testata inforMARE
7 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
20:51 GMT+2
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSANNO XX - Numero 9/2002 - SETTEMBRE 2002

Trasporto fluviale

Il canale Amsterdam-Reno celebra il proprio 50° anniversario

Per Amsterdam, un collegamento col Reno efficiente e moderno rappresenta una questione rilevante da vari secoli. I traffici tra il Reno e le coste olandesi esistevano già da prima che venisse fondata la città sull'Amstel. La regolare navigazione da Amsterdam al Reno si è sviluppata sin dal 14° secolo, in particolar modo alla volta della città di Colonia, che era uno dei partners commerciali chiave di Amsterdam. Oltre alle macine ed ai manufatti di ferro, uno di principali prodotti che i caricatori del Reno trasportavano ad Amsterdam era il vino. Ma, ben prima di loro, già i Romani seguivano la via d'acqua per mezzo dei fiumi Kromme Rijn, Oude Rijn e Vecht.

Nel tardo Medio Evo, la direttrice correva per lo più lungo l'Ijssel, via Deventer. Le navi percorrevano altresì una rotta alternativa attraverso lo Zuiderzee sino al Vecht nei pressi di Muiden, per raggiungere quindi il Lek attraverso il Vaartse Rijin. Più tardi, le navi più piccole erano anche in grado di utilizzare una terza idrovia interna lungo l'Amstel ed il Weespertrekvaart sino al Vecht, il cosiddetto Keulse Vaart. Ma in qualsiasi momento nel corso del tempo, il ritmo con cui i traffici idroviari crescevano quanto a numeri e dimensioni superava il ritmo con cui le nuove rotte sostituivano quelle vecchie. I fiumi erano troppo poco profondi e le idrovie e le chiuse troppo piccole per consentire il passaggio alle navi del Reno sempre più grandi.

Il canale Merwede

Anche il canale Merwede, utilizzato dal 1892 in poi, si rivelò dopo solo pochi anni insufficiente per il sempre crescente traffico da e per Amsterdam. Una delle limitazioni del canale era costituita dal fatto che esso poteva far passare contemporaneamente solo con grande prudenza le navi di oltre 2.000 tonnellate che era in grado di accogliere e quelle del tipo maggiore permesso. Perciò vi erano limitazioni alle partenze notturne, alla velocità di rimorchio ed alla lunghezza delle navi. I sorpassi non potevano assolutamente essere presi in considerazione, il che significava che le navi più veloci dovevano attardarsi dietro ai rimorchiatori più lenti. Il canale, però, andava a colmare un evidente vuoto nella rete navigabile, il che lo rendeva molto popolare. Esso divenne presto l'idrovia più trafficata dei Paesi Bassi.

Anche i tanti ponti girevoli e ferroviari lungo la via d'acqua erano fonte di notevoli ritardi e le chiuse di Vreeswijk ed Utrecht presto non furono più in grado di far fronte alla sfida. Nel suo libro "Un secolo di impianti idrici nei Paesi Bassi", Ger H. Knap fornisce un'interessante descrizione delle conseguenze del traffico eccessivo attraverso le chiuse di Vreesvijk, dove occorreva passare per viaggiare dal canale al Lek: "E lentamente la situazione era divenuta tale che durante l'anno la maggior parte dei figli dei naviganti erano nati a Vreeswijk: che poi era il posto dove si trovavano le ostetriche e quindi le mogli dei naviganti avevano tutto il tempo di diventare madri. Questo, perché talvolta ci volevano ore se non giorni per passare le chiuse e certe volte si formava una tale fila di navi che per passare la chiusa ci voleva più di una settimana".

La costruzione del canale Amsterdam-Reno

Si doveva fare qualcosa, se Amsterdam voleva conservare la propria importanza come porto ed assumere una posizione competitiva per il futuro. Nel 1921, una commissione statale pubblicò i primi risultati di uno studio circa il modo più efficace per "realizzare al più presto possibile" una rotta navigabile più ampia da Amsterdam al Reno Superiore.

Fu necessario aspettare sino al 27 marzo 1931 perché venisse approvata una legge per la costruzione del nuovo canale da Amsterdam all'Alto Reno, con un ramo secondario verso il Lek nei pressi di Vreesvijk: il canale Amsterdam-Reno. Dopo attenta valutazione, tutte le parti coinvolte erano pervenute ad un accordo circa il percorso del canale. Da Amsterdam ad Utrecht, la nuova idrovia avrebbe seguito lo stesso percorso del canale Merwede, che avrebbe dovuto essere adattato. La vecchia larghezza di 33 metri avrebbe dovuto essere raddoppiata e tutto il canale avrebbe dovuto essere scavato sino a 4,20 metri. Da Utrecht a Tiel via Wijk bij Duurstede, invece, avrebbe dovuto essere scavato un canale interamente nuovo, con un ramo da Jutphaas a Vreesvijk.

Non era previsto che il nuovo canale fosse del tutto privo di chiuse. Il canale, infatti, prevedeva chiuse a Wijk bij Duurstede ed a Tiel. Le chiuse di Ravenswaay sarebbero state attivate solamente nel caso vi fosse un livello dell'acqua eccezionalmente alto nel Lek, il che si sarebbe verificato più o meno 10 giorni all'anno. Persino le navi renane più grandi non sarebbero state ostacolate dai ponti, la cui altezza era prevista in nove metri, e dall'ampiezza del canale, pari a 82 metri per quasi tutto il percorso.

Ma il principale vantaggio derivante dalla costruzione del canale era rappresentato dall'abbreviamento di non meno di 40 km. del percorso da Amsterdam al confine tra Olanda e Germania a Lobith rispetto al vecchio percorso del canale Merwede. I 160 km. da Amsterdam a Pannerden costituivano l'idrovia più corta da qualsivoglia porto del Benelux al confine tedesco.

Vent'anni di pianificazione, costruzione e ritardi

Il nuovo canale avrebbe finalmente dato ad Amsterdam, ancora una volta, una connessione a tutti gli effetti con l'hinterland, e più in particolare con l'importante area della Ruhr. Ciò migliorò in modo eclatante la posizione del porto di Amsterdam rispetto ai suoi concorrenti, e, quando la legge venne approvata, Amsterdam poté tirare un sospiro di sollievo. Ma quasi subito dovette rimangiarselo, poiché la costruzione del canale Amsterdam-Reno doveva rivelarsi una lunga successione di interruzioni e ritardi sia durante le fasi preliminari che durante la costruzione stessa.

Una volta procurato il finanziamento relativo al nuovo canale, i lavori ebbero inizio nel 1934 con completamento previsto in programma per il 1941. Ma la seconda guerra mondiale gli mise i bastoni tra le ruote. L'ampliamento del canale da Utrecht a Vreesvijk era stato ultimato prima che la guerra cominciasse ed anche le chiuse Beatrix di Vreesvijk erano già diventate operative. Nel 1938, i lavori erano progrediti al punto tale che le chiuse di Wijk bij Duurstede erano state portate a termine e l'anno dopo erano state completate anche le chiuse di Ravenswaay. La costruzione delle chiuse Principe Bernardo nei pressi di Tiel continuò sino al 1943, ma in seguito le forze d'occupazione ordinarono la sospensione dei lavori.

Dopo la guerra, la penuria di materiali e problemi di bilancio fecero sì che i lavori tornassero alla normalità solo nel 1948. Il 21 maggio 1952, la Regina Giuliana finalmente inaugurò il canale Amsterdam-Reno. "E' bene constatare" afferma Wim Barneveld del dipartimento dei lavori pubblici "che anche a quei tempi la preparazione richiese molto più tempo dell'esecuzione".

Il rinnovamento del nuovo canale

Ma anche il nuovo canale presentò subito l'esigenza di essere ampliato a causa della crescita dei trasporti fluviali e delle maggiori dimensioni delle navi, in particolar modo in conseguenza della diffusione dei rimorchiatori a spinta. Questi lavori cominciarono nel 1965 col rinnovamento dei ponti ferroviari nei pressi di Utrecht e Weesp, che risalivano ai tempi del canale Merwede e presentavano un'ampiezza disponibile di 40 metri scarsi. Da Amsterdam a Wijk bij Duurstede, quasi tutto il canale per intero venne allargato sino a 100 metri e portato sino alla profondità di sei metri. Chiuse secondarie, lunghe 260 metri e larghe 24 metri, vennero costruite a Wijk bij Duurstede e Tiel al fine di accogliere i convogli di chiatte formati da quattro unità. Nel 1981, l'intero canale Amsterdam-Reno venne ufficialmente aperto ai convogli formati da quattro chiatte.

Una storia che non finisce mai

Peraltro, persino dopo quell'apertura il canale Amsterdam-Reno rimase in costruzione. Dal 1989 al 1994, la profondità dell'intero canale venne portata a sei metri. La maggior parte dell'idrovia era già abbastanza profonda e solo i porti franchi di Wijk bij Duurstede, Ravenswway e Tiel, nonché l'estuario del canale e la soglia della chiusa di Zeeburg ad Amsterdam costituivano ancora degli ostacoli. Il 23 marzo 1994 anche questi ultimi erano stati portati ad una profondità sufficiente, il che stava a significare che il canale, porti franchi compresi, avrebbe potuto essere aperto alle navi con pescaggio di quattro metri.
(da: Haven Amsterdam, vol. 34, n° 2- 2002)


DALLA PRIMA PAGINA
Attenuazione dei ricavi trimestrali della OOCL
Hong Kong
Nel terzo trimestre i volumi di container trasportati dalla flotta sono calati del -3,4%
Nel terzo trimestre di quest'anno si è ulteriormente attenuato il trend di crescita dei ricavi della compagnia di navigazione containerizzata Orient Overseas Container Line (OOCL) del gruppo cinese COSCO Shipping, tendenza che relativamente ai soli ...
Se a settembre i ricavi della Evergren sono lievemente cresciuti, quelli delle connazionali Yang Ming e WHL hanno imboccato un trend negativo
Portacontainer a fuoco nel Mar Rosso
Jizan
I 25 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo
Inaugurato un nuovo gate automatizzate al Terminal San Giorgio del porto di Genova
Genova
Occupa un'area di circa 10.000 metri quadri ed è stato realizzato con un investimento di tre milioni di euro
Il gruppo Grimaldi selezionato per l'acquisizione del 67% dell'Autorità Portuale di Igoumenitsa
Atene
Ha presentato un'offerta del valore di 84,17 milioni di euro
L'Autorità di Regolazione dei Trasporti avvia la procedura di revisione delle norme sulle concessioni portuali
Nel 2023 è previsto un incremento del +27% del traffico crocieristico nei porti dell'Adriatico
Holland Shipyards costruirà quattro traghetti interamente elettrici ed autonomi
Hardinxveld-Giessendam
Sono stati ordinati dall'agenzia svedese Trafikverket
Lunedì a Milano si terrà l'assemblea pubblica di Alsea
Milano
Si discuterà di “Crisi della globalizzazione e reshoring: i nuovi equilibri del commercio internazionale”
Cepsa è pronta a fornire biocarburanti di seconda generazione per le navi
Madrid
Concluso con successo un test su una tanker
Adottato il nuovo pacchetto di sanzioni UE contro la Russia che mira a fermare le esportazioni marittime di petrolio russo
Bruxelles
Previsto il divieto di fornire trasporto marittimo verso Paesi terzi e servizi connessi di greggio o di prodotti petroliferi
Interporto Padova inaugura il nuovo terminal di 35mila metri quadri dedicato ai semirimorchi
Padova
Pasqualetti: il prossimo traguardo sarà la totale automazione delle operazioni di movimentazione
Si fa più intenso il confronto tra carrier marittimi containerizzati e gli utenti dei loro servizi in vista della decisione sull'eventuale proroga del CBER
Bruxelles
I primi hanno inviato un documento alla Commissione UE motivando le ragioni del rinnovo del regolamento. I secondi hanno spedito una lettera alla commissaria Vestager in cui spiegano che l'attuale sistema premia solo i vettori marittimi
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Prossimo avvio della privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
Gara per l'acquisizione di almeno il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Il 26 ottobre a Lugano si terrà la quinta edizione di “Un mare di Svizzera”
Grande spazio verrà dedicato al cronoprogramma delle nuove infrastrutture previste a sud della Svizzera
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Greece, Albania fail to agree on maritime border issue in Prague
(EURACTIV)
Russia keen on investing in Iranian ports: Iran dep. min.
(MehrNews.com)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile