testata inforMARE
31 January 2023 - Year XXVII
Independent journal on economy and transport policy
21:22 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSYEAR XXV - Number 6/2007 - JUNE 2007

Trasporto marittimo

La strategia del gruppo AP Møller-Maersk per il 2007: missione profitti

Quest'annata sarà una di quelle che la APMM (AP Møller-Maersk) vorrà prontamente dimenticare, dal momento che le notevoli perdite della divisione containerizzata del gruppo hanno comportato profitti complessivi di molto inferiori: 16,2 miliardi di corone danesi (2,7 miliardi di dollari USA), rispetto ai 3,4 miliardi di dollari USA del 2005.

Ed i ritorni sulle vendite sono piombati dal 15,9% del 2005 al 6,1% del 2006 (v. tabella).

Parlando ad una teleconferenza, Jess Søderberg, ceo del gruppo, ha rivelato lo scorso marzo che la combinazione tra una crescita dei volumi dei traffici containerizzati più lenta di quella prevista, i prezzi dei rifornimenti drasticamente più alti (+26%) e le minori tariffe di nolo nei traffici-chiave hanno comportato una perdita di 568 milioni di dollari USA per l'intera annata 2006. Ciò, rispetto a profitti netti di quasi 1,3 miliardi di dollari nel 2005.

Spiega il citato dirigente: "La mancanza di crescita dei volumi trasportati dalla Maersk Line ha comportato livelli di utilizzazione del nostro tonnellaggio più bassi di quelli che avevamo programmato e - di conseguenza - costi unitari più elevati per la rete complessiva.

ATTIVITA' DI TRASPORTO MARITTIMO CONTENITORI 2005/06
DELLA AP MØLLER-MAERSK

 

2006

2005

Cambiamento

Entrate

25.275

21.524

17,4%

Profitti al lordo di deprezzamento, ammortamento e danni

1.544

3.420

-54,9%

Profitti al lordo dei costi di integrazione e dei fattori finanziari

248

2.013

-87,7%

Profitti al lordo delle imposte

-267

1.524

-117,5%

Profitti netti (perdite)

-568

1.278

-144,4%

Ritorno sulle vendite

6,10%

15,90%

-

Note: tutti i dati sono in milioni di dollari USA; 1 dollaro USA = 5,9 corone danesi

Fonte: gruppo AP Møller-Maersk

Ciò è stato dovuto principalmente alle difficoltà di implementazione di una gamma di esaurienti sistemi informatici, simultaneamente all'integrazione della PONL (P&O Nedlloyd)".

Inoltre, la APMM ha realizzato solo modesti vantaggi dal rilevamento della PONL lo scorso anno.

Tuttavia, la prima ha dichiarato che adesso è stata realizzata la base per tutta una varietà di sinergie, che verranno conseguite nel corso dei prossimi anni.

Mentre i volumi dei traffici containerizzati sono aumentati globalmente di un 10% stimato - e vettori quali la APL, la OOCL e la CMA CGM hanno riferito crescite rispettivamente del 7,7%, 10% e 28% - le movimentazioni della Maersk Sealand/PONL sono rimaste stagnanti.

In effetti, i 6,1 FEU trasportati sono stati solamente gli stessi movimentati nel 2005. Principalmente, ciò potrebbe attribuirsi al fatto che un notevole numero di clienti della PONL sono saltati giù dalla nave in seguito all'acquisizione.

Si tratta di una conseguenza delle difficoltà di integrazione, del diverso approccio di gestione/servizio e/o alla necessità di allargare la propria base di venditori.

C'era ad esempio un certo numero di clienti che erano comuni ad entrambi i vettori.

Al contrario, la Safmarine, linea di navigazione del gruppo APMM specializzata nei traffici africani, ha incrementato la propria quota di mercato facendo registrare un forte incremento nei trasporti, con volumi in aumento fino a circa il 25% per 560.000 FEU.

Tuttavia, i costi più alti del rifornimento e del noleggio in aggiunta alle tariffe di nolo più basse hanno comportato minori profitti nel 2006.

Secondo la Maersk, la propria tariffa media di nolo nel 2006 è calata del 10% circa (7% compreso il sovrapprezzo relativo al bunkeraggio) sino a 2.567 dollari USA/FEU.

Si tratta di una situazione che Søderberg e Søren Thorup Sørensen, cfo del gruppo, vorrebbero evitare che si ripetesse quest'anno.

Infatti, entrambi i dirigenti sono decisi a far sì che il 2007 possa rappresentare un anno di ripresa dei profitti.

Con questo obiettivo ben chiaro in testa, verso la fine dell'anno scorso la Maersk ha preso l'iniziativa in diverse delle proprie direttrici di traffico nel senso di aumentare le proprie tariffe di nolo ovvero di comunicare al mercato la decisione di prendere provvedimenti finalizzati ad una generale ripresa delle tariffe.

Sørensen ha sottolineato l'importanza di questa strategia: "Basandoci sui nostri risultati attesi per il 2007 e partendo dal presupposto che tutto il resto sia uguale, una fluttuazione dell'1% delle tariffe medie comporterebbe in qualche modo una differenza di 185 milioni di dollari USA nelle entrate.

In termini di volumi, lo stesso cambiamento equivarrebbe a 100 milioni di dollari USA.

La gestione delle rendite è decisiva per riguadagnare la capacità di produrre profitti nell'attività containerizzata.

Continueremo ad aggiustare la nostra rete globale al fine di far sì che il tonnellaggio impiegato faccia fruttare al meglio il denaro speso".

Su questa base, la Maersk si è concentrata sulla razionalizzazione della distribuzione del tonnellaggio e della rete di servizio, nell'intento di far fronte alla domanda ed alle esigenze dei propri clienti con maggiore efficacia.

Ciò ha comportato tagli e riorganizzazioni in diverse direttrici di traffico, tra cui il transpacifico.

Di conseguenza, Sørensen si aspetta un altro anno in cui la Maersk crescerà ad un ritmo più lento rispetto a quello del mercato nel suo complesso.

Tuttavia, il dirigente non si rammarica per l'acquisizione, affermando che "le opportunità vanno colte quando si presentano e la PONL costituiva una buona opportunità".

Sørensen non ha escluso future acquisizioni, ma ha dichiarato che quest'anno al centro della scena saranno i profitti e non le quote di mercato: "Staremo indietro ed è nostra intenzione quella di continuare a far crescere l'attività containerizzata".

Malgrado le scarse prestazioni della divisione marittima di linea, le entrate nel settore container mostrano ancora un buon aumento, essendo cresciute di più del 17% sino a 150,3 miliardi di corone danesi (25,3 miliardi di dollari USA).

Ciò è stato dovuto a guadagni straordinari per 1,8 miliardi di corone danesi (308 milioni di dollari USA) derivanti dalla vendita di 17 vecchie portacontainers e da un significativo mutamento nella politica di deprezzamento della società.

Nel 2006, la Maersk ha esteso il periodo di deprezzamento delle proprie navi sino a 20 anni, e quello dei containers fino a 20 anni.

Ciò ha ridotto gli oneri di deprezzamento per il 2006 a circa 4,4 miliardi di corone danesi (700 milioni di dollari USA).

Inoltre, la sua divisione inerente alle operazioni terminalistiche, la APMT (APM Terminals) - che ha conseguito diverse nuove concessioni operative nel corso dell'anno e ha assistito ad una sostenuta crescita dei traffici presso molte sue infrastrutture - ha fatto registrare un'altra positiva prestazione con un aumento dei margini.

Il miglioramento del 37% delle entrate della APMT, per 2,1 miliardi di dollari USA, e la crescita del 32% dei profitti netti, sino a 99 milioni di dollari USA (75 milioni di dollari USA nel 2005), sono stati ottenuti sulla scorta di un aumento del 18% dei risultati, sino a 28,4 milioni di TEU.

Dal punto di vista fiscale, Sørensen si aspetta che le entrate del gruppo realizzino complessivamente 280 miliardi di corone danesi (50 miliardi di dollari USA) nel 2007, con la divisione contenitori a mostrare un risultato "modestamente positivo", sulla scorta di tariffe di nolo più stabili e costi unitari simili a quelli dello scorso anno.

Ciò, di per se stesso, costituirà un ben accolto sollievo, ma sarà proprio interessante vedere quanta quota di mercato la Maersk è pronta a scarificare ai fini della propria missione di gestione delle rendite e di realizzazione del profitto.

Nel trasporto marittimo di contenitori esiste una concorrenza incredibile e la quota di mercato vuol dire ancora molto per un sacco di dirigenti aziendali.
(da: Containerisation International, maggio 2007, pag. 47)




FROM THE HOME PAGE
The port of Palermo establishes its own new historical record of freight traffic
The port of Palermo establishes its own new historical record of freight traffic
Palermo
Fully recovered the share of passengers lost as a result of the pandemic
Quarter of accentuated downturn in financial results for ONE
Quarter of accentuated downturn in financial results for ONE
Singapore
In the October-December period, the volume of business fell by -24.9% percent.
Hapag-Lloyd archived 2022 with record financial results
Hamburg
Trend reversal in the last quarter of the year
Port of Gioia Tauro, first shipment via train of cars from China
Port of Gioia Tauro, first shipment via train of cars from China
Joy Tauro
The cars are headed to the centre-north Italy
Historians brands Hamburg Süd and Sealand will disappear
Copenhagen
Will be replaced by the Maersk brand
Federlogistics denounces that the process of digitization of ports is by blossoming
Rome
The Federation emphasizes that a single euro of the resources made available by the PNRR has not been spent and a large profile drawing is missing
Negative balance for -25.6 billion in Italian foreign trade with extra EU countries in 2022
The Superba ferry fire has been extinguished by the fire extinguisher.
Concluded today the extinguishing operations of the fire on the ferry The Superba
Palermo
They lasted two weeks
MSC will include the Port of Livorno in the West Med-Middle East / India service
Geneva
The link has weekly frequency
UPS records a decline in turnover after 40 consecutive quarters of growth
Atlanta
UPS records a decline in turnover after 40 consecutive quarters of growth
In 2022, revenue surpassed 100 billion for the first time.
In 2022 the revenues of the Wärtsilä Group increased by 22%
Helsinki
The value of new commits has grown by 6%
In 2023, more than 400mila crucierists were expected in Sardinians compared to 221mila last year.
Cagliari
To date, 191 airports are planned at the ports of Cagliari, Olbia, Porto Torres, Gulf Aranci, Oristano and Arbatax.
New appeal of Grimaldi Euromed against the ok to the Moby's pre-emptive plan
Milan
It was approved by the General Court in Milan last November 24
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
Artificial intelligence and autonomous navigation
Tokyo
They are the fields of activity in which the Japanese NYK and Ghelia will cooperate
The Romanian port of Constance has handled a record annual traffic
Constancy
The Romanian port of Constance has handled a record annual traffic
The containers were equal to 772,046 teu (+ 22.2%)
Confitweapon's satisfaction with the EU parliamentary committee's approval of the provisions on naval credit
Rome
For many years, it has been for many years to strive to ensure that, for bank regulatory purposes, the naval credit is gradually assimilated to infrastructure.
Investing in the Blue Economy to create jobs, raise income levels, and reduce emissions
Losanne
This suggests a scientific study published in "Frontiers in Marine Science"
Inaugurated in Arenzano the new School of High Training for Doctors of Bordo
Arenzano
Messina (Assshipowners) : It is a concrete response to the real and compelling need to ensure the health and safety of those navigating
Last year, freight traffic in South Korean ports decreased by -2.3%
Seoul
The containers were equal to 28.8 million teu (-4.1%)
Initiative to activate Livorno an ITS path dedicated to logistics and transport
Livorno
To Noghere a new productive cluster integrated at the port of Trieste
Trieste
The Port System Authority of the Eastern Adriatic Sea has purchased an area of 350,000 square meters
Monday in Rapallo will be held in the first edition of "Shipping, Transport & Intermodal Forum"
Genoa
The current situation and prospects of the maritime and logistics sector will be analyzed.
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
In Livorno a three days of Assoports to deepen the aspects of urban transformation in the port city
Livorno
You will meet two technical groups ...
On Thursday in Milan a conference of Fedespedi on "The logistics digitalization and the PNRR"
Milan
Since 2020 the Federation has made its contribution to the construction of the Plan
››› Meetings File
PRESS REVIEW
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› File
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile