ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 maggio 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:32 GMT+2



30 aprile 2021

Vettosi (Confitarma): l'applicazione della tassonomia al trasporto marittimo è molto complessa

Il rischio è l'allontanamento dei finanziamenti per soluzioni innovative

«L'applicazione della tassonomia al trasporto marittimo è molto complessa data la peculiarità di questo settore che, pur in presenza di evidenti attività dell'industria verso lo sviluppo sostenibile, è ancora al centro delle discussioni per la definizione green o brown a seconda del tipo di carico trasportato». Lo ha rilevato Fabrizio Vettosi, vice presidente della Commissione Finanza e diritto d'impresa della Confederazione Italiana Armatori (Confitarma), intervenendo all'incontro in video conferenza organizzato da Confitarma, dall'Associazione Bancaria Italiana e dal RINA per discutere del sistema di tassonomia delle attività ecosostenibili recentemente introdotto dalla Commissione Europea con l'approvazione dell'EU Taxonomy Climate Delegated Act, che mira a promuovere gli investimenti sostenibili identificando quali siano le attività economiche che contribuiscono al conseguimento degli obiettivi ambientali dell'UE.

Vettosi ha chiarito che, «infatti, considerare il carico come parte dell'attività marittima secondo i criteri della tassonomia potrebbe portare a conseguenze impreviste e negative, penalizzando i finanziamenti per l'industria marittima sulla base del carico trasportato, oltre ad allontanare i finanziamenti per soluzioni innovative, potrebbe comportare il rischio di accelerare un trasferimento modale inefficiente».

Vettosi ha ricordato che «il Regolamento UE 852/2020 è una legge europea avente l'obbiettivo di creare la prima “lista di investimenti sostenibili” al mondo, un sistema di classificazione che gli investitori e le imprese possono utilizzare quando investono in progetti e attività economiche (incluso le attività marittime) che hanno un sostanziale impatto positivo sul clima e sull'ambiente. L'impegnativo lavoro portato avanti da Confitarma ed ECSA, insieme ad un gran numero di esperti europei sin dal marzo 2018, con l'approvazione del primo Atto delegato - ha sottolineato Vettosi - sancisce un primo importante successo per l'industria marittima con l'inserimento dello shipping tra i settori “transizionali”, cioè tra quei settori che possono essere oggetto di revisione periodica dei criteri di screening tecnico». «Confitarma - ha concluso Vettosi - continuerà a lavorare con ECSA per la definizione di dettagli tecnici che possano garantire una transizione più fluida per lo shipping».

PSA Genova Pra

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail