 (rispetto al 2002) e che questo grande gruppo sta senza fatica mantenendo la propria imponente quota di mercato.

La CIMC attualmente mantiene in funzione complessivamente nove impianti di fabbricazione di unità per carichi secchi, unitamente a due impianti per unità refrigerate, e si è attivata lo scorso anno su diversi progetti inerenti a nuove fabbriche. Essa ha recentemente dato inizio alla produzione di box standard a Yantian e Zhangzhou (quest'ultima in associazione con la China Merchants), nonché a quella di unità cisterna a Shanghai. Un ulteriore impianto per carichi secchi dovrebbe essere inaugurato anche a Ningbo all'inizio del 2004. Una volta pienamente operativi, questi impianti incrementeranno la capacità annua complessiva di costruzione di box della CIMC di più di 1,6 milioni di TEU. La società ha confermato che il 2003 è stato assai produttivo, ma è stato notevolmente diverso dal 2002, allorquando aveva raggiunto tutto sommato un picco alla fine dell'anno. Nel corso del 2002, gran parte della produzione della società era stata espletata nel secondo semestre, e ci si aspetta che ciò sia in contrasto con quanto accaduto nel 2003.

Anche la Singamas ha notevolmente incrementato la sua produzione nel corso dello stesso anno, avendo recentemente aperto una nuova fabbrica a Qingdao. Questa aggiunta porta a nove il numero delle fabbriche operative in seno alla rete della Singamas. Tra loro vi sono otto impianti per unità per carichi secchi ed un solo impianto per unità refrigerate. Tutte queste fabbriche (tranne una) hanno sede sul continente cinese e adesso offrono una capacità combinata di costruzione che supera i 600.000 TEU/anno. La Singamas nel corso del 2003 era ritenuta in grado di costruire oltre 420.000 TEU, il che dà alla società una quota del 20% della produzione globale, e ha conseguito un risultato di 230.000 TEU nel corso dei primi sei mesi. La sua produzione del 2002 ha superato i 300.000 TEU.

TABELLA 2
PRODUZIONE MONDIALE CONTAINERS 2002-2003
SUDDIVISA PER REGIONE (IN MIGLIAIA DI TEU)

Regione

2002

2003 *

Capacità **

Cina

1.517

2.025

3.245

Altri paesi Asia

78

80

145

Europa ***

87

79

155

Altri paesi ****

18

16

55

Totale

1.700

2.200

3.600

Note:
* = previsioni (al terzo trimestre);
** = capacità annua attuale basata su due turni;
*** = Turchia ex blocco dell'Est compresi; **** = Americhe, Africa ed Australasia.

Fonte: Analisi di mercato di Containerisation International

I gruppi sud-coreani oggi producono circa il 10% dei TEU complessivi presso le proprie fabbriche cinesi e sono capeggiati dalla Jindo Corp. Quest'ultima società continua ad operare in tre fabbriche in Cina e si prevede che essa realizzi risultati per almeno 135.000 TEU nel 2003, tra cui una notevole percentuale di tipi locali, nazionali ed altri speciali. La sua corrispondente produzione nel 2002 era stata prossima ai 100.000 TEU, e la società conserva una capacità di base di circa 200.000 TEU. Tendenzialmente 100.000 TEU saranno quest'anno costruiti dal tradizionale rivale sud-coreano della Jindo, cioè la Hyundai Mobis, che attualmente ha ancora un impianto residuo in Cina. La Hyundai in precedenza aveva venduto altre due fabbriche della propria catena, rispettivamente alla CIMC (nel 1999) ed alla Singamas (nel 2002). Tuttavia, essa fornisce ancora qualche supporto tecnico alle operazioni di fabbricazione dei refrigerati della Singamas.

Un gruppo cinese produttore di box in espansione è la SACI (Suzhou Asia Container International), che è operativa da sei anni e ha aperto il proprio secondo sito produttivo nel 2002, a Lianyungang. L'attuale fabbrica di unità per carichi secchi della società è situata a Suzhou. L'inizio dell'attività della LACI ha raddoppiato la capacità fino ad oltre 130.000 TEU e ha altresì dato impulso alla produzione sino ad oltre 110.000 TEU nel 2003. La CXIC (Changzhou Xin Huachang International Containers) è un'altra società che ha elevato il proprio profilo, con l'apertura di una nuova fabbrica a Ningbo nel corso del 2003. Questa società cinese produttrice di box da tempo fabbrica equipaggiamento standard e speciale presso i propri principali siti nei pressi di Shanghai, ma prevede un gran balzo in avanti della propria produzione nel corso del 2003 sino ad oltre 120.000 TEU. Anche la sua capacità annua si è incrementata sino a 200.000 TEU, in seguito all'inizio della produzione a Ningbo.

Il crescente predominio della Cina ha già visto l'uscita di gran parte dei concorrenti d'oltremare, dato che altrove nel mondo restano pochissime fabbriche di box standard. Appena tre sono ancora attive nel sud-est asiatico e tutte insieme costruiscono circa 75.000 TEU/anno; uno di tali impianti (la Java Pacific, in Indonesia), poi, appartiene alla Singamas. In India, a Taiwan, nelle Americhe, nei paesi dell'ex blocco orientale tutta la produzione di box è in rapida diminuzione oppure è già cessata. Gli operatori dell'Europa occidentale e meridionale sono sempre più confinati al servizio delle esigenze regionali o ad altri settori specializzati. La loro produzione combinata è adesso inferiore agli 80.000 TEU.

TABELLA 3
PRODUZIONE MONDIALE CONTAINERS 2002-2003
SUDDIVISA PER TIPO (IN MIGLIAIA DI TEU)

 

2002

2003 *

Capacità **

Standard
per carichi secchi

1.465

1.950

3.170

Speciali
per carichi secchi

49

45

100

Refrigerati integrali

115

123

180

Cisterne

11

12

20

Regionali Europa

43

46

70

Regionali
Nord America

17

24

60

Totale

1.700

2.200

3.600

Note:
* = previsioni (al terzo trimestre);
** = capacità annua attuale basata su due turni.

Fonte: Analisi di mercato di Containerisation International

Lo scorso anno ha altresì segnato la fine di tutta la produzione containerizzata in Sud Corea, in seguito alla chiusura dell'ultima fabbrica residua, quella della Jindo ad Inchon. Questa mossa ha posto fine all'impegno di un quarto di secolo della Corea del Sud nella produzione di contenitori. Ci sono voluti dieci anni all'industria con sede in Corea del Sud per uscire del tutto da questa attività, dopo aver lasciato alla Cina la posizione di principale nazione produttiva di box. Tuttavia, come menzionato, le fabbriche con sede in Sud Corea restano attive in Cina ed in Indonesia.
(da: Containerisation International, gennaio 2004)




FROM THE HOME PAGE
The flattening of import-export growth of G20 nations in the latter part of 2023
Paris
Trade in services in mild increase
Biden signs a decree to increase the cyber security of ships, ports and coastal facilities in the US
Biden signs a decree to increase the cyber security of ships, ports and coastal facilities in the US
Washington
Funds worth more than 20 billion will be used to replace the cranes produced in China. Expected recovery, after 30 years, of crane production in the United States
Fincantieri agreement with EDGE to establish a production base of military vessels in the United Arab Emirates
Abu Dhabi / Rome
51% of the joint venture will be held by the Middle Eastern group, while the Italian company will have management management
Danish shipowners complain that removing the tax exemption for seafarers provided by the DIS register would be madness
Copenhagen
Italian tourist portuality suffers from the absence of specific standards
Rome
Today in Rome of the States Generals of the sector organized by ASSONAT in collaboration with Assonautica Italiana
In the fourth quarter of 2023 the traffic of goods in the port of Rotterdam decreased by -6.4%
In the fourth quarter of 2023 the traffic of goods in the port of Rotterdam decreased by -6.4%
Rotterdam
Annual decline of -6.1% with reduction in volumes of both miscellaneous goods and bulk
AIDA Cruises announces a program of modernization of the three class ships "Sphinx"
Miami
Work will be carried out in 2025 and 2026
A new viaduct improves road accessibility to the container platform of Going Ligure
Go Ligure
It features two opposing carried out and variable slopes to overcome the underlying railroad
The shipowner industry calls for the release of the crew of the Galaxy Leader seized by the Houthis
London
"These are innocent victims of the continued aggression against global shipping," the statement said.
The EU Council has given way to the mission to protect the ships transiting the Red Sea
Brussels
Operation Aspides will coordinate with EuNavFor Atlanta
Metrans gets the entire control of Croatian railway company Adria Rail
Metrans gets the entire control of Croatian railway company Adria Rail
Hamburg
Acquired the remaining 49% of the capital
In the Gulf of Aden a revamped was centered by missiles
San'a '
The ship was abandoned by the crew
MoU between Austal and Gotlandsbolaget for the development of an innovative hydrogen ferry
Henderson / Visby
Equipped with a multi-fuel propulsion system with gas turbines, it will be able to carry 1,450 passengers
BIMCO, ICS, Bangladesh, India, Norway and Pakistan call for clarity on the rules for ship recycling
A missile-targeted revampage in the Gulf of Aden
Portsmouth
No damage to the crew nor the ship
EU colegislators agree tougher measures to punish illegal discharges of ships
Brussels
Inclusion among pollutants from wastewater, solid waste and scrubber residues
In the last quarter of 2023, freight traffic in Tunisian ports fell by -8.9% percent.
The Goulette
In the full year of 2.3%. Cruerists growing by +554,4%
In 2023 the traffic in goods in the ports of Montenegro dropped by -17.7%
Podgorica
In mild growth (+ 1.2%) the loads to and from Italy
The interports, with the privatization of managers and areas, at the center of the House discussion
Rome
Frijia (Fdi) : With this law we surpass a discipline that goes back more than 30 years. Ghio (Pd) : new sales of our heritage and fundamental structures for the country
On Friday, a conference on the relaunch of the Tuscan Simplified Logistics Zone was held in Livorno.
Livorno
It is organized by the Port Authority of the Tyrrhenian Sea North
On 26 and March 27 in Milan, the 8th edition of "Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry" will be held in Milan.
Milan
Intermodal traffic at the Interport in Bologna in 2023
Bentiwant
Transitioned 1.7 million trucks (-10.6%) and 3,391 trains (-33.2%)
In 2023 the value of Russian exports of non-energy goods decreased by -23%
Moscow
Overall, exports were down -28.3% percent, while imports grew by 11.7% percent.
GNV strengthens the functionalities of its own fleet assistance center
Genoa
Implemented the Mass Notification Suite solution of Everbridge
Port of Gioia Tauro, altering controls to favour ' Ndrangheta in drug traffics
Reggio Calabria
Disjointed a criminal association made up of customs officials, the head of a shipping company, the harbour and the referents of the main coaches
In 2023 the revenues of the HHLA terminalist group decreased by -8.3%
Hamburg
Decline of -12.0% in the fourth quarter of the year
Turkon Line will activate a scheduled service between Turkey and the northern Red Sea
Istanbul
It will perform scans in Mersin, Iskenderun, Aqaba and Jeddah
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
Germany's BGL applauds Italy's decision to urge the start of an infringement procedure against Austria
Frankfurt am Main / Bolzano
Convention on novelty for import introduced with the European CBAM Regulation
Venice
Organized by Assosped Venice and Anasped, it will be held on February 28 in Marghera
Fire in the night in the port of Ancona
Ancona
Flames in three caps
Last month container traffic in Hong Kong port grew by 19.1% percent.
Thanks to the rise of the noli, the monthly turnover of Evergreen and Yang Ming is growing.
Taipei / Keelung
In January the revenues of Wan Hai Lines decreased by -2.6%
Order to Vard for the design and construction of a Service Operation Vessel
Trieste
Fincantieri completes acquisition of Remazel Engineering
In January, container traffic at ports in Los Angeles, Long Beach and Singapore was growing.
Los Angeles / Long Beach / Singapore
For the first time, Singapore's naval registry exceeds 100 million tonnes of gross tonnage
In January, freight traffic in Russian ports decreased by -6.2%
St. Petersburg
Dry loads down -5.8% percent and liquid ones by -6.5% percent
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
On 26 and March 27 in Milan, the 8th edition of "Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry" will be held in Milan.
Milan
Theme of the event "The future possible of productive and logistical Italy"
On Friday, a conference on the relaunch of the Tuscan Simplified Logistics Zone was held in Livorno.
Livorno
It is organized by the Port Authority of the Tyrrhenian Sea North
››› Meetings File
PRESS REVIEW
Le transport maritime national navigue à vue
(Aujourd'hui Le Maroc)
“Israel is facing silent sanctions”
(Globes - Israel's Business Arena)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Mario Mattioli
Roma, 27 ottobre 2023
››› File
The Senate in Hamburg has approved the entry of MSC into the capital of HHLA
Hamburg
The corporate participation of a primary maritime carrier represents an added value for the terminalist enterprise and for the port.
In the port of Ortona, work has begun on the consolidation of the Riva quay
Ortona
Intervention worth 8.6 million euros
Swiss Federal Council plans to extend the tax on heavy traffic to electric trucks
Bern
Fincantieri has delivered the new cruise ship Sun Princess at Princess Cruises
Monfalcone
A delay in the work has again led to the cancellation of an inaugural trip
This year in Venice, a 9% percent growth in cruising traffic is expected.
Venice
In August the inauguration of the Fusina terminal
In 2023 the revenues of Danaos Corporation decreased by -2.0%
Athens
Net profit in growth of 3.1%
MSC ready to acquire the Wärtsilä plant in Trieste
Rome
Trade unions await clarification from tomorrow's meeting at the Ministry of Enterprise
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile