testata inforMARE
Cerca
23 February 2024 - Year XXVIII
Independent journal on economy and transport policy
05:54 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSYEAR XXI - Number 2/2003 - FEBRUARY 2003

Trasporto marittimo

La APL non si demoralizza

Nel contesto del settore dello shipping, la APL è un vettore marittimo di alto profilo. Essa ha recentemente fatto titolo sulla stampa, quando la società-madre NOL ha annunciato perdite per 151 milioni di dollari USA nel 2002. Ciononostante, la APL non è la sola ad essere in questa situazione, dato che la maggior parte dei principali vettori marittimi sono attualmente in cattive condizioni finanziarie. Il presidente della APL per l'Asia, Ken Soerensen, asserisce: "Tutti quanti hanno sezionato le nostre prestazioni. Tutti noi sappiamo che non sono state buone, ma guardiamo al futuro: Noi vogliamo che tutto il settore vada bene, non solo la APL. Se ci si trova in un settore in brutte acque, non si riesce ad attirare il personale giusto, cosa che invece sarebbe decisiva per il nostro futuro".

Soerensen non è molto ottimista per l'intera annata 2002. Le deboli tariffe di nolo transpacifico bloccate per l'intera annata hanno apportato seri danni alla APL. Le recenti notizie del ritiro della TransPacific Lines e della ristrutturazione della Senator Lines non hanno incoraggiato sentimenti di stabilità nel settore. Peraltro, la APL spera in tempi migliori nel 2003 ed oltre, ed i più alti livelli della dirigenza intendono proiettare questo approccio positivo su tutti i livelli della società su base globale. Afferma Soerensen: "Una grossa porzione della nostra strategia futura risiede nel supporto alla profittabilità, anche quando le tariffe sono sfavorevoli. Ciò si può conseguire facendo sì che l'intera organizzazione venga indotta a prendere le decisioni giuste, sia nei buoni che nei cattivi periodi".

Continua Soerensen: "Noi siamo cautamente ottimisti circa il 2003, dato che i nostri volumi stanno crescendo e le tariffe di trasporto stanno cominciando a migliorare. Tutto ciò però è relativo, dal momento che non possiamo prevedere ciò che accadrà nell'economia mondiale. Inoltre, esistono alcuni altri fattori che possono fare la differenza, come la possibile guerra nel Medio Oriente, un qualsiasi altro attacco terroristico del tipo 11 settembre oppure il verificarsi o meno di una recessione a discesa doppia negli Stati Uniti. Comunque, saremo ben pronti ad adeguarci di conseguenza".

Anche i vettori giapponesi MOL, NYK e K Line hanno recentemente previsto un miglioramento delle prestazioni nel 2003.

La tabella mostra che i punti di forza del servizio della APL risiedono nei traffici est/ovest, in particolar modo nel transpacifico, dove essa effettua operazioni in 10 tratte con i suoi soci della NWA (New World Alliance). Le statistiche della PIERS mostrano come la APL abbia avuto una quota rispettivamente dell'8,1% del mercato in direzione est ed una quota del 9,7% di quello in direzione ovest nel terzo trimestre 2002. Tali cifre mettono in evidenza la sua esposizione in questo traffico. E' abbastanza interessante notare che, sebbene i volumi in direzione est della APL nel periodo di punta del terzo trimestre siano aumentati del 16% rispetto allo stesso periodo del 2001, la sua quota di mercato sia diminuita rispetto al precedente 8,5%.

Commenta Soerensen: "Abbiamo utilizzato il 2002 per piazzarci in posizione adeguata rispetto alla prevista ripresa del 2003. I segnali sono positivi e le tariffe sono in stabile ripresa mentre ci si avvia verso il nuovo periodo contrattuale nel transpacifico. L'anno prossimo otterremo tariffe in aumento". I vettori marittimi quest'anno sono stati colti in castagna per non avere insistito per avere incrementi tariffari proprio appena prima che i volumi dei carichi inaspettatamente decollassero. Essi non vogliono fare di nuovo lo stesso errore e per diversi mesi. Le linee-guida del TSA hanno avvertito i caricatori di aspettarsi tariffe molto più elevate nel 2003. Soerensen ha fatto presente che importanti clienti della APL hanno già accettato in linea di principio gli aumenti. Egli ha aggiunto che - e si tratta di una cosa incoraggiante - a partire dalla metà del 2002 vi sono stati miglioramenti del livello tariffario ottenuti nel minore mercato del C&F.

PROFILO DEI SERVIZI GLOBALI DELLA APL, AL MESE DI DICEMBRE 2002
Rotta di trafficoN° dei servizi FrequenzaPrincipali partners/accordi
Asia/Costa Occ. USA8 SettimanaleMOL, HMM
Asia/Costa Or. USA2Settimanale MOL, HMM
Asia/Europa3Settimanale MOL, HMM
Asia/Med.2Settimanale MOL, HMM
Asia/Medio Or.1Settimanale Proprio servizio (REX)
Asia/Aus.2Settimanale ANL, NYK, PONL
Sudamerica/Costa Or. USA2 SettimanaleAccordi di noleggio spazi-containers
Transatlantico3Settimanale Accordi di noleggio spazi-containers
India/Costa Or. USA1 SettimanaleCMA, CGM, Contship, Sci
USA/Med1Settimanale Accordi di noleggio spazi-containers
Inter-asiatica21* RCL, Samudera, PIL, New Econ
Note:    La APL fa parte della New World Alliance con la MOL e la HMM.
* Inter-asiatica = la APL dispone di molti accordi dedicati e di noleggio per spazi containers con altri vettori marittimi. I servizi sono settimanali o bi-settimanali.
Fonti: ci-online e sito web APL

Il traffico transpacifico è stato una sorta di montagne russe per i vettori marittimi nel 2002, con scarsa profittabilità, intensi e rapidi picchi della domanda e crescente concorrenza, ed è culminato nel costoso blocco per dieci giorni dei porti della Costa Occidentale degli Stati Uniti a settembre. La APL ha mostrato un atteggiamento assai favorevole nei confronti dei suoi caricatori nel corso di questo difficile periodo. A differenza di alcuni dei suoi concorrenti, essa non ha sospeso le prenotazioni nel corso del blocco, sebbene si potrebbe anche sostenere che si sia trattato di una strategia rischiosa. "Era tempo di farci conoscere come vettore di punta" afferma il citato dirigente. Quando la situazione si è schiarita, la APL - a detta di Soerensen - ha ricevuto risposte molto positive dai propri clienti. Un altro fattore interessante derivato dal blocco, a suo giudizio, è stato che il trasporto marittimo è di nuovo in cima all'agenda dei direttori generali delle società multinazionali. E ha altresì attirato l'attenzione - di cui si sentiva il bisogno - sul fronte del porto.

La APL ha dovuto confrontarsi con parecchi problemi operativi nel corso di questo periodo e, come la maggior parte dei vettori, è stata costretta ad abbandonare alcuni porti di scalo. Alcuni servizi di cabotaggio marittimo inter-asiatici hanno dovuto subire una carenza di equipaggiamento vuoto di ritorno dagli Stati Uniti, ma complessivamente la compagnia di navigazione si è data da fare per farvi fronte. Essa ha dirottato alcuni carichi alla volta dei porti della Costa Orientale degli Stati Uniti, sebbene lo spazio fosse limitato, e ha altresì incrementato le sistemazioni alla volta della Costa Orientale sul proprio servizio APX (Atlantic Pacific Express).

Oltre al blocco della Costa Occidentale statunitense, un altro difficile problema per la APL, anzi per tutti i vettori marittimi, è costituito dalla dichiarazione del manifesto di carico che le dogane statunitensi desiderano con 24 ore di anticipo. A partire dal 2 dicembre 2002, ai vettori è stato richiesto di trasmettere con 24 ore di anticipo rispetto al carico della nave i manifesti di carico completi alle dogane statunitensi per tutte le navi che scalano i porti degli Stati Uniti. E' stato concesso un periodo di dilazione di 60 giorni sino al 30 gennaio 2003 al fine di consentire agli interessati di adeguarsi a tale norma. Commenta Soerensen: "Ciò per noi comporterà implicazioni di lunga portata, ma ancora di più lo sarà per i nostri clienti. Abbiamo allestito squadre speciali e passato molto tempo con i nostri clienti e con le autorità competenti affinché tutti quanti possano riuscire ad attenersi a tale normativa. E' importante che il sistema sia "fattibile" e pratico e che si mantenga tale. Non possiamo caricare la merce senza la documentazione approvata dalle Dogane degli Stati Uniti, e perciò è necessaria una stretta collaborazione da parte di tutti gli interessati".

Un'altra principale direttrice di traffico per la APL è rappresentata dai traffici Asia/Europa, che per la compagnia di navigazione quest'anno hanno rappresentato un'attività intensa nei due sensi. Esso era partito male quando il servizio NEX della NWA, inaugurato solamente nel luglio 2001, è stato alla fine interrotto nel febbraio 2002. Spiega Soerensen: "I cicli di traffico sembrerebbero essere più brevi in questi giorni. Quando questo servizio venne concepito, ritenevamo che il 2001 fosse molto migliore di quanto poi non si sia dimostrato. Il prodotto era buono, ma non funzionava bene dal punto di vista commerciale". La APL dall'estate 2002 disponeva di un accordo a breve termine per l'acquisizione di spazi-containers con la Hanjin. L'accordo da 200 TEU alla settimana era stato messo a punto al fine di far fronte alla domanda non soddisfatta dal tonnellaggio in servizio presso la APL, ma è scaduto alla fine del 2002. Il dirigente ha aggiunto che, dal momento che possono volerci da 24 a 36 mesi per la costruzione di nuove navi, può anche darsi i vettori marittimi - unitamente agli economisti - talvolta calcolino male il livello della domanda futura. Detto ciò, gran parte se non tutti i fattori economici sono senza dubbio al di là del controllo delle linee di navigazione.

Malgrado ciò, alla fine la APL è stata incoraggiata dai livelli di trasporto marittimo di merci su questa importante direttrice di traffico. L'incremento di 250 dollari USA/TEU in direzione ovest della FEFC a luglio del 2002 secondo la APL ha riscosso molto successo. "Da una spiacevole situazione nella prima metà del 2002, stiamo arrivando in acque più calme. Meno del 40% dell'attività complessiva in questa direttrice di traffico consiste di contratti a lungo termine e vi è una fetta un po' più grossa di mercato che è controllata dagli operatori non vettori e dagli spedizionieri. E ciò lo rende molto più dinamico" spiega Soerensen.

Sebbene la Cina costituisca sempre un'alta priorità, sia per quel che riguarda il mercato transpacifico che per quanto attiene al mercato Asia/Europa, la APL tiene bene in vista anche un altro mercato: l'India. La compagnia di navigazione mantiene una presenza nel paese da qualche tempo e dispone di propri servizi dedicati (il REX ed il WAX) che collegano l'India rispettivamente con il Medio Oriente e con l'Asia settentrionale. Un recente sviluppo è stato rappresentato dall'ingresso della APL nel mercato India/Costa Orientale degli Stati Uniti. Essa ha impiegato la CMC Pearl da 2.245 TEU nel servizio effettuato con otto navi dalla CMA CGM, dalla Contship e dalla SCI. In programma, c'era la sostituzione dopo due viaggi della CMC Pearl con la APL Dalian da 2.468 TEU di nuova costruzione.

Commenta Soerensen: "L'India ha un gran potenziale irrealizzato. Oggi, solo il 43% delle merci containerizzabili viene movimentato in contenitori e l'India vorrebbe incrementare la propria percentuale di traffici mondiali dallo 0,7% all'1,0%. Mettendo tutto ciò assieme, crediamo che una crescita annua del 15-20% per l'intero settore non sia fuori questione e che alla fine questo mercato rappresenterà per noi un centro di attenzione". E' interessante notare come la APL si sia servita anche del servizio Indamex per sbrigare qualche arretrato inerente al traffico transpacifico. I carichi vengono raccordati da Singapore al fine di connetterli al servizio a Colombo, dando così alla compagnia di navigazione una ulteriore opzione che non si offre a molti dei suoi concorrenti.

I vettori marittimi in genere sono evasivi quando si parla delle future associazioni di servizio, ma un'altra occhiata al quadro dei servizi rivela che la APL non è uno dei principali operatori nord/sud né un soggetto del mercato Europa/India. Questa è senza dubbio una futura opportunità da seguire per la APL, ma si dovrebbe ricordare quanto intensa sia la concorrenza nel traffico dall'Europa all'India. Diversi nuovi arrivati asiatici nel 2001 si sono dati all'applicazione di prezzi rapaci, il che per un certo periodo ha notevolmente abbassato la media delle tariffe. E poi c'è l'Africa da prendere in considerazione. Spiega Soerensen: "Come vettore, noi dipendiamo molto dai traffici transpacifico ed Asia/Europa. Abbiamo allestito anche la nostra rete transatlantica, dove realizziamo profitti. E' chiaro che alcuni allacciamenti ci mancano e non abbiamo collegamenti veri e propri da e per l'Africa. Noi serviamo l'Africa orientale dove ci siamo recentemente trasferiti nel giro di una settimana, spostando il trasbordo da Aden e Jeddah a causa dell'aumento dei sovrapprezzi dovuti ai rischi di guerra. Questo trasferimento provvisorio ha ancora una volta dimostrato la nostra flessibilità".

Forse l'ingresso della APL nei traffici Costa Orientale USA/India mette in evidenza la filosofia del vettore nei confronti del proprio benessere futuro. "La decisione di occuparsi di una certa direttrice di traffico dipende dalla sua opportunità di profitti. La gente parla sempre di nuovi arrivati che acquisiscono carichi, ma noi non faremo così, noi cercheremo di guadagnarci quote di mercato. Il nostro desiderio iniziale è quello di ottenere una quota del mercato che dia profitti" spiega Soerensen.

Il mantra della APL per l'anno che viene è: "Mai dire no ad una richiesta di prenotazione, piuttosto chiedere una tariffa più alta". I vettori marittimi potrebbero sostenere di essere sempre stati commercialmente consapevoli e di avere sempre avuto in mente l'obiettivo del profitto. I fattori dell'offerta e della domanda hanno senza dubbio un notevole impatto sui livelli tariffari dei noli, ma vi sono numerosi esempi di prezzi predatori, in particolar modo da parte dei vettori asiatici, che contraddicono ciò.

Sostiene Soerensen: "Siamo passati da un sistema di caccia libera ad un sistema di ottimizzazione dei noli. Ora si bada molto alla gestione dei profitti e tutti sanno sin dalla fase della prenotazione di che cosa si ha bisogno per raggiungere il punto di pareggio. Si tratta tanto di scegliere il corridoio giusto, quanto di scegliere il carico giusto. Non abbiamo il timore di perdere il carico a causa di una tariffa sbagliata. Alcuni vettori marittimi probabilmente non comprendono per intero la loro struttura tariffaria, ma noi disponiamo degli strumenti giusti per calcolare i nostri costi di raccordo, di affitto di spazi-containers e così via. Siamo concentrati sul farci pagare per tutti i servizi che forniamo e sul non dar via tanti "omaggi". E c'è bisogno che tutto ciò si diffonda nell'intero settore".

Ad esempio, Soerensen ha suggerito che, dando ad un cliente due settimane di tempo per una controstallia in Iran, il personale in loco avrà bisogno di sapere quale impatto tutto questo avrà sul resto della struttura. Ciò potrebbe conservare il cliente alla APL, ma il profitto netto per questa spedizione sarebbe zero e ne risulterebbe la riduzione dei viaggi annui di quei containers. Secondo Soerensen, se si potesse inculcare questo tipo di mentalità nella testa di tutti quanti prima che vengano prese le decisioni, allora la profittabilità della APL potrebbe essere massimizzata nel 2003.
(da: Containerisation International, gennaio 2003)


FROM THE HOME PAGE
First green light of the European Parliament to the reform of the EU Customs Code
Brussels
Appreciation of ECSA, ECASBA, ESC, ESPO, FEPORT and WSC, reminding the issues still to be addressed
The port of Palermo has reached a new historical record of annual freight traffic
The port of Palermo has reached a new historical record of annual freight traffic
Palermo
Volumes of boatloads are also growing at Termini Imerese and Trapani. Drop in Porto Empedocle
The flattening of import-export growth of G20 nations in the latter part of 2023
Paris
Trade in services in mild increase
Biden signs a decree to increase the cyber security of ships, ports and coastal facilities in the US
Biden signs a decree to increase the cyber security of ships, ports and coastal facilities in the US
Washington
Funds worth more than 20 billion will be used to replace the cranes produced in China. Expected recovery, after 30 years, of crane production in the United States
Fincantieri agreement with EDGE to establish a production base of military vessels in the United Arab Emirates
Abu Dhabi / Rome
51% of the joint venture will be held by the Middle Eastern group, while the Italian company will have management management
Danish shipowners complain that removing the tax exemption for seafarers provided by the DIS register would be madness
Copenhagen
Italian tourist portuality suffers from the absence of specific standards
Rome
Today in Rome of the States Generals of the sector organized by ASSONAT in collaboration with Assonautica Italiana
In the fourth quarter of 2023 the traffic of goods in the port of Rotterdam decreased by -6.4%
In the fourth quarter of 2023 the traffic of goods in the port of Rotterdam decreased by -6.4%
Rotterdam
Annual decline of -6.1% with reduction in volumes of both miscellaneous goods and bulk
AIDA Cruises announces a program of modernization of the three class ships "Sphinx"
Miami
Work will be carried out in 2025 and 2026
A new viaduct improves road accessibility to the container platform of Going Ligure
Go Ligure
It features two opposing carried out and variable slopes to overcome the underlying railroad
The shipowner industry calls for the release of the crew of the Galaxy Leader seized by the Houthis
London
"These are innocent victims of the continued aggression against global shipping," the statement said.
The EU Council has given way to the mission to protect the ships transiting the Red Sea
Brussels
Operation Aspides will coordinate with EuNavFor Atlanta
Metrans gets the entire control of Croatian railway company Adria Rail
Metrans gets the entire control of Croatian railway company Adria Rail
Hamburg
Acquired the remaining 49% of the capital
In the Gulf of Aden a revamped was centered by missiles
San'a '
The ship was abandoned by the crew
MoU between Austal and Gotlandsbolaget for the development of an innovative hydrogen ferry
Henderson / Visby
Equipped with a multi-fuel propulsion system with gas turbines, it will be able to carry 1,450 passengers
BIMCO, ICS, Bangladesh, India, Norway and Pakistan call for clarity on the rules for ship recycling
A missile-targeted revampage in the Gulf of Aden
Portsmouth
No damage to the crew nor the ship
Today in Rome, the 30-year-old celebratory convention of the law 84/94
Rome
Established the Port Authorities and the General Command of the Capitaneries of Puerto-Guard Coastal
Comparison between the Suez Canal Authority and the heads of the Genovese company Messina
Ismailia
Rabie : appreciation for the growing number of Italian carrier ships passing through the canal
In 2023 the traffic in goods in the ports of Montenegro dropped by -17.7%
Podgorica
In mild growth (+ 1.2%) the loads to and from Italy
The interports, with the privatization of managers and areas, at the center of the House discussion
Rome
Frijia (Fdi) : With this law we surpass a discipline that goes back more than 30 years. Ghio (Pd) : new sales of our heritage and fundamental structures for the country
On Friday, a conference on the relaunch of the Tuscan Simplified Logistics Zone was held in Livorno.
Livorno
It is organized by the Port Authority of the Tyrrhenian Sea North
On 26 and March 27 in Milan, the 8th edition of "Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry" will be held in Milan.
Milan
Intermodal traffic at the Interport in Bologna in 2023
Bentiwant
Transitioned 1.7 million trucks (-10.6%) and 3,391 trains (-33.2%)
In 2023 the value of Russian exports of non-energy goods decreased by -23%
Moscow
Overall, exports were down -28.3% percent, while imports grew by 11.7% percent.
GNV strengthens the functionalities of its own fleet assistance center
Genoa
Implemented the Mass Notification Suite solution of Everbridge
Port of Gioia Tauro, altering controls to favour ' Ndrangheta in drug traffics
Reggio Calabria
Disjointed a criminal association made up of customs officials, the head of a shipping company, the harbour and the referents of the main coaches
In 2023 the revenues of the HHLA terminalist group decreased by -8.3%
Hamburg
Decline of -12.0% in the fourth quarter of the year
Turkon Line will activate a scheduled service between Turkey and the northern Red Sea
Istanbul
It will perform scans in Mersin, Iskenderun, Aqaba and Jeddah
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
Germany's BGL applauds Italy's decision to urge the start of an infringement procedure against Austria
Frankfurt am Main / Bolzano
Convention on novelty for import introduced with the European CBAM Regulation
Venice
Organized by Assosped Venice and Anasped, it will be held on February 28 in Marghera
Fire in the night in the port of Ancona
Ancona
Flames in three caps
Last month container traffic in Hong Kong port grew by 19.1% percent.
Thanks to the rise of the noli, the monthly turnover of Evergreen and Yang Ming is growing.
Taipei / Keelung
In January the revenues of Wan Hai Lines decreased by -2.6%
Order to Vard for the design and construction of a Service Operation Vessel
Trieste
Fincantieri completes acquisition of Remazel Engineering
In January, container traffic at ports in Los Angeles, Long Beach and Singapore was growing.
Los Angeles / Long Beach / Singapore
For the first time, Singapore's naval registry exceeds 100 million tonnes of gross tonnage
In January, freight traffic in Russian ports decreased by -6.2%
St. Petersburg
Dry loads down -5.8% percent and liquid ones by -6.5% percent
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
On 26 and March 27 in Milan, the 8th edition of "Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry" will be held in Milan.
Milan
Theme of the event "The future possible of productive and logistical Italy"
On Friday, a conference on the relaunch of the Tuscan Simplified Logistics Zone was held in Livorno.
Livorno
It is organized by the Port Authority of the Tyrrhenian Sea North
››› Meetings File
PRESS REVIEW
Le transport maritime national navigue à vue
(Aujourd'hui Le Maroc)
“Israel is facing silent sanctions”
(Globes - Israel's Business Arena)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Mario Mattioli
Roma, 27 ottobre 2023
››› File
The Senate in Hamburg has approved the entry of MSC into the capital of HHLA
Hamburg
The corporate participation of a primary maritime carrier represents an added value for the terminalist enterprise and for the port.
In the port of Ortona, work has begun on the consolidation of the Riva quay
Ortona
Intervention worth 8.6 million euros
Swiss Federal Council plans to extend the tax on heavy traffic to electric trucks
Bern
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile