testata inforMARE
06 December 2022 - Year XXVI
Independent journal on economy and transport policy
11:18 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM of Shipping
and Logistics
Il Nuovo
Piano Generale dei Trasporti



CAPITOLO 2 LA DOMANDA DI MOBILITA': SITUAZIONE ATTUALE E TENDENZE EVOLUTIVE

2.1 Lo scenario nazionale

L'attuale quadro dei volumi di traffico di passeggeri e merci conferma l'assoluta prevalenza del trasporto su strada, sia nel traffico merci (oltre il 60%) che di quello passeggeri (oltre l'85%). Per i passeggeri è stata continua la riduzione della quota ferrovie (dal 18,3 del ‘70 al 10-11% del ‘97), cui fanno riscontro i consistenti aumenti del trasporto su strada, aereo, e su mezzi collettivi su gomma. Marginale il cabotaggio marittimo (intorno allo 0,6%). Anche per le merci la quota assorbita dal traffico ferroviario diminuisce costantemente negli ultimi 25 anni, attestandosi nella seconda metà degli anni '90 intorno al 13-14%. Analoga riduzione si è avuta nel trasporto di cabotaggio (circa il 18%), mentre la quota dell'autotrasporto è aumentata dal 44% del ‘70 ad oltre il 60% nel 1995-'97. Marginali risultano anche il trasporto aereo e la navigazione interna.

Per gli scambi internazionali continentali le merci a basso valore aggiunto viaggiano su mezzo navale, le altre su vettore stradale (60% circa).

La costruzione di uno scenario nazionale sull’evoluzione della domanda di mobilità delle persone e di trasporto delle merci presuppone l’utilizzo di adeguati strumenti quantitativi di valutazione, da inquadrare all’interno di una approfondita analisi qualitativa che identifichi le principali criticità presenti nei diversi comparti del trasporto. L’obiettivo dell’analisi della domanda è rispondere a tre quesiti:

di quanto si presume che la domanda (merci e passeggeri) possa crescere da oggi all’anno orizzonte, in funzione dell’andamento del reddito, degli investimenti, della domanda internazionale;

quali sono i principali cambiamenti in atto nella domanda di mobilità (tipologia, scelta modale, distanze percorse);

in che misura la domanda può essere governata anche in funzione di obiettivi non strettamente economici (ambientali, sociali, etc.).

La costruzione degli scenari quantitativi integrati di domanda verrà effettuata con l’ausilio del sistema informativo per il monitoraggio e la pianificazione nei trasporti, sfruttandone la capacità di disaggregazione territoriale dei dati.

In particolare, un primo risultato si otterrà con l’elaborazione di dati sull’andamento della domanda di mobilità merci e passeggeri, partendo dall’anno base (1995), con riferimento ad almeno due scenari ("Alto" e "Basso") definiti per l’anno orizzonte 2010.

Per rendere più articolate le conclusioni di carattere quantitativo si approfondirà poi, mediante interviste e incontri con operatori ed associazioni di categoria, se e in che misura gli interventi considerati corrispondono alle esigenze future della domanda di mobilità. Si stimerà, infine, con il supporto di adeguati strumenti di analisi e di simulazione, l’elasticità della domanda a politiche di incentivazione e di regolazione.

Il Paese presenta problematiche di particolare complessità dovute alla contemporanea presenza di:

eccesso di domanda (e conseguenti carenze infrastrutturali) nelle aree più ricche e dinamiche, che rivendicano interventi in autostrade, ferrovie, trafori alpini, porti ecc. motivandoli come indispensabili a far crescere il sistema produttivo nel quadro europeo;

esiguità di domanda (e conseguente modesta redditività attesa delle infrastrutture) nelle aree più arretrate e meno dinamiche, che con analoga intensità lamentano il fatto di essere abbandonate a se stesse e che in assenza di interventi rischierebbero la definitiva emarginazione.

Soprattutto in relazione al secondo punto, esiste una diffusa tendenza a ritenere che l’infrastruttura di trasporto sia condizione non solo necessaria, ma anche sufficiente a garantire lo sviluppo economico di un’area o di un paese. In realtà, la relazione tra livello degli investimenti in infrastrutture e sviluppo economico è più complessa. Da un lato quest’ultimo genera una domanda di infrastrutture che deve essere soddisfatta, pena il rallentamento del ritmo di crescita; dall’altro la disponibilità di infrastrutture rappresenta fattore di sviluppo delle aree più arretrate laddove sussistano altre essenziali condizioni. Infatti, al di sopra di un livello di dotazione infrastrutturale minima, che comunque un paese sviluppato come il nostro ha già raggiunto anche nelle aree più arretrate, la presenza di migliori infrastrutture di trasporto è solo in alcuni casi elemento determinante per le decisioni localizzative delle attività produttive. Altri fattori entrano in gioco, quali ad esempio il minore costo del lavoro, la riduzione di fenomeni criminali e l’illegalità, un migliore rapporto con le amministrazioni locali.

Anche l’obiettivo occupazionale collegato alla realizzazione di nuove opere non è dunque sufficiente se considerato a sé stante, ma va inserito in un contesto in cui prevalgono le seguenti considerazioni:

il contributo positivo e duraturo sul sistema economico e sulla qualità della vita degli investimenti infrastrutturali deriva dall'effettivo utilizzo delle opere e dal valore che gli utenti percepiscono dai servizi generati;

l'innovazione tecnologica nel settore delle costruzioni ha ridotto l'utilizzo di manodopera per le grandi opere infrastrutturali;

per ogni intervento il volume di occupazione va valutato sia nella fase di cantiere sia quando l'opera andrà a regime.

L'investimento infrastrutturale nei trasporti acquista un particolare valore se si inserisce in un più ampio pacchetto di interventi di politica economica per un disegno unitario di sviluppo. Occorre perciò una valutazione delle attività produttive già presenti e la verifica degli obiettivi di politica industriale e di occupazione che si intendono perseguire, al fine di un unico quadro programmatico di riferimento degli interventi infrastrutturali nei trasporti.

Nelle aree (Veneto, Emilia, Lombardia ecc.) in cui la domanda di mobilità è superiore all'offerta, il PGT proporrà interventi diretti a influire su entrambe le lame della forbice, ma individuerà anche direttrici di sviluppo che tendono a orientare la domanda verso l'impiego di mezzi di trasporto più compatibili con il riequilibrio territoriale, sociale e ambientale. Infatti, si potrebbero determinare presto significativi cambiamenti a seguito di due fattori:

un rallentamento dei processi di industrializzazione (anche per la saturazione nell'uso del territorio e per scarsità di manodopera) a favore di attività più legate ai servizi (turismo, terziario avanzato ecc.);

una minore influenza della crescita del reddito sulla domanda di mobilità, dovuta sia a nuove forme di organizzazione del lavoro; sia alla razionalizzazione dei flussi di trasporto (ad esempio l'aumento del coefficiente di riempimento dei camion).

Nel Mezzogiorno gli interventi del PGT vanno interpretati come strumenti atti a favorire lo sviluppo economico, soprattutto nell'attuale fase di globalizzazione dei mercati e di centralità del Mediterraneo, con l'obiettivo di promuovere lo sviluppo endogeno e di favorire l'insediamento di nuove attività da altre regioni del Paese e dall’estero.

Ai fini della costruzione di scenari di domanda è necessario precisare:

gli indirizzi di politica industriale e di politica dell'occupazione che si intendono perseguire. A ciascuno di essi (turismo, distretti industriali, grandi impianti industriali) corrisponderà una determinata domanda di mobilità e un adeguato programma di sviluppo dell'offerta di infrastrutture e servizi;

in che misura occorra una ridefinizione dei flussi di mobilità (viaggi periodici verso i paesi d'origine, interscambio di merci) in seguito alla crescente immigrazione con l'inserimento stabile di manodopera straniera. In più va riconsiderata la posizione di alcune regioni meridionali (come Sicilia, Calabria e Puglia) che da aree periferiche rispetto all'Europa divengono aree centrali rispetto al Mediterraneo;

la possibile funzione dei porti - in particolare nel sud Italia - in relazione al rischio di una possibile sovracapacità a causa del rapido sviluppo dell'offerta portuale. Secondo alcuni osservatori il traffico container nel Mediterraneo crescerà nel prossimo decennio al ritmo del 7% l'anno, ma nel 2008 l'offerta portuale salirà di circa tre volte e i traffici cresceranno solo del 123%.

 

2.2 Gli scenari internazionali: i grandi corridoi

La crescente globalizzazione dell'economia ha sviluppato su tutte le direttrici il trasporto delle merci e delle persone.

Il Mediterraneo e i Balcani, e di conseguenza l’Italia, sono diventati nuovamente centro di flussi importanti del traffico di merci e passeggeri. Dal punto di vista geografico, la penisola italiana si trova al crocevia di tre grandi direttrici di collegamento mondiali: la direttrice est-ovest, dai Balcani e dall'Europa orientale verso l'Europa occidentale e la penisola iberica; la direttrice nord-sud tra l'Europa meridionale e centrale, il nord Africa e i Paesi del vicino e Medio Oriente; la direttrice est-ovest che, attraverso Suez e il Mediterraneo, collega l'Estremo Oriente con l'Europa occidentale.

L’allargamento dell’Unione Europea e le negoziazioni per la futura adesione di alcuni paesi dell’Europa Centrale, e più in prospettiva dei Balcani, fanno ritenere che la crescita degli scambi commerciali fra i paesi dell’area europea andrà ulteriormente rafforzandosi nei prossimi anni. Più difficile è invece prevedere cosa accadrà con l’area dell’ex Unione Sovietica, che pure è attualmente in forte espansione, ma dove il processo di riforma politica ed economica presenta ancora notevoli elementi di incertezza.

In termini assoluti, l’interscambio con i paesi dell’Est è relativamente modesto (circa il 3-4% del totale delle esportazioni dell’UE). Le prospettive sono comunque particolarmente incoraggianti e fanno ritenere che si andrà consolidando un trend di crescita a cui si accompagnerà, come sta già avvenendo, un progressivo spostamento dai prodotti tradizionali (prodotti agricoli, cereali e materie prime minerarie) a quelli manifatturieri, sia in entrata sia in uscita dall’area. Stanno inoltre giocando un ruolo determinante gli investimenti diretti delle imprese europee verso i paesi economicamente e politicamente più stabili della regione.

Se dal lato della domanda sembrano esistere le condizioni per un progressivo incremento degli scambi di beni e servizi, dal lato dell’offerta le maggiori preoccupazioni riguardano la sua struttura e la qualità del servizio.

Più in generale, i paesi dell’Europa centrale hanno sub'to conseguenze molto significative dal passaggio da un sistema economico e politico centralizzato all’economia di mercato. Tale processo ha avuto forti ripercussioni anche nei trasporti, a causa del riorientamento del traffico commerciale verso l’Occidente al quale ha coinciso un rapido aumento del trasporto su strada. I paesi dell’Europa Centrale possono infatti essere considerati come aree di transito dell’intero continente e, come tali, sono attraversati da un numero significativo di corridoi est-ovest e nord-sud, sia ferroviari che stradali, che però non sono attualmente in grado di sopportare crescenti flussi di traffico e necessitano in vari punti di urgenti interventi di miglioramento nelle infrastrutture e, soprattutto, nella gestione dei servizi. Analoghe situazioni si verificano nei paesi dell’Europa centro-meridionale (i Balcani) sulle direttrici nord-sud dal Mar Nero e la Grecia ed est-ovest da e per l’ex Unione Sovietica, dove si sono venuti a determinare numerosi colli di bottiglia nei punti di collegamento con i paesi occidentali.

La politica comunitaria dei trasporti è fortemente orientata verso la ricerca di soluzioni per il riequilibrio modale a favore del mezzo su rotaia, soprattutto per quanto riguarda il trasporto delle merci. Una delle iniziative più recenti in tal senso ha riguardato la creazione di corridoi ferroviari aperti per il traffico delle merci. Il primo corridoio riguarda il collegamento nord-sud fra i porti del Baltico e quelli del Mediterraneo, passando attraverso le principali aree industriali europee e italiane. Altri corridoi dovrebbero nascere.

Per quanto riguarda il Mediterraneo in particolare, nei paesi della sponda mediterranea si è registrato un drastico rallentamento del tasso di crescita del PIL facendo diminuire il reddito pro capite. Si è aggravato il divario tra le due sponde del Mediterraneo e il mancato sviluppo industriale ha fatto si che l'area sia di fatto rimasta fortemente dipendente dalle materie prime minerarie e agricole mentre l'industria manifatturiera ha stentato a decollare. I flussi commerciali sono tra Nord e Sud. Il turismo ha subito le conseguenze negative dell'instabilità politica e sociale. Tale situazione ha generato forti flussi migratori verso l’Europa. Il rilancio della regione su scala internazionale è legato a:

l'adozione di politiche economiche di riequilibrio strutturale, di privatizzazione e di liberalizzazione e una maggiore competitività delle esportazioni,

una maggiore stabilità politica e militare e una maggiore moderazione dell'estremismo religioso,

un rinnovato interesse per il Mediterraneo da parte dell'Unione europea e, in prospettiva, la creazione di una zona di libero scambio con controlli doganali semplificati,

una capacità di attrazione di capitali per investimenti diretti,

il permanere dell'aumento, registrato negli ultimi anni, degli scambi commerciali a direttrice sud-sud con l'Estremo Oriente – già oggi vi sono importanti sintomi di ripresa economica nell'area, soprattutto occidentale (ad esempio, in Marocco) -.



INDICE
›››File
FROM THE HOME PAGE
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Meetings File
PRESS REVIEW
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› File
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile